1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. seiya79

    seiya79 Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Salve a tutti. Sto vendendo un appartamento Prima dei cinque anni, con la normativa sopra menzionata bisogna pagare il 30% della sanzione o con la relativa norma la sanzione è stata abrogata? perchè il Notaio mi riferisce che si deve pagare. Cosa ne pensate Grazie
     
  2. andrea boschini

    andrea boschini Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    SE NON COMPRI ENTRO UN ANNO DEVI PAGARE il 6% che non hai pagato oltre alla mora del 30%, alcuni notai richiedono comunque copertura finanziaria ( anche se dichiari di ricomprare ) sini all'avvenimento dell'acquisto.
     
  3. seiya79

    seiya79 Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    il contribuente può manifestare la sua intenzione di
    non procedere all’acquisto di un nuovo immobile mediante presentazione di
    un’apposita istanza all’ufficio presso il quale l’atto di vendita dell’immobile
    acquistato con il beneficio è stato registrato, chiedendo la riliquidazione
    dell’imposta dovuta.
    Successivamente, l’ufficio procederà alla predetta riliquidazione dell’atto
    di compravendita ed alla notifica dell’avviso di liquidazione dell’imposta dovuta
    e degli interessi calcolati a decorrere dalla data di stipula dell’atto di acquisto
    dell’immobile oggetto di agevolazione, senza applicare la sanzione del 30 per
    cento.

    riporto parte finale del testo in questione. Fonte: Agenzia delle entrate.
     
  4. andrea boschini

    andrea boschini Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    conosco piu' di una persona che gli e' arrivata comunque la sanzione di more...purtroppo
     
  5. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    il 30% se pagato entro 60 gg dalla notificaviene ridotto di parecchio ovvero al 7,5%
    Ri-vendita della prima casa prima di 5 anni senza riacquistare: se vendete la prima casa prima dei “fatidici” 5 anni e non riacquistate niente, oppure se riacquistate, ma dopo più di un anno, la situazione è molto penalizzante per voi. L’Agenzia delle Entrate infatti vi chiederà indietro il beneficio ricevuto in fase di acquisto, ovvero la differenza di tassazione tra prima e seconda casa che, indicativamente, può essere quantificata in circa il 7% del valore di acquisto dell’immobile. Ad esempio, nel caso di acquisto senza IVA: 7% anzichè 3% sull’imposta di registro; 2% anzichè 168,00 € sull’imposta ipotecaria; 1% anzichè 168,00 € sull’imposta catastale. A questa cifra dovrete sommare gli interessi legali dal giorno dell’atto al momento del pagamento, ed una sanzione del 30% che tuttavia è ridotta al 7,5% se si provvede al pagamento del dovuto entro 60 giorni dalla notifica.
    Per inciso, ricordiamo che questa sanzione viene comminata anche nel caso di revoca delle agevolazioni prima casa per false dichiarazioni o mancato trasferimento della residenza nel comune dell’immobile entro 18 mesi.
    In aggiunta, ci sarà da pagare la differenza anche sull’imposta sostitutiva sul mutuo, dallo 0,25% al 2% dell’importo ottenuto con il mutuo, con le medesime penali.
     
  6. andrea boschini

    andrea boschini Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    per chi ne avesse voglia ...alcune sentenze sui benefici che dicono tutto e il loro contrario...

    (Cass, sezione tributaria, sent. 7 luglio 2000, n. 9150)

    (Cass. 1196/2000, Cass. 12988/2003)

    (Cass. Sezioni Unite, decisione del 21 novembre 2000, n. 1196).

    (sent. 10 settembre 2004 n. 18300)

    Infatti, la Corte ha precisato che i benefici prima casa “ … possono essere conservati soltanto qualora la finalità dichiarata dal contribuente nell’atto di acquisto, di destinare l'immobile a propria abitazione, venga da questo realizzata entro il termine di decadenza del potere di accertamento dell'Ufficio in ordine alla sussistenza dei requisiti per fruire di tali benefici (che con riferimento all'imposta di registro è di tre anni dalla registrazione dell'atto) (Cass. nn. 9149/2000, 9150/2000, 5297/2001, 8163/2002, 3604/2003)” e “se il legislatore non ha fissato un termine entro il quale si deve verificare una condizione dalla quale dipende la concessione di un beneficio, tale termine non potrà mai essere più ampio di quello previsto per i controlli” (Cass. 7 luglio 2000, n. 9194, Cass. 12 marzo 2003, n. 3604)....e non finisce qui.;)

    Questo per dire cosa...che per quanto possa sembrare banale l'articolo sulle agevolazioni d'imposta, esistono decine di interpretazioni:disappunto: come sempre all'italiana
     
  7. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    infatti il termine non è da intendendersi perentorio
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina