1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. romano1

    romano1 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    sto cercando di aiutare un amico a districarsi da una successione difficile

    premetto la storia

    il nonno A muore e lascia la moglie anziana il figlio (separato) e il nipote ad abitare in casa e nessuno si preoccupa per problemi economici e di ignoranza in materia di effettuare alcuna successione o rifituare/accettare eredita di A quindi gli immobili risultano al catasto come 1000 millesimi intestati ad A

    un mese fa' muore anche la moglie di A chiamiamola B

    ora a distanza di due anni dalla morte di A e appena 1 mese dalla morte di B questi immobili sono intestati ad A e la figlia (denominiala C) per problemi economici e debiti vari non vuole accettare eredita' e lasciare tutto a suo figlio quindi D (il mio amico), che ha altri due fratelli che a loro volta non vogliono sapere nulla di eredita' spese ecc visto che hanno rotto i rapporti da tempo e quindi anche loro pronti e disponibili a rifiutare eredita' ANCHE PERCHE C ha convissuto e accudito tutti i soggetti e quindi meritevole di ereditare tutto.

    quello che ci chiediamo e':

    i termini per rifiutare eredita' per i soggetti C e fratelli decorrono dalla morte di A o dalla successiva morte della moglie B che ovviamente non avendo rifiutato l'eredita' dovrebbe averla tacitamente accettata nonostante mancata successione?

    Cosa fare e a cosa si va incontro per disdricare questa incredibile situazione?

    grazie per l'aiuto e i consigli preventivi almeno per togliere i primi dubbi ed arrivare da un legale con almeno un minimo di conoscenza dei fatti.
     
  2. SALVES

    SALVES Membro Senior

    Altro Professionista
    Ciao romano1
    Come mai adesso gli immobili sono intestati ad A e C?
    Cosa è intercorso tra la morte dia A e quella di B?
    Fammi sapere
    Ciao salves
     
  3. romano1

    romano1 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Ciao scusa ho sbagliato punteggiatura

    Dicevo:
    ora gli immobili sono intestati ad A.

    La figlia (C) non vuole eredita ' ..... Ecc ecc

    Quindi immobili intestati esclusivamente ad A

    Grazie per la risposta
     
  4. SALVES

    SALVES Membro Senior

    Altro Professionista
    Bene quidi C deve procedere alla rinuncia per come prevede l'art.519 alla successione per diritto di rappresentazione subentraano i figli di lei in questo caso D se è solo lui, presenta la successione che a questo punto andrà a favore di B, D, ed E il figlio di A-B.
    Morendo B la quota va devoluta in parti uguali ad C e E se C rinuncia come sopra la sua quota si devolve ad E.
    Non so se sono stato chiaro e comunque non esitare a chiedere informazioni.
    Ciao salves
     
  5. romano1

    romano1 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    ciao grazie delle info ma penso che sono stato io poco chiaro.. mi spiego meglio

    A muore due anni fa circa nessuno fa' successione degli immobili che restano a lui intestati al 100% dei millesimi

    B moglie di A muore 20 gg fa'

    C figlia di AB non vuole eredita'

    D figlio di C vorrebbe accettare

    E figlio di C non la vuole

    F figlio di C non la vuole

    quindi visto che C e D convivevano con i defunti (AB) i termini per rifiutare di 90gg decorrono dalla morte di A o dalla morte di B ?

    Aprendo ora successione a distanza di due anni dalla morte di A (intestatario dei beni) a cosa si va incontro?

    grazie e scusa per la confusione...:)
     
  6. SALVES

    SALVES Membro Senior

    Altro Professionista
    Ora è più chiaro.
    Comunque se la rinuncia è dettata dall'esistenza di debiti da parte di chi vuole rinunciare in diritto dei creditori può a loro saputa intervenire l'art. 524 del Codice Civile, se invece è dettata per il semplice fatto di non voler pagare il costo delle pratiche allora non considerare quanto prima indicato.
    Per la rinuncia e suoi termini ti rimando a questo link Ministero della Giustizia. Rinuncia all'eredità

    Da questa informazione del link ne scaturisce che per effetto della succesione di A essendo la figlia abitante con un suo figlio nella stessa casa oggetto di successione ne consegue che ne ha il possesso e quindi il termine della rinuncia di tre mesi che a questo punto è decaduta quindi d,e,f, anche volendo non possono ereditare, in questo caso la successione.
    Presentando la successione di A:
    1) se il bene è in comunione 1/2 va in successione e si devolve in parti uguali a B e C in definitiva verrà intestato 3/4 a B ed 1/4 a C;
    2) se il bene non è in comunione o acquistato dopo il 1975 con la dicitura di bene personale va in successione 1/1 e si devolve in parti uguali a B e C in definitiva verrà intestato 1/2 a B ed 1/2 a C;
    Presentando ora la successione di A essendo fuori termine si dovranno pagare le tasse, impost e bolli relativi all'anno del decesso + la sanzione che ammonta al 30% della somma di queste e gli interessi legali dalla data di scadenza in poi.

    Procedendo alla successione di B
    caso 1)
    3/4 si devolve interamente a C se rinuncia C sempre entro i termini ed anche E ed F il tutto rimane a D cioè 3/4 ed in definitiva rimangono proprieari 3/4 D ed 1/4 C per effetto successione di A

    caso 2)
    1/2 si devolve interamente a C se rinuncia C sempre entro i termini ed anche E ed F il tutto rimane a D cioè 1/2 ed in definitiva rimangono proprieari 1/2 D ed 1/2 C per effetto successione di A

    Adesso non so se sono stato chiaro ma comunque vedi di consultarti con un notaio per la rinuncia ed effetti del possesso per avere una ulteriore conferma o possibilità di altre soluzioni.
    Ciao salves
     
  7. StLegaleDeValeriRoma

    StLegaleDeValeriRoma Membro Attivo

    Altro Professionista
    La rinuncia deve essere ben ponderata in quanto non è possibile poi revocarla.
    E' opportuno quindi esaminare la situazione attività e passività e procedere per cautelarsi con la dichiarazione di accettazione con beneficio di inventario salvo che i chiamati all'eredità non abbiamo già compiuti atti che concretizzano l'accettazione della qualità di eredi.
    Avv. Luigi De Valeri:stretta_di_mano:
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina