• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Bruno1985

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Salve a tutti, circa 6 mesi fa ho dato mandato verbale a un AI di vendere la mia casa a 110.000 €. Dopo circa 4 mesi un potenziale acquirente propone 95.000 €. Dopo varie trattative, stabilisco chiaramente che il prezzo minimo che sono disposto ad accettare è 105.000.
Al che tale AI, pur di concludere la vendita mi propone "verbalmente" di non addebitarmi la sua provvigione. Purtroppo accetto ed è da qui che cominciano i problemi.
L'acquirente fornisce due assegni pari a 8000 € come caparra confirmatoria e nella proposta di acquisto e successivo compromesso non viene fatta alcuna menzione a un mutuo che avrebbe richiesto l'acquirente per acquistare la mia casa. Faccio presente questa anomalia all'AI che mi risponde che sono problemi dell'acquirente, perché è sicuro di poter acquistare la casa senza mutuo. Nel compromesso la data del rogito era fissata per due mesi dopo. Dati i tempi stretti, blocco una casa in affitto tramite lo stesso AI. Avendo due cani, mi serviva una casa non in condominio e con un giardino. La casa affittata tramite questo agente immobiliare aveva tali caratteristiche, l'unico problema è che era molto vecchia. Al che, prima di firmare il contratto di affitto gli chiedo espressamente se tale abitazione da affittare fosse a norma dal punto di vista degli impianti elettrici (parliamo di un'abitazione degli anni 60) e lui mi tranquillizza al riguardo.
Due giorni dopo aver bloccato la casa in affitto con il versamento della cauzione, vengo chiamato in agenzia perché è sorto un problema: l'acquirente non è più sicuro di ottenere il mutuo e mi chiede di firmare un documento in cui io accetto di restituire parte della caparra confirmatoria nel caso in cui non ottenga il mutuo entro una certa data. Poiché avevo già bloccato la casa in affitto, chiedo all'agente immobiliare di far pazientare anche il proprietario della casa in affitto per venire incontro all'acquirente.
Passa il tempo senza avere notizie dall'acquirente, finché dopo vari solleciti ricevo una risposta dal suo consulente (Kiron) che mi dice che il mutuo è stato pre-approvato. Chiedo un documento a conferma di ciò e tale consulente mi invia un prospetto PIES dal quale si evince chiaramente che il mutuo viene richiesto al 100% gonfiando il valore dell'immobile.
Viene quindi condotta la perizia della banca e io nel frattempo firmo il contratto di affitto e verso la prima mensilità. Messo piede però nell'abitazione in affitto scopro vizi occulti quali la vetustà dell'impianto elettrico, risalente in larga misura agli anni 60. Al che invio richiesta al proprietario di tale abitazione di provvedere alla messa a norma di tale impianto oppure a procedere alla rescissione del contratto e alla restituzione delle somme versate. Faccio la stessa richiesta all'AI, il quale mi risponde che lui aveva dato solo rassicurazioni di carattere generale non essendo elettricista e che non mi avrebbe restituito la provvigione percepita in nero. Il proprietario dell'abitazione in affitto accetta invece di rescindere dal contratto e restituirmi le somme.
Purtroppo le sorprese non finiscono qui. L'acquirente infatti non ottiene il mutuo perché la valutazione del perito è al di sotto di quanto sperato. Accetto quindi di dargli altri due mesi per cercare una nuova banca. Nel frattempo, l'agente immobiliare viene meno alla sua parola e mi minaccia di farmi pagare le sue provvigioni per la vendita della mia casa, nonostante gli accordi fossero ben altri. A questo punto faccio una visura catastale dell'agenzia immobiliare e scopro che il loro codice ateco è il seguente: 68.1 (compravendita di beni immobili effettuata su beni propri), e non invece il 68.31.00 (ATTIVITÀ DI MEDIAZIONE IMMOBILIARE). Mi chiedo a questo punto se tale AI abbia effettivamente l'autorizzazione a operare in quanto tale, anche in considerazione di questa sentenza (https://www.mise.gov.it/images/stories/documenti/massimario-mediatori-2017.pdf) che dice come le due attività siano inconciliabili tra loro.
Grazie per l'aiuto che vorrete offrirmi
 

Umberto Granducato

Fondatore
Membro dello Staff
Agente Immobiliare
Non ho capito la domanda esatta però? Vuoi sapere se non devi pagare la mediazione? o come comportarti con l'acquirente?
 

Bruno1985

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Non ho capito la domanda esatta però? Vuoi sapere se non devi pagare la mediazione? o come comportarti con l'acquirente?
La domanda esatta è questa, non era difficile da trovare:
Mi chiedo a questo punto se tale AI abbia effettivamente l'autorizzazione a operare in quanto tale, anche in considerazione di questa sentenza (https://www.mise.gov.it/images/stories/documenti/massimario-mediatori-2017.pdf) che dice come le due attività siano inconciliabili tra loro.

Non ho capito la domanda esatta però? Vuoi sapere se non devi pagare la mediazione? o come comportarti con l'acquirente?
Percepisco un certo fastidio da parte sua alla mia domanda, come se io volessi non pagare un servizio ricevuto, quando invece è l'AI a essersi comportato in maniera scorretta.

Chiedo per cortesia che venga cancellata la discussione, in quanto è improbabile che riceva risposte professionali in questa sede.
grazie,
 

sgaravagli

Membro Attivo
Agente Immobiliare
la prossima volta firma incarichi scritti sarai sicuro di chi sta lavorando per te.

vai in camera di commercio e segnala questa persona se hai pagato cio' che non dovevi ti verra restituito....... a patto che entrambi abbiamo rispettato la legge
 

Umberto Granducato

Fondatore
Membro dello Staff
Agente Immobiliare
La domanda esatta è questa, non era difficile da trovare:
Mi chiedo a questo punto se tale AI abbia effettivamente l'autorizzazione a operare in quanto tale, anche in considerazione di questa sentenza (https://www.mise.gov.it/images/stories/documenti/massimario-mediatori-2017.pdf) che dice come le due attività siano inconciliabili tra loro.


Percepisco un certo fastidio da parte sua alla mia domanda, come se io volessi non pagare un servizio ricevuto, quando invece è l'AI a essersi comportato in maniera scorretta.

Chiedo per cortesia che venga cancellata la discussione, in quanto è improbabile che riceva risposte professionali in questa sede.
grazie,
Percepisci male.
Se hai avuto a che fare con un individuo che non è agente immobiliare, non dovrai pagare la mediazione.
 

francesca63

Membro Storico
Privato Cittadino
Accetto quindi di dargli altri due mesi per cercare una nuova banca.
Premesso che , se l'agente non è un "vero" agente, sei libero di non pagarlo per l'intermediazione, che senso aveva dare altri due mesi ad uno che il mutuo non potrà mai averlo ? Fatto per iscritto, o ancora a voce ?
Non hai pensato di tenerti la caparra, e cercare altro venditore, visto che l'acquirente si è dimostrato inadempiente ?
 

Bruno1985

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
***************************************************
la prossima volta firma incarichi scritti sarai sicuro di chi sta lavorando per te.

vai in camera di commercio e segnala questa persona se hai pagato cio' che non dovevi ti verra restituito....... a patto che entrambi abbiamo rispettato la legge
Grazie per la risposta..in realtà il problema è più ampio. Può tale agenzia operare senza averne l'autorizzazione? Non ci son

Premesso che , se l'agente non è un "vero" agente, sei libero di non pagarlo per l'intermediazione, che senso aveva dare altri due mesi ad uno che il mutuo non potrà mai averlo ? Fatto per iscritto, o ancora a voce ?
Non hai pensato di tenerti la caparra, e cercare altro venditore, visto che l'acquirente si è dimostrato inadempiente ?
Grazie per la risposta. Purtroppo ho firmato un compromesso e ricevuto la caparra confirmatoria, quindi da quel punto di vista sono obbligato a proseguire la vendita, o sbaglio?
 
Ultima modifica di un moderatore:

sgaravagli

Membro Attivo
Agente Immobiliare
Salve a tutti, circa 6 mesi fa ho dato mandato verbale a un AI
questo lo hai scritto tu nel primo post....... perché non hai sottoscritto l'incarico? sui moduli devono essere riportate le iscrizioni alla camera di commercio quindi avresti avuto la certezza di esserti affidato ad un agente immobiliare, avresti avuto tutte le garanzie che la legge prevede.
 

ab.qualcosa

Membro Storico
Agente Immobiliare
Mi chiedo a questo punto se tale AI abbia effettivamente l'autorizzazione a operare in quanto tale
Per quel che ne so l'unica cosa che non ha diritto a fare è percepire la provvigione.
Mi vien fatto di pensare che la persona fisica con cui hai interagito sia agente immobiliare in proprio.
In tal caso data anche la mancanza di riscontri cartacei, sarà più difficile obiettare rispetto al pagamento.
 

francesca63

Membro Storico
Privato Cittadino
Grazie per la risposta. Purtroppo ho firmato un compromesso e ricevuto la caparra confirmatoria, quindi da quel punto di vista sono obbligato a proseguire la vendita, o sbaglio?
Sbagli, la caparra serve proprio a incentivare le parti al rispetto del contratto, perché la perdono se non concludono la vendita (la perde l'acquirente se è colpa sua, deve rendere il doppio il venditore nel caso opposto).

Dipende da quanto firmato, dalla presenza o meno di condizioni sospensive, e dalle tempistiche scritte.
Nel compromesso c'è la data entro la quale fare il rogito; se a quella data l'acquirente non può acquistare, sei tenuto a inviare diffida ad adempiere entro 15 giorni, e, se non adempie, il contratto è risolto e ti puoi tenere la caparra.
Se hai dubbi vai da un avvocato, poiché mi pare che abbiate gia combinato pasticci, sicuramente mal consigliati.
 

Bruno1985

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Si ma
Sbagli, la caparra serve proprio a incentivare le parti al rispetto del contratto, perché la perdono se non concludono la vendita (la perde l'acquirente se è colpa sua, deve rendere il doppio il venditore nel caso opposto).

Dipende da quanto firmato, dalla presenza o meno di condizioni sospensive, e dalle tempistiche scritte.
Nel compromesso c'è la data entro la quale fare il rogito; se a quella data l'acquirente non può acquistare, sei tenuto a inviare diffida ad adempiere entro 15 giorni, e, se non adempie, il contratto è risolto e ti puoi tenere la caparra.
Se hai dubbi vai da un avvocato, poiché mi pare che abbiate gia combinato pasticci, sicuramente mal consigliati.
si ma poi ho dato ulteriori due mesi tramite scrittura privata per trovare un altro mutuo
 

Bruno1985

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Allora aspetta i due mesi, poi deciderai cosa fare; ma hai spostato la data per il rogito, o avete aggiunto una condizione sospensiva ?
abbiamo fatto una scrittura privata che recita che di comune accordo abbiamo spostato la data del rogito entro il 20 febbraio..

Per quel che ne so l'unica cosa che non ha diritto a fare è percepire la provvigione.
Mi vien fatto di pensare che la persona fisica con cui hai interagito sia agente immobiliare in proprio.
In tal caso data anche la mancanza di riscontri cartacei, sarà più difficile obiettare rispetto al pagamento.
Ho contattato il fiaip nazionale e regionale e mi hanno dato ragione. Il soggetto in questione non può operare come intermediario..

questo lo hai scritto tu nel primo post....... perché non hai sottoscritto l'incarico? sui moduli devono essere riportate le iscrizioni alla camera di commercio quindi avresti avuto la certezza di esserti affidato ad un agente immobiliare, avresti avuto tutte le garanzie che la legge prevede.
sono iscritti in camera di commercio, ma possono vendere solo immobili propri, non altrui..

Legge del 03/05/2019 n. 37
 

francesca63

Membro Storico
Privato Cittadino
abbiamo fatto una scrittura privata che recita che di comune accordo abbiamo spostato la data del rogito entro il 20 febbraio..
abbiamo fatto una scrittura privata che recita che di comune accordo abbiamo spostato la data del rogito entro il 20 febbraio..
Ok, quindi dopo il 20 febbraio saprai cosa fare.
Per il resto, se non sono iscritti come agenti immobiliari, sei libero di non pagarli.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Gli ingegneri di Roma critici sul DL semplificazioni: “per l'edilizia sarà peggio”
[ bit.ly/3iyXhKH ]
Buonasera vorrei avere informazioni circa la vendita di una casa popolare riscattata 13anni fa precisamente nel 2007. È vero che pur essendo passati 13anni l'istituto case popolari può sempre esercitare il diritto di prelazione pari al 10% degli estimi catastali e che si dovrebbe fare una raccomandata per rendere noto all'istituto dell'intenzione di vendere?
Alto