1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Paola 22

    Paola 22 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Salve a tutti,
    ho letto alcune recensioni in questo forum e ho deciso di inserire anche la mia, con la speranza di avere informazioni utili ad uscire da un vero calvario.
    Nel 2009 io e il mio compagno abbiamo acquistato un immobile tramite accollo mutuo dal costruttore. L' immobile fa parte di un complesso abitativo di 36 unità, per le quali è stata attuata lo stessa vendita tramite accollo mutuo. Successivamente tutti noi proprietari ci siamo accorti di essere sprovvisti di certificato di agibilità/abitabilità, in quanto uno di noi era in procinto di vendere l'immobile ma l'agente immobiliare al quale si era rivolto, dopo il giusto controllo della documentazione, ha riscontrato tale mancanza. Ovviamente siamo rimasti tutti quanti basiti, in quanto abbiamo acquistato casa senza assolutamente sapere di questa carenza. Da un successivo controllo abbiamo riscontrato che sull'atto notarile del rogito c'è scritto che " la parte acquirente è in attesa di ricevere la certificazione di agibilità ed abitabilità che sarà fornita dal costruttore a sue uniche spese".
    Siamo stati tutti troppo superficiali, evidentemente, nessuno di noi si è accorto di questa dicitura nel rogito. Giusto per semplificare il tutto, nel frattempo, il costruttore è fallito. Abbiamo tutti acquistato tramite accollo di mutuo e ad un prezzo di mercato senza avere nessun tipo di riduzione. La banca non ci ha mai richiesto tale certificazione prima di stipulare questo accollo, perchè, appunto, è stato stipultato un mutuo originario tra la banca e il costruttore per costruire il complesso e, successivamente, frazionato tra le varie parti acquirenti. Dopo la nostra richiesta privata di informazioni presso l'ufficio tecnico del comune siamo venuti a conoscenza che tale certificazione manca in quanto il progetto presentato in comune da parte del costruttore non corrisponde all'effettiva costruzione poi eseguita. Trovo bizzarro però il fatto che ci abbiano subito concesso la residenza! L'amministratore condominiale ha inizialmente fatto qualche procedimento per cercare di ottenere l'abitabilità ma, successivamente, ha lasciato stare tutto perchè, probabilmente, è un gran casino.
    Ora mi ritrovo a pagare un mutuo, a dover traslocare al più presto per esigenze familiari, a non riuscire a vendere sia per il periodo di crisi e sia per questo problema.
    Qualcuno può darmi qualche informazione utile su cosa posso fare per liberarmi di questa casa???

    Grazie mille.
     
  2. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Bruciala. Sei assicurata ....
    Ascolta l'amministratore da solo non ha le competenze deve rivolgersi ad un tecnico il quale vi indicherà il percorso da fare.
    La dicitura che hai scritto che di fatto è quella riportata nel rogito é anomala. In quella frase andava riportata la data e il protocollo di richiesta da parte del costruttore del certificato di agibilità quindi punto 1 va verificata questa richiesta in comune
    Punto 2 verificare se il comune ha interrotto i termini
    Dalla risposta al punto 2 si capisce che strada prendere. Dal progetto originario alla fine dei lavori può capitare che vengano fatte delle modifiche al progetto stesso. Ma con la richiesta del fine lavori si presenta la variante finale.
    Dovrete incaricare un tecnico che collaborerà eventualmente con amministratore per risolvere il problema.
     
    A brina82, Bagudi, marcellogall e 1 altro utente piace questo messaggio.
  3. Paola 22

    Paola 22 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Ciao Rosa, intanto grazie per avermi scritto. La richiesta da parte del costruttore è stata fatta e vi è un numero di protocollo. Il problema è che il comune non ha comunque concesso l'agibilità. Non posso bruciarla perché non sono assicurata...purtroppo. Il tecnico va preso da parte di tutti noi condomini perché l'agibilità manca anche nelle parti comuni ma, stranamente, nessuno è intenzionato a farlo perché al di fuori di me nessuno deve andarsene e probabilmente non se ne interessano.
     
  4. tigre24

    tigre24 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Buongiorno,per l'agibilta',l'importante e che sia stata presentata la documentazione in comune, se dopo 30 giorni non rispondono ,vale il silenzio assenso .
     
  5. Bruno Sulis

    Bruno Sulis Membro Attivo

    Altro Professionista
    In questo caso il silenzio assenso non vale nulla
    Va sanata la difformità tra il progetto approvato e la situazione realizzata. Trovate il tecnico che ha diretto i lavori oppure ne nominate un altro. Questo vale per tutto il complesso edilizio ovviamente.
     
    A Seya, Tobia e Rosa1968 piace questo elemento.
  6. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Comunque bisogna vedere il comune come aveva risposto all'epoca bloccando i termini e che documenti aveva prodotto. Importante capite anche se c'era una dia o il permesso di costruire. Rintracciare il tecnico non sarebbe male ma non certo per riaffidargli la pratica per ovvie ragioni.
     
    A Bruno Sulis e ab.qualcosa piace questo messaggio.
  7. Bruno Sulis

    Bruno Sulis Membro Attivo

    Altro Professionista
    Almeno saprà dire per quale motivo le cose sono state cambiate e non è stata fatta la variante a chiusura dei lavori come si fa in questi casi.
    Se le modifiche non sono sostanziali (aumenti/diminuzioni di superfici e volumi) è sufficiente presentare i disegni con le modifiche apportate ed una relazione tecnica di asseveramento.
     
    A Rosa1968 piace questo elemento.
  8. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Infatti l'ufficio tecnico deve fare la cronistoria.
     
  9. Bruno Sulis

    Bruno Sulis Membro Attivo

    Altro Professionista
    Sicuramente al catasto sarà stata riportata la situazione reale.
    Succede (quasi) sempre così.
     
    A Rosa1968 piace questo elemento.
  10. irma

    irma Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Concentrati sul cercare di sanare le difformità relative alla tua esclusiva proprietà indipendentemente da quello che fanno gli altri.
    Ti sei informato se hanno costruito con l'intento di chiedere una variante in corso d'opera, che poi non hanno presentato? (In tal caso forse la situazione sarebbe ancora sanabile) O se hanno costruito qualcosa pur sapendo che non si sarebbe potuta fare?
    Quali sono le difformità tra progetto ed effetivo?
    Sono d'accordo infatti il costruttore forse non lo puoi andare a beccare ... ma il direttore dei lavori Sì!
    art. 29 del D.P.R. n. 380/2001 dice che il direttore dei lavori è responsabile delle conformità delle opere ... a quelle del permesso e alle modalità esecutive stabilite dal medesimo ... e responsabile del pagamento delle sanzioni pecuniarie e solidalmente (con Il titolare del permesso di costruire, il committente e il costruttore) alle spese per l'esecuzione in danno, in caso di demolizione delle opere abusivamente realizzate, salvo che dimostrino di non essere responsabili dell'abuso.
    2. Il direttore dei lavori non è responsabile qualora abbia contestato agli altri soggetti la violazione delle prescrizioni del permesso di costruire, con esclusione delle varianti in corso d'opera, fornendo al dirigente o responsabile del competente ufficio comunale contemporanea e motivata comunicazione della violazione stessa.
     
  11. joshuatri

    joshuatri Membro Attivo

    Certificatore energetico
    Comunque la vendita dell'immobile può avvenire anche in assenza del certificato di agibilità, pertanto se la controparte non ha nulla da eccepire, puoi tranquillamente alienare il tuo bene. Potrebbe, eventualmente, chiederti una decurtazione del prezzo per il mancato ottenimento della certificazione, decurtazione che terrà conto del costo per permettere all'acquirente di acquisire il certificato, sempre che questo sia ottenibile. D'altra parte se non fosse così, il mercato immobiliare sarebbe ancora più bloccato di quello che è per adesso... ce ne sono parecchie di queste situazioni.
     
    A Bagudi piace questo elemento.
  12. irma

    irma Membro Attivo

    Privato Cittadino
    ???? E gli abusi edilizi dove li metti? Sai che per vendere un immobile deve essere in regola, salva la nullità della vendita?
    Se iniziamo a rispettare le regole magari vendiamo meglio..
     
    A Rosa1968 e Bruno Sulis piace questo messaggio.
  13. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Verissimo irma infatti la cosa strana é che si tratta di un immobile del 2009. All'epoca un notaio mi ha fatto predisporre gli atti dopo i 60 giorni dalla richiesta di agibilità. Me lo ricordo come fosse oggi. Non so era accontentato della frase di rito ci ha fatto attendere i tempi.
     
    A Tobia piace questo elemento.
  14. Key

    Key Membro Attivo

    Altro Professionista
    Purtroppo gli immobili Si rogitano anche senza certificato di agibilita'.
    Non e'um obbligo di legge che preclude Il rogito.
    Alcine banche non danno mutui Su immobili senza abitabilita.
    Ma e'discrezionale.
    Dipende dal clients che richiede Il mutuo.
    Con l'amministratore richiedete la nuova agibilita con la variants al progetto originario,per Il quale l'agibilita'e'stata richiesta e non concessa.
    Nel togito metti che l'agibilita'e'stata richiesta,con protocollo etc.
    Se dell'immobile c'e'richiesta comunque vendi
    Anche perche l'acquirente s'incolla Il mutuo restante,e'un subentro.
     
  15. ab.qualcosa

    ab.qualcosa Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Anche senza la richiesta si rogita, in realtà.
     
  16. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Nelle case nuove no te lo assicuro
     
    A dormiente piace questo elemento.
  17. ab.qualcosa

    ab.qualcosa Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Adesso a dirla tutta ultimamente non mi è capitato, ma è proprio alle case nuove che mi riferisco.

    L'ultima volta è stato un paio di anni fa.
    Ho una richiesta di agibilità presentata a gennaio del 2013, fino ad allora erano stati stipulati almeno una cinquantina di appartamenti di quel complesso (anni 2011-2012).
     
  18. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Non ho capito. La richiesta era stata presentato. Il notaio inserisce protocollo e data e tutela all'acquirente scrivendo che se entro i termini dei 60 giorni vengono bloccati i termini il venditore A SUA E SPESE DOVRÀ ADOPERARSI A PRESENTARE DOCUMENTAZIONE AL FINE DEL RILASCIO diversamente si rilascia per silenzio assenso. Non si rogita il nuovo senza la richiesta.
     
    A Seya piace questo elemento.
  19. Key

    Key Membro Attivo

    Altro Professionista
    Beh oddio almeno la richiesta Si.I notai chiedono sempre se c'e'l'agibilita'in sede di rogito.
    Allora Va scritto nel preliminare che l'immobile e'privo di agibilita'e che biene accettato da parte acquirente in questo stato di fatto e di diritto.
    Il notaio rogita comunque,ma lo paga l'acquirente,quindi fa gli interessi dell'acquirente.
    O no?

    Scrivete secondo quale legge Il notaio Si puo rifiutare di rogitare per assenza di certificato di agibilita'.
     
    Ultima modifica di un moderatore: 12 Ottobre 2015
    A dormiente piace questo elemento.
  20. ab.qualcosa

    ab.qualcosa Membro Senior

    Agente Immobiliare
    nel caso che ti scrivevo io i rogiti di sono stati fatti nel 2011 e nel 2012 la richiesta di agibilità è stata presentata nel 2013
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina