• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Alessi M.

Membro Ordinario
Agente Immobiliare
Buonasera, è presente un immobile il quale proprietario è venuto a mancare nel 2004.
I due eredi (figlio e figlia ) non eseguono la successione.
Oggi nel 2019 è venuta a mancare la figlia ed è subentrato come erede il proprio figlio.

Ora ci troviamo davanti a due eredi
1) FIGLIO
2) FIGLIO della FIGLIA


il figlio della figlia 2), vorrebbe procedere con la vendita e sta mettendo d'accordo l'altro erede, è possibile procedere con la compravendita e dichiarare la successione in fase di rogito?


grazie in anticipo
 

cristian casabella

Membro Assiduo
Agente Immobiliare
Buonasera, è presente un immobile il quale proprietario è venuto a mancare nel 2004.
I due eredi (figlio e figlia ) non eseguono la successione.
Oggi nel 2019 è venuta a mancare la figlia ed è subentrato come erede il proprio figlio.

Ora ci troviamo davanti a due eredi
1) FIGLIO
2) FIGLIO della FIGLIA


il figlio della figlia 2), vorrebbe procedere con la vendita e sta mettendo d'accordo l'altro erede, è possibile procedere con la compravendita e dichiarare la successione in fase di rogito?


grazie in anticipo
L'atto di successione va fatto prima del rogito, anzi probabile che di atti ne dovranno fare 2. Se non ricordo male (mi è capitata una cosa simile) bisogna fare un primo atto per la prima successione non fatta ed un altro per la seconda.
 

Alessi M.

Membro Ordinario
Agente Immobiliare
L'atto di successione va fatto prima del rogito, anzi probabile che di atti ne dovranno fare 2. Se non ricordo male (mi è capitata una cosa simile) bisogna fare un primo atto per la prima successione non fatta ed un altro per la seconda.
Grazie mille per la risposta.

Si ha idea di che tipo di spese si devono sostenere ?
 

cristian casabella

Membro Assiduo
Agente Immobiliare
Credo sui 1000....oggi fatalità ho sentito che ne parlava un tizio al telefono e diceva che al CAF per una successione gli han chiesto 1000 euro
 

marcanto

Membro Assiduo
Professionista
per il caso descritto le dichiarazioni di successione da fare sono 2: una per il primo decesso e la seconda per il secondo decesso.
è palese che le due successioni si dovranno eseguire prima del rogito, mentre il preliminare si potrà stilare anche senza le successioni ......specificando che andranno fatte nei tempi utili per il rogito.
 

Alessi M.

Membro Ordinario
Agente Immobiliare
per il caso descritto le dichiarazioni di successione da fare sono 2: una per il primo decesso e la seconda per il secondo decesso.
è palese che le due successioni si dovranno eseguire prima del rogito, mentre il preliminare si potrà stilare anche senza le successioni ......specificando che andranno fatte nei tempi utili per il rogito.
Ringrazio per la risposta,

Credo sui 1000....oggi fatalità ho sentito che ne parlava un tizio al telefono e diceva che al CAF per una successione gli han chiesto 1000 euro
Quindi posso suggerire di rivolgersi ad un caf? Ho visto Cisl se non sbaglio che pubblicizza l'occuparsi di pratiche di successione.

Tengo in considerazione che siamo sulle 1.000 a successione.


essendoci stata anche - probabilmente - l'interruzione del pagamento delle tasse comunali ci sono delle prescrizioni in questo caso? essendo successo tutto nel 2004? Grazie
 

possessore

Membro Assiduo
Privato Cittadino
L'accettazione della eredità deve essere CONSOLIDATA (e qui serve l'aiuto del notaio), in modo che la proprietà non sia opponibile.

Ricordiamo infatti che l'eredità, finché non espressamente accettata, o esplicitamente, o con atti dispositivi sui beni del de cuius, è non consolidata, sospesa, insomma, in due parole, in discussione.

Il notaio aiuterà nella pratica di accettazione in modo che sia ben chiaro chi è il proprietario, e che egli ha accettato con l'eredità sia i debiti che i crediti del de cuius.

Diversamente, il bene immobile non è alienabile in modo corretto.

il preliminare si potrà stilare anche senza le successioni
... ed in tal caso sarà estremamente opportuno precisare, nel preliminare, che condizione essenziale per rendere alienabile il bene immobile è che gli eredi abbiano, a proprie cure e spese, accettato l'eredità ed effettuato correttamente le dichiarazioni di successione sopra precisate.
Diversamente, il contratto s'intenderà risolto di diritto e la parte promissaria acquirente avrà diritto alla restituzione delle somme versate salvo il risarcimento di maggiori danni subiti.
 

miciogatto

Membro Senior
Privato Cittadino
Quello che serve è la trascrizione della accettazione tacita di eredità.
Necessaria per preservare la preziosa continuità delle trascrizioni.
Trascrizione = serve il notaio.

La dichiarazione di successione che può fare un CAF è un'altra cosa e riguarda meramente l'aspetto fiscale.
 

elisabettam

Membro Senior
Agente Immobiliare
Quello che serve è la trascrizione della accettazione tacita di eredità.
Necessaria per preservare la preziosa continuità delle trascrizioni.
Trascrizione = serve il notaio.

La dichiarazione di successione che può fare un CAF è un'altra cosa e riguarda meramente l'aspetto fiscale.
Concordo. Inutile passare dal caf , meglio direttamente dal notaio
 

marcanto

Membro Assiduo
Professionista
Quello che serve è la trascrizione della accettazione tacita di eredità.
Necessaria per preservare la preziosa continuità delle trascrizioni.
Trascrizione = serve il notaio.
Indubbiamente l'accettazione VA trascritta.
Ma pero non confondiamo "le acque", l'accettazione è di 2 tipi.
> accettazione espressa, quando l'erede o gli eredi vanno dal notaio e chiede/chiedono di produrre esplicito atto di accettazione
> accettazione tacita, quando vengono profusi degli atti o azioni sugli oggetti / beni dell'eredità come: vendita di un bene etcc ......vedi giurisprudenza di merito.
quindi è necessario che si ponga in essere una di queste azioni

Quindi la trascrizione va fatta sia che si tratti di accettazione espressa sia che si tratti di quella tacita.

Poi per produrre la dichiarazione di successione oltre ai CAF, consiglierei anche di consultare la sfera professionale tecnica ing arch geom ......che vantano più esperienze in merito.
 

miciogatto

Membro Senior
Privato Cittadino
Anche i miocuggino

Ma pero non confondiamo "le acque", l'accettazione è di 2 tipi.
Nessuna confusione, rispondevo specificatamente al quesito del postante.

Visto che chi chiede è una agenzia immobiliare, è facile immaginare che non vanno direttamente a rogito. Quindi l'atto definitivo è preceduto da una proposta/preliminare che ben può essere configurato come atto che implica la volontà di accettare, quindi accettazione tacita.

Qui da mè il Caf Cisl che fa le successioni ha anche il notaio e fà la pratica completa.
In questo caso ovviamente va bene ma non conviene.

Conviene che sia un unico notaio a fare il tutto (atto trascrizione accettazione tacita + atto compravendita + atto eventuale per il mutuo.)

Anche, ma non solo, per una questione di costi.
 

Alessi M.

Membro Ordinario
Agente Immobiliare
Il notaio può fare - e, anzi, generalmente fa - l'accettazione dell'eredità contestualmente al rogito.
Gentilissima ti ringrazio, farò passare l'intera pratica ad un geometra (la proprietà è stata "dimenticata" dal 2004, oltre la successione sono stati interrotti anche i pagamenti con le tasse comunali ) successivamente farò parlare con un notaio.

Grazie mille
 

brina82

Membro Senior
Professionista
Sarei curioso di capire come si riesce a dimostrare la continuità delle trascrizioni in assenza di accettazione della figlia defunta (come in questo caso).

Se il decuis non è mai stato proprietario, come fa l'erede a diventare tale? Forse è solo una "pippa" che risiede nella mia mente, ma me lo sono sempre chiesto!

Aggiungo che solitamente basta trascrivere l'accettazione per un solo immobile, e automaticamente si accettano tutti gli immobili, anche se alcuni ne Notai pretendono la trascrizione per tutti gli immobili ereditati (spesso tale trascrizione infatti non compare effettuando la visura ipotecaria per immobile, ma occorre effettuarla per nominativo).
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Recesso contratto di mediazione
Salve si può recedere da un contratto di mediazione della durata di un anno, ma in 8 mesi neanche l'ombra di un appuntamento?
Balian ha scritto sul profilo di Andrea Gurieri.
ti lascio il mio num se ti servono info su come fare socio di capitale in una immobiliare +39 3348484943 ( contattami prima su WA gentilmente che ho un fuso orario -6 sono in canada )
Alto