1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. anice

    anice Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Buongiorno, è da ritenersi nullo un incarico dato ad una agenzia firmato non dai proprietari ma da altri parenti? E se questo contratto è poi scaduto, avendo visto l'appartamento con quest'agenzia, posso ritenere valida una proposta di acquisto, anche se l'incarico è stato dato ad un'altra agenzia?
     
  2. 2PSI

    2PSI Membro Junior

    Agente Immobiliare
    L'incarico deve essere sottoscritto dai proprietari (o da una persona espressamente delegata con procura speciale). Nel caso descritto è da considerarsi inesistente e quindi non produce effetti di alcun tipo. Non è scaduto perchè non è mi stato valido. A mio avviso potresti contattare l'altro Agenti Immobiliari e tentare una collaborazione. Se accetta lui prende la provvigione dai venditori e tu dall'acquirente.
     
  3. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    l'incarico potrebbe anche non essere valido ma l'attività di mediazione c'e stata. questa proprietà ha fatto vedere la casa e da qui inizia l'attività di mediazione. quindi la proposta é valida se intestata alla proprietà se intestata a persone diverse della proprietà allora bisognerà vedere i titoli.
     
    A massimoca piace questo elemento.
  4. 2PSI

    2PSI Membro Junior

    Agente Immobiliare
    Teoricamente la provvigione dovrebbe pagarla chi ha sottoscritto l'incarico senza averne titolo . Ma l'agente immobiliare come mai non si è accorto subito che non erano i proprietari?
     
  5. anice

    anice Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    e' da chiarire anche quel punto infatti
     
  6. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    io cercherei di capire se effettivamente c'e volontà di vendere. mi spiego?
    hai chiesto una visura sull'immobile?
     
  7. od1n0

    od1n0 Membro Senior

    Privato Cittadino
    Nel momento in cui accetta l'opera di mediazione la firma dell'incarico passa in secondo piano sorge comunque il diritto alla provvigione.
     
    A massimoca e Ponz piace questo messaggio.
  8. Ponz

    Ponz Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Scusate: l'incarico è una cosa, la mediazione un altra.

    Per paradosso, l'incarico a promuovere potrebbe dartelo qualcuno che non è il proprietario, ad esempio un amico, e poi concludi la vendita e riscuoti la mediazione. (se c'è una accettazione ...).

    Trovo MOSTRUOSO che si confonda il diritto alla provvigione con l'incarico... ma è un segno dei tempi.

    Es. pratico.

    Mi chiama un geometra amico che mi dice che suo fratello, suo cuggino, suo ammico, suo amante suo qualsiasi cosa vende una casa in un posto, me la fa vedere e mi dice di portarci gente se ne ho di interessata.

    Ci porto qualcuno che dice che è interessato e sottoscrive proposta.

    Se sottoscrivo proposta conoscerò i proprietari, chiaramente, fosse solo per le visure (o per il fatto logico che avrò i documenti della casa, se la sto trattando a quel livello). ;)

    Consegno la proposta al mio amiccocugginoconoscentesconosciutogemetratecnicoavvocatomoglieziocuggino, che a sua volta la porta all'attenzione dei proprietari.

    Se accettano vengono a firmarla in agenzia (adeguata verifica).

    Io riscuoto.

    Chiaro che non è il miglior modo per lavorare in maniera lineare e chiara, ma la provvigione non ha NULLA A CHE FARE CON QUALSIASI INCARICO DI SORTA, mai.
     
    Ultima modifica: 23 Gennaio 2014
  9. anice

    anice Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    ma l'altra agenzia, cioè una seconda subentrata, che pure mi fa ha fatto vedere l'appartamento, solo perché ho firmato una foglio visita, ha diritto alla provvigione, come sostiene lui?Lui dice di lasciar perdere tutto e andare da lui, m io ho pura di sbagliare
     
  10. Ponz

    Ponz Membro Storico

    Agente Immobiliare
    LA situazione è dubbia: la cassazione ha introdotto un principio semplice, cioè si paga l'agenzia che conclude.

    Ciò però in situazioni lineari, senza soluzioni di continuità.

    ES.

    Io vedo al casa con agenzia a - faccio proposta -> nulla di fatto -> vado da b - faccio proposta- concludo -> pago solo b.

    Ma i casi dove questa viene applicata quasi sicuramente, sono appunto solo i casi lineari, sicuramente privi della possibilità di mala fede da parte di chicchessia (es. accordi provvigionali del mediatore ultimo a danno del precedente che lo facciano preferire al precedente solo su quella base) nei quali si può ricadere sempre nella frode al mediatore.

    Inutile dire che la questione in questi termini apre problematiche infinite sulla tutela del lavoro di noi agenti contro accordi tra clienti e colleghi poco corretti (ne conosco pure qua su immobilio)...

    Contro la mala fede e la scorrettezza c'è poca difesa, se non quella di isolare ed evitare tali individui e lasciarli al loro destino da sciacalli e ai loro cantautori....

    Come conseguenza naturale di queste robette, io temo, si arriverà alla cancellazione del diritto alla provvigione e anche al concetto di "nesso causale" in breve tempo (breve giuridico)... in favore del mandato, allora potremo dire che è il mandato a dare diritto al compenso ( e li dovrebbero venir studiate dal legislatore adeguate tutele, che non verranno affatto studiate :D ne realizzate)... ma si va fuori topic.

    inutile dire che ai nostri clienti, di questi problemi non gliene importa, giustamente, nulla.

    Loro in agenzia ci vengono per risolvere i loro problemi, e pagano pure, non per sistemare le nostre incongruenze o ritrovarsi nei guai per il fatto che in fondo abbiamo permesso di entrare nella categoria gente con pochi scrupoli e poca etica, senza creare strumenti di auto controllo, o perchè per primi non abbiamo capito il concetto di mediazione e lo abbiamo snaturato con mezzi mandati ibridi.
     
    A alessandro66 e anice piace questo messaggio.
  11. Baetylus

    Baetylus Membro Ordinario

    Agente Immobiliare
    In base al ns.diritto un contratto tra le parti può essere anche verbale. Se io ho l'incarico a vendere un immobile con consegna di documenti e fotocopia di carta identità di uno dei proprietari è già l'incarico. se l'acquirente lo porto io per prima agenzia, la seconda agenzia che porta lo stesso acquirente dovrà o dimezzare la provvigione totale (venditore e compratore) con me o io prendo la provvigione dal venditore e la seconda agenzia la provvigione dal compratore. Spesso isogona usare il buonsenso. Altrimenti vie legali, assolutamente non convenienti per nessuno
     
  12. anice

    anice Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Hai assolutamente ragione. Sono reduce da una consulenza legale e il fatto he il contratto sia scaduto, non fa niente, c'è stata la mediazione. Inoltre il contratto non è nullo per effetto del falsus procuratur, cioè procuratore senza delega, e quindi i figlio può firmare.
     
  13. gio10372

    gio10372 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Mahh...ho molti dubbi su questo. Qui parliamo di un incarico di vendita sottoscritto da persone che non sono proprietarie e non hanno procure; io anzi vedo dell'illecito in questo anche da estremi di denuncia. Se l'incarico era solo verbale allora la situazione cambiava. L'agente immobiliare a chi ha intestato la proposta d'acquisto e l'assegno di caparra?? vedo molto BUIO!!
     
  14. Ponz

    Ponz Membro Storico

    Agente Immobiliare
    L'agente ha intestato la proposta ai proprietari ;) basta fare le visure e li trova.

    Se la intesta a gente sbagliata, è scemo, e fa danni, qui siamo in altri ambiti... :D

    Chi da l'incarico può essere anche MIOCUGINO.

    L'agente riscuote se firma il proprietario o se firma MIOCUGGINO se ne ha la necessaria procura. (questo fa scattare la provvigione)

    Non riscuote su incarico, riscuote ad affar concluso, valido ed eseguibile.

    Potrebbe addirittura NON esserci alcun incarico: mi presento (con la proposta firmata dall'acquirente) al proprietario e se l'accetta, ZAC!

    Non si dovrebbe proprio avere dubbi su questo.

    L'incarico è un orpello, inutile ai fini del diritto alla provvigione.

    Può infatti esserci incarico perfino fatto dal notaio, senza che scatti il diritto a riscuotere. ;)
    Viceversa, può esserci eccome diritto alla provvigione, senza aver ricevuto alcun incarico, basta che le parti non rifiutino l'opera del mediatore e quindi non rinuncino all'affare procuratogli.
     
    Ultima modifica: 31 Gennaio 2014
  15. 2PSI

    2PSI Membro Junior

    Agente Immobiliare
    L'incarico può non essere indispensabile ma, a mio avviso, necessario.
    Se la parte, nonostante il tuo intervento, si mette d'accordo direttamente con il proprietario e rifiuta di corrisponderti la provvigione dovrai instaurare un giudizio. Come farai a dimostrare al Giudice che c'è stata la mediazione e che è maturato il diritto alla provvigione?
    Inoltre, come farai a dimostrare qual'è l'importo dovuto (o concordato) a titolo di provvigione? Se le parti non collaborano ti consiglio di non iniziare nemmeno una causa. Mancano le prove, non avresti nessuna possibilità di vincere e probabilmente saresti condannato anche a pagare le spese legali della controparte.
     
  16. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Semplice, nel caso la provvigione non venga pattuita si considera quella di uso e consuetudine del posto, che può variare da CCIAA a CCIAA di ciascuna provincia in media siamo suò 2/3%
     
    A Ponz piace questo elemento.
  17. Ponz

    Ponz Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Ragazzi ragazzi.... su!

    Un conto è dire "l'incarico serve a chiarire le posizioni e a lavorare meglio", un altro conto è dire, serve per riscuotere e dimenticare LE BASI del mestiere.

    Precisare è d'obbligo, per evitare che le piccole dimenticanze occasionali diventino mala informazione alla nostra clientela.

    Quindi, as canso di equivoci:

    - l'incarico non ha alcuna minima importanza ai fini del diritto che il mediatore matura, tale diritto scatta con l'avverarsi di un contratto eseguibile tra due o più parti, realizzatasi grazie all'opera di uno o più mediatori.
     
    A topcasa piace questo elemento.
  18. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Concordo con Ponz
     
  19. 2PSI

    2PSI Membro Junior

    Agente Immobiliare
    Sono d'accordo anch'io (parto sempre dal presupposto che L' AI sia una persona preparata che svolge il proprio lavoro con diligenza e correttezza).
    Ma senza incarico i "furbi" (e ti assicuro sono tanti) difficilmente saranno disposti a pagare quanto stabilito verbalmente.
    E' vero che l'incarico non serve ai fini del diritto alla provvigione ma, per vedersi riconoscere tale
    diritto, bisogna fare causa e dimostrare che la mediazione c'è stata. In tal caso il Giudice (a sua discrezione) applicherà l'uso e le consuetudini delle Camere di Commercio di appartenenza.
     
  20. Ponz

    Ponz Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Avviene anche in presenza di incarico, a dire il vero, perchè il presupposto della causa è che le parti non riconoscano il lavoro del mediatore, e l'incarico in se non ne è probante.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina