1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. shipper

    shipper Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Salve,
    una stradina privata dove posso passare con l'auto per andare a casa mia, è molto dismessa. Quando la percorro in auto rischio di danneggiare le ruote e gli ammortizzatori, mentre immaginate quando la percorro a piedi. E' di proprietà di un condominio e noi abbiamo la concessione di passaggio. Non vogliono asfaltarla, si può obbligarli in qualche modo?
    Grazie
     
  2. m.barelli

    m.barelli Membro Attivo

    Altro Professionista
    Da come presenti la situazione si tratta di una strada privata cioè che è chiusa al pubblico con una sbarra od altra chiusura equivalente od almeno con la segnaletica di divieto di accesso al pubblico. Se non lo fosse, cioè se chiunque può entrarci e se per giunta è nel centro abitato automaticamente è ad uso pubblico, anche se di proprietà privata, e la sorveglianza sulla manutenzione spetterebbe al Comune. Comunque rimaniamo nell'ipotesi che sia una strada del tutto privata. Meglio potrà spiegarti un Avvocato che in tal caso i rapporti sono da codice civile a meno di diversa pattuizione fra le parti. Quindi primo andarsi a vedere l'atto costituitvo della servitù di cui godi, se c'è e se è fatto bene dovrebbe contenere un cenno sulla manutenzione; in tal caso puoi minacciare una citazione per inadempienza contrattuale. Se non c'è un atto costitutivo, ma la servitù per un qualche motivo comunque esiste, vige il principio della comoda e soddisfacente fruizione della servitù. Il proprietario cioè deve garantirti la pacifica servitù e tu come utente probabilmente devi contribuire alle spese. Rimane chiaro che eventuali danni a persone o cose per incuria della strada sono a carico della responsabilità della parte inadempiente. Per smuovere l'inerzia della controparte credo purtroppo che ti occorra un Avvocato, come è occorso a me che ho avuto anch'io un problema di strade. Comunque siamo in ottima compagnia cè tutto un universo sulle strade, anche se poco conosciuto, che tratta questi problemi che sono diffussisimi. Se tu volessi approfondire l'argomento di consiglio un blog veramente fatto bene si chiama: versili@oggi strade vicinali. pubbliche o private?
    Un saluto
     
  3. Valex

    Valex Membro Ordinario

    Agente Immobiliare
    Shipper per capire se vantate una servitù coattiva o cmq presente anche se la strada è barricata e piantonata:^^: .. devi rispondere ad una semplice domanda: è l'unica strada che conduce alla tua abitazione??
     
  4. shipper

    shipper Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Sì è l'unica strada che posso percorrere per andare a casa.. :?
     
  5. Valex

    Valex Membro Ordinario

    Agente Immobiliare
    c'è un contratto che regoli questa servitù? che sia in mano vostra o loro ... esiste?
     
  6. Valex

    Valex Membro Ordinario

    Agente Immobiliare
    partendo dal presupposto che : la servitù è un peso imposto sopra un fondo (servente)per l'utilità di un altro fondo (dominante) appartenente a diverso proprietario" (art. 1027 del codice civile).
    se non dovesse esistere un contratto vostro o loro che disciplina tale servitù questo è quello che disciplina la legge:
    Art.1069 - Opere sul fondo servente - Il proprietario del fondo dominante .. (tu), nel fare le opere necessarie per conservare la servitù, deve scegliere il tempo e il modo che siano per recare minore incomodo al proprietario del fondo servente(loro).
    Egli deve fare le opere a sue spese, salvo che sia diversamente stabilito dal titolo o dalla legge.
    Se però le opere giovano anche al fondo servente, le spese sono sostenute in proporzione dei rispettivi vantaggi.

    di certo è che non puoi costringere nessuno a fare dei lavori. la legge imputa al fondo servente già il gravame di essere tale e di dover subire il vostro passaggio solo per il fatto oggettivo, e non una loro scelta, che sia l'unica via d'accesso alle vostre abitazioni.
     
    A leonard piace questo elemento.
  7. shipper

    shipper Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Tutto ciò è capibile, ma, dato che quando c'è una buca in una strada del comune, prima mettono dei segnali per evitarla e poi abbastanza celermente la riasfaltano, non vedo perchè anche in questo caso il comportamento non possa essere lo stesso.. Se per caso io mi faccio male su quella strada per via delle buche, devo arrangiarmi o mi paga i danni chi non si è occupato di ristrutturare la strada? Grazie per le rispo
     
  8. Valex

    Valex Membro Ordinario

    Agente Immobiliare
    mi spiego meglio ... è un diritto aggiustare la strada ma non un dovere rifarla da parte loro ... se volete siete liberi di rifarla come e quando credete .. come cita anche l'articolo ... ma senza pretendere nulla dal fondo servente che subisce già il vostro passaggio malgrado la loro volontà! puoi fare così: fate una riunione nel vostro stabile e, se tutti d'accordo a rifare la strada, andate a parlare col condominio servente; se anche loro sono concordi dividete le spese in parti uguali .. se loro non sono d'accordo valutate la possibilità di farla solo voi (eventualmente rivolgete la questione al legale ... lui sicuramente vi dirà che si potrà intentare un'azione per il recupero di qualcosa dato che, alla fine, il beneficio cmq lo trae anche il fondo servente) ... ne avete il diritto!! ma non potete pretendere che per altri sia un dovere quando non lo è.
    saluti
     
  9. m.barelli

    m.barelli Membro Attivo

    Altro Professionista
    Pur non essendo un legale, dall'esperienza che ho avuto con un problema simile a quello che incontra ora shipper mi sono fatto alcune idee sulla relativa impostazione. Ve le sintetizzo nel caso possano essere di una qualche utilità invitandovi fin d’ora a dire la vostra, anche eventualmente contraddicendomi.

    - nella carenza di legislazione sulle strade private ho osservato che viene fatto riferimento per analogia al codice della strada anche se questo ultimo è stato predisposto per le strade ad uso pubblico.
    - mentre sono certo che per incidenti su strade private per risalire alle responsabilità si fa riferimento ugualmente al codice della strada, devo ammettere però che non ho mai letto o sentito che per le spese di manutenzione delle strade private si possa fare riferimento anche in questo caso al codice della strada. Comunque quest'ultima ipotesi non la ritengo del tutto campata in aria per i seguenti motivi.
    - nelle strade pubbliche esiste un rapporto Proprietario- utente per cui l'Ente proprietario effettua la manutenzione ed è responsabile della sicurezza della circolazione degli utenti della strada. Sono portato a ritenere che non ci sia differenza tra il diritto di circolare in sicurezza di un utente che percorre una strada ad uso pubblico e quello di un utente che circola in una strada privata. Cioè che anche in assenza di leggi specifiche per analogia e per il dovere del buon padre di famiglia riguardo la sicurezza nelle strade private viga un rapporto Proprietario-utenti simile a quello Ente proprietario-utenti delle strade pubbliche.
    - Nulla viene detto sulla ripartizione delle spese nelle strade private, che quindi viene lasciata alla pattuizione delle parti
    - anche se può sembrare, ciò non entra in contraddizione con la normativa che cortesemente ci ha ricordato Valex nei precedenti messaggi, che si riferivano alle servitù classiche come quelle di condotta d’acqua attraverso un terreno altrui o simili; la differenza è che le strade hanno la particolarità per cui entra in gioco il diritto dell’utente alla sicurezza nella circolazione.
    - fino qui si è parlato di sicurezza (cioè di danni a persone o cose) quindi non di asfaltatura: pertanto caro shipper anche una bella strada sterrata ben tenuta va bene lo stesso.
    - per costringere il condominio a provvedere, se veramente c’è il rischio sicurezza, si potrebbe ricorrere all’art. 700 del c.p.c. cioè per il cosiddetto “danno temuto” per cui in via d’urgenza il Giudice ti deve fissare l’udienza entro un certo numero di giorni.
    - qui mi fermo se no mi denunciano per esercizio abusivo della professione di Avvocato
    Un saluto
     
    A il Custode piace questo elemento.
  10. alluna48

    alluna48 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Buongiorno,
    mi inserisco in questa discussione perchè mi sembra l'argomento più simile al mio problema.
    A e B sono proprietari ciascuno al 50% di una stradina che, al tempo del contratto d acquisto, serviva solo le abitazioni dei rispettivi proprietari. In seguito si sono costruite altre abitazioni lungo ambedue i lati della strada con contratti che obbligano i proprietari delle nuove abitazioni a parteciparne alla manutenzione. Adesso la strada necessita di una consistente manutenzione, ma il nuovo proprietario (C) di una di queste abitazioni si rifiuta categorigamente di partecipare. Conviene rivolgersi a un avvocato? E' poi possibile che il contratto di acquisto di C possa essere stato fatto omettendo la clausola di manutenzione della strada che sicuramente appariva sul contratto del precedente proprietario?
    Mille grazie per la risposta e complimenti per la competenza (anche se intervengo poco, vi leggo spesso)
    alluna48
     
  11. m.barelli

    m.barelli Membro Attivo

    Altro Professionista
    Se avessi a che fare con una situazione come la tua procederei con il seguente sistema, poi vedi tu;
    -fermo restando che la proprietà della strada, come hai detto, è privata verificherei se la strada è anche esclusivamente ad uso privato (mediante segnaletica, sbarra od altro) oppure è anche ad uso pubblico. Nel quale ultimo caso per la manutenzione potrebbe essere coinvolto il Comune, in particolare se rientra nel centro abitato.
    -verificherei se la proprietà della strada è attribuita per segmenti ai lotti frontalieri o con altro criterio. Ciò è rilevante anche ai fini della attribuzione della spesa
    -reperirei la copia del contratto del proprietario (C) che non vuole contribuire. Se non ci riesci direttamente, presso l’Agenzia per il Territorio puoi sempre fare una visura del foglio catastale per individuare la particella di proprietà di (C) e chiedere una visura storica catastale di quella particella, dove trovi gli estremi dell’ultimo Atto di compravendita con il nome del Notaio (fino qui è tutto gratis). Dal Notaio puoi chiedere una copia dell’Atto (a pagamento oppure a volte gratis) oppure se il Notaio non esercita più lo puoi chiedere all’archivio notarile del tuo Capoluogo di Provincia (a pagamento) oppure se esercita in un’altra Città lo puoi chiedere all’Ufficio Pubblicità immobiliare (ex Conservatoria dei registri immobiliari) a pagamento.
    -raccoglierei dei preventivi da Ditte specializzate per la sistemazione della strada individuando, se del caso, il tipo di manto più adatto, la sistemazione delle acque di scolo, i marciapiedi, la segnaletica, lo spazio per i cassonetti e l’eventuale sbarra con telecomando + comando manuale, che potrebbe essere utile per convincere (C) a contribuire. Con particolare cura questi aspetti vanno considerati in corrispondenza del collegamento con la viabilità pubblica.
    -preparerei il piano di riparto della spesa, per il quale ti possono anche assistere anche le Ditte stesse.
    -A questo punto devi decidere se farti assistere da un Avvocato oppure no infatti, se hai tempo ed interesse per questo argomento, le procedure ti consentono di agire anche senza questa assistenza.
    -scriverei una raccomandata a.r. al proprietario (C) invitandolo a contribuire oppure a chiarire le motivazioni del diniego. Anche non risultasse proprietario sempre utente è e gode di una servitù di fatto, per cui deve contribuire alla conservazione del fondo servente.
    -In difetto di un accordo adirei, con o senza Avvocato come sopra accennato, al procedimento della Commissione conciliatoria che è obbligatoria per le vertenze civili proprio dal 21/03/11. Se la tua zona è organizzata per questa novità (Ordine dei Commercialisti, degli Avvocati ecc.), te la dovresti cavare in breve tempo e spesa limitata (poche centinaia di euro). Se non si trova l’accordo in Commissione si può adire al Tribunale dove senz’altro occorre l’Avvocato.
    Un saluto
     
  12. shipper

    shipper Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Grazie Barelli ! Credo sia la risposta più completa mai ricevuta in vita mia!:applauso: Vedrò quale strada intraprendere !
    Grazie ancora !
     
  13. alluna48

    alluna48 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Mille grazie della esauriente risposta. Non sapendo assolutamente come cominciare a muovermi, adesso posso almeno cominciare con un po' di cognizione di causa.
    Complimenti per la competenza e cordiali saluti
     
  14. alluna48

    alluna48 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Buongiorno,
    ci sono in vista cambiamenti per la strada privata isu cui ho richiesto chiarimenti circa la manutenzione.
    Uno dei proprietari di metà della strada che porta alla sua abitazione ha deciso di vendere quest'ultima e farne due unità immobiliari probabilmente con due acquirenti diversi. La domanda è: poichè l'attuale proprietario della strada cederà con l'abitazione anche la proprietà della strada stessa, al momento che subentrano i nuovi proprietari, alla stipula del contratto, ci devo essere anch'io in qualità di proprietario di metà della strada per stipulare con loro un documento ove risulti il passaggio di proprietà anche della strada?
    Grazie
     
  15. m.barelli

    m.barelli Membro Attivo

    Altro Professionista
    Ti scrivo, più per cortesia che per vera competenza, queste considerazioni. Se non ho capito male la strada è divisa in due segmenti contigui dei quali uno è di proprietà tua e l’altro è di questo Signore che vende e che ha la servitù di passaggio sul tuo segmento successivo di strada. Se è così e se gli atti saranno fatti correttamente la servitù dovrebbe passare tal quale dai precedenti ai nuovi proprietari senza una tua partecipazione. Il loro Notaio nei suoi nuovi atti potrebbe eventualmente richiamare il precedente atto di acquisto del tuo vicino proprietario, se in quest’ultimo ci fossero delle condizioni istitutive della servitù, condizioni relative alla manutenzione di essa od altro.
    Personalmente sono convinto che un buon Notaio deve considerare attentamente l’unità funzionale e gestionale del bene “strada” senza interrompere, da un passaggio di proprietà all’altro dei diversi proprietari della strada stessa, la catena di trasmissione dei diritti/doveri delle servitù. Ad ogni buon fine sentirei un Avvocato od un Notaio di fiducia per esempio, quello tramite il quale è pervenuta a te la proprietà. Tuttavia invito gli altri lettori più esperti eventualmente a correggermi od integrare queste righe.
    Un saluto
     
    A alluna48 piace questo elemento.
  16. alluna48

    alluna48 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Grazie mille Barelli. Sempre molto corretto e oggettivo! terrò a mente intanto i tuoi suggerimenti in attesa di eventuali altre risposte. Buona domenica
    Luana
     
  17. m.barelli

    m.barelli Membro Attivo

    Altro Professionista
    Finalmente una buona notizia per i frequentatori di questa discussione, almeno per quelli che hanno una strada in Toscana. La Regione finanzia a fondo perduto la manutenzione delle strade, ma ci dice tutto l’allegato articolo.
    Mi sembra che si possa ingrandire l'immagine con lo zoom dell pagina web.
    Un saluto
     

    Files Allegati:

  18. alluna48

    alluna48 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Grande!!!!!!!!!!!!!!
     
  19. Alessandra1975

    Alessandra1975 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Scusate se mi intrufolo...ciao a tutti, sono una nuova utente.
    <vorrei gentilmente sapere che cos'è la Commissione conciliatoria..scusate l'ignoranza.....
     
  20. m.barelli

    m.barelli Membro Attivo

    Altro Professionista
    Ti ho risposto nell'altra discussione sulla servitù su strada privata
    Un saluto
     
    A Alessandra1975 piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina