• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

ab.qualcosa

Membro Storico
Agente Immobiliare
#1
C'è un appartamento che è stato locato per gli ultimi 5 anni circa (devo verificare), con utenze intestate all'inquilino (siamo a Roma).
Per quel che ne so questi non ha mai fatto la denuncia per la Tari, e per la verità neanche il proprietario all'origine.

Ora l'appartamento si è liberato e viene nuovamente locato, ed il nuovo conduttore farà senz'altro la denuncia.
Premesso che per quel che ne so il pregresso oltre i 5 anni va in prescrizione, e che il soggetto utilizzatore era l'inquilino in questo periodo, il proprietario in tutto ciò cosa rischia?
 

Zagonara Emanuele

Membro Assiduo
Agente Immobiliare
#3
Direi che il proprietario non ha alcuna responsabilità.
L'immobile era occupato da un terzo soggetto (l'inquilino appunto) il quale ha prodotto i rifiuti solidi per i quali avrebbe dovuto intestare un'utenza e pagare gli importi dovuti.
Se non lo ha fatto, ha evaso un'imposta e/o ha omesso di pagare un servizio.
Sarà l'azienda che gestisce i rifiuti (e l'incasso degli importi dovuti) cercare il fruitore del servizio e cercare di ottenere il pagamento di quanto dovuto.

Non vedo a che titolo possa rivolgersi al proprietario del'immobile per richiedere il pagamento di somme dovute da un terzo.
Sarebbe come dire che se l'inquilino non paga acqua, luce e gas, li deve pagare il proprietario dell'immobile; assurdo direi.
 

FRANCY80

Membro Attivo
Agente Immobiliare
#5
C'è un appartamento che è stato locato per gli ultimi 5 anni circa (devo verificare), con utenze intestate all'inquilino (siamo a Roma).
Per quel che ne so questi non ha mai fatto la denuncia per la Tari, e per la verità neanche il proprietario all'origine.

Ora l'appartamento si è liberato e viene nuovamente locato, ed il nuovo conduttore farà senz'altro la denuncia.
Premesso che per quel che ne so il pregresso oltre i 5 anni va in prescrizione, e che il soggetto utilizzatore era l'inquilino in questo periodo, il proprietario in tutto ciò cosa rischia?
Se il contratto è stato registrato il proprietario non rischia nulla proprio in base alla "prescrizione" dei 5 anni. Mi è capitata situazione identica recentemente.
 

possessore

Membro Junior
Privato Cittadino
#6
E' vero, mi scuso per l'imprecisione.
A Firenze se l'inquilino non paga ci provano con il proprietario ma in effetti questi non è obbligato in solido.
Ciò che conta è avere affittato con un contratto regolarmente registrato, per poter provare - documenti alla mano - l'esistenza dell'inquilino.

Se uno ha affittato in nero..... si attacca!
 

possessore

Membro Junior
Privato Cittadino
#11
Nella mia città natale, per non pagare la TA.RI., non solo devono essere staccate le utenze, ma l'appartamento deve essere privo di qualsiasi pezzo d'arredamento. In pratica: vuoto.
 

Zagonara Emanuele

Membro Assiduo
Agente Immobiliare
#12
A Forlì è sufficiente che l'immobile non risulti occupato e le utenze risultino NON allacciate a conferma che l'immobile non è abitato da nessuno.
Direi che è la cosa più logica; come può un immobile essere abitato se non ci sono acqua, luce e gas a disposizione?

Nel mio precedente intervento, avendo definito l'immobile come "vuoto", davo per scontato che anche le utenze fossero state disdettate e perciò non attive.

In presenza di un immobile arredato ma non abitato (ovvero che viene locato con arredi) ci si troverebbe di fronte all'assurdità di dover pagare la TARI per rifiuti non prodotti, solo perchè nellì'immobile sono presenti gli arredi.

La presenza dei soli arredi, di per sè non costituisce la prova che l'immobile sia occupato.
Pertanto pretendere il pagamento della TARI a fronte della sola presenza degli arredi, è una forzatura, un'assurdità e un'estersione.
Se poi c'è chi vuole pagare comunque, contento lui, allora va bene anche per me, (ma per quanto riguarda questo qualcuno naturalmente, non se si trattasse di me).
 

francesca63

Membro Assiduo
Privato Cittadino
#13
Nel mio precedente intervento, avendo definito l'immobile come "vuoto", davo per scontato che anche le utenze fossero state disdettate e perciò non attive.
Vedi ? Ero io che non avevo colto il sottinteso ...
Era un po’ troppo sotto...;)
L’argomento mi tocca, perché quando sono in Italia vivo tra Milano e il lago di Garda, in due case , una mia , una di mio marito.
Pur occupandone una per volta (per ovvi motivi , visto che l’ubiquità non fa parte delle mie capacità), devo pagare tari piena per entrambi, per una oltretutto come seconda casa.
Inoltre il comune del lago ha deciso che , per i non residenti, si paga in base agli occupanti presunti in base ai mq, e io pago per 4 anche se siamo in due, e per poco tempo all’anno.
E non trovo logico nemmeno questo !!
 

ab.qualcosa

Membro Storico
Agente Immobiliare
#14
Grazie a tutti.
Naturalmente il contratto era registrato, ora è stato cessato, ma le utenze sono ancora attive.
Immaginavo che il proprietario dovesse sobbarcarsi questo mese o due di tari.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

costarelli ha scritto sul profilo di cristian casabella.
Ho un immobile artigianale-commerciale in un piccolo centro commerciale a bastia umbra (tra assisi e perugia) questo composto da 9 studi medici, una palestra,2 bagni e 2 spogliatoi oltre le zone comuni per un totale di 240 mq più 160 mq di terrazzo. E' affittato ad euro 1850+IVA mensili ad una società che svolge poliambulatorio medico con un contratto di 6 anni coperto da fideiussione. Prezzo 340000 rendita 6,5% anno
Alto