1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Silvia55

    Silvia55 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    A seguito della mia "dissaventura" avevo postato questo
    Certificazione Debito condominiale non veritiero | immobilio - Forum Immobiliare

    La prima cosa che ho fatto a seguito dei vostri consigli è stata quella di richiedere all'amministratore tramite raccomandata la delibera condominiale per quei lavori straordinari fatti nel 2011, la delibera che demandava l'incarico alla ditta esecutrice ed il contratto stipulato con la ditta sia per il lavoro che per le modalità di pagamento.
    Oggi a distanza di circa 30 giorni dalla mia raccomandata non ho ancora ricevuto nulla, dopo 3 miei contatti con la segretaria la quale mi riferisce che l'amministratore è fuori........ e Lei non sa cosa mi deve dare????????
    Ho dato l'ultimatum alla segretaria dicendo che entro 1 di ottobre voglio quella documentazione, oramai sono più che convinto che devo dare mandato all'avvocato il quale mi aveva già preavvisato questo comportamento dell'amministratore.
    - Mi chiedevo, visto la nuova legge sugli amministratori, a chi denunciare questo scorretto comportamento dell'aministratore?
    - Dato che sono 2 mesi che ho acquistato casa, mi dovrebbe anche consegnare tutto ciò che è inerente il suo operato?
    Non vorrei aspettare la chiusura annuale Giugno 2016 per constatare altre anomalie.......... (un condomino mi diceva che nel suo conteggio vi erano 71€ per spese relative al conto bancario condominiale) in pratica circa 560€ visto che siamo in otto.
    C'è qualcosa che non quadra troppo alto il costo oppure è il condomino che non sa leggere.
     
  2. PyerSilvio

    PyerSilvio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Aldila' della "guerra santa", che evidentemente stai ponendo in essere, non si comprende il fine della tua azione e quali i risultati che vuoi ottenere.

    L'amninistratore lo si puo' cambiare con una semplice assemblea condominiale.

    Senza voler mettere per forza le persone sulla graticola.

    Se la maggioranza decide 15 minuti dopo si cambia.

    Proponilo.

    Stante a quanto hai raccontato, hai stipulato un atto notarile con tutte le questioni regolarmente sgranate e le liberatorie del caso.

    Accordo di 4k "tombale" in capo al venditore stop.

    Sull' atto troverai scritto che dal momento che l'immobile e' trasferito oneri e onori passeranno a te.

    Cosa devi convocare chi...??? e per cosa???

    Su questa scorta, non si comprende perche' allora tu non vada a fare le pulci pure al tuo notaio che pure avrai pagato profumatamente.

    Era presente anche lui all'atto, assieme all'agente immobiliare e al venditore o no..??

    Se io fossi stato quell'agente, esattamente come sta facendo l'amministratore, non ti avrei dato retta.
     
  3. Silvia55

    Silvia55 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Scusa PyerSilvio, ma forse non ai letto bene cosa ho scritto nel mio precedente post o devo pensare che sei di parte........

    Prima che io facessi la mia proposta tramite AI ho parlato con l'amministratore il quale mi ha portato a conoscenza della solo delibera per il lavoro straordinario della facciata dell'immobile di circa 4k e che io mi sono accollato e scritto nella proposta, non mi ha mai parlato del lavoro straordinario eseguito nel 2011 ed ancora da pagare (il contratto termina nel 2021) questo "debito" che fa capo ai vecchi proprietari mi è stato nascosto anche dall'amministratore dato che mi ha fatto pervenire tramite i vecchi proprietari, prima che io facessi l'atto, una sua dichiarazione nella quale dichiara che tutto era stato pagato, la proposta ed il successivo acquisto è stato fatto a Giugno 2015 che cavolo c'entro io con questo debito del 2011?
    Vero è che i proprietari avrebbero dovuto dirmelo, ma allora che cavolo è servito ad andare dall'amministratore che avrebbe dovuto mettermi in condizioni di sapere come stavano le cose.
    I documenti che stò chiedendo è per stabilire l'entità della somma che fa capo alla mia unita immobiliare che devo pagare al posto dei vecchi proprietari e che sicuramente ne risponderà anche l'amministratore visto che nella dichiarazione ha scritto che era tutto pagato.
     
  4. PyerSilvio

    PyerSilvio Membro Senior

    Agente Immobiliare

    Se sei andata dall'amministratore due volte avrai sicuramente preso atto della documentazione, consultivo e riparto spese.

    Dubito che su quelle documentazioni non vi era traccia di queste spese.

    Sono suddivise in varie voci, perchè la loro ripartizione può variare, scale, ascensore e ogni cespito che il condominio paga i condomini lo dividono in proquota di proprietà.

    Quale senso può avere e sopratutto quale pro, che l'amministratore nasconda un debito ai condomini sopratutto se questo si debba pagare fino al 2021...?

    Semmai dovrebbe evidenziarlo.

    I crediti e i debiti non spariscono e non possono essere occultati.

    Magari lo fosse.

    Di questo debito che pare essere occultato a quanto ammonta la tua partecipazione in proquota..?
     
  5. Silvia55

    Silvia55 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    No, non ho preso visione della suddivisione spese dato che il prospetto riassuntivo dell'anno precedente che mi è stato consegnato assegnava una spesa di 1.800 euro suddiviso in 6 rate, ed anche perché ho ritenuto sufficiente tutte le informazioni che ho ricevute, (perfino su dei lavori di tinteggiatura da farsi prossimamente ma ancora da discuterne in assemblea),
    Non voglio pensar male, ma forse se ne solo dimenticato, altrimenti non mi avrebbe rilasciato una sua dichiarazione che tutto era stato pagato.
    Questo potrebbe spiegare anche il fatto che tarda a darmi la documentazione richiesta (delibera del 2011 e contratto stipulato con la ditta dei lavori),
    Anche questo non lo so, nella prima riunione condominiale dopo solo 2 mesi dall'acquisto l'amministratore mi consegna il preventivo 2015/2016 aumentato di 200 euro quindi da 1.800 sono diventate 2.000, nel sentire altro condomino lamentarsi per delle spese "esose" (diventato proprietario da 1 anno per eredità) ho chiesto delucidazioni e............ vengo a sapere che le mie spese condominiali 2015/2016 sarebbero state all'incirca di 2.800 euro perchè gravavano queste spese dei lavori del 2011.
    Alla mia domanda: "Perchè il propspetto riassuntivo suddiviso in 6 rate dell'anno precedente consegnatomi alla proposta era di 1.800, ho ricevuto come risposta perche tenevano i termosifoni chiusi".
    :confuso: Se in buona fede vi è stata una dimenticanza perché l'amministratore non mi consegna questa documentazione?
    :shock: Perché la mia richiesta fatta tramite AI al ex proprietario di un incontro per addivinare ad un accordo su quanto è emerso non ha nessun riscontro?
    Devo o no malignare?:rabbia:
     
  6. PyerSilvio

    PyerSilvio Membro Senior

    Agente Immobiliare

    Io non conosco il numero dei condomini dell'edificio.

    Tuttavia si puo immaginare, stante che l'edificio e' nato con un impianto a gasolio, l'epoca di costruzione e pure il numero degli alloggi.

    Non so' dicci tu..

    20 famiglie?

    (Se cosi fosse 10 anni diviso 20 famiglie con relativi millesimi, con 4 anni pagati)

    Posto che sia largamente diffusa la notizia che sia piu conveniente, usare il metano piuttosto che il gasolio, per il riscaldamento negli edifici, hai acquistato un alloggio con un impianto convertito.

    Quindi con una caldaia nuova di zecca.

    I quattrini quindi impiegati per l'acqisto di questo impianto e la fornitura del meno peggio gas russo, piuttosto che per il petrolio arabo e non buttati al vento.

    Bene.

    Probabilmente a gasolio ne spendevano 3,5 4 all'anno. (Come minimo)

    Il prezzo che hai convenuto lo sai tu e, contestualmente vi e' stato un accordo tra di voi di 4k euro, x le spese di condominio, che come hai detto tu, sono andate in capo te.

    Tutto sottosctitto e repertato in atto.

    Ora come fosse una questione di retroattivita' pretendi in qualche modo di "rivedere" i patti che a suo tempo sono stati stipulati.

    Come se il venditore ti volesse convocare per chiederti conto dei quattrini che si risparmieranno nel tempo con l'uso del metano anziche' gasolio.

    Quindi un non senso.

    Considerato pure che le spese diminuiranno ulteriormente quando l'intervento cosi' spalmato nel tempo, giunga ad essere ammortizzato.

    Detto questo, cio' che ti sfugge gravemente, e' il fatto che oltre a contribuire per le spese del nuovo impianto di cui godrai e ti gioverai per i prossimi anni, hai pagato anche quelli del passato, "anticipati" dal vecchio proprietario.

    Il contrario dovevi fare quindi in sede di trattativa.

    Tuttavia cosa fatta capo ha.

    I'accordo ha trovato la sua fusione su quei termini e scorte.

    Il vecchio proprietario bene fa' a non volerti incontrare.

    Avete convenuto e stipulato punto.

    A tua cura e spese per giunta.

    In tutto questo che c'azzecca l'amministratore..?
     
    Ultima modifica: 1 Ottobre 2015
  7. Silvia55

    Silvia55 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Scusa PyerSilvio (mica sei il figlio di quel Silvio.....) oppure fai finta di non capire come stanno le cose.
    Gli accordi, o meglio mi è stato riferito solo ed esclusivamente i lavori della facciata deliberati ed ancora da fare che ammontavano a circa 4k e che io mi sono accollato e che successivamente ci sarebbe stata la tinteggiatura delle scale ma che ancora nulla era stato discusso nelle assemblee.
    Con queste informazioni ricevute dall'amministratore ho fatto la mia proposta, proposta che teneva in considerazione la dichiarazione dell'amministratore che tutto era stato pagato.
    Era compito e dovere dell'amministratore riportare nella dichiarazione che mi ha rilasciato che vi era quella spesa fatta nel 2011 il cui pagamento finiva nel 2021 o quanto meno dirmelo durante i colloqui intercorsi.
    Ha omesso di rifermi cose che lui amministrava, quindi alla fine della fiera è corresponsabile con il venditore a maggior ragione che ha rilasciato una dichiarazione scritta, anzi molto probabilmente sarà Lui a rispondere di questo "DEBITO".

    Nell'atto di compravendita oltre ad esserci allegata la dichiarazione dell'amministratore vi è anche quella del venditore il quale dichiara che non vi sono spese per lavori straordinari da pagare.

    Un lavoro straordinario fatto nel 2011 il cui pagamento scade nel 2021 sono o no spese straordinarie a me nascoste da entrambi i soggetti?
    No purtroppo siamo in 8 quindi un bel pò di soldi.
    :disappunto: Il tuo mi sembra il classico ragionamento di chi è abituato ad approfittare della onesta del prossimo.
    La mia trattativa e quindi il prezzo finale di acquisto ha tenuto in considerazione tante cose, se mi sarebbe stato detto di quelle spese avrei fatto una offerta minore.

    In definitiva comprare una casa del 1980, ristrutturarla deve avere un costo minore che comprare nuovo se poi scopri che ci sono altre spese nascoste, ed altre da fare il cui costo finale supera quello del nuovo......

    - A che serve essere andato dall'amministratore?
    - A che serve farsi rilasciare una dichiarazione che non ci sono debiti?
    - A che serve far scrivere nell'atto di acquisto che non ci sono spese straordinarie deliberate?
    - A che serve allegare all'atto la dichiarazione dell'amministratore?
    A che serve......... A che serve......... a che cxxxxxx serve se il mondo è fatto da furbi.

    :D Ci sarà la legge che stabilirà se ho torto o ragione, nel frattempo sai cosa faccio?
    Pagherò solo quei 1.800 euro che mi sono state dette e presentate al momento della trattativa dato che i debiti condominiali eventualmente a me imputabili sono solo per gli ultimi 2 anni.
     
  8. PyerSilvio

    PyerSilvio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    A cosa sia servito produrre tutte quante quelle documentazioni è la domanda che mi pongo dall'inizio della lettura del tuo post.

    Agendo come hai detto ti prenderai pure un bel decreto ingiuntivo.

    Per precisione, occorre ricordare che, i D.I per le spese di condominio non sono suscettibili a traslazione.

    Quindi vanno pagati sino all'ultimo centesimo.

    Oltre questo il condominio che promuoverà la eventuale causa nei tuoi confronti anticiperà le spese che poi saranno addebitate a te.

    Oltre a quelle che dovrai anticipare e poi sostenere per la tua azione legale.

    Un bagno di sangue.

    Il pagamento delle spese condominiali nulla c'entra, con le argomentazioni da te sostenute, in merito all'opportunità o meno di formalizzare una proposta più bassa.

    Come ti ho anticipato cosa fatta capo ha.

    Detto questo FàCOMEVUOI.
     
    A FRANCY80 piace questo elemento.
  9. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Ma il tema principale non era quello: e credo anche che le spese rateizzate sostenute nel 2011 non competano all'acquirente del 2015.
    Le spese approvate e deliberate prima dell'acquisto competono a chi era il proprietario del tempo: e dubito l'amministratore abbia elementi per lanciare un DI a carico del nuovo proprietario, a fronte della dichiarazione scritta a suo tempo rilasciata.

    Più che attaccarsi con l'amministratore per le spese bancarie e quisquilie del genere, il nostro farebbe bene a farselo alleato nel perseguire il venditore.
     
    Ultima modifica di un moderatore: 4 Ottobre 2015
  10. PyerSilvio

    PyerSilvio Membro Senior

    Agente Immobiliare


    Proprio nella conclusione di uno dei post, ho evidenziato alla fine della riflessione, che cosa ci potesse azzeccare l'amministratore nella vicenda.

    Cosa che hai evidenziato pure tu.

    Meno male.

    Quindi sin qui pare che condividiamo.

    Mentre le corrette argomentazioni esposte in merito al decreto ingiuntivo, sono state sottoposte alla luce del fatto che, il nostro amico intervenuto, proclamava di voler pagare le spese a suo tempo (e aggiungo a suo dire) presentate durante la trattativa (1800), anziche' i 2000/2800 aggiornati e richiestigli attualmente.

    Come se uno potesse scegliere di propria sponte quanto pagare le spese di condominio.

    Magari fosse cosi'.

    Gia' in questo stravagante ragionamento, ma pure in molti altri esposti, aldila' pure di ogni concetto ( o giustificazione) vero o falso che sia non e' dato sapere con certezza, che si puo' inquadrare il soggetto.

    Meglio ancora sarebbe dire che si puo' inquadrare la PRETESTUOSITA' del soggetto.

    Che con tutta probabilita' sara' stato informato preventivamente di ogni cosa.

    Diversamente non si capisce come, con quali titoli, e con quale assurda manovra questo possa essersi pure fatto "spillare" 4k euro, proprio per questione di spese condominiali "sospese".

    Dicesi ACCORDO.

    Su questa ultima scorta e quindi post rogito, mi domando come si possa dispensare quel consiglio di andare, per giunta ricercando pure il concorso dell'amministratore, perseguendo il venditore.
     
    Ultima modifica di un moderatore: 4 Ottobre 2015
  11. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    A parte la tua solita assertività (la chiamerei arroganza), la tua risposta contiene troppe ipotesi di lavoro: e questo non lo condivido.
    Non entro nel merito delle valutazioni di Silvia55 e di alcune sue convinzioni errate.

    La domanda sostanziale, al di la delle chiacchiere era:
    "a chi competono le spese deliberate e rateizzate nel 2011?"

    Credo non all'acquirente del 2015: se l'amministratore voleva cautelarsi sulle rate future avrebbe dovuto evidenziarle e segnalarle. L'acquirente immagino abbia chiesto i consuntivi e la situazione pagamenti dei due anni precedenti, quindi 20014-2013, al massimo 2012.....
    Non so invece cosa succeda oggi proceduralmente: cioè se il condominio possa rivalersi direttamente sul nuovo acquirente, che a sua volta dovrà fare altrettanto sul vecchio titolare. O dovrà sollecitare direttamente il vecchio proprietario che ha contratto il debito.

    Se sei così gentile da illustrarci questo ultimo passo, te ne saremo grati in due.
     
  12. PyerSilvio

    PyerSilvio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Intanto e' il condominio che ha contratto il debito. Posto che e' il condominio ad aver contratto il debito. Tra le varie voci di normale diversificazione dei costi dell'edificio, quali possono essere i costi per l'ascensore, del giardino, piuttosto che della spazzatura;
    Pare veramente inverosimile che non vi sia menzionato in alcun modo un intervento cosi' MACROscopico e la rispettivs spesa di riferimento.

    Cio' anche in virtu' del fatto che le spese generali vadano a ridursi.
    Elemento questo di sicura discussione nelle fasi di trattativa d'acquisto.

    Ti pare che possano essere evidenti i costi del sale x il corsello o quello dei sacchi neri o gialli e non quelli per la caldaia e le rispettive rate, occultati nel consultivo?

    ..e che e'..?

    Un mistero della S.S. Trinita' una conversione di un impianto condominiale..?

    Oppure una associazione a delinquere, con l'amministratore affiliato e il venditore capoclan che si da' alla latitanza..?

    Ma tu te lo immagini un amministratore che va' dichiarando il falso in atto pubblico per l'interesse di un venditore?

    Le spese deliberate sono a carico del vecchio venditore dunque.
    Diciamo a te e al tuo amico.

    Qualora questi venda, le spese vanno quantificate e defalcate dal saldo prezzo.

    Il tutto ammesso che si trovi accordo tra le parti.

    Accordo che nessuno dei promittenti e' obbligato a concludere per forza e ad ogni costo.

    Capita che, col senno di poi, uno dei contraenti possa pentirsi o ravvedersi tardivamente, di alcune decisioni che si sono prese.

    Cio' che evidentemente qui e' avvenuto.
     
    Ultima modifica di un moderatore: 4 Ottobre 2015
  13. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Vedo che qui concordiamo

    Questo presuppone un comportamento logico ed opportuno: ma non risponde alla apparente situazione ed alla mia domanda semplificata.

    Nel caso queste rateazioni non fossero state messe in evidenza al momento del rogito (ipotesi come l'opposta...) sarebbe interessante sapere a chi verranno richieste.

    Ti chiederei di non darmi ulteriori pareri: più opportuno sarebbe la risposta di un amministratore o un avvocato, es @Avv Luigi Polidoro
     
    Ultima modifica di un moderatore: 4 Ottobre 2015
  14. PyerSilvio

    PyerSilvio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Te l'ho fornita in prima istanza e' il condominio che ha contratto il debito.

    Nei suoi bilanci di apertura e chiusura di esercizio ogni voce relativa a spese e causali.

    Al rogito, come e' stato edotto nella discussione, e' stata presentata la liberatoria in ordine alle spese condominiali.

    Da quel momento oneri e onori si trasferiscono al nuovo proprietario.
     
  15. Avv Luigi Polidoro

    Avv Luigi Polidoro Membro dello Staff Membro dello Staff

    Altro Professionista
    Buongiorno a tutti.
    Io non saprei cosa aggiungere rispetto a quanto già suggerivo nel precedente post che qui trascrivo

    "La questione è particolare, sinceramente sarebbe opportuno verificare se @Silvia55deve effettivamente rispondere del debito ed in che misura.
    Immagino infatti che una parte delle somme vengano corrisposte per la manutenzione dell'impianto mentre il residuo costituisce rateizazione del prezzo di modifica dell'impianto.
    L'acquirente ha diritto di pretendere dal venditore il romborso delle somme che corrisponderà peer l'esecuzione dei lavori di rifacimento dell'impianto, lavori straordinari eseguiti prima del proprio acquisto.
    Anzi, trattandosi di lavori deliberati cinque anni fa, ritengo che l'amministratore e la società creditrice, ai sensi dell'art. 63 disp. att. c.c., non possano pretendere il pagamento dall'attuale proprietario.
    Questo in linea generale.
    Difficile essere più precisi, il mio consiglio è quello di parlare con il notaio e poi chiedere il consulto di un avvocato cui dovrai necessariamente portare sia la delibera a suo tempo adottata, sia il contratto stipulato dall'amministratore in esecuzione della stessa.
    Nel frattempo lettera di diffida e messa in mora sia al venditore sia all'amministratore di condominio, è evidente che entrambi hanno giocato sporco, come ha già detto@Rosa1968 .
    Ognuno di essi ha una propria responsabilità che l'acquirente potrà attivare per essere tenuta indenne dai danni."

    @Silvia55 è al punto di partenza. deve venire in possesso dei documenti e poi valutare se e come muoversi.
     
    A Umberto Granducato, ab.qualcosa e Bastimento piace questo elemento.
  16. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Grazie Avv Polidoro.
     
    A ab.qualcosa e Avv Luigi Polidoro piace questo messaggio.
  17. Avv Luigi Polidoro

    Avv Luigi Polidoro Membro dello Staff Membro dello Staff

    Altro Professionista
  18. PyerSilvio

    PyerSilvio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Qualcuno qui persevera nel voler cantar e suonarsela da se'.

    Cancellando interventi, sofisticando i concetti esposti e a far tabula rasa di quell'ingrediente fondamentale che e' il contradittorio nelle duscussioni.

    Che In assenza di questo risultano assai noiose.

    Interventi di sofisticazione sempre a senso unico, "ad personam", per giunta e mai effettuati in regime di "par condicio", come buon senso invece vorrebbe.

    Sciapite e "senza sugo", cosi' orrendamente mutilate a tradimento, le "portate" quindi, vogliono essere servite e propinate all'utenza del forum.

    Come affogare nell'acqua di rubinetto, una saporita teglia di melanzane alla parmigiana, appena uscita fumante dal forno.

    Gia' che ci siete, oltre a cantar e suonar da soli, favoritene pure da soli e nella vostra annacquata solitudine alimentatevi da par vostro, di quegli elementi, che cosi' edulcorati non appartengono affatto al "cuoco".

    Rilevando tristemente cio', non sorprende che il 90% delle discussioni siano farcite di argomentazioni ricche di esortazioni a procedere in giudizi, tribunali, intimazioni minacciose etc.. che poco sempre dovrebbero centrare, nelle questioni di compravendita.

    Alla faccia dei battibecchi.

    Anzi queste azioni legali, occorrerebbe dire sempre, che debbano stare sempre a debita distanza, giacche' NON sono la normalita' nelle comoravendite.

    A cio', aggiungo anche la rilevazione della circostanza che, ultimamente diversi "pezzi pregiati" che qui erano presenti, hanno abbandonato improvvisamente il forum.

    Il forum come una tavola apparecchiata di cibi edulcorati e con commensali che si alzano abbandonando il convivio e sbattendo la porta.

    Complimenti vivissimi.
     
    Ultima modifica: 4 Ottobre 2015
  19. Mimi

    Mimi Membro Attivo

    Privato Cittadino
    :disappunto: succede quando si parla difendendo la categoria.
     
    Ultima modifica: 4 Ottobre 2015
  20. Silvia55

    Silvia55 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Ringrazio tutti Voi, anche a PyerSilvio che continua a non capire quale è il vero problema e la ragione sembra appartenere solo a LUI.
    Premesso che quello che ho scritto fino ad ora corrisponde alla verità dei fatti accaduti, la cosa più importante di questa faccenda è una e soltanto una.

    1) Vedo annuncio della vendita e mi reco in agenzia, dopo aver parlato con AI il quale mi consegna il rendiconto delle spese condominiali anno precedente pari a 1.800€,

    2) Vado dall'amministratore il quale mi informa di tutto e di più sullo stato dell'immobile, sui lavori da fare e quelli che si faranno in seguito, l'amministratore mi conferma che le spese anno precedente sono state di 1.800€ e non mi parla di quel lavoro straordinario ancora da finire di pagare,

    3) Ritorno in agenzia e faccio la mia proposta accollandomi quei 4k di lavori della facciata Se mi avessero parlato (Amministratore e Proprietario) di quel lavoro straordinario fatto nel 2011 con pagamento rateatizzato la mia proposta sarebbe stata diversa, sicuramente un prezzo inferiore e sicuramente non mi sarei accollato quei 4k€,

    Con una mia diversa proposta se il venditore non accettava perchè riteneva non adequato il prezzo da me proposto "Pace e Bene" io mi tenevo i soldi e lui si teneva la casa.

    4) Prima dell'atto pretendo e mi viene consegnata dichiarazione dell'aministratore che tutto era stato pagato.

    Quindi "caro PyerSilvio" tutti i tuoi ragionamenti non hanno nessuna ragione di porli in essere dato che per me quella casa aveva il valore X e non la compravo ad un prezzo superiore, invece oggi se devo sostenere io quella spesa la casa mi costa X+Y quindi.............. a te la conclusione.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina