1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Lenia

    Lenia Ospite

    Salve, innanzitutto chiedo profondamente scusa per l'apertura di questa discussione, anzi, sto talmente male che non mi andava di iscrivermi su questo sito per raccontare l'incubo che io e la mia famiglia stiamo vivendo, ma sono disperata, non so cosa fare.....quindi mi appello a voi affinché mi diate una dritta giusta.
    Brevemente spiego una situazione che, oramai, si consuma dal lontano 1997, subito dopo la morte di mio nonno e che ora, purtroppo, è giunta ad una tragica conclusione.

    Mio nonno era proprietario di due suoli che aveva dato in eredità ad entrambi i figli, quindi uno a mio padre e l'altro a mio zio.
    Mio padre cominciò a fabbricare casa (la casa dove attualmente viviamo da 20 anni), mentre mio zio preferì andare a vivere nella casa assegnatagli dai suoceri però decise che, in futuro, magari avrebbe sfruttato il suolo in un altro modo.

    Quei due suoli appartenevano a mio nonno da oltre 50 anni. La storia è lunga ma dico solo in breve che mio nonno fu talmente cieco ed ingenuo nel fidarsi di un suo "caro" amico avvocato che quest'ultimo l'ha obbligato a firmare carte in bianco, con la scusa che doveva ancora scrivere i documenti....e tutto questo perché lui aveva messo gli occhi sulle proprietà di mio nonno e con mille scuse gli raccontò fandonie, dicendogli che se non avesse eseguito delle procedure sarebbe andato incontro a guai con la legge.

    Mio nonno, essendo purtroppo analfabeta, non capiva tanto di roba di leggi, ma l'unica domanda che si faceva sempre è il perché tra tutti i vicini di casa che avevano proprietà come lui, proprio lui dovesse avere dei problemi.
    La cosa gli puzzava, ma quell'avvocato, essendo il suo "migliore amico", riuscì a raggirarlo.

    Faccio una precisazione: questo avvocato nella mia città è noto per aver raggirato e fatto soffrire un sacco di persone!!
    Nella città è diventato proprietario di moltissime proprietà/suoli proprio per aver truffato la gente, ma ha truffato soprattutto mio nonno perché "erano grandi amici", alla faccia di chi dice che "il tuo migliore amico non potrà mai tradirti".

    Mio nonno morì e...nel 1997 iniziò il nostro incubo!
    Appena lui morì, beh, l'avvocato ha subito avviato le procedure per appropriarsi dei suoli di mio nonno, non ha perso tempo.
    E' stato talmente vorace da avviare le procedure immediatamente!

    Ci siamo difesi come meglio abbiamo potuto in questi anni, ma alla fine l'ha spuntata lui.
    Purtroppo la firma di mio nonno era una prova inconfutabile......e mi spiace che nessuno scoprirà MAI che in realtà il suo amico s'è preso gioco di lui e l'ha fatto firmare in bianco.

    Ieri si è svolta l'asta e...la nostra casa è stata acquistata, quindi tra un annetto credo che dovremmo sgomberare.

    Qual è il problema? Beh, si sceglie una casa d'affitto e si va avanti....ma.....il problema è che a causa di questa maledetta crisi non possiamo permetterci l'affitto.

    Mio padre non lavora da mesi e lavora solo di tanto in tanto, arrangiandosi come può. Mia madre e mio fratello sono gli unici che lavorano....ma guadagnano una miseria e alla fine, dopo aver pagato bollette e acquedotto, ci restano solo 350€ che utilizziamo per la spesa, per vivere e che permettono di farci arrivare e fine mese.
    Inoltre ho un fratello minorenne che va ancora al liceo.

    Io ho interrotto gli studi da alcuni anni perché non potevo permettermi i libri, quindi non ho finito il liceo perché ero consapevole che tanto non avrei potuto frequentare l'Università.

    Stiamo malissimo. Non sappiamo più cosa fare.
    Potremmo rivolgerci ai nostri parenti ma, purtroppo, non possono ospitarci (le loro case sono piccole) e nemmeno aiutarci.

    Mi scuso per essermi dilungata, ma...non ce la faccio più. Sono una ragazza estremamente sensibile ed emotiva e sto talmente male che potrei ammalarmi.

    Vorrei tanto chiudere gli occhi e non svegliarmi mai più. Non abbiamo un posto dove andare. La nostra vita è finita!
    Ci butteranno in mezzo ad una strada.

    Ringrazio chi ha avuto la pazienza di leggere.
     
  2. milli

    milli Membro Attivo

    Privato Cittadino
    lenia, per la situazine immediata, prova ad andare nel tuo comune,
    i sindaci anno la possibilità di darti una mano nell'immediato,
    ma l'appartamento e il lastrico solare non l'ai usucapito, da quanti anni vivi in quella casa,
     
  3. ingelman

    ingelman Membro Storico

    Agente Immobiliare
    ma di fatto cosa gli ha fatto firmare? ( per avanzare pretese che tipo di titolo vero o falso ha esibito?


    idem come sopra

    perchè parli di Asta ?????

    diciamo che il racconto se pur toccante non è molto chiaro
    difficile rispondere
     
    Ultima modifica: 20 Marzo 2014
    A PROGETTO_CASA e ludovica83 piace questo messaggio.
  4. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    stessa mia domanda. asta perché?
     
  5. pinacio

    pinacio Membro Attivo

    Altro Professionista
    Mi accodo alla domanda asta perchè e quali tipo di documenti ha prodotto che sono stati sottoscritti dal nonno, perchè pensavo che se pur sul terreno potesse dimostrare titoli, sul fabbricato che tipo di diritto ha fatto valere?
     
  6. Lenia

    Lenia Ospite

    La storia è lunga, cercherò di essere più sintetica possibile, ma sarà un'impresa, quindi chiedo scusa per il lungo papiro che sto per scrivere, spero abbiate la pazienza di leggere.

    Praticamente tutto iniziò quando mio nonno era un ragazzino, da poco sposato. All'epoca il quartiere in cui attualmente viviamo era una vera e propria campagna, quindi vi erano case di campagna con vari suoli.
    Mio nonno, quindi, recintò due di questi suoli per mettervi dentro degli animali, come qualsiasi contadino normale.
    Quando mio padre e mio zio divennero giovani, mio nonno decise di far loro un regalo.
    Siccome erano passati venticinque anni da quando lui occupò quei due suoli, decise di ricorrere all'usucapione per diventarne il legittimo proprietario.
    Quei due suoli erano abbandonati da anni, ma in tutti quegli anni se n'era occupato sempre e solo lui per gli animali, e mai nessuno si era fatto vivo per dire di esserne il proprietario.

    Comunque sia mio nonno non voleva avere grane e così ne parlò con questo suo amico avvocato che si occupò della faccenda.
    Si appellarono dunque al giudice e misero gli annunci in città per cercare di risalire ad un eventuale proprietario di quei due suoli.

    Nessuno si fece vivo e il giudice consegnò quei due suoli a mio nonno che ne divenne il legittimo proprietario.
    Purtroppo, però, quel suo amico avvocato giocò d'astuzia e a mio nonno disse di non preoccuparsi e, udite udite, MIO NONNO DOVEVA STARNE FUORI.

    La cosa, inizialmente, gli apparve strana dato che quando si appellarono al giudice vi si recarono entrambi (mio nonno e il suo amico) e siccome il diretto interessato della faccenda era mio nonno, il giudice gli disse "Per adesso dobbiamo mettere gli annunci e vediamo se risponde il proprietario di quei due suoli. In ogni caso ci vediamo alla prossima udienza per farti sapere".

    Un'udienza che mio nonno aspettava, aspettava, aspettava, ma che non giungeva mai.
    In realtà la faccenda era chiusa da un pezzo, l'udienza vi era stata. Il risultato fu che nessuno rispose agli annunci, quindi significava che quei due suoli erano davvero abbandonati, e quindi il giudice li affidò a mio nonno che ne divenne il legittimo proprietario.
    Purtroppo mio nonno questo non lo seppe mai. Era totalmente all'oscuro che il giudice l'aveva dichiarato legittimo proprietario e che l'usucapione apparteneva a lui.
    Perché?
    Perché quel suo amico avvocato aveva in mente un chiaro obbiettivo: appropriarsi di quei due suoli al posto di mio nonno.

    Mio nonno attese l'udienza, ma quell'avvocato gli raccontava frottole.

    Ogni volta la frottola era sempre la stessa: l'udienza era rimandata, rimandata, rimandata.
    Iniziò a presentarsi a casa di mio nonno persino alle 22:30, obbligandolo a firmare in bianco perché, a suo dire, "erano sorte delle complicazioni" e che appena sarebbe rientrato allo studio "avrebbe lavorato tutta la notte per lui", cioè per mio nonno.

    Mio nonno, ingenuamente, e analfabeta il quale era, si è fidato di lui e...ha firmato. Come se non bastasse quell'avvocato iniziò a chiedere la firma a tutti i membri della famiglia: firmarono anche mio padre e mia nonna.
    Mio zio non firmò nulla perché viveva in Germania.

    Intanto il tempo passò e mio nonno decise di costruire una piccola casa per mio padre di 60 mq, e che in futuro, poco per volta, mio padre avrebbe pian piano costruito col passare degli anni, non appena la faccenda si sarebbe conclusa. Peccato che fossero ignari del fatto che la faccenda era già chiusa da un pezzo!
    La casa di cui parlo sarebbe la casa dove attualmente abitiamo da 20 anni.

    Appena mio nonno morì, subito dopo un mese quell'avvocato iniziò a mandare carte, chiedendo di risarcire debiti.
    Debiti? Quali debiti? Mio nonno odiava i debiti e non li aveva mai fatti!

    Praticamente questo avvocato chiedeva a mio padre e mia nonna oltre 100 milioni delle vecchie lire, dicendo che li aveva prestati a mio nonno.....ma si è trattata tutta di una truffa.

    Abbiamo subito messo un avvocato e.....abbiamo così scoperto che la faccenda dell'usucapione si era conclusa già molti anni prima, qualche tempo dopo gli annunci messi in città.....e si è scoperto che il giudice di allora aveva dichiarato mio nonno legittimo proprietario.

    E' stato terribile scoprire tutta questa truffa che il "migliore amico" di mio nonno ci aveva giocato, aveva sempre tramato alle sua spalle....mentre lui, poveraccio, si fidava in nome dell'amicizia.

    Praticamente voleva la restituzione dei debiti, ripeto, oltre 100 milioni delle vecchie lire, debiti che mio nonno non aveva mai commesso.

    Purtroppo, però, vi erano quelle dannate firme in bianco che mio nonno, mia nonna, e mio padre avevano fatto.....firme delle quali si è servito per incastrare tutti, quando in realtà inizialmente erano solo firme per appellarsi all'udienza dell'usucapione che "non avveniva mai" (e che invece era già avvenuta).

    Ha fatto tutto questo perché sapeva che non saremmo mai riusciti a cacciare quei soldi che lui richiedeva, e quindi questo tizio ha messo all'asta tutto: i due suoli e persino la casa dei miei nonni.

    Ci siamo difesi come meglio abbiamo potuto, soprattutto quando tramite il nostro avvocato siamo venuti a conoscenza che quell'avvocato è un truffatore nato, aveva truffato e fatto soffrire un sacco di persone in città e che, purtroppo, nessuno ha mai avuto il coraggio di denunciarlo perché "è avvocato".

    Noi siamo stati gli unici a denunciarlo, l'abbiamo denunciato come usuraio, abbiamo fatto tutto il possibile.
    Abbiamo persino inviato una richiesta d'aiuto al Procuratore della Repubblica, ma nulla.
    Nessuno ci ha risposto. Nessuno ci aiuta.

    Due anni fa "sembrava" che la situazione si sarebbe risolta e abbiamo visto un lumicino di speranza.

    Un costruttore voleva sapere se quei due suoli fossero in vendita e chiese spiegazioni a mio padre.

    Mio padre gli raccontò tutta la faccenda. Gli disse anche che, purtroppo, a causa di quell'avvocato non potevamo più permetterci di costruire meglio la nostra casa.
    Faccio una precisazione: il suolo di mio zio è di circa 400 mq, mentre il suolo in cui abitiamo noi è di circa 370 mq.
    I suoli sono l'uno a fianco all'altro, ma mio zio rinunciò a tutto e non ne volle sapere più nulla, quindi quel suolo è disabitato.

    Il suolo dove viviamo noi, beh, sì, è di 370 mq.....ma la nostra casa è solo di 60 mq, ci siamo fermati nella costruzione perché nel 1997 ci crollò il mondo addosso, per i miei genitori era inutile costruire una casa che molto probabilmente avremmo perso, tant'è che hanno preferito lasciare la facciata della casa in grezzo.
    Tutte le persone che passano, infatti, guardano la casa con disgusto e si chiedono come facciamo a viverci dentro: vi è l'umidità ed il tetto è molto, molto debole.
    Siamo fortunati che nella nostra città non nevica mai, perché se nevicasse molto probabilmente il tetto ci crollerebbe addosso.
    Non abbiamo potuto rendere la casa migliore proprio perché ci è parso inutile sprecare dei soldi così, al vento.....in una casa che ci sarebbe stata sottratta.

    Purtroppo ci viviamo perché non abbiamo un altro posto dove andare. Non abbiamo mai navigato nell'oro e abbiamo sempre campato giusto quanto basta, il necessario.
    Da alcuni anni, però, la situazione è peggiorata a causa della crisi.

    Ritornando al costruttore di cui parlavo prima, mio padre gli raccontò tutta la storia e lui gli rispose che era interessato lo stesso ad acquistarla, anche se era destinata all'asta.
    Questo costruttore aveva deciso di comprare entrambi i suoli e la casa di mia nonna....e, facendo due conti, aveva detto che in totale dovrebbero venire 16 appartamenti, 8 mansarde, e pure dei garage.

    Siccome gli è dispiaciuto della nostra situazione disse a mio padre che era disposto a dargli un appartamento ed un garage, visto che comunque sia a questo costruttore conveniva fare un affare del genere.

    Sembrava che i problemi si fossero risolti. Finalmente avremmo avuto una casa che poteva definirsi tale e non ce ne importava niente della crisi che si era abbattuta perché, tanto, prima o poi sarebbe passato tutto, basandoci su quei 350€ al mese necessari per vivere.

    Da un mese a questa parte, però, all'avvicinarsi dell'asta, quel costruttore ha cambiato idea e, a nostra insaputa, si è messo d'accordo con quell'avvocato che aveva truffato mio nonno.
    Quell'avvocato è bravissimo a raggirare le persone e chissà cos'ha promesso in cambio a quel costruttore da fargli cambiare idea.

    Questo costruttore, infatti, disse a mio padre negli ultimi giorni prima dell'asta che non era più interessato e.....invece, abbiamo scoperto che, molto probabilmente, è stato proprio lui a rispondere all'asta dell'altro ieri....perché abbiamo scoperto che ultimamente si contraddiceva più volte nel parlare ed è stato proprio il nostro avvocato a farcelo notare.
    Il nostro avvocato si è arrabbiato tantissimo perché, per l'ennesima volta, quel truffatore di un avvocato l'ha fatta franca.

    Dove andremo a vivere? A noi ci basta un appartamento per vivere, nulla più.
    Non possiamo permetterci l'affitto, purtroppo.

    Se solo quel costruttore non si fosse fatto imbrogliare.....e ci avesse dato l'appartamento che ci aveva promesso. Ce ne bastava solo uno!
    Non abbiamo mica chiesto tutti e 16 gli appartamenti, tutte e 8 le mansarde, e tutti i garage?!
    Evidentemente, da quando avrà parlato con quell'avvocato, ha cambiato idea.

    La storia è questa. Chiedo scusa per essermi dilungata. Ringrazio chi ha avuto la pazienza di leggere.
     
  7. marco tartari

    marco tartari Membro Attivo

    Altro Professionista

    Purtroppo non riuscirai a prolungare di un altro anno, chi ha comprato ha diritto ad avere la casa libera prima !
    Fattene una ragione ed inizia a muoverti, il comune ti darà una mano[/quote]
     
    Ultima modifica di un moderatore: 23 Marzo 2014
  8. pinacio

    pinacio Membro Attivo

    Altro Professionista
    Certo che se tra ciò che hanno firmato in bianco sono state inserite spettanze legali, prestiti ecc... la cosa non poteva che concludersi così. Spiace anche non poter indicare qualche misura, via o altro per bloccare o far revisionare la questione.
     
  9. Lenia

    Lenia Ospite

    Ma, appunto, sapevamo che sarebbe andata a finire così. La nostra sola parola non vale un bel niente contro le sue firme, sebbene siano state firme che lui ha ottenuto col raggiro, altrimenti se i miei nonni o mio padre avessero capito ciò che gli passava per la testa non si sarebbero mai permessi di firmare quelle carte in bianco.

    L'unica soluzione sarebbe, come ha suggerito il nostro avvocato, di radunare tutte le persone che sono state anch'esse raggirate affinché facciano da testimoni....però alcuni non ne vogliono più sapere di quell'avvoltoio, non vogliono più sentir pronunciare nemmeno il suo nome, altri invece hanno lasciato la città da anni ormai e non vi hanno più messo piede per dimenticare.

    Quindi non possiamo fare più nulla, anche perché questa causa va avanti dal 1997.

    A me e la mia famiglia, da un punto di vista, non interessa perdere la casa perché, purtroppo, in questa casa abbiamo sempre sofferto, quindi sarebbe opportuno andarcene e ricominciare da capo pian piano.
    Insomma, per noi sarebbe una vera e propria liberazione.

    Il problema è....come fare a ricominciare se non possiamo permetterci nemmeno l'affitto? Dove vogliamo andare?
    Non vi è neanche uno straccio di lavoro, con i tempi che corrono.

    L'utente "marco tartari", qui sopra, ha citato il comune.

    Cosa potrebbe fare il comune? Lo chiedo perché il nostro avvocato non ci ha parlato del comune, o magari non ha voluto dirci nulla per adesso ma lo dirà tra una settimana, in occasione del rilancio al sesto.

    Comunque, la domanda è: cosa c'entra il comune?

    Chiedo scusa per questa domanda ma, purtroppo, non conosco la funzione delle leggi.
     
  10. dormiente

    dormiente Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    I Comuni danno le case popolari e ogni hanno fanno dei bandi per assegnargli in base al reddito del nucleo famigliare. Nel tuo nucleo c'è anche un minore, rivolgiti ai servizi sociali per farti rilasciare una relazione da allegare alla domanda ed aumentare il punteggio per accedere alla graduatoria.
     
    A ingelman, Lenia e Tobia piace questo elemento.
  11. Tobia

    Tobia Membro Senior

    Agente Immobiliare
    se ci sono altre storie simili alla tua allora prova a mandare una mail alle iene:
    http://www.iene.mediaset.it/ chissà..
    mi dispiace solo di non poterti essere di maggiore aiuto.

    :ok:
     
    A Francesco Talotta piace questo elemento.
  12. Lenia

    Lenia Ospite

    Non lo sapevo, ma temo che sarà un po' difficile perché, purtroppo, il comune del mio paese non brilla di certo per efficienza e serietà.
    Comunque cominceremo a mobilitarci fin da ora affinché possiamo lasciare la casa al più presto, senza far passare questi 7 o 8 mesi perché tanto non ha senso aspettare che arrivi la scadenza del termine.
    Speriamo almeno che il comune si degni di aiutarci, è l'unica speranza che ci resta.

    Da alcuni anni a questa parte avevamo deciso di contattare "Striscia la Notizia", ma il problema è che siamo soli.
    Ripeto, alcune delle altre persone truffate hanno lasciato la città da anni, mentre quelli rimasti non vogliono più saperne di quell'avvocato truffatore, quindi non è possibile ottenere il loro aiuto e collaborare.
    Soltanto noi abbiamo avuto il coraggio di denunciarlo, il che è tutto dire.
    Però, nonostante l'abbia passata sempre liscia, ci auguriamo che esista davvero Qualcuno Lassù pronto a non farlo entrare nel Cielo perché non sarà di certo un posto idoneo per quelli come lui.

    Ringrazio tutti per le risposte e chiedo scusa per il disturbo.

     
  13. marco tartari

    marco tartari Membro Attivo

    Altro Professionista
    Questa è una storia triste, c'è stata
    molta ingenuità , adesso la frittata è
    fatta, la casa non c'è più e necessita
    una svolta.

    Se la sotuazione della famiglia è così
    critica le istituzioni devono aiutarvi,
    ma snche voi dovete cercare un lavoro!
    Da dove scrivi?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina