• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

elena696

Membro Junior
Privato Cittadino
Salve, mio nonno ha una casa, piano terra e piano superiore. E' una unica particella, quindi non è divisa, solo che il piano di sopra ha un contatore della luce a parte, infatti tempo fa mio nonno affittava la casa a terzi. Dopo una brutta esperienza ha smesso di affittarla. Ora io avrei la possibilità di andare a stare la, vorrei sapere se è possibile effettuare un contratto d'affitto nella stessa abitazione, risultando pero' come 2 nuclei separati, o è necessario avere un indirizzo diverso? vi ringrazio
 

elena696

Membro Junior
Privato Cittadino
Ah, siccome avevo letto che l'affitto all'interno della stessa abitazione tra parenti implicava anche unire il nucleo familiare, allora per quanto riguarda i nonni non vale, per parenti si intendono parenti stretti padre/madre figlio/figlia oppure ho capito male?
 

plutarco

Membro Attivo
Privato Cittadino
Però, forse, facendo fare al nonno solo il contratto sulla porzione effettivamente occupata dalla postante, potrebbe andare in comune dichiarando di risiedere "singolarmente" nella sola porzione da lei occupata.
 

elena696

Membro Junior
Privato Cittadino
La parte superiore ha cucinotto e bagno oltre a un soggiorno col letto.
Plutarco se fattibile potrebbe essere un opzione
 

PyerSilvio

Nuovo Iscritto
Agente Immobiliare
Temo formereste un unico nucleo famigliare, essendo parenti.
MA NO.

Il nonno puo' affittare o concedere alla nipote senza il bisogno di nessun contratto ne ingerenza tra nuclei familiari diversi.

Il vincolo parentale porta solo vantaggi e non svantaggi.

Se non e' previsto nessun canone, basta una scrittura privata, tra nonno e nipote.
Essendo una discendente diretta, la circostanza rientra nelle prassi di successione, a titolo particolare.

Se invece e' previsto il canone si procede con un normale contratto.
Inserendo il subalterno della casa intera non se ne accorge nessuno.

Tanto e' vero che il nonno nel passato ha sempre affittato.
Probabilmente indicando l'intero.

Diversamente Francy, anche nel passato, avrebbe dovuto inserirsi o far subentrare i suoi inquilini, formando un unico nucleo familiare.
 

elena696

Membro Junior
Privato Cittadino
'Inserendo il subalterno della casa intera' , cioè? In caso di contratto di locazione col canone quindi possiamo avere 2 nuclei distinti?
 

PyerSilvio

Nuovo Iscritto
Agente Immobiliare
'Inserendo il subalterno della casa intera' , cioè? In caso di contratto di locazione col canone quindi possiamo avere 2 nuclei distinti?
Fai il contratto normalmente e lo registri col subalterno della casa intera.

Come tuo nonno avra' sempre fatto da decenni.

Non se ne accorge nessuno Elena.
 

francesca63

Membro Storico
Privato Cittadino
Fai il contratto normalmente e lo registri col subalterno della casa intera.

Come tuo nonno avra' sempre fatto da decenni.

Non se ne accorge nessuno Elena.
Finché il nonno affittava ad estranei, come locazione di parte di immobile, figuravano due nuclei famigliari.
Ma se affitta alla nipote, essendo legati da vincoli di parentela , formerebbero in solo nucleo anagrafico.
Dichiarare il falso a questo proposito è un reato.
Poi uno può fare quello che vuole, prendendomene la responsabilità.
Ma deve essere consapevole delle regole e dei rischi.
 
Ultima modifica:

PyerSilvio

Nuovo Iscritto
Agente Immobiliare
Finché il nonno affittava ad estranei, come locazione di parte di immobile, figuravano due nuclei famigliari.
Ma se affitta alla nipote, essendo legati da vincoli di parentela , formerebbero in solo nucleo anagrafico.
Dichiarare il falso a questo proposito, configura reato penale .

Poi uno può fare quello che vuole, prendendomene la responsabilità.
Ma deve essere consapevole delle regole e dei rischi.
Il nonno, probabilmente affittava ad estranei, lo stesso subalterno suo, che ora affitterebbe alla nipote.

Se affitava come porzione di immobile prima, potrebbe continuare a farlo tranquillamente pure ora, anche ad un parente.
La legge non lo vieta.

Come potrebbe benissimo affittare l'unita' distinta.
A parenti o ad estranei che siano poco importa.
Basta che i due subalterni siano identificati.

Se tua nonna va' al ricovero o a casa di tua mamma a farsi accudire e, per cio' ti lascia la sua o le sue case a te e a tua figlia in comodato o in locazione;
Non dovete per forza risultare tutti nello stesso stato di famiglia, tu, tua nonna, tua figlia, tuo genero e i tuoi nipotini/e..
o no..??

L'unica circostanza "border line" resta la mancata distinzione/ identificazione dei subalterni.

"Delitto", probabilmente gia' stra reiterato e che resterebbe tale, sia in presenza di parenti che di estranei.

A meno che non ci vuoi venire a dire, che ammazzare o ferire un estraneo, sia meno grave o addirittura lecito, che infierire su un parente.
 
Ultima modifica:

eldic

Membro Storico
Privato Cittadino
Finché il nonno affittava ad estranei, come locazione di parte di immobile, figuravano due nuclei famigliari.
Ma se affitta alla nipote, essendo legati da vincoli di parentela , formerebbero in solo nucleo anagrafico.
Dichiarare il falso a questo proposito, configura reato penale .

Poi uno può fare quello che vuole, prendendomene la responsabilità.
Ma deve essere consapevole delle regole e dei rischi.
la sapevo anch'io così; ovviamente accade solo nel momento in cui si sposta la residenza (e questo sarebbe il caso).
poi va da sè che, prima ancora di valutare le conseguenze dal punto di vista penale, bisognerebbe capire se l'anagrafe ha modo di incrociare i dati e accorgersi dell'illecito.

di fatto credo non siano poi così pochi i figli maggiorenni che, pur vivendo con i genitori, cercano di costituire nucleo familiare a se stante per usufruire dei vari sgravi fiscali.
non ho idea se effettivamente ci riescano.
 

PyerSilvio

Nuovo Iscritto
Agente Immobiliare
la sapevo anch'io così; ovviamente accade solo nel momento in cui si sposta la residenza (e questo sarebbe il caso).
..e come la sapevi @eldic ..?

Che una famiglia non ha il diritto di tenersi una propria abitazione affidandola e concedendola in affitto o in comodato gratuito ad un proprio congiunto..??

Lo spostamento della residenza del congiunto determina perfino delle agevolazioni sulle imposte.
Ogni comune applica la propria aliquota.

Tanto che a volte, resta perfino sconveniente fare contratti di locazione tra parenti, perche' il canone (generalmente di favore) concordato, non copre l'onere fiscale.
 

francesca63

Membro Storico
Privato Cittadino
Se affitava come porzione di immobile prima, potrebbe continuare a farlo tranquillamente pure ora, anche ad un parente.
La legge non lo vieta.
Certo.
Ma se affitta ad un parente, faranno parte dello stesso nucleo famigliare.
Come potrebbe benissimo affittare l'unita' distinta.
A parenti o ad estranei che siano poco importa.
Basta che i due subalterni siano identificati.
Non lo sono.
L'unica circostanza "border line" resta la mancata distinzione/ identificazione dei subalterni.
A me sembra “al di là della “line”.
A meno che non ci vuoi venire a dire, che ammazzare o ferire un estraneo, sia meno grave o addirittura lecito, che infierire su un parente.
Non lo dico io, sono le norme.
Se vici nella stessa unità famigliare con parenti, siete un solo nucleo famigliare.
Lo spostamento della residenza del congiunto determina perfino delle agevolazioni sulle imposte.
Ogni comune applica la propria aliquota.
Non nel caso in discussione , visto che il nonno ( residente lì), è già esente da imposte.
 

eldic

Membro Storico
Privato Cittadino
..e come la sapevi @eldic ..?

Che una famiglia non ha il diritto di tenersi una propria abitazione affidandola e concedendola in affitto o in comodato gratuito ad un proprio congiunto..??

Lo spostamento della residenza del congiunto determina perfino delle agevolazioni sulle imposte.
Ogni comune applica la propria aliquota.

Tanto che a volte, resta perfino sconveniente fare contratti di locazione tra parenti, perche' il canone (generalmente di favore) concordato, non copre l'onere fiscale.
certo che si.
quando l'abitazione non sia la stessa dove la famiglia stessa vive.
non è questo il caso.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Ciao a tutti, dovrei acquisire una quota di proprietà di un immobile di cui sono già erede , desideri sapere i costi notarili prima di accettare la quota.
Ho bisogno di una consulenza
Alto