1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Michele ROMA

    Michele ROMA Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Salve a tutti

    ho già avuto modo di avere Vs pareri su una discussione precedentemente aperta su questo fantastico Forum ( ringrazio ancora tutti per la loro consulenza )

    La mia domanda è la seguente :

    Sto per acquistare una villetta a Roma ed il propietario di casa ha effettuato ( tramite il piano casa ) dei lavori per regolarizzare un bagno posto nella cantina ( ora ufficialmente Lavatoio )
    La villa è del 2007 e sul compromesso è stato inserito che il certificato di Agibilità è stato richiesto al termine dei lavori da parte del costruttore ,ma che il documento non è stato mai rilasciato ( a suo dire vige la regola del silenzio assenso )
    Ora a valle dei lavori fatti per "regolarizzare" bagno in cantina vale ancora quel certificato di agibilità richiesto? o bisognerebbe richiederne altro ?
    Inoltre , ammesso che questo non sia necessario richiederlo, posso rogiatre con la sola domanda.....?
    Vi prego datemi riscontro, perchè ho il rogiro fra 15 gg e non so come mi devo comportare.

    Mille grazie dei Vs consigli

    Ciao
    Michele di Roma
     
  2. gennaro63

    gennaro63 Membro Attivo

    Mediatore Creditizio
    Purtroppo a Roma gli atti dove i costruttori hanno fatto domanda di agibilitá è strapieno...solo che poi all'atto pratico.....nessuno lo ha...non si può trasformare la cantina in cucina un ripostiglio in bagno etc...la mancanza del certificato non è ostativo per l'atto..ottieni il mutuo..etc.....per un preliminare appena fatto per un cliente che gli ho fatto prendere il mutuo ( con perizia fatta e siamo alla chiamata in atto ) nel preliminare si faceva riferimento che l'acquirente era a conoscenza del mancato certificato di agibilitá ma che comunque la promittente parte acquirente accettava tale condizione...la banca non ha creato problemi.....è vissero tutti felici e contenti.......
     
    A slucidi e H&F piace questo messaggio.
  3. studiopci

    studiopci Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Il costruttore ti ha detto la verità, il certificato di agibilità non è più consegnato dal costruttore... il quale ne fa richiesta e la domanda vale come certificazione... ( siamo in Italia ) ma dovrà essere eventualmente richiesto per averne copia cartacea, dal proprietario.
     
    A Bagudi piace questo elemento.
  4. Silvia55

    Silvia55 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Entro in questa discussione per un chiarimento tecnico in merito. Ci accordammo con il costruttore di rogitare ancora prima del termine lavori e quindi senza che ci fosse la richiesta di agibilita presentata al comune e la postuma decennale. Dopo circa 4 mesi il costruttore ha consegnato sia a me che ad altri 11 proprietari copia della richiesta di agibilita presentata al comune e copia della postuma decennale. Sono trascorsi oltr 5 mesi dalla presentazione della richiesta, come si fa ad essere certi che il comune non ha fatto delle "OBBIEZIONI" cioè come posso essere certo che tutto sia ok?
    Se ci fossero state delle problematiche il comune lo notifica anche ai proprietari o solo al costruttore?
    Sulla copia vi è solo il timbro del comune ed una firma, non ci dovrebbe essere anche un numero di protocollo?
    Grazie
     
  5. H&F

    H&F Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Ci sarà anche la data di presentazione. Altrimenti come si computa il silenzio-assenso ?
     
    A Luna_ piace questo elemento.
  6. Silvia55

    Silvia55 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Certamente si, è stata un mia dimenticanza menzionarla, non ho il documento sottomano ma se ricordo bene mi sembra il 31 Luglio 2012.
     
    A H&F piace questo elemento.
  7. Luna_

    Luna_ Moderatore Membro dello Staff

    Altro Professionista
    Concordo con Hf.
     
  8. Bruno Sulis

    Bruno Sulis Membro Attivo

    Altro Professionista
    Per essere sicuri che sia tutto in regola sarebbe sufficiente fare un accesso agli atti della pratica edilizia del fabbricato così avrete modo di visionare (e prendere eventualmente copia) tutta la documentazione disponibile in Comune.
    Se vi fate assistere da un tecnico avrete modo di valutare subito se c'è corrispondenza tra la situazione reale dell'immobile e la documentazione agli atti.
    Potrebbe succedere che ci siano anche delle lievi differenze planimetriche, altimetriche o prospettiche che richiedano magari una sanatoria (es un accertamento di conformità) con la conseguente variazione catastale.
    Qualora si verificassero queste ipotesi il venditore dovrebbe provvedere alla regolarizzazione prima del rogito.
    Sapere prima queste cose risparmia un sacco di grane a rogito stipulato.
    PS
    L'accesso agli atti potrebbe richiedere anche più di una settimana di tempo da parte degli archivi del Comune dal momento in cui fai richiesta.
     
  9. Michele ROMA

    Michele ROMA Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Ok, quindi mi consigliate di recuperare il vecchio atto per verificare che tutto sia stato presentato in regola..
     
  10. Bruno Sulis

    Bruno Sulis Membro Attivo

    Altro Professionista
    Forse ho usato un linguaggio tecnico.
    Accesso agli atti vuol dire accesso alla documentazione depositata in Comune: progetto, licenze, concessioni, autorizzazioni, sanatorie, agibilità e quant'altro riguarda il fabbricato.
     
  11. Silvia55

    Silvia55 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Entrare in una discussione "SIMILE" spesso si genera confusione, ed è quello che ho fatto io. Preciso, termine costruzione dell'immobile dicembre 2011, tutta la documentazione allegata e consegnata al rogito corrisponde esattamente allo stato di fatto dell'immobile, planimetrie, altezze, disposizione vani ecc. ecc. tutte corrispondente alla documentazione (controfirmate da me e dal notaio) e presentate all'agenzia del territorio. La decisione del "fine lavori" dopo il rogito era solo per problematiche relative a sistemazione e pavimentazione strada comune e recinzione delle singole proprietà. La mia domanda è questa:" se il comune rileva/riscontra delle problematiche relative ai fine lavori e di conseguenza la richiesta dell'agibilità presentata dal costruttore, il comune a chi notifica questa "problematica" al costruttore e/o anche ai propretari dell'immobile?
    Grazie.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina