1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. emme

    emme Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Gentili esperti del forum buongiorno.
    Chi sa dirmi se la pulizia della canna fumaria spetta al conduttore o al locatore?

    Ad inizio locazione i locatori hanno predisposto tutti gli impianti del loro appartamento a norma di legge, hanno revisionato la caldaia e ottenuto la certificazione energetica richiesta.
    Proprio in questi giorni però (che sfortuna!) la caldaia ha smesso di funzionare e i conduttori hanno chiamato uin tecnico di fiducia. Questi ha motivato il mancato funzionamento della caldaia a causa dell'intasamento della canna fumaria.
    Prendendo per buona la diagnosi del tecnico a questo punto chi deve pagare la pulizia della canna fumaria???
    Grazie mille per le risposte
     
  2. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Da quanto tempo utilizzano l'immobile gli inquilini?
     
    A emme piace questo elemento.
  3. emme

    emme Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Da 6 mesi. Contratto transirtorio di 18 mesi cesserà gennaio 2013. Grazie
     
  4. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Sei mesi sono abbastanza pochi per ostruire la caldaia, considerando che è stata utilizzata appieno solo per 3 mesi e mezzo( periodo invernale).
    Per questo motivo,dico che la pulizia è a carico del proprietario.
     
    A Manzoni Maurizio piace questo elemento.
  5. Pennylove

    Pennylove Membro Assiduo

    Privato Cittadino

    Nei contratti transitori (della durata da uno a diciotto mesi) - così come in quelli concordati (della durata di tre anni più due) e per studenti universitari (da sei mesi a tre anni) - la materia degli oneri accessori è regolata dall'art. 4 del decreto ministero delle Infrastrutture e dei trasporti del 30 dicembre 2002, emanato ai sensi dell'art. 4, comma 2, della legge 431/1998, che prescrive l'adozione della tabella degli oneri accessori (allegato G) allegata al decreto stesso:

    http://www.tutelati.it/alldm301202/allegato_G.pdf

    Ma i locatori quando hanno fatto revisionare la caldaia, hanno fatto anche controllare dal manutentore la canna evacuazione fumi (T Aria, T Fumi, O2, CO2, Rendimento, Perdite ecc)?
     
    A Limpida, emme e antonello piace questo elemento.
  6. emme

    emme Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Grazie. Prima di chiedere al forum infatti ho esaminato la tabella delle ripartizioni oneri ma non ero convinto se la la pulizia della canna fumaria fosse considerata spesa ordinaria... Grazie comunque a tutti
     
  7. Le spese di pulizia della canna fumaria sono a carico del conduttore, sempre.
     
    A emme piace questo elemento.
  8. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Il conduttore deve trovare l'immobile in perfetto stato di uso ed esente da difetti o da vizi.
    E' impossibile che in pochi mesi la canna fumaria si intasi a tal punto da bloccare la caldaia.
    Ciò vuol dire che la proprietà non ha fatto eseguire, prima della consegna dell'immobile, le opportune pulizie e pertanto sostengo che, in questo caso specifico, la pulizia della canna fumaria è a carico della proprietà.
     
  9. Manola 62

    Manola 62 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Parlando di contratto e' bene distinguere due casi, il classico contratto 4+4 a canone libero da quello a canone concordato, detto 3+2. Mentre per i primi infatti tutto dipende dalla contrattazione delle parti, nel secondo vi sono dei vincoli dettati a livello nazionale dal DM 30/12/2002, il cui allegato G contiene una tabella con la ripartizione degli oneri tra inquilino e proprietario. Nei contratti 3+2 viene di solito fatto riferimento a tale tabella che viene anche allegata ed e', evidentemente, vincolante.

    Riscaldamento, acqua calda, sanitari e condizionamento
    Al proprietario spetta:
    - installazione, rifacimento e manutenzione straordinaria degli impianti idrico, sanitario e gas, gli impianti di produzione dell'acqua calda e di condizionamento;
    - installazione e sostituzione dei contatori;
    - allacciamento della rete sino agli stessi contatori;
    - adeguamento degli impianti alla leggi vigenti;
    - sostituzione di caldaia, bruciatore e boyler;
    - ricostruzione dei rivestimenti refrattari;
    All'inquilino spetta:
    - manutenzione ordinaria degli impianti;
    - piccole riparazioni;
    - sostituzione di apparecchiature (valvole, saracinesche, pompe di circolazione, manometri, termometri avvolgimento elettrico, etc..) dovute a danno accidentale;
    - riparazione delle parti accessorie di cui al punto precedente;
    - adempimenti relativi al libretto della caldaia (manutenzioni periodiche e autocertificazione al comune);
    - retribuzione degli addetti alla manutenzione della caldaia;
    - acquisto di combustibile;
    - pulizia annuale dell'impianto per la messa a riposo stagionale di caldaie, bruciatori, canne fumarie etc;
    - riparazione del rivestimento refrattario;
    - costi di fornitura del calore -consumo combustibile, assistenza tecnica, forza motrice per il bruciatore;
    - spese di manutenzione e funzionamento dei depuratori dell'acqua;
    - piccola manutenzione e pulizia dei filtri dell'impianto di condizionamento e di depurazione dell'acqua;
    - manutenzione ordinaria e le piccole riparazioni e sostituzioni -negli impianti autonomi- per caldaia, bruciatore, tubazioni, radiatori, valvole, manopole;
    - compenso tecnici per il bilanciamento dell'impianto;
    - tassa ASL per la verifica dell'impianto caldaia;
    - lettura dei contatori.
     
    A STUDIO MAROCCO piace questo elemento.
  10. Mettiamola così: in questo caso il locatore ci ha marciato un po' sù, ha fatto il furbetto ;)
     
  11. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
  12. esse316

    esse316 Membro Junior

    Altro Professionista
    ma la canna fumaria era a norma?
    che tipo di combustibile usa la caldaia?
    se è gas e si intasa la canna fumaria c'è da preoccuparsi sul modo di funzionare della caldaia.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina