1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. giobaxx

    giobaxx Membro Junior

    Privato Cittadino
    Salve a tutti,

    Oggi ho letto il mio 730 e mi è preso un mezzo spavento, nel senso che mi troverò trattenuto dal mio stipendietto la bellezza di un "saldo e primo acconto" da 718 euro ed un secondo o unico acconto di 377 euro, per un totale di 1095 euro.

    Il 2014 sono stato tutto l'anno in cassa integrazione e per limitare i danni ho affittato l'appartamento(dal 1 giugno 2014 al 31 maggio 2015) con cedolare secca per un canone complessivo di 3150 euro(tra giugno e dicembre 2014). Visto che l'aliquota mi sembra sia al 21% pensavo che avrei dovuto dare indietro 662 euro e non 1095.

    Tra l'altro nelle voci del 730 c'è proprio questo

    Cedolare secca 662 euro
    con
    Prima rata acconto cedolare secca per il 2015 252 euro
    Seconda unica rata acconto cedolare secca per il 2015 377 euro


    A parte che la somma tra 252 e 377 da 629 ero e non 662 dunque mi aspettavo di pagare come primo acconto i 252 euro e come saldo 377 euro.
    Ora il saldo è effettivamente 377 euro mentre il primo acconto è di ben 718 euro invece dei 252 e non capisco proprio da dove arrivino. Come detto sono stato in cassa integrazione ed ovviamente ho avuto il prelievo alla fonte e non ho altre fonti di reddito. Potrebbe essere un qualche anticipo sulla cedolare secca per il prossimo anno??

    ............mah......

    Grazie GIovanni
     
  2. dormiente

    dormiente Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Mi sono divertito a fare i conti e mi sembrano corretti.......
    Perché....per l'affitto del 2014,dovresti pagare una cedolare secca di € 662,00.
    La paghi in due rate al 95% ed ecco che viene fuori:
    1° rata acconto del 40% € 251,56( 252,00)
    2° rata acconto del 60% € 377,34( 377,00).
    Il saldo ( 10%) entro giugno dell'anno successivo, cioé 2015) dovrebbe essere di € 33,00 Non c'è notizia del saldo?
    Poi dovresti pagare l'acconto del 2015...




    .
     
  3. giobaxx

    giobaxx Membro Junior

    Privato Cittadino
    Sono fuori sede per lavoro cmq oggi mia sorella dovrebbe andare a chiedere delucidazioni al CAF. Sicuramente hanno fatto bene i conti solo vorrei capire bene da dove vengono quei circa 466 euro in più.

    Comunque nel quadro Risultato della Liquidazione del 730 alla voce

    Importo che sarà trattenuto dal datore di lavoro o dall'ente pensionistico in busta paga ho
    un saldo e primo acconto di 718 euro (e non di 252 euro come mi aspettavo)
    ed un secondo o unico acconto di 377 euro.


    Quindi quei 466 euro in più potrebbero essere un acconto sul prossimo anno?
    Su 3150 euro guadagnati tra IMU e IRPEF quest'anno ne darò indietro 1600 circa..MAh...
     
  4. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    L'importo di 662€ (3150 *21%) si riferisce al saldo 2014, dove sicuramente non avevi versato alcun acconto.

    Per il 2015 sei tenuto a versare, a giugno e dicembre l'acconto relativo al 2015, che viene calcolato su base storica, cioè al 95% della cedolare 2014 dovuta/versata: anche i due importi successivi sono quindi esatti.
    A giugno 2016 opererà il saldo sull'imposta cedolare relativa al 2015, dove si terrà conto dei due acconti suddetti.

    HAI PERO' UNA POSSIBILITA'

    Se prevedi per il 2015 di non affittare il tuo alloggio, e/o avere un introito tassabile inferiore, puoi versare acconti inferiori sulla base di quanto presumi sarà il canone percepito nell'intero 2015.

    Sul 730 rimarranno indicati gli importi calcolati su base storica: i tuoi versamenti potranno differire ed essere inferiori (attento però che in questo caso se viceversa gli introiti risultassero superiori allo storico cadresti in una insufficiente versamento di acconti sanzionabile.

    Non so dirti invece quale sia la procedura per segnalare al tuo sostituto d'imposta attuale (Inps? Tuo Datore lavoro?) di non trattenere e versare gli acconti 2015 succitati, ma una cifra inferiore.
    Chiedi a loro o ad un CAF.
     
    A dormiente piace questo elemento.
  5. giobaxx

    giobaxx Membro Junior

    Privato Cittadino
    Si si....era la casa dove abitavo quando lavoravo a Genova, visto che ero in CIGS la ho affittata e lo scorso anno è stato il primo anno di affitto.
    Il Contratto andava dal 01/06/2014 al 31/05/2015. Ora lo ho rinnovato per un altro anno e cioè dal 01/06/2015 al 31/05/2016. Anche perché con l'affitto ci copro il mutuo. In questo momento lavoro ma in modo molto precario in un'altra città.

    Quindi i 622 sono del 2014...quei 466 euro si riferirebbero ad un anticipo del 2015?

    Ma il 730 non si riferisce ai redditti percepiti nel 2014.....
     
  6. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Non entro nel merito della tipologia di contratto di locazione da te adottato, che appare di tipo transitorio, e deve avere durata max di 18 mesi.

    Nelle condizioni da te specificate, gli acconti 2015 sono dovuti: potrai eventualmente bloccare e modificare quello di dicembre se l'inquilino dovesse lasciare l'alloggio anzitempo.

    Il 730 si riferisce ai redditi 2014: ma lo stato si fa anticipare per il 2015 acconti pari al 95% (40% di 95% a giugno, 60% di 95% a dicembre): in sostanza a fine anno si versa per cedolare o per IRPEF ordinaria (99%) quasi l'intero dovuto: il saldo di giugno riguarda le briciole.

    Purtroppo come capitato a te, quando si inizia con la locazione, l'anno successivo si versano praticamente due annualità (la passata e il 95% di quella in corso): poi si entra a regime.

    NOTA: se il tuo contratto è di tipo transitorio, a genova, potrebbe rientrare tra i contratti concordati stipulati in città ad alta tensione abitativa. In questo caso l'aliquota della cedolare non è più il 21% ma 10 % o 15%. Informati.

    Poichè non mi sembri particolarmente "familiare" con la fiscalità, mi permetto di ricordarti che hai l'obbligo di registrazione dei contratti d'affitto, (costo 2% del canone annuale o dell'intero periodo se transitorio) ed obbligo di versare 67€ disdetta anticipata, (a carico inquilino) se questo lascia prima del termine della locazione.
     
  7. giobaxx

    giobaxx Membro Junior

    Privato Cittadino
    IL Contratto è di tipo transitorio perchè la ragazza che ci abita è un ingegnere che è in trasferta a Genova.
    Grazie delle informazioni! Gentilissimo, comincia ad essere tutto un pò più chiaro...certo per quest'anno è una botta non indifferente considerato la mia precarietà sul lavoro. Se dopo luglio continuo a lavorare è OK...ma se non mi rinnovano.....comincia ad essere dura.
    Spero che l'anno prossimo sia più dolce...:confuso:

    GRAZIE
    GIOVANNI
     
  8. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    La transitorietà deve essere esplicitata sul contratto, compresa la motivazione del richiedente.

    Se è così formulato il contratto, verifica se rientra nelle condizioni per applicare la aliquota cedolare più favorevole.

    Auguri per il tuo lavoro!
     
  9. Pennylove

    Pennylove Membro Assiduo

    Privato Cittadino

    Fammi indovinare. :idea: Gli acconti per la cedolare secca per il 2014 (rigo F1), per intenderci, quelli dell’anno scorso, non è che, per caso, ammontano a € 196,00?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina