• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

pelvix

Membro Attivo
Privato Cittadino
Buongiorno a tutti, vorrei sottoporvi un caso singolare.

Nel cantiere di casa mia (trattasi di casa privata abitata durante i lavori) ho segnalato una situazione di pericolo al direttore di cantiere dell’impresa (un geometra) che non solo non l’ha eliminata, ma addirittura mi ha tranquillizzato dicendomi che non c’era alcun pericolo, che il cantiere era sicuro e via dicendo.

Nella fattispecie è stata posizionata una sbarra di ferro da impalcatura per fissare dei corrugati come da foto allegata.

Sette ore dopo la suddetta sbarra di ferro cadeva rovinosamente a terra e solo per puro caso non ha ferito ( o peggio) nessuno, essendo stata posizionata proprio sopra la porta di ingresso della casa, da cui si transita inevitabilmente diverse volte al giorno.

Ora mi chiedo: una simile condotta come va sanzionata? Che normative si applicano? Esiste una responsabilità penale?

Ringrazio anticipatamento tutti per le eventuali risposte.
 

Allegati

francesca63

Oggi è il mio Compleanno!
Membro dello Staff
Privato Cittadino
Non sono un tecnico, ma a me pare una follia pensare di abitare in casa durante quei lavori: parli di porta, ad esempio, ma non lo è ancora…si vede un varco, non finito…
Non sembra una situazione dove è normale vivere, a prescindere dalla sbarra.
 

pelvix

Membro Attivo
Privato Cittadino
Non sono un tecnico, ma a me pare una follia pensare di abitare in casa durante quei lavori: parli di porta, ad esempio, ma non lo è ancora…si vede un varco, non finito…
Non sembra una situazione dove è normale vivere, a prescindere dalla sbarra.
No, quella che vedi non è la porta, è solo un'apertura del portico soprastante l'ingresso (la porta si trova a sinistra e non si vede in foto).
Comunque la casa è abitabile ed è possibilissimo abitarla anche durante i lavori, con le dovute precauzioni che devono essere poste in essere a tale scopo (Piano Sicurezza in primisi).
 

cafelab

Moderatore
Membro dello Staff
Professionista
per lo meno avrebbe dovuto essere recintata l'area sottostante per impedire il passaggio, invece c'è una scaletta per salire sul ponteggio

che non commenterò, non sono abilitato alla progettazione dei ponteggi e se ne vede poco

Esiste una responsabilità penale?
certo,
se si fosse fatto male qualcuno, la colpa sarebbe stata affibbiata sia al committente che all'impresa

Che normative si applicano?
TU 81/2008
se ci fosse stata un ispezione sicuramente sarebbe stato segnalato

Informa della cosa, per scritto, il coordinatore della sicurezza, per fortuna è andata bene ma non sono cose che si devono ripetere.
 

pelvix

Membro Attivo
Privato Cittadino
per lo meno avrebbe dovuto essere recintata l'area sottostante per impedire il passaggio, invece c'è una scaletta per salire sul ponteggio

che non commenterò, non sono abilitato alla progettazione dei ponteggi e se ne vede poco



certo,
se si fosse fatto male qualcuno, la colpa sarebbe stata affibbiata sia al committente che all'impresa



TU 81/2008
se ci fosse stata un ispezione sicuramente sarebbe stato segnalato

Informa della cosa, per scritto, il coordinatore della sicurezza, per fortuna è andata bene ma non sono cose che si devono ripetere.
La Direzione Lavori e il Responsabile della Sicurezza sono stati informati via mail il giorno stesso, con tanto di foto allegate: mi è stato risposto che non si tratta di un problema di sicurezza ma di "uso improprio"
 

marcanto

Membro Senior
Professionista
Il contesto in essere (immobile abitato) non agevola la sicurezza.
La presenza dei proprietari doveva essere tenuta in conto nel PSC comprensiva delle relative interferenze con il DUVRI .
Gli interventi che si rendessero necessari in corso d'opera devono rispettare la stessa diligenza.

"La Direzione Lavori e il Responsabile della Sicurezza sono stati informati via mail"
Non penso che siano a centinaio di km, almeno il secondo più coinvolto un sopralluogo avrebbe potuto farlo.
 

pelvix

Membro Attivo
Privato Cittadino
Il contesto in essere (immobile abitato) non agevola la sicurezza.
La presenza dei proprietari doveva essere tenuta in conto nel PSC comprensiva delle relative interferenze con il DUVRI .
Gli interventi che si rendessero necessari in corso d'opera devono rispettare la stessa diligenza.

"La Direzione Lavori e il Responsabile della Sicurezza sono stati informati via mail"
Non penso che siano a centinaio di km, almeno il secondo più coinvolto un sopralluogo avrebbe potuto farlo.
Ovviamente che l'immobile fosse abitato durante i lavori era cosa nota fin da principio ed immagino che il tutto sia stato organiizzato in tal senso dal punto di vista della sicurezza.
Il responsabile del cantiere (dipendente dell'impresa appaltatrice) mi ha detto che "può succedere" ...
 

Giuseppe Di Massa

Membro Senior
Agente Immobiliare
Buongiorno a tutti, vorrei sottoporvi un caso singolare.

Nel cantiere di casa mia (trattasi di casa privata abitata durante i lavori) ho segnalato una situazione di pericolo al direttore di cantiere dell’impresa (un geometra) che non solo non l’ha eliminata, ma addirittura mi ha tranquillizzato dicendomi che non c’era alcun pericolo, che il cantiere era sicuro e via dicendo.

Nella fattispecie è stata posizionata una sbarra di ferro da impalcatura per fissare dei corrugati come da foto allegata.

Sette ore dopo la suddetta sbarra di ferro cadeva rovinosamente a terra e solo per puro caso non ha ferito ( o peggio) nessuno, essendo stata posizionata proprio sopra la porta di ingresso della casa, da cui si transita inevitabilmente diverse volte al giorno.

Ora mi chiedo: una simile condotta come va sanzionata? Che normative si applicano? Esiste una responsabilità penale?

Ringrazio anticipatamento tutti per le eventuali risposte.
La foto è datata 25 agosto, è rimasta su da allora? Comunque viste le tracce state rifacendo anche gli impianti, non ci si deve vivere dentro, questa è la risposta, la sbarra può cadere certo, ma possono avvenire molti altri incidenti, il capocantiere è anche responsabile sicurezza? Altrimenti lo è il committente (credo tu) e ne risponde il committente.
 

pelvix

Membro Attivo
Privato Cittadino
La foto è datata 25 agosto, è rimasta su da allora? Comunque viste le tracce state rifacendo anche gli impianti, non ci si deve vivere dentro, questa è la risposta, la sbarra può cadere certo, ma possono avvenire molti altri incidenti, il capocantiere è anche responsabile sicurezza? Altrimenti lo è il committente (credo tu) e ne risponde il committente.
No, c'è un responsabile della sicurezza che fa solo quello.
Sul non viverci dentro sarebbe infattibile per varie ragioni.
No, la sbarra è stata posizinata il 24/08 alla sera, alle 11.00 del 25/08 è venuto in cantiere il geometra dell'impresa e il responsabile di cantiere (altro geometra dell'impresa) ai quali ho segnalato la pericolosità di una siffatta installazione, e alle 18 del 25/8 la sbarra è caduta
 

cafelab

Moderatore
Membro dello Staff
Professionista
Ovviamente che l'immobile fosse abitato durante i lavori era cosa nota fin da principio ed immagino che il tutto sia stato organiizzato in tal senso dal punto di vista della sicurezza.
Beh, non è che nei cantieri dove non abita nessuno ci sono sbarre di ferro che cadono dall'alto

Il responsabile del cantiere (dipendente dell'impresa appaltatrice) mi ha detto che "può succedere" ...
E' il classico cantiere con operai a perdere
 

Architetto

Nuovo Iscritto
Professionista
Comunque la casa è abitabile ed è possibilissimo abitarla anche durante i lavori, con le dovute precauzioni che devono essere poste in essere a tale scopo (Piano Sicurezza in primisi).
Salve, la situazione è tipica di cantieri con la committenza che vive in casa e con imprese avventate che non hanno un minimo di cognizione delle pericolosità a cui si incorre se dovessero succedere guai in cantiere.
Condivido a pieno quanto indicato da quasi tutti i colleghi che sono intervenuti, in particolare con @cafelab che da le indicazioni minime e di base previste dal titolo primo del DLgs 81/08, modificato dal DLgs 106/09 e smi; in particolare è da ricordare che una volta aperto il cantiere (o area cantiere) l'acceso è vietato a tutti i non addetti ai lavori e pertanto anche la committenza non essendo autorizzata ai lavori, non potrebbe entrare se non autorizzata e priva di ausili di protezione, ma questo normalmente non succede, perchè in pochissimi lo sanno e ne applicano le regole.
Ora, se l'area di lavoro è anche all'interno dell'abitazione e gli operai posizionano, o peggio, abbandonano ferri di qualsiasi genere all'interno della loro area di cantiere le responsabilità di eventuali incidenti a cose o persone ricade unicamente al titolare dell'impresa titolata all'appalto dei lavori e se l'incidente provoca anche un eventuale infortunio a persone allora il committente ne risponde i solido (e questo anche per circolare all'interno dell'are del cantiere).
Pertanto per non farla lunga, è da dire che la barra di ferro (trattasi di tirante per ponteggio) posizionato in quel modo è in primo luogo un atto scellerato (dalla foto sembra di capire che la parte sulla trave sia semplicemente incastrata a pressione) in secondo luogo (come già detto) doveva essere un'area recintata per evitare passaggi, anche per gli operai stessi, per evitare infortuni o mancati infortuni (near miss).
Infine, vorrei ricordare che non esistono soltanto gli incidenti che fanno sentire in tv (cronaca per fare audience), ma i veri incidenti non vengono quasi mai messi in risalto alle cronache e i falsi incidenti (near miss) sono infiniti e quasi nessuno li conosce. Pertanto le regole per l'avvio del cantiere e per la sua gestione esistono e forse sarebbe il caso di pensare che quelli che circolano al loro interno sono persone compreso e questo lo dovrebbe sapere anche la committenza, anche se acconsente di far eseguire lavori in casa e viverci dentro con la famiglia (in particolare se sono presenti bambini ed anziani) perchè la norma in questione è molto precisa sulle responsabilità proprie dell'impresario, dei lavoratori e della committenza, quest'ultimo che risponde in solido insieme al titolare dell'impresa appaltatrice.
Spero esservi stato d'aiuto.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Ciao a tutti vorrei un aiuto io ho il rogito tra due settimane solamente che cambiando lavoro e avendo i giorni di prova nella nuova azienda l azienda nn mi ha confermato e quindi ho perso il lavoro la fortuna che il Giorno dopo ho iniziato a lavorare tramite una mia conoscenza però senza contratto indeterminato inizialmente cn un contratto di un mese e poi può farmelo indeterminato la mia domanda il mutuo può avere
Alto