• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Sarava

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Buonasera volevo sapere come comportarmi in questa situazione: ho fatto una scrittura privata per l’acquisto di una casa con rogito entro il 31 ottobre 2020 e consegna della casa 31 dicembre 2020, ora mi hanno chiesto di rinviare la consegna al 31 gennaio 2021 senza pagare niente, per adesso non c’è nulla di scritto sul mese in più.. sarei anche d’accordo a lasciargliela ma almeno pagando un affitto.. nel caso non si trova un accordo al 31 dicembre posso ottenere le chiavi? Grazie 😊
 

francesca63

Membro Storico
Privato Cittadino
Premesso che già accettare una consegna dopo due mesi dal rogito è sconsigliabile, soprattutto se non si sono previste adeguate tutele, vale quanto firmato.
Se vogliono un ulteriore spostamento della consegna, sei libera di non accettare, o di chiedere qualcosa "in cambio".

Analizzando pero la questione, è comunque apprezzabile che ti abbiano chiesto in anticipo di spostare di un altro mese, piuttosto che dirtelo a rogito fatto; quindi forse meglio approfittare della richiesta, per chiarire i termini della consegna, chiedendo un pagamento per quel mese in più, e prevedendo una penale giornaliera per ulteriori ritardi.
Ottimo sarebbe lasciare una parte del saldo dal notaio fino alla consegna, ma questo andava probabilmente previsto dall'inizio, e ora non accetteranno ( a meno che tu sia capace di "giocartela" bene, visto che loro hanno bisogno della tua ulteriore disponibilità).
 

Sarava

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Ho dovuto accettare il rogito prima perché loro avevano bisogno di liquidità per acquistare un altro immobile il problema è che hanno iniziato a muoversi alla delibera del mio mutuo 🤦‍♀️
 

PyerSilvio

Membro Storico
Agente Immobiliare
Premesso che già accettare una consegna dopo due mesi dal rogito è sconsigliabile, soprattutto se non si sono previste adeguate tutele, vale quanto firmato.
Eccerto.

Solo l'acquirente aveva bisogno di adeguate tutele.

Il venditore non doveva incassare caparre.
Restare incerto fino alla data del rogito.
Magari prendendo meno per via del pegno lasciato al notaio.

Consegnare la casa subito pena sanzioni giornaliere da pagare.

Eccome no
 

francesca63

Membro Storico
Privato Cittadino
Eccerto.

Solo l'acquirente aveva bisogno di adeguate tutele.

Il venditore non doveva incassare caparre.
Restare incerto fino alla data del rogito.
Magari prendendo meno per via del pegno lasciato al notaio.

Consegnare la casa subito pena sanzioni giornaliere da pagare.

Eccome no
Quindi tu consigli agli acquirenti di accettare un rogito senza consegna, e di accettare anche ritardi ulteriori senza fiatare ?
Questa mi giunge nuova !
 

Sarava

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Ma per la consegna delle chiavi dopo il rogito bisogna tornare dal notaio o si fa in privato?
 

Sarava

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Io comunque non accetterò senza avere niente in cambio.. perché dove abitato non mi lasciavano nemmeno 15 giorni dopo il rogito senza pagare un affitto.. quindi ora ho anche un deposito con i mobili da pagare.
 

PyerSilvio

Membro Storico
Agente Immobiliare
Quindi tu consigli agli acquirenti di accettare un rogito senza consegna, e di accettare anche ritardi ulteriori senza fiatare ?
Questa mi giunge nuova !
No.

Sostengo soltanto che la consegna differita e' una prassi consueta in questi contesti.

L'acquirente, non versa caparra, perche' teme che non gli venga concesso il mutuo.
Pertanto avanza nelle procedure come un'agnellino.
Appena ricevuto il nulla osta, gli fissano l'atto entro trenta giorni e, come d'incanto, si trasforma in un leone.

Del resto Francy, basterebbe un po' di logica e di pratica, per comprendere certe situazioni.

Se il proprietario ha venduto, non avrebbe nessun senso, trattenere la casa e non liberarsi in via definitiva dall'acquirente.

A meno che non vi siano cause di forza maggiore.

Che sono i maledetti soldi.
 

francesca63

Membro Storico
Privato Cittadino
Del resto Francy, basterebbe un po' di logica e di pratica, per comprendere certe situazioni.
Basterebbe prevedere bene i tempi; dopo la delibera del mutuo, e quindi lo scioglimento della sospensiva, andare a rogito dopo qualche mese ( entro i tempi della delibera), mentre il venditore sceglie dove andare a vivere .
Io non darei i soldi senza avere la casa.
 

Sarava

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
La delibera è stata il 12 ottobre, loro non hanno bloccato nessuna casa prima della delibera e ora andiamo al rogito il 18 novembre.. con consegna il 31 dicembre (loro pensano fine gennaio senza ribattere) il notaio come decide poi se non c’è un’ accordo
 

PyerSilvio

Membro Storico
Agente Immobiliare
Basterebbe prevedere bene i tempi;
..e in questi contesti, per farlo, ci vorrebbe l'intervento di Harry Potter.

Venditore ed acquirente dovrebbero calibrare i tempi e la discrezione dei terzi.
In questo caso la banca.

Probabilmente, neanche il giovane stregone di Hogwarts, riuscirebbe ad incidere in una tale impresa.
Considerato che si occupa di magia e non di miracoli.

Improponibile, anche cercare di dettare i tempi, alla banca finanziatrice.
Come mettersi sulla battigia, a rammazzare con la scopa il mare, per contenere l'alta marea.

I tempi li dettano loro.
Ovviamente.
Perche' i soldi sono i loro.
Mentre l'acquirente attende passivamente.

Fissato l'atto occorre andare a rogitare senza tentennare.
Perche' il mese o il giorno successivo potrebbero pure cambiare idea. Rimangiandosi la decisione insieme alla delibera.

Come vedi la delibera e' arrivata settimana scorsa.
Probabilmente dopo mesi di attesa.

Dove il venditore ha vissuto nell'incertezza totale.
Senza caparra e senza certezza di aver venduto.
Come poteva scegliere di cambiare casa..? o pensare di sbaraccare la famiglia intera..?

Circostanza che resta tuttora in bilico.
Considerato le paturnie espresse fin qui dall'acquirente.

Senza la lapide del rogito niente funerale da celebrare.

La delibera è stata il 12 ottobre, loro non hanno bloccato nessuna casa prima della delibera e ora andiamo al rogito il 18 novembre.. con consegna il 31 dicembre (loro pensano fine gennaio senza ribattere)
Il venditore, si e' prestato per metterti in condizione di comperare in tutta sicurezza, senza che hai anticipato il becco di un quattrino.

Sono gia fin troppo bravi.
Sbaraccare nei tempi che hai indicato, con in mezzo il Natale, significa sbaraccare dopodomani.

Ora tocca a te caro.
Prestarti per metterlo in condizione di liberare e consegnarti la casa.

La compravendita in quattro parole e' l'intesa tra le parti.

Del resto senza soldi non si cantano messe.
 
Ultima modifica:

Bagudi

Moderatore
Membro dello Staff
Agente Immobiliare
In questo caso propendo per l'ipotesi di PyerSilvio, ferma restando una cifra da lasciare in deposito al notaio e da consegnare al rilascio della casa.
 

Sarava

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
..e in questi contesti, per farlo, ci vorrebbe l'intervento di Harry Potter.

Venditore ed acquirente dovrebbero calibrare i tempi e la discrezione dei terzi.
In questo caso la banca.

Probabilmente, neanche il giovane stregone di Hogwarts, riuscirebbe ad incidere in una tale impresa.
Considerato che si occupa di magia e non di miracoli.

Improponibile, anche cercare di dettare i tempi, alla banca finanziatrice.
Come mettersi sulla battigia, a rammazzare con la scopa il mare, per contenere l'alta marea.

I tempi li dettano loro.
Ovviamente.
Perche' i soldi sono i loro.
Mentre l'acquirente attende passivamente.

Fissato l'atto occorre andare a rogitare senza tentennare.
Perche' il mese o il giorno successivo potrebbero pure cambiare idea. Rimangiandosi la decisione insieme alla delibera.

Come vedi la delibera e' arrivata settimana scorsa.
Probabilmente dopo mesi di attesa.

Dove il venditore ha vissuto nell'incertezza totale.
Senza caparra e senza certezza di aver venduto.
Come poteva scegliere di cambiare casa..? o pensare di sbaraccare la famiglia intera..?

Circostanza che resta tuttora in bilico.
Considerato le paturnie espresse fin qui dall'acquirente.

Senza la lapide del rogito niente funerale da celebrare.



Il venditore, si e' prestato per metterti in condizione di comperare in tutta sicurezza, senza che hai anticipato il becco di un quattrino.

Sono gia fin troppo bravi.
Sbaraccare nei tempi che hai indicato, con in mezzo il Natale, significa sbaraccare dopodomani.

Ora tocca a te caro.
Prestarti per metterlo in condizione di liberare e consegnarti la casa.

La compravendita in quattro parole e' l'intesa tra le parti.

Del resto senza soldi non si cantano messe.
Non l’ho mica deciso io che devono sbaraccare dopodomani, loro insieme a me hanno firmato la data sia di rogitare entro tot e di lasciare la casa entro tot.
 

tharapyo

Membro Attivo
Agente Immobiliare
Fate una scrittura privata integrativa del preliminare, registrata, in cui i venditori si impegneranno a fare una delle due cose:
o pagano l'affitto per i 3 mesi in cui rimarranno in casa, o si lascia una parte del saldo in deposito al notaio, che riceveranno alla consegna dell'immobile. In entrambi i casi è consigliabile fissare una penale giornaliera, ad esempio di 100 euro, per ogni ulteriore giorno di ritardo della consegna.
Situazioni del genere possono capitare in molte compravendite, di solito così si risolve.
 

PyerSilvio

Membro Storico
Agente Immobiliare
In questo caso propendo per l'ipotesi di PyerSilvio, f
Se propendi, solo in questo caso, significa che tutte le altre volte, probabilmente ti sbagliavi.

Non l’ho mica deciso io che devono sbaraccare dopodomani, loro insieme a me hanno firmato la data sia di rogitare entro tot e di lasciare la casa entro tot.
Ti hanno messo in condizione di ottenere il mutuo senza rischiare un quattrino.

Se poi, come e' verosimile presumere, stai finanziando l'acquisto al cento per cento, quello gia' ricevuto, non sara' l'unico sostegno che ti hanno prestato.

Considerato che in tal caso, dovranno ancora venirti in aiuto, per farti trovare la giusta quadra nel dichiarato in atto.

Senza che volino gli stracci tra te e la tua banca.
Che, fino all'ultimo secondo prima del rogito, puo' ritenere troppo rischioso affidarti quei soldi e decidere di alzarsi abbandonando il tavolo, lasciandoti come un cuccu'.

Se invece, non devi fare il cento per cento di mutuo, allora significa che sei in malafede.

Perche' i soldi, da versare a titolo di caparra, per dotare il negozio di efficacia e di certezze il venditore, allora li avevi.

Matematico.
Che ora ti ritrovi in questa posizione.

Per non rischiare quella piccola frazione di soldi, ora sul tavolo, hai messo a rischio l'aquisto intero.

La Giudecca e' il nono cerchio dell'Inferno descritto da Dante.

Il nome della sezione deriva da Giuda.
In questa sezione, che si trovano stipati, i traditori dei benefattori.

Sepolti interamente nel ghiaccio in diverse posizioni.

Taluni, sono rivolti verso il basso, talaltri verso l'alto, con la testa eo con i piedi.
Altri ancora sono raggomitolati su se stessi.

Dipende.
A testa in su', se hanno tradito dei loro "pari" o dei loro "maggiori".
A testa in giu', con i piedi verso l'alto, se hanno tradito dei loro "minori", per esempio dei sudditi.
Mentre gli ultimi, che sono piegati in due, hanno tradito entrambi.
 
Ultima modifica:

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

monek ha scritto sul profilo di KarenLFP.
ciao!!! Tu hai avuto qualche novità sul mutuo?
Buonasera, stiamo cercando di stipulare un preliminare di vendita a mia nipote, essendo 4 proprietari; può lei iniziare i lavori per detrazione 110% solo con la firma del preliminare ? Grazie .
Alto