• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

LeoMitico

Membro Junior
Privato Cittadino
Salve a tutti
Vorrei acquistare un immobile sottostante al mio e con cui ero già in trattativa privata prima che arrivasse agenzia
Anche se so quasi per certo che il prezzo che proporrò verrà rifiutato il fatto che presenti una proposta di acquisto di durata 15gg con relativi assegni per Agenzia
e Caparra Venditore ha un qualche “vantaggio per agenzia”?
e il fatto che ero già in trattativa privata con venditore implica un qualche vantaggio su agenzia ..tipo riduzione provvigione?

Vorrei anche evitare di fare proposte i giri di assegni inutili contattando venditore e se mi dice che il prezzo che propongo va bene presento la proposta come voluto
Cosa ne pensate ?
Quale è il rischio di emettere assegni per poi “sperare” che ritornino se non accettata proposta?
 

studiopci

Membro Storico
Agente Immobiliare
Salve, se hai visto e trattato l'immobile direttamente con il proprietario e quest'ultimo non ha dato l'immobile in esclusiva, puoi tranquillamente incontrarti con lui e proseguire la trattativa, facendoti seguire, se ne hai bisogno, per tutte le incombenze da qualcuno del settore ( anche dall'agenzia che gestisce l'immobile concordando la parte economica) Se invece hai avuto rapporti con l'agenzia, devi obbligatoriamente continuare la trattativa con loro. Per quanto riguarda gli assegni l'unico che dovrai scrivere è quello da allegarsi alla proposta, previo i controlli vari da farsi sull'immobile, poi se la proposta sarà accettata, solo allora dovrai pagare le competenze dell'agenzia in quanto ha maturato il diritto al pagamento.
 

LeoMitico

Membro Junior
Privato Cittadino
Io ho incontrato proprietario nel 02/19 con suo geometra e ho visto appartamento
Poi ci sono state un paio di telefonate con geometra per il prezzo alla fine ha detto che se non accettavo 260 avrebbe chiamato agenzia (io proponenvo 225) ..che è arrivata a 10/19 proponendo un prezzo di 249 ..ho contattato agenzia chiedendo se il prezzo era valido anche per me e ora sto riproponendo a 235 (la mia proposta iniziale di primo contatto con venditore era 225 )
Ora agenzia non so se ha esclusiva e per quanto tempo..mi pressa per formalizzare proposta
Mi chiedo il perchè ? se al 99% verrà rifiutata
Mi parlava di + assegni da allegare alla proposta ..che restituisce se dopo 155gg.durata proposta non viene accettata (ho intenzione di farmi prestampare la proposta con tutte le varie cifre e poi verificare con notaio/geometra)
Mi parlava di una sua % del 4% (ha preso incarico da 30gg!!!) che poteva "limare" ma non ha ancora detto un numero ne formalizzato ( il mio numero l'ho detto)
Vuole forse formalizzare in ogni caso per pretendere in ogni caso la provvigione
in caso di futuro acquisto senza agenzia?
Vi sembra un comportamento corretto?
 

eldic

Membro Storico
Privato Cittadino
con l'agenzia ci hai già parlato; quindi - come ti è già stato detto, non puoi più escluderli.
a questo punto fai la tua proposta (considerando anche quanto dovrai pagare di intermediazione) e lascia che sia l'agenzia a lavorarsi il venditore.
alla fine probabilmente in mano non gli rimarrà molto di più di quanto gli proponevi privatamente.
ma questi sono affaracci suoi.
 

LeoMitico

Membro Junior
Privato Cittadino
Fino qua ho capito ..è il giro degli assegni della proposta che mi lascia perplesso e timoroso ..visto che ho già sbagliato una volta ....
ho anche il sospetto che il venditore non paga agenzia ..è possibile questo?
 

studiopci

Membro Storico
Agente Immobiliare
Su questo forum molto spesso ci si viene come dal medico, dopo che si è manifestato un problema, chiedendo consigli su come risolvere. Se fossi venuto prima, sicuramente ti sarebbe stato consigliato un comportamento da tenere e cosa fare per la soluzione. Adesso che hai contattato l'agenzia, e non sappiamo bene cosa hai detto o fatto, le strade sono poche ed obbligate. Prima di tutto, personalmente andrei in agenzia e prima di parlare di offerte o quant'altro preciserei che vorrei essere seguito da loro per la parte amministrativa/burocratica della trattativa e sulla base di questo definire il loro compenso. Raggiunto l'accordo prima di sottoscrivere una proposta chiederei la visione della documentazione per un controllo della regolarità e della vendibilità dell'immobile, laddove non dovesse rilasciati tali copie, sottoscrivere una proposta di acquisto condizionata ai requisiti anzidetti ( questo comporta che l'assegno tratto a caparra non può essere consegnato e riscosso dal compratore se non si accerta il tutto). Laddove l'agenzia non trovasse ostacoli a consegnarti i documenti, allora in questo caso li sottoporrei all'esame di professionisti di tua fiducia, chiedere all'agenzia di rilasciarti una copia della pda prestampata vuota credo riceverà un giustificato rifiuto. Se hai remore o dubbi puoi richiedere consiglio, su cosa controllare ed inserire nella pda, ad un professionista, ma questo ti comporterà comunque una spesa aggiuntiva. Per quanto riguarda i vari assegni che l'agenzia vorrebbe tu rilasciassi, non riesco a capire quali dovrebbero essere in sede di proposta oltre quello della caparra.
 

studiopci

Membro Storico
Agente Immobiliare
Fino qua ho capito ..è il giro degli assegni della proposta che mi lascia perplesso e timoroso ..visto che ho già sbagliato una volta ....
ho anche il sospetto che il venditore non paga agenzia ..è possibile questo?
Quello che il venditore fa o non fa con l'agenzia ti importa relativamente, laddove non porta nocumento a te sia chiaro, quello che ti interessa è la definizione della tua trattativa, il principio cardine è che tu devi inserire nella trattativa( e nella pda) tutte quelle che sono le legittime perplessità... Stai acquistando una casa e non un cornetto.
 

LeoMitico

Membro Junior
Privato Cittadino
Scusate ..va bene il rimprovero ma io sono andato ingenuamente a chiedere ad agenzia se il prezzo proposto valeva anche per me ..ci siamo parlati un paio di volte e niente +
l'appartamento è a posto e anche i relativi documenti ho già fatto visionare ( e c'è poco da verificare visto che fa parte della mia casa e so da dove arriva e l'ho costruito per 1/2 dai miei genitori) e siccome ho capito di aver sbagliato chiudiamo questo argomento ..quello che mi interessa sono i prossimi passi

gli volevo chiedere di compilare la proposta con cifre e quanto altro ma prima di firmare la volevo far vedere appunto a notaio/geometra ..lo posso fare ? è lecito ?
gli assegni sono solo 1 di caparra ? in % immobile ? intestato al venditore ?
e se pretende anche assegno per suo compenso scritto in proposta ?
 

Bagudi

Moderatore
Membro dello Staff
Agente Immobiliare
Dubito che potrai comprare senza pagare nulla all'agenzia.

( e c'è poco da verificare visto che fa parte della mia casa e so da dove arriva e l'ho costruito per 1/2 dai miei genitori)
Non fidarti e fai controllare da un tecnico la documentazione depositata in comune, perchè esistono molti abusi creati in corso di costruzione di cui i proprietari sono all'oscuro...
 

francesca63

Membro Senior
Privato Cittadino
gli volevo chiedere di compilare la proposta con cifre e quanto altro ma prima di firmare la volevo far vedere appunto a notaio/geometra ..lo posso fare ? è lecito ?
Puoi chiedere, ma non è un segno di gran fiducia nei confronti dell’agenzia.
Comunque è lecito, ma se temporeggi, qualcuno potrebbe fare proposta prima di te...
gli assegni sono solo 1 di caparra ? in % immobile ? intestato al venditore ?
e se pretende anche assegno per suo compenso scritto in proposta ?
Alla proposta devi allegare un solo assegno , intestato al venditore, dell’importo che concorderai con l’agenzia.
Poi puoi prevedere un altro versamento ad integrazione della caparra, se passa molto tempo tra accettazione proposta è rogito è se il primo assegno è bassino.
Tu decidi i tempi dei pagamenti che vuoi proporre, il venditore deciderà se accettare o farti una controproposta (sia per la cifra totale, sia per acconti e tempi, se non gli va bene).
Non devi fare nessun assegno all’agenzia: al momento della proposta dovrai firmare che gli pagherai il tot concordato, se la proposta sarà accettata.
Se inserirai una condizione sospensiva, la provvigione sarà invece da versare solo se la condizione si avvera.
 

plutarco

Membro Junior
Privato Cittadino
Io ho incontrato proprietario nel 02/19 con suo geometra e ho visto appartamento
Poi ci sono state un paio di telefonate con geometra per il prezzo alla fine ha detto che se non accettavo 260 avrebbe chiamato agenzia (io proponenvo 225) ..che è arrivata a 10/19 proponendo un prezzo di 249 ..ho contattato agenzia chiedendo se il prezzo era valido anche per me e ora sto riproponendo a 235 (la mia proposta iniziale di primo contatto con venditore era 225 )
Ora agenzia non so se ha esclusiva e per quanto tempo..mi pressa per formalizzare proposta
Mi chiedo il perchè ? se al 99% verrà rifiutata
Mi parlava di + assegni da allegare alla proposta ..che restituisce se dopo 155gg.durata proposta non viene accettata (ho intenzione di farmi prestampare la proposta con tutte le varie cifre e poi verificare con notaio/geometra)
Mi parlava di una sua % del 4% (ha preso incarico da 30gg!!!) che poteva "limare" ma non ha ancora detto un numero ne formalizzato ( il mio numero l'ho detto)
Vuole forse formalizzare in ogni caso per pretendere in ogni caso la provvigione
in caso di futuro acquisto senza agenzia?
Vi sembra un comportamento corretto?
Purtroppo l'esposizione della vicenda è poco chiara. L'agenzia ha diritto alle provvigioni se svolge attività di mediazione...
 

LeoMitico

Membro Junior
Privato Cittadino
Purtroppo l'esposizione della vicenda è poco chiara. L'agenzia ha diritto alle provvigioni se svolge attività di mediazione...
no è molto semplice ..dopo una prima trattativa privata(tra me e il geometra del venditore) il venditore ha voluto appoggiarsi ad agenzia ..probabilmente per "pressarmi" visto che io divento assieme ai miei figli cui intesterò nuovo appartamento unico proprietario della casa ...la cosa strana è che sembra che la normativa tuteli l'agenzia anche se in precedenza io avevo già avviato una trattativa ...

trovo ancora + STRANO E NON SERIO CHE IO NON POSSA VERIFICARE CIO CHE MI VIENE CHIESTO DI FIRMARE ..MA STIAMO SCHERZANDO NON STO COMPRANDO LE CARAMELLE
 

francesca63

Membro Senior
Privato Cittadino
la cosa strana è che sembra che la normativa tuteli l'agenzia anche se in precedenza io avevo già avviato una trattativa ...
È altamente probabile che la tua proposta iniziale , ritenuta bassa, abbia spinto il venditore a rivolgersi all’agenzia, anche perché non interessato ad avere ancora a che fare direttamente con te.
Ben sapendo che sei potenzialmente più interessato di qualsiasi altro aspirante acquirente, o compri alle loro condizioni, cioè tramite agenzia, oppure non compri.
trovo ancora + STRANO E NON SERIO CHE IO NON POSSA VERIFICARE CIO CHE MI VIENE CHIESTO DI FIRMARE
Puoi verificare prima di firmare, facendoti spiegare ogni virgola.
Puoi anche andare con il geometra a fare la proposta.
Io , quando lavoravo, non avrei avuto problemi a darti la proposta compilata da far controllare a chiunque, ma , come ripeto, non è un segno di gran fiducia nei confronti dell’agenzia, di cui, forse , potresti alienarti le “simpatie”.
Questo significa che potrebbero limitarsi al minimo sindacale, lasciando fare a te quanto normalmente fa un’agenzia seria, pur non essendo obbligatorio.
 

studiopci

Membro Storico
Agente Immobiliare
STRANO E NON SERIO CHE IO NON POSSA VERIFICARE CIO CHE MI VIENE CHIESTO DI FIRMARE ..MA STIAMO SCHERZANDO NON STO COMPRANDO LE CARAMELLE
Suppongo che non fosse tuo intendo urlare ma rafforzare il tuo pensiero, però in una chat scrivere in maiuloscolo equivale ad urlare, detto questo non è assolutamente questo né strano né poco serio è solo una consuetudine, nel momento in cui ti rivolgi ad un professionista ( e l'AI lo è fino a prova contraria) poi prima di firmare è consuetudine leggere e comprendere ciò che si firma. Comunque laddove tu abbia dubbi o perplessità, parlane con l'agente ed eventualmente richiedi di sottoporre a lettura la Pda.
 

LeoMitico

Membro Junior
Privato Cittadino
Il maiuscolo era per rafforzare
Ma come faccio a fidarmi di una persona mai vista che mi fa firmare e si porta via un assegno ? o per lo meno cosa ne posso capire io fino in fondo ? anche il notaio prima di firmare mi da una copia da leggere a casa e poi si va alla firma e ripete il tutto ..dai per favore non scherziamo ..mi porterò il geometra di fiducia o andiamo con agente davanti ad un notaio ..cosi vi va bene ?
 

francesca63

Membro Senior
Privato Cittadino
Ma come faccio a fidarmi di una persona mai vista che mi fa firmare e si porta via un assegno ?
È quello che succede per ogni proposta tramite agenzia.
Ti fanno firmare quello che decidi tu, e ti danno ricevuta, attestando di avere il tuo assegno in deposito fiduciario.
In 15 anni di lavoro non ho mai avuto un cliente che non si sia fidato di me, mai avuto di questi problemi.
 

eldic

Membro Storico
Privato Cittadino
Il maiuscolo era per rafforzare
Ma come faccio a fidarmi di una persona mai vista che mi fa firmare e si porta via un assegno ? o per lo meno cosa ne posso capire io fino in fondo ? anche il notaio prima di firmare mi da una copia da leggere a casa e poi si va alla firma e ripete il tutto ..dai per favore non scherziamo ..mi porterò il geometra di fiducia o andiamo con agente davanti ad un notaio ..cosi vi va bene ?
proponi di andare direttamente al rogito senza lasciare caparra.
magari il venditore accetta. o magari ti manda in mona senza passare dal via.
 

PyerSilvio

Membro Storico
Agente Immobiliare
Il maiuscolo era per rafforzare
Ma come faccio a fidarmi di una persona mai vista che mi fa firmare e si porta via un assegno ? o per lo meno cosa ne posso capire io fino in fondo ? anche il notaio prima di firmare mi da una copia da leggere a casa e poi si va alla firma e ripete il tutto ..dai per favore non scherziamo ..mi porterò il geometra di fiducia o andiamo con agente davanti ad un notaio ..cosi vi va bene ?
Oh Leo,

Ma perche’ hai paura della tua ombra..?

Tra trattative private, intermediate e movimenti improbabili, chissa’ da quanto tempo giri intorno a questa storia, senza concludere e far concludere nulla.

Probabilmente, e’ per via di questa tua condotta prolissa e malfidente, che nessun interlocutore ti prende sul serio.
Oppure se proprio deve, si rende disponibile a farlo, solamente ad un determinato prezzo.

Considerato, che l’acquisto ti consentirebbe di acquisire l’intera proprieta’, e’ chiaro che “sulla carta”, sei quello che dovrebbe pagare di piu’ di chiunque altro.

La soluzione migliore, in questi contesti, e’ quella di mandare avanti un altro promissario acquirente, da te incaricato.
Senza che venditore, professionista e intermediari lo sappiano.
Acquisito il titolo, versando la caparra, interverrai dopo nominato al rogito.

Manovra forse un po’ troppo impavida per te che hai paura della tua ombra.

Per formulare una proposta basta avanzare anche un importo minimo di cento euro.
Un resto al preliminare.
Il saldo al rogito.

Senza scomodare prima geometri, notai o i marziani.
 

LeoMitico

Membro Junior
Privato Cittadino
Paura ..voglio vedere tè predisporre due assegni da 10K da dare in mano a sconosciuto ..e firmare una carta che ti impegna senza neanche il tempo di farlo verificare a tua persona di fiducia ..mandami un assegno tu che te lo restituisco ..ma per piacere certi commenti risparmiateveli ..definito il prezzo si da tempo 5gg e poi si va dal notaio ..se ci sei dal notaio bene altrimenti ne scelgo un altro di compratore (proposta ..15gg di tempo ...assegni ..ma che manfrina è ..degno di un paese come l'Italia e gli Italioti che lo abitano ..saluti a tutti
 

PyerSilvio

Membro Storico
Agente Immobiliare
voglio vedere tè predisporre due assegni da 10K da dare in mano a sconosciuto ..e firmare una carta che ti impegna senza neanche il tempo di farlo verificare a tua persona di fiducia .

c'è poco da verificare visto che fa parte della mia casa e so da dove arriva e l'ho costruito per 1/2 dai miei genitori) e siccome ho capito di aver sbagliato chiudiamo questo argomento ..quello che mi interessa sono i prossimi passi
Per quanto riguarda le verifiche mi pare che ti sia già risposto da solo.

Se lo sconosciuto in questione è il proprietario avente titolo dell'immobile non si capisce quale sia il problema di staccare gli assegni.

Incassati gli assegni, se dovessero sparire loro, di certo non potrà scomparire la casa.

Non è un caso che si chiamino immobili.

Secondo me sei più cattivo che ignorante.

" Un ladro è convinto che tutti gli altri gli assomiglino".
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità
Alto