• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

RobertodaBangkok

Membro Assiduo
Agente Immobiliare
Qualche volta la trattativa non l ho fatta con il cliente compratore. L ho fatta con un preparatissimo collega straniero. Come avviene..vediamo..Il cliente compratore incarica un AI di trovare la casa che ha in mente: questo una volta individuata sii occupa di segnalarla ed di organizzare la visita. Se c'e'gradimento il collega mi contatta ed inizia la trattativa. Non c'e' Lopescio quindi si va subito al sodo. " Ciao Truce, la casa e' in ordine ? " " Si collega click e trasmetto subito sul suo terminale tutto l incartamento" OK..Ci si vede a cena e si passa al saliente. " Truce a quanto puoi accettare una proposta, in che termini e con quale speranza ?" " A la vuole a tutti i costi B la vuole solo intorno a questi prezzo " Facile, diretto, rapido. Il collega SA' esattamente i margini che ha ( per incarico conferitogli) e rappresenta in pieno la sua parte. Firma per conto e in paesi piu evoluti invia direttamente la somma ad un conto ad hoc. Chiamiamolo conto depositi. Io so cosa rispondere, lui sa cosa chiedere. Tutto facile si passa allo step successivo. Il giorno dopo trasmetto un SI / NO / SI CON RITOCCO. Lui viene pagato a parte ( anche se generalmente un regalo e' uso farlo per stima reciproca) e io un piccolo sconto lo faccio volentieri. In italia potrebbe benissimo essere..con qualche aggiustamento: ci si leverebbe Lopescio di torno e le cose andrebbero dritte come un missile. Mi chiedo perche da noi non si usi: per lo meno in via formalizzata. I buyers migliori incassano tranquillamente un tot USD a trattativa e ne hanno in piedi diverse, forse da noi occorrerebbe un cambio di pensiero..Ovviamente il collega venditore italiano la sua provvigione non la molla...e forse Lopescio ama girare a farsi mandare al diavolo ritenendo che paghera gia abbastanza.....ma se si trovasse un accordo ? Chiaro che il pezzo migliore egoisticamente non lo faccio fruttare meno per il buyer di mezzo...( scordarsi il 3% al volo proprio a meno che non mi togli una ciofeca galattica invendibile) ma un po da uno e un regalo mio.....forse potrebbe nascere una nuova figura. Cosa ne pensate ? Chiaro che funziona su case di un certo pregio..pero' e' solo un'idea vista all estero. Tutto qui..
 

PyerSilvio

Membro Storico
Agente Immobiliare
. In italia potrebbe benissimo essere..con qualche aggiustamento: ci si leverebbe Lopescio di torno e le cose andrebbero dritte come un missile.
In Italia le cose funzionano cosi' gia' da lustri.

Soprattutto ed in special modo nelle transazioni di prestigio.
Strano, se le tratti quotidianamente, che non te ne sia ancora accorto.

Di solito, questi soggetti, quando si arriva al "saliente", incaricano i loro legali di fiducia, che intervengono con pieni poteri di rappresentanza.
Senza dover fare regalini e regalucci.

Se vai smanettando, tra qualche mio intervento, puoi trovare un episodio che mi capito' in passato.

Quando una segretaria personale, di una donna facoltosa, venne in agenzia per visitare alcune soluzioni indipendenti.
Durante le visite, nel tragitto in auto, continuava facendo la splendida nei suoi vestiti firmati, lamentando che quanto avesse visto era troppo modesto per la sua mandante, che quando andava dal parrucchiere prendeva l'aereo per Parigi.

Cosi', su due piedi, le proposi e le mostrai un attico esclusivo con 300mq di terrazzo.
680mila euro la richiesta.
Ma visto che faceva tanto la splendida le dissi che costava 780.

Due settimane dopo, avanzarono la proposta a 750 e successivamente, preliminare e rogito, con l'intervento degli avvocati.

La signora facoltosa non l'ho mai vista in faccia
 

Giuseppe Di Massa

Membro Assiduo
Agente Immobiliare
Qualche volta la trattativa non l ho fatta con il cliente compratore. L ho fatta con un preparatissimo collega straniero. Come avviene..vediamo..Il cliente compratore incarica un AI di trovare la casa che ha in mente: questo una volta individuata sii occupa di segnalarla ed di organizzare la visita. Se c'e'gradimento il collega mi contatta ed inizia la trattativa. Non c'e' Lopescio quindi si va subito al sodo. " Ciao Truce, la casa e' in ordine ? " " Si collega click e trasmetto subito sul suo terminale tutto l incartamento" OK..Ci si vede a cena e si passa al saliente. " Truce a quanto puoi accettare una proposta, in che termini e con quale speranza ?" " A la vuole a tutti i costi B la vuole solo intorno a questi prezzo " Facile, diretto, rapido. Il collega SA' esattamente i margini che ha ( per incarico conferitogli) e rappresenta in pieno la sua parte. Firma per conto e in paesi piu evoluti invia direttamente la somma ad un conto ad hoc. Chiamiamolo conto depositi. Io so cosa rispondere, lui sa cosa chiedere. Tutto facile si passa allo step successivo. Il giorno dopo trasmetto un SI / NO / SI CON RITOCCO. Lui viene pagato a parte ( anche se generalmente un regalo e' uso farlo per stima reciproca) e io un piccolo sconto lo faccio volentieri. In italia potrebbe benissimo essere..con qualche aggiustamento: ci si leverebbe Lopescio di torno e le cose andrebbero dritte come un missile. Mi chiedo perche da noi non si usi: per lo meno in via formalizzata. I buyers migliori incassano tranquillamente un tot USD a trattativa e ne hanno in piedi diverse, forse da noi occorrerebbe un cambio di pensiero..Ovviamente il collega venditore italiano la sua provvigione non la molla...e forse Lopescio ama girare a farsi mandare al diavolo ritenendo che paghera gia abbastanza.....ma se si trovasse un accordo ? Chiaro che il pezzo migliore egoisticamente non lo faccio fruttare meno per il buyer di mezzo...( scordarsi il 3% al volo proprio a meno che non mi togli una ciofeca galattica invendibile) ma un po da uno e un regalo mio.....forse potrebbe nascere una nuova figura. Cosa ne pensate ? Chiaro che funziona su case di un certo pregio..pero' e' solo un'idea vista all estero. Tutto qui..
Si faciliterebbe. Io lo faccio per gli investitori, vado io a vedere le case dalle agenzie e quando la trovo l'investitore la compra dopo che io ho concordato tutte le condizioni con l'altro agente, cosa facile, veloce e sicura. La legge italiana, dando la possibilità all'agente incaricato della vendita di prendere le provvigioni da entrambe le parti, porta a considerare questa opportunità come la perdita di parte della provvigione, anche perchè è così veramente visto che chi cerca gli immobili non si fa quasi mai pagare a parte ma chiede parte della provvigione complessiva. Ad esempio io non la chiedo, l'agenzia si fa pagare dal "mio" investiotre quello che vuole e lui paga me a parte (e poi mi da l'immobile ristrutturato da vendere)
 

francesca63

Membro Storico
Privato Cittadino
Dipende sempre dal singolo interlocutore: si trovano persone non competenti che si fidano dell’agente senza fare difficoltà, e si trovano avvocati che credono di essere fin troppo importanti, e la mettono giù dura anche quando non serve , solo per giustificare il proprio intervento.
A volte un cliente mi diceva “faccio leggere il contratto al mio avvocato”, e poi quello cambiava giusto una virgola , così...giusto per dire che qualcosa andava rivisto...
Sono le persone che fanno la differenza, non le qualifiche ...
 

RobertodaBangkok

Membro Assiduo
Agente Immobiliare
Dipende sempre dal singolo interlocutore: si trovano persone non competenti che si fidano dell’agente senza fare difficoltà, e si trovano avvocati che credono di essere fin troppo importanti, e la mettono giù dura anche quando non serve , solo per giustificare il proprio intervento.
A volte un cliente mi diceva “faccio leggere il contratto al mio avvocato”, e poi quello cambiava giusto una virgola , così...giusto per dire che qualcosa andava rivisto...
Sono le persone che fanno la differenza, non le qualifiche ...
Purtroppo in Italia si. Vedo invece che negli States c e una certa uniformita'. Cambia l abbigliamento e l atteggiamento questo si ...Mi e capitata una certa Nancy di Miami, con la quale siamo diventati amici di famiglia, che si e' presentata in pantaloncini e tennis al grido di " Holla atcha mi herma !" e giu tutta la trattativa in spanenglish con l accordo formale in inglese e spagnolo. (meno male che li vado molto forte ) A NYC un tal Bruce e riuscito a venire in giacca e cravatta alle 9.30 pm ( come dicono loro ) parlando due ore a cena di come noi ci vestiamo meglio, del Bulova che e' meglio del Rolex e della Ferrari che vorrebbe comprare a fine carriera..POi finalmente Air in mano e l accordo era gia pronto: due dettagli da modificare...ed inviato.. ALLA STAMPANTE DEL RISTORANTEEEEEEE !!!! Firma e timbri in valigetta. Here we are colleague, go on ! FANTASTICOOOOOOOOOO Un altro pianeta totalmente: tra l altro ( meno male ) siamo visti come degli ottimi professionisti e come persone splendide. Con la collega donna solo ll porgere la sedia al ristorante o aprire la portiera dell auto la fa gia pensare che il Colosseo lo vendiamo noi . Un fiore e un biglietto per ringraziare la segretaria ti procura praticamente una "linea diretta" perenne. Nel complesso li ho trovati MOLTO FORTI e come ripeto TUTTI PREPARATISSIMI.

Si faciliterebbe. Io lo faccio per gli investitori, vado io a vedere le case dalle agenzie e quando la trovo l'investitore la compra dopo che io ho concordato tutte le condizioni con l'altro agente, cosa facile, veloce e sicura. La legge italiana, dando la possibilità all'agente incaricato della vendita di prendere le provvigioni da entrambe le parti, porta a considerare questa opportunità come la perdita di parte della provvigione, anche perchè è così veramente visto che chi cerca gli immobili non si fa quasi mai pagare a parte ma chiede parte della provvigione complessiva. Ad esempio io non la chiedo, l'agenzia si fa pagare dal "mio" investiotre quello che vuole e lui paga me a parte (e poi mi da l'immobile ristrutturato da vendere)
I collegh statunitensi vengono pagati a parte. A differenza dell amico avvocato che "da un occhiata" GRATIS..sono professionisti MOLTO PREPARATI che ricevono una parcella per evitare perdite di tempo e possibili malintendimenti. Non essendoci una vera e propria figura di NOTAIO le cause generate da lite da compravendita sono all ordine del giorno. Grazie ai Buyers la percentuale si avvicina alle nostre o MENO.
 
Ultima modifica:

RobertodaBangkok

Membro Assiduo
Agente Immobiliare
Si. E' uno slang che diciamo conosco molto approfonditamente.Si parla a Miami. Viene riportato senza e ma la forma in uso include la "e" che e' muta. IL truce non ha mai detto di essere proprio del tutto italiano, almeno non come si potrebbe pensare..https://it.wikipedia.org/wiki/Spanglish
 

RobertodaBangkok

Membro Assiduo
Agente Immobiliare
Ni capaz de meter cocos en la mata pero pateando feliz por la Ocean a formar arroz con mango enseñando al Felix como se sube. Mi madre los pitufos esos..Que la del Cobre no te quite la mano que si no el camajan te va a quitar la corbata sin que ni te das cuenta. Ven nene, que aqui te esperamos. Tus camajancitos :sorrisone: :sorrisone: :sorrisone: :sorrisone: :sorrisone:
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

I carciofi sono nella casseruola. Ripeto. I carciofi sono nella casseruola.
Monypenny ha scritto sul profilo di francesca63.
Buongiorno Francesca
In data 31 luglio 2019 ho stipulato un preliminare tramite agenzia con una società srl, per l'acquisto di una unità immobiliare, facente parte di un blocco di 8. Si trattava di un acquisto su progetto, in quanto al momento della firma nulla era fisicamente esistente.
Alto