1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Maurizio22

    Maurizio22 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Buongiorno e salve a tutti.
    Volevo avere delle informazioni o degli aiuti su l'acquisto di una casa con un contratto di donazione dietro.
    Spiego la mia situazione:
    Siamo arrivati ad una settimana dal rogito e abbiamo tutte le carte per portarlo al termine, solamente venerdì la banca mi avverte che precisamente 11 anni fa è stato fatto un atto di donazione di un fratello all'altro (quello che attualmente mi sta vendendo l'immobile) e quest'ultimo fratello si è fatto prete ed è in missione in Africa. Mi dicono posso stare tranquillo sull'acquisto della casa perché, essendo prete ed essendo passati già 11 anni, rischio di eredi non ce ne sono.
    Però io acquistando la casa non sono sicuro al 100% che sia mia.
    Cosa mi consigliate? Cosa potrei fare per tutelarmi? Ad una settimana dal rogito mi posso rifiutare di andare avanti e usare la clausa della mancata erogazione del mutuo?
    Grazie in anticipo
    Maurizio
     
  2. francesca63

    francesca63 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Purtroppo non puoi stare molto tranquillo,poiché entro i 20 anni dalla donazione o i 10 anni dalla morte del donante,sono possibili azioni da parte degli eredi del donante.Il fatto che sia prete non esclude la possibilità di eredi futuri,ovviamente.
    Se poi ci sono altri fratelli o genitori viventi ,anche loro sono eredi,i cui diritti successori potrebbero essere lesi dall'avvenuta donazione.
    Certo ci sono situazioni molto più rischiose,ma la tranquillità totale non esiste neanche in questo caso.

    Alcuni notai suggeriscono di far fare al donatario una sorta di "donazione al contrario",per riportare la situazione come prima,e poi comprare da chi era il proprietario iniziale ,ritornato di nuovo proprietario.Altri suggeriscono di far firmare una fideiussione personale dagli eredi noti del donante,ma soluzioni ineccepibili per azzerare i rischi non sono del tutto chiare.
    Io di case frutto di donazione ne ho vendute alcune,ma ogni situazione è un caso a se,che va valutato attentamente con l'aiuto del notaio di fiducia.

    Questo per quanto riguarda i rischi.
    Per quanto riguarda il mutuo,se la banca te lo eroga ugualmente,nonostante la donazione,se non compri sei inadempiente,con le conseguenze del caso.
    Se invece nel contratto preliminare sottoscritto c'è una clausola sospensiva per l'erogazione del mutuo e la banca non eroga,il contratto non diventa efficace,non compri e non devi versare la caparra ne le provvigioni.
    Ma non avevate letto gli atti di provenienza dell'immobile?
    Ma c'è un'agenzia? Se si,cosa dicono?

    In ogni caso fatti consigliare dal notaio di fiducia,scelto da te.
     
  3. gardabusiness

    gardabusiness Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Vi è una nuova soluzione, abbastanza economica ed efficace: la polizza: io ho usato "donazione facile" recentemente: si fa tutto online. Meno di 1000 euro e scappa la paura
     
  4. francesca63

    francesca63 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    sono d'accordo,ma si fa la polizza (come dici prodotto nuovo e per ora poco conosciuto) proprio perché c'è un rischio.
    Se la banca dice "non c'è rischio perché il proprietario è un prete e quindi rischi di eredi non ci sono" ,in effetti non si dorme proprio tranquilli.

    Per curiosità,1000 euro per quale valore di casa ?
    e a quanti anni dal raggiungimento dei venti dalla donazione?
     
  5. gardabusiness

    gardabusiness Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    La polizza funzione bene: durata fino alla cessazione del rischio. quindi fino alla scadenza dei 20 anni dalla donazione o 10 dalla morte del donante: risarcimento di quanto il giudice dovesse assegnare all'eventuale erede circa la sua lesione di legittima. Il costo è precisamente di 800 euro fino a 250.000 di valore dell'immobile donato. pio sale ma non so dirvi come. Il notaio che fa l'atto redige una piccola certificazione della storia dell'immobile per la compagnia e a parte casi particolari l'assicurazione concede volentieri la polizza perchè il rischio che corre di pagare è molto remoto, rispetto ai premi che incassa: questo perchè il rischio è molto basso. Ovviamente per un acquirente singolo, pur rimanendo il rischio bassissimo, in caso di evenienza, vorrebbe dire, avere grossissimi problemi finanziari, cioè tirar fuori tanti soldini.
     
    A Bagudi piace questo elemento.
  6. francesca63

    francesca63 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    grazie mille dell'informazione @gardabusiness ,molto utile visto che hai fatto personalmente uso della polizza e non è solo un sentito dire.
     
  7. ab.qualcosa

    ab.qualcosa Membro Senior

    Agente Immobiliare
    In realtà bisognerebbe sentire qualcuno che abbia avuto bisogno di attivarla in caso di "sinistro" la polizza...
     
  8. francesca63

    francesca63 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    E' possibile che la facciano solo quando il rischio è bassissimo,quindi non si attiva mai.....nei casi particolari
     
  9. miciogatto

    miciogatto Membro Supporter

    Privato Cittadino
    E' bene ricordare che in caso di mutuo il beneficiario della polizza è, ovviamente, la banca. Giusto per saperlo.
     
    A ab.qualcosa piace questo elemento.
  10. gardabusiness

    gardabusiness Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    La polizza segue l'immobile, quindi la può già far emettere il donatario al momento della donazione. Nel mio caso è stata emessa poco prima della vendita con contraente l'acquirente stesso e beneficiario lui stesso, ma poteva essere fatta dal donatario che avrebbe nominato beneficiario l'acquirente: in caso di futura ulteriore vendita basterà cambiare il beneficiario. Quindi penso che possa essere vincolata anche a nome della banca in caso di mutuo che diventa quindi beneficiaria. Quello che conta è che è la polizza paga l'eventuale erede leso nella sua quota, poco conta chi sia i beneficiario: se la deve vedere la compagnia con l'erede lasciando indenne il proprietario della casa: non è una causa tra l' assicurato e il danneggiato che chiede un danno a lui e lui deve difendersi, l'assicurato è terzo, non è in lite con nessuno: l'erede deve fare una causa al donatario e avere una sentenza che gli attribuisca una somma: se il donatario non è solvibile allora l'erede leso potrebbe rivalersi sul terzo acquirente in buona fede (il beneficiario della polizza) e quindi interviene l'assicurazione che paga senza se e senza ma: quindi c'è poco da litigare.
     
  11. ab.qualcosa

    ab.qualcosa Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Tipico comportamento da assicurazione.
     
    A miciogatto piace questo elemento.
  12. miciogatto

    miciogatto Membro Supporter

    Privato Cittadino
    :^^::^^::^^:
     
    A ab.qualcosa piace questo elemento.
  13. miciogatto

    miciogatto Membro Supporter

    Privato Cittadino
    E' vero quel che dice ab, non abbiamo una storia (o almeno io non ce l'ho) di cosa davvero succede in caso di sinistro.

    E' però verissimo che la polizza aiuta molto, magari sarà solo a livello psicologico ma funziona. Io addirittura l'ho sfruttata senza pagarla.

    Mi spiego meglio. Per vendere un immobile di mia proprietà ho posto all'acquirente la questione in questi termini: o ti faccio io la polizza prima del rogito oppure ti faccio 1000 euro di sconto e la farai tu se e quando vorrai.

    Ha scelto la seconda ipotesi, ovviamente non c'era mutuo.
     
    A ab.qualcosa piace questo elemento.
  14. gardabusiness

    gardabusiness Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Cosa sarebbe il "Tipico comportamento da assicurazione"?
     
  15. ab.qualcosa

    ab.qualcosa Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Pagare senza fare resistenza passiva o trovare cavilli.
     
  16. gardabusiness

    gardabusiness Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    non è proprio tipico nella maggioranza dei casi (io sono molto anti-assicurazioni), ma in questo caso e atipico il caso e quindi diventa tipico il comportamento della compagnia: mettiamola cosi...
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina