• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Peter8f

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Buonasera, ho usato la funzione cerca ma non sono sicuro che le altre discussioni possano rispondere al mio quesito in pieno, essendo profano in materia magari sono io che non riesco a discernere le cose utili da quelle no.

Vi spiego la mia situazione: Tramite agenzia immobiliare ho fatto una proposta di acquisto di un immobile, vincolata all'ottenimento del mutuo.
Allegata alla proposta vi era un assegno da 5.000 euro.
La proposta è stata accettata.

L'agente immobiliare mi ha però informato che in caso di ottenimento del mutuo i venditori vorrebbero un assegno da 20.000 euro da riscuotere prima del rogito, quindi vorrebbe, una volta ottenuto il mutuo strappare il vecchio modulo di compravendita e farne uno ex-novo con allegato l'assegno da 20.000 euro.

A questo punto io ho chiesto di fare il compromesso dal notaio, per il semplice motivo (magari SBAGLIERò), che non capendo niente di queste pratiche... potrò essere aiutato dalla figura professionale del notaio stesso.
L'agente immobiliare insiste che non c'è bisogno di andare dal notaio perchè il modulo di compravendita che faremo vale a tutti gli effetti come contratto vincolante sia per il venditore che per l'acquirente.
Su questo io da profano, non ho motivo di dubitare, ma vorrei comunque andare dal notaio perchè mi sento più tutelato nel momento in cui darò 20.000 euro senza ancora entrare in possesso dell'immobile. L'agente immobiliare continua ad essere molto restio all'andare dal notaio!
Perchè? Faccio bene a voler andare dal notaio a fare il compromesso?

grazie a chi vorrà esprimere la sua opinione
 

Rosa1968

Membro Storico
Agente Immobiliare
L'agente immobiliare mi ha però informato che in caso di ottenimento del mutuo i venditori vorrebbero un assegno da 20.000 euro da riscuotere prima del rogito,
Non ho capito. Se tu hai fatto una proposta con una caparra di € 5.000 con una sospensiva di fatto nel momento in cui avete stabilito una data entro la quale ci sia l'avveramento della sospensiva e quindi l'ok del mutuo tu dovrai versare i 5.000 se non avete stabilito insieme pagamenti intermedi. Se loro chiedono invece € 20.000, significa che la tua proposta non è stata accettata e che ti hanno fatto una controproposta, potresti non avere questa disponibilità ti pare? Questo è il primo punto.
Il secondo punto invece non mi è chiaro, ovvero se tu fossi ben disposto a fare questo versamento e chiedi che il preliminare venga fatto dal notaio, lo paghi tu, non vedo dov'è il problema.
Ti consiglio di far fare al tuo notaio delle visure sull'immobile.
 

Roby

Fondatore
Agente Immobiliare
I venditori vorrebbero già non va bene, se hanno accettato la tua proposta vincolata con i 5.000,00 va bene cosi, se proprio vogliono i 20.0000,00 (fatto da concordare prima non dopo l'accettazione) e tu acconsenti, è tua scelta non vincolata da nulla, andare da un notaio.
 

francesca63

Membro Senior
Privato Cittadino
A regola, la proposta accettata è già a tutti gli effetti un contratto preliminare, perfettamente legale e valido, anche se gli effetti sono sospesi per via della clausola per il mutuo.
Se in tale proposta non si parla di ulteriori versamenti prima del rogito, non sei tenuto a versare altro ( a meno che tu non sia disponibile) : semplicemente, quando avrai l’ok al mutuo, i venditori potranno ricevere e incassare l’assegno di 5000, che ora è in deposito e diventerà caparra .

Forse l’agente non vuole andare dal notaio, perché il notaio vedrebbe che nel contratto non sono previsti altri versamenti.
 

Lin0

Membro Attivo
Professionista
Non si capisce una fava da quello che hai scritto , vai da un notaio e non ti incasinare la vita
 

Rosa1968

Membro Storico
Agente Immobiliare
Forse l’agente non vuole andare dal notaio, perché il notaio vedrebbe che nel contratto non sono previsti altri versamenti.
o forse quei 20.000 servono a pagare qualche pignoramento oppure servono semplicemente al venditore per impegnarsi su un eventuale acquisto. Sicuramente al venditore non bastano 5.000 euro, ma se è ben disposto a darli non vedo perché non andare dal notaio, se non per nascondere qualcosa che con il notaio verrebbe fuori.
 

PyerSilvio

Membro Storico
Agente Immobiliare
o forse quei 20.000 servono a pagare qualche pignoramento
Mammamia terrorismo puro.

Mi sembri come quei clienti, sospettosi che vi sia qualche "gabola" sulla casa, perche' i venditori non hanno ancora portato via le foto dei figli, che stanno ancora posati sui mobili.

( a meno che tu non sia disponibile)
..e infatti @Peter8f ,

Non si capisce l'ostruzione di questo tuo intemediario.

Se sei disponibile ad integrare, a fare o a preparare il compromesso, va bene andare pure dal Prevosto.
 

Peter8f

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Grazie a chi ha voluto aiutarmi.

Ho omesso che i 20.000 euro servono ai venditori per "bloccare" (passatemi il termine) a loro volta, un villino che vorrebbero acquistare.

A me va bene darli ma vorrei darli davanti ad un notaio
 

Bagudi

Moderatore
Membro dello Staff
Agente Immobiliare
Trascrivere o registrare ?

Registrare lo può fare chiunque, trascrivere può farlo solo il Notaio alla presenza di entrambe le parti.

Ma che senso ha spendere un pozzo di soldi per la trascrizione, se alla fine daresti solo 25.000 euro ?

Una scrittura privata (quella fatta davanti al mediatore) ha perfettamente valore legale, come quella fatta davanti al notaio.
 

Peter8f

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Trascrivere o registrare ?

Registrare lo può fare chiunque, trascrivere può farlo solo il Notaio alla presenza di entrambe le parti.

Ma che senso ha spendere un pozzo di soldi per la trascrizione, se alla fine daresti solo 25.000 euro ?

Una scrittura privata (quella fatta davanti al mediatore) ha perfettamente valore legale, come quella fatta davanti al notaio.
Io pensavo mi costasse 500 euro. Se mi costa di più allora ci penso.

Però il mio ragionamento è:
-ho davanti ai miei occhi un pezzo di carta con frasi che seppur semplici possono, a mio avviso, nascondere "pericoli";
-non conosco l'agente immobiliare e il venditore
-mi sto togliendo 20.000 che seppure pochi per altri, per me sono tanti
-da ignorante, chi mi garantisce che presi i 20.000 il venditore non trova un cavillo, o succede qualcos'altro che rallenta i tempi di compravendita, ed io mi ritrovo per un periodo più lungo del previsto senza casa e senza 20.000 euro?

è sbagliato come ragionamento?
 

francesca63

Membro Senior
Privato Cittadino
Io pensavo mi costasse 500 euro. Se mi costa di più allora ci penso.
Stai confondendo le cose.
Puoi andare dal notaio e farti preparare il contratto preliminare , che poi firmerete come scrittura privata nello studio del notaio. L'atto andrà normalmente registrato.Il costo effettivamente è minimo, soprattutto se lo stesso notaio si occuperà del rogito.
In pratica lui scrive il contratto,e controlla che sia corretto, e non penalizzante per te; credo sia quello che intendi fare tu.
Oppure puoi andare dal notaio a sottoscrivere un atto pubblico , che firma anche il notaio e viene trascritto nei pubblici registri .
Il costo è decisamente più alto, perché ci sono le imposte di trascrizione, e una "vera" parcella del notaio .

Il contenuto del contratto è lo stesso nei due casi; la tutela , nel secondo caso, è effettivamente maggiore, ma si usa fare così solo in certe situazioni nei quali il venditore è soggetto a rischio , per problemi di debiti o perché imprenditore fallibile.
In 12 anni da agente, non mi è mai capitato di avere clienti che facessero atto pubblico, né mai ho consigliato di farlo.

Quindi vai dal notaio, valuta le alternative e i relativi costi, e procedi.
 

TensioneLeone

Membro Attivo
Agente Immobiliare
Partiamo col dire che una cparra confirmatoria di 5.000 euro è molto debole e poco tutelativa per le parti. Una volta trovato un accordo bisogna evitare che ci siano ripensamenti e più è alto l'importo della caparra più è basso il richio che qualche ripensamento possa avvenire.

Tutto quello che ti ha detto l AI è giusto. La proposta accettata e notificata per legge E' un PRELIMINARE. Quello che eventualmente si sottoscrive successivamente si chiamama " Scrittura ripetitiva del Contratto Mediato" ed è una scelta delle parti se farla o no.
Nel momento in cui si decide di sottoscriverla si versano altri soldi a titolo di cparra confirmatoria ( circa il 15% del valore dell'immobile).

Detto questo non vedo la necessità di dover andare da un Notaio che in primo luogo ti chiederebbe dei soldi per la sua consulenza e procederebbe alla TRASCRIZIONE del preliminare.
Ti garantisco che se fossi il proprietario e mi chiedessi di trascrivere il preliminare con 5.000 euro di caparra ti manderei a quel paese in un secondo.

I suggerimento che mi permetto di dare a utilizzatori/lettori di questo forum sono due:

1) Spesso le cose sono molto semplici e lineari. Basterebbe non partire sempre con l'essere diffidenti , complottisiti , ecc
Nel mondo esistono delinquenti e persone serie. Quest'ultime grazie a DIo sono la maggior parte. Per cui evitiamo di crearci film e fantasie inutili , semplicemente perchè non conosciamo la materia.

2) Chiederei a chi interviene di farlo solo se conosce l'argomento e la dottrina.
Basta con ste frasi del tipo " Dai tutto in mano ad un avvocato, dai tutto in mano ad un Notaio , ecc" Non serve a niente se non a spaventare ancora di più chi pone il quesito sul Tread , oltre al fatto che spesso e volentieri un avvocato ne capirebbe ancora meno di un AI che conosce la materia.
Se non sapete dare una risposta perchè nella vita giustamente fate altro. Leggete e basta. Nessuno vi obbliga ad intervenire.

Questo forum , partito con le migliori intenzioni sta diventando un Facebook dell'immobiliare. Tutti scrivono e dicono quello che vogliono e tanti scrivono ****ate fornendo un disservizio al posto di un servizio
 

Peter8f

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Mi sa che non hai capito che non vuole solo 5.000 euro. Almeno a leggere se poi devi rispondere in maniera maleducata dicendomi che se fossi il proprietario mi manderesti a quel paese in un secondo.

Per Francesca63: Grazie molto utile. A me in effetti serve solo che rimanga traccia del fatto che io abbia dato sti 20.000, e che non ci sia nessun impedimento nella compravendita.

Sono rimasto scottato perche per un precedente immobile, mentre firmavo la proposta l'agente immobiliare mi ha informato che i proprietari avevano dei debiti...
Non voglio mettere troppa carne al fuoco, però quella esperienza mi porta ora ad andare con i piedi di piombo e a non fidarmi di nessuno se non dei professionisti.

Piuttosto di fare un altro contratto anticipate la data del rogito quando sei sicuro di ottenere il finanziamento.
Grazie per la risposta.
Fosse per me io il rogito lo farei immediatamente dopo aver ottenuto il finanziamento.
I venditori lo vogliono fare molto tempo dopo, circa 3-4 mesi.
Per questo in tutti questi mesi, avendo dato 20.000euro e non avendo ancora la casa mi sentirei più tranquillo con qualcosa di scritto davanti ad un notaio.
 

PyerSilvio

Membro Storico
Agente Immobiliare
Grazie per la risposta.
Fosse per me io il rogito lo farei immediatamente dopo aver ottenuto il finanziamento.
I venditori lo vogliono fare molto tempo dopo, circa 3-4 mesi.
Per questo in tutti questi mesi, avendo dato 20.000euro e non avendo ancora la casa mi sentirei più tranquillo con qualcosa di scritto davanti ad un notaio.
Non si vede il problema.

...se i venditori sono "sani" e basta verificarlo, puoi anche evitare la trascrizione, procedendo con una meno onerosa registrazione, del documento che andrete a sottoscrivere.

Un notaio che si rispetti, posto che andrai da lui a rogitare, non ti chiedera' alcuna spesa per la formulazione del preliminare.
 

TensioneLeone

Membro Attivo
Agente Immobiliare
Mi sa che non hai capito che non vuole solo 5.000 euro. Almeno a leggere se poi devi rispondere in maniera maleducata dicendomi che se fossi il proprietario mi manderesti a quel paese in un secondo.
Ti manderei a quel paese semplicemente perchè la trascrizione è un peso che grava sull'immobile e con solo 5.000 euro di caparra se non si dovesse arrivare alla vendita per colpe riconducibili all'acquirente , io proprietario mi troverei con 5 mila euro in mano ed una trascrizione che non mi permette di vendere l'immobile a terzi, quanto meno nell'immediato.
Tutto qui

Per essere sicuro che sull'immobile non ci siano , liti ,trascrizioni pregiudizievoli , pignoramenti, ecc basta fare una visura ipocatastale con un costo max di 15 euro ed ahi certezza di cosa possa gravare sull'immobile. Fattela fare dall AI che ti sta seguendo, sono sicuro che non avrà problemi a consegnartela
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

buongiorno,avrei bisogno di consigli.Ho messo in vendita il mio attico fidandomi ,purtroppo,di un agente immobiliare che mi aveva seguita in precedenza dandogli l'esclusiva della vendita,ad oggi non risponde a mail,non fornisce resoconti,mi ha bloccata sul cellulare,non segue nessuna delle mie richieste di modifica annunci e foto,haimè lo avrà "in mano"ancora per diversi mesi,come posso recere dal contratto ?
Buonasera a tutti,

sto valutando l’acquisto di una Tabaccheria con i seguenti valori:

Aggi tabacchi e lotto ecc annui 98500€
Giornali ricavi lordi 24900€
Varie. 13600€
Totale rcavi. 137000€

Spese gestione 69000€
Totale ricavi lordi 68000€
Il proprietario richiede 300000€ per la licenza.

Che ne pensate?
Alto