1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. frtd

    frtd Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Buongiorno,
    mia suocera vuol vendere (abbiamo escluso la donazione per ovvi motivi...) un piccolo bilocale a mia moglie, sua figlia, che risulterà seconda casa.
    E' vero, come afferma un amico, che per non avere successivi accertamenti fiscali basta moltiplicare la rendita catastale (335,70) x 126 e far pagare da mia moglie la cifra risultante (e relative tasse) o è necessario movimentare una somma di denaro superiore?
    Grazie
    Maurizio
     
  2. od1n0

    od1n0 Membro Senior

    Privato Cittadino
    Diciamo che se fosse inferiore a quel valore la cartella esattoriale e' quasi certa.
    Dichiarare quel valore in atto non ti mette comunque al riparo da eventuali accertamenti e contestazioni ma sicuramente e' meno probabile che vengano fatti.
     
  3. Manzoni Maurizio

    Manzoni Maurizio Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Qualsiasi cifra dichiariate sopra il valore di 42298 al fisco non cambierebbe nulla quindi penso si possa stare tranquilli.
     
  4. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Oppure effettuare una compravendita a valori di mercato ma dichiarando l'effettivo pagamento in denaro con cifre irrisorie, con obbligo di assistenza da parte della figlia.
     
    A MELISSA75 piace questo elemento.
  5. Sim

    Sim Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Mi spieghi meglio?
     
    A sarda81 e Damiameda piace questo messaggio.
  6. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    E' un argomento ampiamente trattato in altra discussione.
    La figlia/o garantisce un'assistenza in vita al genitore quantificandola e valorizzandola economicamente.
    Nel concreto con un esempio: valore immobile €. 100; valore assistenza in vita €. 90 e differenza di €. 10 con versamento all'atto.
    E' un contratto valido e inattaccabile dagli eredi o pretendenti a qualsiasi titolo e sopratutto già testato in atto pubblico.
     
    A POGGIBONSI CASE, cafelab, metrocubo e ad altre 7 persone piace questo elemento.
  7. mosca

    mosca Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Molto interessante.....questa me la ero persa....grazie Antonello !!
     
    A Antonello piace questo elemento.
  8. Sim

    Sim Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Me l'ero persa anche io. Grazie Antonello per questa informazione. :ok:
     
    A Antonello piace questo elemento.
  9. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Se occorre allego un compromesso.
     
    A Rosa1968 piace questo elemento.
  10. Damiameda

    Damiameda Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Grazie .
     
    A Antonello piace questo elemento.
  11. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    :ok:
     
  12. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Non mi fa caricare il file.
    Fa presente che il file che hai caricato non ha un'estensione consentita.
    E' di appena 50 Kb, in formato Word.
     
  13. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    copia e incolla...... :occhi_al_cielo:
     
  14. ludovica83

    ludovica83 Membro Vintage

    Privato Cittadino
    Si si grazie! Interessantissima questione.
     
  15. Damiameda

    Damiameda Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Si si si
     
  16. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Bene.
    Eccolo! ( Da compilare, integrarecon dati e frasi alla bisogna

    PRELIMINARE DI COMPRAVENDITA​


    Il giorno del mese di gennaio dell’anno 20, per il tramite dell’Agenzia Immobiliare , iscritta presso la Camera di Commercio di tra i Signori:

    - , da una parte, e

    - , dall’altra parte,

    - premesso:

    - che sono proprietari dell’immobile distinto all’Ufficio del Territorio di , Catasto Fabbricati, Comune di ;

    - che l’immobile sopradescritto è pervenuto, con atto pubblico a rogito del notaio ;

    - che intende acquistare detta unità immobiliare da .

    - che intendono vendere l’unità immobiliare sopra citata a .

    Tutto ciò premesso, stipulano e convengono quanto segue:

    1) La premessa è parte integrante e sostanziale della presente scrittura.

    2) I promettono di vendere e si impegnano a trasferire, riservandosi il diritto di usufrutto vita natural durante, detta unità immobiliare a che promette e si impegna ad acquistare la stessa unità immobiliare.

    3) L’acquisto è proposto a corpo e non a misura, come visto e gradito e nello stato di fatto e di diritto in cui esso oggi si trova.

    4) Il prezzo d’acquisto pattuito ed accettato dalle parti, nella sua globalità, è stato stabilito in così ripartiti:

    - per quanto riguarda il fabbricato, di cui €. sono relativi al diritto di usufrutto vitalizio ed €. sono relativi al diritto di nuda proprietà;

    - per quanto riguarda il terreno circostante il fabbricato, di cui €. sono relativi al diritto di usufrutto vitalizio ed €. sono relativi al diritto di nuda proprietà.

    5) Il corrispettivo, dovuto da per il trasferimento a loro favore del diritto di nuda proprietà, viene regolato tra le parti nei seguenti modi e condizioni:

    - €. sono versati in data odierna da , con assegno .

    La firma apposta in calce al presente preliminare, da parte dei comparenti, è ricevuta liberatoria di detta somma, che diventa a tutti gli effetti caparra confirmatoria.

    - quanto alla residua somma di dovuta da per il trasferimento a suo favore del diritto di nuda proprietà, la medesima cessionaria, sempre per le stesse quote sopra descritte, si obbliga per se stessa e per i loro successori a titolo universale, a provvedere, vita natural durante, all’assistenza morale e materiale della parte cedente ed in particolare a fornirle e prepararle con amorevolezza filiale il cibo, a prestarle le cure mediche e la necessaria assistenza diurna e notturna, ad effettuare le vacazioni necessarie al fine di reperirle i beni occorrenti per il soddisfacimento degli ordinari bisogni esistenziali, nonché alla pulizia della persona, del vestiario e della casa.

    L’obbligo di cui sopra s’intende assunto con riferimento alle prestazioni che esorbitano dal contenuto dell’obbligo alimentare di cui all’articolo 433 del Codice Civile, cui i sono tenuti nella loro qualità di figli dei coniugi.

    La prestazione dell’assistenza oggetto dell’obbligazione assunta da dovrà avvenire presso il domicilio della parte creditrice, più esattamente indicato nella comparizione.

    L’assistenza dovrà essere prestata, con piena efficacia liberatoria per la parte obbligata, anche mediante persona di loro fiducia, purchè gradita dalla parte creditrice.

    6) Qualora non adempia puntualmente l’obbligo assunto nel precedente articolo 5), la parte cedente potrà richiedere la risoluzione del presente contratto e, verificandosi tale ipotesi, la parte cessionaria sarà tenuta all’integrale risarcimento del danno subito dalla parte cedente, nonché a rifonderle le spese sostenute per la stipulazione dell’atto pubblico di vendita.

    La risoluzione si produrrà di fatto, ai sensi dell’articolo 1456 del Codice Civile, non appena la parte cedente manifesterà, anche in via stragiudiziale, la propria volontà di avvalersi della presente clausola risolutiva espressa, ma il diritto di chiedere la risoluzione sarà, in ogni caso, incedibile ed intrasmissibile agli eredi ed aventi causa a qualunque titolo.

    7) I beni di cui sopra saranno ceduti nello stato di fatto e di diritto in cui oggi essi si trovano, eccezione fatta per il diritto d’usufrutto innanzi citato, con ogni diritto, azione, ragione, accensione, pertinenza, servitù attiva e passiva, anche non apparente.

    Liberi da oneri e pesi, vincoli, iscrizioni ipotecarie, pignoramenti, iscrizioni pregiudizievoli.

    8) L’atto notarile per intestare l’immobile sarà perfezionato presso lo studio del notaio, di fiducia di , a semplice richiesta degli stessi.

    9) Sono a carico di le spese, le imposte e quant’altro necessario per il trasferimento della proprietà, ivi comprese quelle relative al rogito notarile.

    10) Qualsiasi controversia insorgente dall’interpretazione, esecuzione, risoluzione o validità della presente scrittura, sarà deferita al Tribunale di .

    11) I sottoscritti dichiarano di aver ricevuto l’informativa ed autorizzano il trattamento dei dati nelle modalità previste ed ai sensi della normativa del D.lgs 196 del 30 giugno 2003.

    Letto, confermato e sottoscritto dalle parti.
     
    A Sim e ludovica83 piace questo messaggio.
  17. ludovica83

    ludovica83 Membro Vintage

    Privato Cittadino
    @antonello domanda, ma si può fare anche nel caso in cui la persona goda di uno stato attuale di discreta salute?
    Cioè si parla di assistenza, ok... uno si può impegnare per un'assistenza futura? E nel caso in cui non si presta assistenza... cioè io sto bene, ma soffro di problemi cardiaci quindi un bel giorno mentre sto facendo la spesa accade il fatto... non è impugnabile?
    E' come dire che una persona si è impegnata per una possibilità futura di assistenza che però non è stata svolta in quanto non è un normale decorso della vecchiaia o di una malattia. Cosa accade? Può essere impugnato perché non è stata svolta l'assistenza? GRAZIE
     
  18. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    L'assistenza è intesa in senso lato: psicologica, morale e materiale, ecc.
    Assistenza è anche fare compagnia durante i pasti o nelle domeniche o altri giorni festivi a persona sana ma bisognosa di affetto (pensa a quanti figli abbandonano i genitori).
    Non corre l'obbligo che la persona da accudire sia obbligatoriamente malata.
    Può essere impugnato solo dal cedente e da nessuno al suo decesso.
    Già sperimentato con successo!!
     
    Ultima modifica di un moderatore: 29 Novembre 2013
    A Sim e ludovica83 piace questo messaggio.
  19. ludovica83

    ludovica83 Membro Vintage

    Privato Cittadino
    Ottimo, grazie. Un'ultima cosa, come si quantifica? Cioè qual'è il parametro di riferimento oggettivo? L'età della persona, costo medio di assistenza etc...
    Oppure non c'è parametro? Proporzione etc?
     
    A sarda81 piace questo elemento.
  20. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Se alla parte cedente interessa riservarsi l'usufrutto la compravendita si formalizza con i parametri indicati dalla normativa in merito.
    In caso contrario, per accordi privati.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina