• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

gtgt

Membro Attivo
Privato Cittadino
#1
Ciao a tutti,
ho questa situazione leggermente fuori tema che forse vi può essere capitata:
devo fare una proposta per l'acquisto di un immobile. L'inquilino ha detto che lascerebbe la cucina (mobili+elettrodomestici) dietro pagamento.
Sono 2 transazioni distinte, quindi nella proposta non devo fare menzione della cucina. Corretto?
Naturalmente, la cucina la prenderei solo se il proprietario accetta la proposta, per cui una transazione dipende dal buon esito dell'altra. Con l'inquilino basta l'accordo verbale o è meglio scrivere qualcosa?
La cucina sarebbe meglio pagarla subito dopo il rogito? Se per qualsiasi motivo il rogito non si dovesse fare, non vorrei aver comprato una cucina in casa di qualcun altro...

Un consiglio pratico:
credo che tutte le utenze siano intestate all'inquilino (che andrà via il 30 ottobre).
Dal punto di vista pratico è meglio che per il periodo tra il 30 ottobre e il rogito (che sarà a novembre) le utenze vengano volturate al proprietario per poi passare a me dopo il rogito oppure è meglio cessarle (per qualche settimana) per poi fare il subentro quando entrerò io?

Grazie mille per qualsiasi risposta a questo quesito "alternativo"
 

leolaz

Membro Assiduo
Agente Immobiliare
#2
corretto :ok:
Con l'inquilino basta l'accordo verbale o è meglio scrivere qualcosa?
meglio fare una scrittura privata, specificando anche la "conditio sine qua non" dell'acquisto dell'immobile
Dal punto di vista pratico è meglio che per il periodo tra il 30 ottobre e il rogito (che sarà a novembre) le utenze vengano volturate al proprietario per poi passare a me dopo il rogito oppure è meglio cessarle (per qualche settimana) per poi fare il subentro quando entrerò io?
a mio parere vi conviene lasciarle intestate all'inquilino fino al rogito così risparmierete una voltura (tempo e denaro). Fate una lettura dei contatori al 30 ottobre per risarcire eventualmente l'inquilino (anche se, essendo l'immobile disabitato, non dovrebbero esserci costi...)
 

dormiente

Membro Senior
Agente Immobiliare
#3
I costi ci sono lo stesso, anche se non consumi ti mandano regolarmente la bolletta a consumo zero con importo minimo di e 10,00. Fai di tutto per non far chiudere il gas.
 

dormiente

Membro Senior
Agente Immobiliare
#6
Deve ancora fare una proposta........potrebbe chiedere al proprietario dell'immobile, nella proposta, di farsi carico, dell'eventuale costo di subentro delle utenze ed a proprio nome, nel caso, la data del rogito non dovesse essere rispettata.
 

gtgt

Membro Attivo
Privato Cittadino
#7
Ciao, grazie per le risposte.
La proposta l'ho fatta martedì e lunedì/martedì prossimo mi danno la risposta.
Con l'inquilino, SE la proposta viene accettata, abbiamo stabilito di fare le volture (gas e corrente) a inizio novembre, cioè qualche giorno prima del rogito.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

costarelli ha scritto sul profilo di cristian casabella.
Ho un immobile artigianale-commerciale in un piccolo centro commerciale a bastia umbra (tra assisi e perugia) questo composto da 9 studi medici, una palestra,2 bagni e 2 spogliatoi oltre le zone comuni per un totale di 240 mq più 160 mq di terrazzo. E' affittato ad euro 1850+IVA mensili ad una società che svolge poliambulatorio medico con un contratto di 6 anni coperto da fideiussione. Prezzo 340000 rendita 6,5% anno
Alto