1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. immodavide

    immodavide Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Ciao,
    La situazione è questa:
    ci sono circa 15.000 euro di spese straordinarie già deliberate che la parte venditrice pagherà con i soldi della vendita, quindi, in pratica al rogito ci sarebbe ancora questo debito da saldare.
    L'acquirente non vuole che sia semplicemente dichiarato in atto perchè comunque rimarrebbe obbligato in solido (anzi prima li chiederebbero a lui).
    Le soluzioni quidi sono 2:
    Arriva la liberatoria per tutte le spese ordinarie e straordinarie prima del rogito.
    Si trattiene in deposito dal notaio una somma a garanzia per x giorni fino alla consegna della liberatoria.

    Il venditore si potrebbe rifiutare?
    Potrebbe saltare l'atto per colpa in caso di mancato saldo di tutte le spese?
     
  2. francesca63

    francesca63 Membro Assiduo

    Privato Cittadino
    Soluzione 3:
    Si dichiara a rogito che le spese straordinarie già deliberate sono a carico dell’acquirente.
    Se il prezzo è 100, si paga al venditore 85, e l’acquirente avrà anche i benefici fiscali ( se previsti per il tipo di lavori).
    Soluzione 4 :
    si versano a titolo di integrazione caparra 15.000 euro, il venditore salda, e sipresenta con la liberatoria a rogito.

    Se il venditore ha ben compreso che quelle spese spetta al lui pagarle, nessun problema.
    Se non ha capito, e fa saltare il rogito, rischia parecchio.
    Meglio aiutarlo a capire bene, e trovare la soluzione più soddisfacente per tutti.
     
    A Bruno2301, francesca7, Andrea Occhiodoro e 1 altro utente piace questo messaggio.
  3. immodavide

    immodavide Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    la soluzioni proposte sono valide ma c'è di mezzo un mutuo al 100%
     
  4. francesca63

    francesca63 Membro Assiduo

    Privato Cittadino
    Temevo che fosse così.
    In questo caso anche lasciare una somma in deposito al notaio per x giorni la vedo dura, visto che la banca farà un unico assegno.
    Forse, dico forse, potreste provare a far fare alla banca due assegni, uno per il venditore, l’altro direttamente per il condominio, quale creditore.
    Il venditore prende comunque 100, 85 direttamente, e 15 come pagamento di un suo debito.
     
  5. immodavide

    immodavide Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    la banca potrebbe fare 2 assegni e uno lo tiene il notaio in deposito.
    Il punto da chiarire è se il compratore può pretendere che sia saldato tutto al rogito? e in caso contrario far saltare la vendita per colpa?
     
  6. francesca63

    francesca63 Membro Assiduo

    Privato Cittadino
    Normalmente il venditore deve arrivare al rogito con la quietanza per tutte le spese condominiali di sua spettanza. E di solito questi problemi si risolvono in anticipo.
    Quindi l’acquirente avrebbe diritto a pretendere, e se il venditore non salda la responsabilità sarebbe sua (del venditore).
    Ma, con la buona volontà di tutti, dovete trovare una soluzione soddisfacente.
    Hai provato a chiedere al notaio ?
    Magari può suggerire un buon accordo, che tuteli tutti.
     
  7. brigantino.alato

    brigantino.alato Membro Attivo

    Privato Cittadino
    ...e se le spese poi diventassero 20.000 € ....?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina