1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. inca

    inca Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Un caso forse un po' al limite..............provo a spiegarmi:

    Al momento del decesso la suddivisione dei beni del de cuius (appartamento e relativa pertinenza, terreno, depositi bancari, ecc.) è stata fatta suddividendo il tutto in parti uguali tra i tre figli.
    Dopo 3 anni dal decesso viene ritrovato casualmente il testamento olografo che riporta delle volontà diverse:

    1) Appartamento a tutti i 3 figli;
    2) Pertinenza e terreno a solo uno di essi;
    3) Denaro suddiviso tra i 3 figli e i 7 nipoti.

    Non c'è discussione tra gli eredi ma si vorrebbe a questo punto far valere la volontà del de cuius.
    Cosa si fa per il punto 2) (Pertinenza e terreno a solo uno di essi) ?
    Per il punto 3) i figli hanno già provveduto a riversare sui nipoti il denaro destinatogli dal Nonno, l'unico problema è che tra i nipoti ci sono 2 minori e non si vorrebbe che in caso di pubblicazione del testamento questo possa diventare un problema.

    Grazie
    Cordiali Saluti
     
  2. marchesini

    marchesini Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Io tornerei dal professionista che vi ha seguito per la successione con il testamento olografo e sentirei cosa vi consiglia per ottemperare alle volontà del de cuius .... in quanto, per i beni ricevuti questi.. si possono vendere, donare ecc..., ma al punto 3 sono presenti dei minori.
     
  3. inca

    inca Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Essendoci in ogni caso l'accordo tra le parti (pubblicazione o non pubblicazione del testamento) ci si chiedeva quale fosse la soluzione meno costosa........vendita "fittizia" delle quote parti della pertinenza e del terreno all'erede citato nel testamento o pubblicazione del testamento con conseguente rettifica di successione e voltura???
    Per quanto riguarda il punto 3 la somma di denaro è stata già suddivisa tra i figli che ovviamente conseguentemente hanno disposto le somme in favore dei nipoti.
    In caso di pubblicazione forse potrebbe esserci il problema dell'autorizzazione del giudice tutelare.................????????
    Grazie
     
  4. marchesini

    marchesini Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Mi sembra di ricordare, che quando vi sono dei minori serva il giudice tutelare... in quanto il denaro lo avete dato ai genitori che lo daranno ai nipoti ma la disponibilità è dei genitori mentre un "tutore" li gestisce fino alla maggiore età dei nipoti.
    Se siete tutti daccordo, e volete rispettare le volontà del defunto, vendete la quota di beni all'erede al minimo valore per evitare un accertamento, per questa operazione serve un notaio.. e qui torniamo al mio primo intervento... il notaio vi serve.. quindi fatevi consigliare da lui anche per il resto.
     
    A Jan80 e inca piace questo messaggio.
  5. inca

    inca Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    :ok:
    Grazie
     
  6. angy2015

    angy2015 Membro Attivo

    Altro Professionista
    A costo zero di imposte e parcelle, eventualmente, se il beneficiato non ha particolari desideri sul terreno e pertinenza, potreste lasciare tutto come già volturato e dargli invece il controvalore di quanto gli sarebbe stato assegnato dal testamento.
     
  7. francesca63

    francesca63 Membro Assiduo

    Privato Cittadino
    Chi trova un testamento deve consegnarlo al notaio per la pubblicazione, altrimenti ne risponde penalmente.
    Chi sopprime un testamento olografo è escluso dalla successione come indegno.

    Se volete rispettare le volontà del de cuius, direi che l’unica strada è quella di dare pubblicazione al testamento, sopportando i relativi costi e le incombenze burocratiche.
     
  8. angy2015

    angy2015 Membro Attivo

    Altro Professionista
    pagare il controvalore non contraddice le volontà del decuius, salvo che abbia scritto che non deve alienare quanto lasciato
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina

  1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies.
    Chiudi