1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. pierolina

    pierolina Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    La zia defunta ha lasciato un testamento olografo:
    un appartamento a una cognata e inoltre,
    i mobili dell'appartamento,denaro e un bosco da dividere in parti uguali fra 14 nipoti. Tutto bene fino al momento in cui un nipote si oppone all'applicazione del testamento.
    Possono gli altri eredi procedere nella successione o occore l'unanimità?
    Grazie
     
  2. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Intanto bisogna capire perchè e con quali motivazioni un nipote si oppone al testamento. Se questo è regolare non vedo il motivo.
    Se il testamento è invalido per qualche motivo si è obbligati a procedere per legge.
     
  3. geofin.service

    geofin.service Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Chiedigli perchè si oppone... Forse con una successione senza testamento le quote non sarebbero state le stesse?
     
  4. pierolina

    pierolina Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Il testamento è regolare e non si capisce perchè un nipote non ne accetti le volontà e rifiuti perfi no di partecipare agli incontri fra gli eredi.
    E' possibile procedere alla divisione dei beni mobili ed immobili prescindendo dalla partecipazione del nipote in questione, salvo restando l'accantonamento della parte che gli spetta?
    RIngrazio
     
  5. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Se il testamento è regolare, va depositato presso un notaio per la pubblicazione. Se la zia era nubile e non esistono ascendenti, non ci sono eredi legittimari.
    Una volta pubblicato il testamento si procede alla denuncia di successione ed alla divisione dei beni.
     
    A pierolina piace questo elemento.
  6. marcellogall

    marcellogall Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Un testamento olografo deve essere obbligatoriamente consegnato ad un notaio per la successiva pubblicazione e anche uno solo degli eredi può, se ritiene di essere stato leso nei suoi diritti, chiederne l'annullamento. Deve ovviamente avere delle motivazioni più che valide, altrimenti rischia solo di impelagarsi in una causa lunga e costosa e con esiti quanto meno incerti.
    Suggerisco di chiedere all'erede dissenziente le motivazioni del suo comportamento.
    Spesso alla base di certi atteggiamenti ci sono convinzioni errate e suggerimenti fuorvianti.
     
  7. robertobosco

    robertobosco Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    In assenza di coniuge, di ascendenti e discendenti, in presenza di volontà espressa tramite testamento, la zia poteva disporre a suo piacimento la distribuzione di quanto in suo possesso (costituita dal 100% di disponibile), senza altri vincoli o limitazioni nei confronti di ogni altro parente collaterale esistente.
    L'unanimità nel caso specifico (e in genere) non è richiesta.
    La successione potrà essere azionata ed il beneficiario contestatore, potrà accettare(con riserva o senza) o rinunciarVi.
     
    A pierolina piace questo elemento.
  8. pierolina

    pierolina Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Il testamento è stato consegnato e successivamente pubblicato.
    Tutti gli eredi hanno firmato e sono venuti in possesso del testamento.
    Mi sembra quindi di capire che nonostante l'assenza di uno dei cugini noi potremmo procedere alla successione.
    Chiedo un' ulteriore conferma.
    Vi ringrazio di cuore per le risposte
     
  9. geofin.service

    geofin.service Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Ma anche se procedi, tieni presente che se ci sono i motivi, il testamento può essere impugnato con tutte le conseguenze del caso. Ti consiglio di farti dire il perchè di tale opposizione (il più delle volte perchè vengono lese le quote). Aggiungo che anche se apparentemente può sembrare tutto a posto, ad esempio può spuntare fuori un erede a voi "sconosciuto" (per svariati motivi) e impugnare il testamento. Ci sono tante casistiche che non bisogna dare per scontato... Io non conosco la tua situazione, ma per farti un altro esempio, i fratelli "germani" (quindi che non hanno gli entrambi genitori in comune) percepiscono la metà rispetto agli altri. Oppure in caso di premorienza e rappresentanza dei fratelli o sorelle del de cuius e subentrando quindi i nipoti, occorre considerare quanti figli aveva uno e quanti l'altro ( ad esempio se io ho tre figli e mio fratello ne ha due, entrambi fratelli del de cuis, nel caso di rappresentanza, i miei figli prenderanno 16,6% cad x3, mentre quelli di mio fratello il 25% cad x2). Ecco perchè ti consiglio di chiedere il motivo di tale opposizione. Magari i motivi ci sono e tu non li sai, e se procedi ugualmente poi sarebbe spiacevole finire in tribunale. Comunque mi rimetto anche al parere degli altri colleghi. ;)
     
  10. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Conoscere i motivi dell'opposizione è un vostro diritto.
    Il notaio che ha pubblicato il testamento dovrebbe avere tutti gli elementi per consigliarvi.
    Con la pubblicazione del testamento potete procedere: se il nipote dissenziente ha elementi per opporsi deve farlo formalmente.
    Ma credo non possa contestare il merito (quote, ecc): un testamento olografo, in assenza di eredi legittimi, può essere invalidato solo sostenendo un vizio di forma o dimostrandolo falso.
    Le considerazioni di geofin, valide in generale, non mi sembra siano pertinenti al caso esposto.
     
    A pierolina piace questo elemento.
  11. pierolina

    pierolina Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Il grosso poblema è che non ce lo vuole dire. Non risponde alle telefonate e non ci riceve. Dobbiamo, quindi, aspettare l'evolversi degli eventi?
     
  12. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Direi proprio di no! Se il notaio ha ritenuto valido il testamento starei tranquillo. Il nipote può accettare o rinunciare alla sua quota. Ma non siete tenuti ad avere il suo assenso: quello che conta è la volontà espressa nel testamento, che una volta pubblico vi autorizza a procedere. L'atteggiamento del nipote non è comprensibile: se ha in mano un testamento successivo, lo tiri fuori, se no fa solo "ammuina" :^^:
     
    A pierolina piace questo elemento.
  13. pierolina

    pierolina Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Grazie. Vedremo come andrà a finire
     
  14. bonga

    bonga Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    puoi tranquillamente procedere con la successione, da quello che dici non emergono ragioni in base alle quali il testamento possa essere invalidato, la sola ragione potrebbe essere la falsità del testamento ma questa deve essere fatta valere in tribunale, nel frattempo devi provvedere ugualmente entro un anno dalla data del decesso a presentare la dichiarazione di sccessione.
     
    A pierolina piace questo elemento.
  15. pierolina

    pierolina Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Vista la gentilezza proseguo con ulteriore domanda:
    Per quale motivo il deposito in denaro viene suddiviso in 14 parti (essendo 14 i nipoti)mentre il bosco è diviso in 5 parti (5 erano i fratelli defunti)? C'e' qualche legge che avalla questa decisione?
     
  16. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Se il contenuto del testamento che hai inizialmente sintetizzato fosse correttamente riportato, non capirei anch'io perchè il bosco sia diviso in 5 parti e non in 14.
    Ma è anche probabile che il testamento fosse formulato in modo un pò diverso: immagino cioè che la zia nel momento in cui ha scritto il testamento, non abbia fatto propriamente riferimento ai nipoti, ma genericamente agli eredi dei fratelli: in questo caso si dividerebbe per stirpi, cioè 5 fratelli 5 mucchi, poi ciascun mucchio diviso per il numero di figli di ciascun fratello, che magari avrebbero potuto aumentare in tempi successivi al testamento.
    Il notaio che ha pubblicato il testamento è di solito competente in faccende di successione: se è lui a indicare questa ripartizione, deve essersi basato su una situazione simile a quanto da me ipotizzato.

    Comunque ill tuo dubbio mi conferma nell'idea che la gestione di un testamento è sempre delicata: e a maggior ragione quando a far testamento sono dei genitori verso i figli. La legge in situazioni "normali" mi pare la più equilibrata.
    Certo è diverso il caso di persone sole senza eredi diretti: la zia mi pare abbia dimostrato un certo discernimento.

    Aggiunto dopo 4 minuti :

    Mi scuso: mi era sfuggito un particolare.
    Non è certo chiara questa differenza tra il trattamento del denaro e l'eredità del bosco.
    Mi pare che ci sia un'interpretazione non formale ma "affettiva".
    a questo punto non so spiegare altro.

    Aggiunto dopo 14 minuti :

    .... ovviamente la differenza si spiegherebbe ancora se il testo del testamento trattasse separatamente denaro e bosco, con indicazioni dirette ai nipoti per quanto riguarda il denaro, relative agli eredi dei fratelli per il bosco.

    Questo tipo di atteggiamento rifletterebbe bene una concezione tradizionale e patriarcale della gestione dei beni immobili della famiglia: in proposito da piemontese suggerirei la lettura di Einaudi, (non ricordo bene se Lezioni di politica sociale, o Prediche inutili) in merito alle leggi di successione ed alla visione dei "beni" da "trasmettere" e "preservare" alla famiglia.
     
    A pierolina piace questo elemento.
  17. Silvio Luise

    Silvio Luise Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    ...la risposta credo la trovi trovi al post 9 di geofin
     
  18. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    ... non esattamente, credo. Valida solo in parte, relativamente al meccanismo di suddivisione per stirpi (fratelli e successivi nipoti), tipica di successione legittima.

    Ma non bisogna dimenticare che in questo caso la successione è testamentaria e non legittima: come tale dettata da quanto scritto sul testamento. Se il testamento avesse esplicitamente indicato come eredi dei "mobili = soldi" e del bosco i 14 nipoti, la divisione dovrebbe essere fatta per 14.

    Solo una attenta lettura del testo del testamento può permettere di dare una risposta corretta.
     
    A pierolina piace questo elemento.
  19. bonga

    bonga Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    no, ma se il testamento dice il denaro e il bosco in parti uguali ainipoti va tutto diviso per 14. ciao
     
    A pierolina piace questo elemento.
  20. Silvio Luise

    Silvio Luise Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    concordo :ok: ....ma chissa' quanto vale il bosco.....:domanda::domanda::domanda::risata:

    .....e' una battuta ovviamente !:risata::risata::risata:
     
    A pierolina piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina