• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

OzNerol1388

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Salve a tutto vi scrivo nuovamente. Stiamo acquistando una casa da un costruttore, l'abitazione è di sua proprieta. Praticamente ha diviso in 3 parti la casa formando 3 appartamenti. Dopo i lavori ha accatastato il nuovo appartamento ed ha fatto l'autocertificazione di abitabilità. Mi sono letto l'autocertificazione dove ci sono tutti i lavori fatti (la casa era allo stato grezzo). Mi pare però che manca il certificato dell'autorizzazione degli scarichi delle acque nere. Vi chiedo, essendo una casa dove già era attaccata l'acqua, il certificato serve lo stesso? Inoltre tramite il sito del mio comune, l'autocertificazione di abitabilità risulta ricevuta, presa in carico e poi archiviata dal dipendente comunale. Quindi possiamo stare tranquilli? Grazie
 

marcanto

Membro Assiduo
Professionista
< l'autocertificazione di abitabilità > cosa sarebbe ?
Se si sta acquistando la cosa più saggia da fare e' quella di incaricare un tecnico di fare i dovuti controlli ........il fai da te non produce ma buoni risultati
 

PyerSilvio

Membro Storico
Agente Immobiliare
< l'autocertificazione di abitabilità > cosa sarebbe ?
Se si sta acquistando la cosa più saggia da fare e' quella di incaricare un tecnico di fare i dovuti controlli ........il fai da te non produce ma buoni risultati
Se il certificato è stato concesso il tecnico a cosa serve..?
 

Jan80

Membro Attivo
Professionista
Non è un certificato ma una segnalazione certificata che quindi non viene rilasciato dalla P.A. ma dichiarato dal tecnico privato.
L'unica cosa che può fare il Comune è controllare quanto dichiarato, e, di norma, vi è anche l'asseverazione sugli impianti, compreso quello idrico-sanitario che comprende lo scarico.
Quindi se il tecnico ha dichiarato che l'impianto idrico è a norma significa che deve esistere anche l'autorizzazione allo scarico, altrimenti ha dichiarato il falso.

Concludo che ogni abitazione di nuova realizzazione / ristrutturata deve avere un'autorizzazione allo scarico, comunque questa avvenga, che sia a dispersione o in fognatura pubblica.
 

PyerSilvio

Membro Storico
Agente Immobiliare
il tecnico serve ad andare oltre, serve a vagliare la legittimità in termini oggettivi dell'immobile
Quindi facci capire.

Il comune concessionario, rilascia il certificato, come accade sovente, pure in presenza di difformita’ parziali dai permessi.

La semplice presenza del certificato determina l’ufficialita’ della dichiarazione.
A meno che il certificato non sia un falso nulla si puo’ eccepire.

Fine.

No.
Perche’ arrivi tu o il tecnocrate di turno che va’ verso l’infinito ed oltre.
Rileva le parziali difformita’ e “vaglia” la o le leggittimita’ oggettive dell’immobile.

E6030E2B-11B4-4D6B-8461-D983A671424B.jpeg
 

marcanto

Membro Assiduo
Professionista
Non ti rendi conto che a volte sarebbe bene per te evitare repliche.
Appunto perché ci potrebbero stare difformità.
Appunto perché l'agibilità può essere rilasciata in presenza di difformità o asseverata la SCIA di agibilità..........
Appunto questo e appunto quello !

Dopo tutti questi Appunto vorresti che l'acquirente non faccia fare i controlli per proprio conto.

< La semplice presenza del certificato determina l’ufficialita’ della dichiarazione>
Ma va, Beata la tua inconsapevolezza !!!
Bhaaaa !!!!
 
Ultima modifica:

Jan80

Membro Attivo
Professionista
Il fatto è che oggigiorno bisogna dimentinticarsi del certificato, dato che il Comune non certifica più una beata mazza!
L'agibilità, grazie alla "semplificazione", è un'asseverazione fatta da un tecnico privato e depositata in Comune. STOP!

Ora il Comune viene comunque ritenuto corresponsabile per eventuali dichiarazioni non veritiere contenute in tale documento, che abbia o meno provveduto alla sua verifica anche tramite sopralluogo.

Quindi, tornando alla domanda iniziale, come fa un privato cittadino a capire se l'immobile ha o meno l'agibilità?
Ogni Comune è un mondo a sé, ma di norma basta verificare con n. di protocollo di accettazione della SCIA di Agibilità se questa ha già maturato i tempi per divenire efficace, magari anche chiedendo se è stata oggetto di sopralluogo e, in caso affermativo, si può richiedere copia del verbale dell'esito del sopracitato sopralluogo oppure, accertarsi che non siano stati intrapresi procedimenti repressivi per dichiarazioni non veritiere/mendaci a seguito di contollo.

Concludo solo aggiungendo che alcuni Comuni rilasciano due righe dopo la maturazione della SCIA ed eventuale esito positio del sopralluogo. Non sono comunque costretti a farlo.
 

PyerSilvio

Membro Storico
Agente Immobiliare
Non ti rendi conto che a volte sarebbe bene per te evitare repliche.
Appunto perché ci potrebbero stare difformità.
Appunto perché l'agibilità può essere rilasciata in presenza di difformità o asseverata la SCIA di agibilità..........
Appunto questo e appunto quello !

Dopo tutti questi Appunto vorresti che l'acquirente non faccia fare i controlli per proprio conto.

< La semplice presenza del certificato determina l’ufficialita’ della dichiarazione>
Ma va, Beata la tua inconsapevolezza !!!
Bhaaaa !!!!
Ok.

Verso l'infinito ed oltre.
 

cafelab

Moderatore
Membro dello Staff
Professionista
Mi pare però che manca il certificato dell'autorizzazione degli scarichi delle acque nere.
Chiediglielo

il certificato serve lo stesso?
Il cerificato serve, sarà stato depositato insieme al permesso di costruire

Inoltre tramite il sito del mio comune, l'autocertificazione di abitabilità risulta ricevuta, presa in carico e poi archiviata dal dipendente comunale.
Naturalmente

Quindi possiamo stare tranquilli?
Beh, Si, Però
ci sono casi in cui interi complessi sono stati sequestrati anni dopo la vendita perchè costruiti in totale difformità del permesso idrogeologico.
Cambia il vento politico, arriva un funzionario che si vuol fare "il nome" e la pentola si scoperchia

A meno che il certificato non sia un falso nulla si puo’ eccepire.
l'autorizzazione per allaccio in fognatura pubblica non è un documento da allegare alla SCIA per agibilità.

ma che è una parolaccia?? :risata::risata:

Io penso che ciascuno di noi ha diritto di spendere i solodi come ritiene giusto.
C'è chi compra un edificio ante 67 senza controllare nulla e chi si fa scrupoli e vuole controllare tutti i documenti prima di fare un acquisto

Noi non siamo precettori morali, cerchiamo di rispondere a tono

@OzNerol1388
Prima di spendere Ncentomila euro vuoi essere sicuro che sia tutto a posto, sia da un punto di vista formale che sostanziale?

O ti fidi del venditore che potrebbe essere una bravissima persona
O cerchi di barcamentarti con le informazioni reperibili sul web
Oppure incarichi un tecnico di controllare il tutto

E' come se dovessi comprare una Bentley usata.
Ti fidi del venditore e controlli il libretto di circolazione o la fai vedere da un meccanico?


Ora il Comune viene comunque ritenuto corresponsabile per eventuali dichiarazioni non veritiere contenute in tale documento, che abbia o meno provveduto alla sua verifica anche tramite sopralluogo.
Anche se fosse vorrebbe dire imbarcarsi in una causa che magari dura 20 anni,
e in una causa le uniche certezze sono il tempo perso, le ansie e le spese
non sarà meglio spendere qualche centinaio di euro prima e far controllare tutto?
 
Ultima modifica:

PyerSilvio

Membro Storico
Agente Immobiliare
E' come se dovessi comprare una Bentley usata.
Ti fidi del venditore e controlli il libretto di circolazione o la fai vedere da un meccanico?
Un esempio che c’entra come i cavoli a merenda.

Perche’ l’utente qui riferisce della presenza del certificato.

Rilasciato con gli effetti e le procedure previste dalle piu’ recenti normative.
Perche’ appunto trattasi di recente ristrutturazione.
Cosi’ il certificato esiste.
Richiesto e rilasciato.
Immobile garantito.

Quindi semmai la domanda da te Posta dovrebbe avere una formulazione diversa.

Come verificare il certificato di garanzia rilasciato all’acquirente direttamente dal concessionario Bentley..?

Di fatto, sulla scorta della spiegazione riferita dal @Jan80 , l’utente si e’ rivolto al suo comune, dove otteneva la conferma della corretta conclusione della pratica.

Fine..?

Macche’.

Giacche’ per il marcanto ancora non basta e forse neppure per te che lo giustifichi.

Perche’ bisogna andare oltre.
Incaricando (Ancora) un tecnico.

...il tecnico serve ad andare oltre, serve a vagliare la legittimità in termini oggettivi dell'immobile.
Sara’ che da intermediario, le mie competenze, si limitano alle dinamiche riferite alla compravendita.

Per questa motivazione, sara’ che proprio non riesco a capire, in atti pratici, che cosa intendesse dire.

Probabilmente, come il meccanico incaricato per la Bentley, su un immobile con la pratica asseverata e conclusa correttamente, prima che l’acquirente avanzi l’offerta, andra’ facendo carotaggi di controllo sugli impianti, direttamente a casa del venditore.
 

cristian casabella

Membro Attivo
Agente Immobiliare
Un esempio che c’entra come i cavoli a merenda.

Perche’ l’utente qui riferisce della presenza del certificato.

Rilasciato con gli effetti e le procedure previste dalle piu’ recenti normative.
Perche’ appunto trattasi di recente ristrutturazione.
Cosi’ il certificato esiste.
Richiesto e rilasciato.
Immobile garantito.

Quindi semmai la domanda da te Posta dovrebbe avere una formulazione diversa.

Come verificare il certificato di garanzia rilasciato all’acquirente direttamente dal concessionario Bentley..?

Di fatto, sulla scorta della spiegazione riferita dal @Jan80 , l’utente si e’ rivolto al suo comune, dove otteneva la conferma della corretta conclusione della pratica.

Fine..?

Macche’.

Giacche’ per il marcanto ancora non basta e forse neppure per te che lo giustifichi.

Perche’ bisogna andare oltre.
Incaricando (Ancora) un tecnico.



Sara’ che da intermediario, le mie competenze, si limitano alle dinamiche riferite alla compravendita.

Per questa motivazione, sara’ che proprio non riesco a capire, in atti pratici, che cosa intendesse dire.

Probabilmente, come il meccanico incaricato per la Bentley, su un immobile con la pratica asseverata e conclusa correttamente, prima che l’acquirente avanzi l’offerta, andra’ facendo carotaggi di controllo sugli impianti, direttamente a casa del venditore.
dovevi concludere, e a pagamento...altrimenti lo farebbero tutti
 

PyerSilvio

Membro Storico
Agente Immobiliare
lo avevamo già compreso.
Se e quando si tratta, di argomentazioni che esulano dalle competenze di uno, questi ha il diritto universale di essere ignorante.

Quando andiamo dal dottore per esempio ciascuno di noi e’ ignorante.

Cosi’ Il dottore ci fa’ la diagnosi e ci prescrive la terapia.

..e qui veniamo a Noi.
Caro il mio dottore.

Il paziente e’ una casa appena ristrutturata.

Che gode di ottima salute.
CERTIFICATA. (sostantivo femminile)

Certificata asseverata.
Con il comune concessionario che conferma all’acquirente la corretta conclusione delle prassi necessarie.
Eccolo qua:

Inoltre tramite il sito del mio comune, l'autocertificazione di abitabilità risulta ricevuta, presa in carico e poi archiviata dal dipendente comunale
Nonostante cio’ si rileva il rischio di una grave patologia.
Cosi’ formulavi la tua diagnosi.
Eccola qua:

la cosa più saggia da fare e' quella di incaricare un tecnico di fare i dovuti controlli
Dopodiche’, alla mia imbeccata, Prescrivevi la terapia.
Eccola qua:

il tecnico serve ad andare oltre, serve a vagliare la legittimità in termini oggettivi dell'immobile.
In termini pratici, terra-terra, paro-paro, si puo’ sapere che catso significa...?

Vai a fare i carotaggi, vai a spaccare la casa conforme e regolare del venditore, oppure che fai..??

Ci dica Dottore.

Siamo qui tutti quanti tutto orecchi.
 
Ultima modifica:

cafelab

Moderatore
Membro dello Staff
Professionista
E' una visione un pò naif la tua

Non sai che i certificati non sono richiesti e rilasciati ma depositati e protocollati?
sono AUTODICHIARAZIONI del committente asseverate da un tecnico

c'è un mondo di differenza

Il problema è che, come immagino saprai, secondo le assurde pretese del legislatore
il tecnico è un pubblico ufficiale che deve sorvegliare l'interesse dello Stato, quando si tratta di controllare i clienti,
ma è un libero professionista che deve lavorare in regime di libero mercato quando si tratta di essere pagato

Siccome da che mondo l'asino si attacca dove vuole il padrone
Non ci vuole tanto a trovare un tecnico incosciente o che non arriva alla fine del mese disposto a certificare situazioni non regolari in cambio di vile danaro

Per cui alla domanda mi posso fidare, la risposta è
"Se ti vuoi fidare fidati, ma sappi che ti stai fidando della autodichiarazione del diretto interessato"

Comunque vedo che la discussione si è avviata verso l'ennesimo sterile battibecco.

Vi ricordo che tecnici e agenti immobiliari NON sono nemici naturali.
Fanno due lavori diversi e rispettabili
sarebbe il caso di limitare i nomignoli e i dileggi
 

marcanto

Membro Assiduo
Professionista
@cafelab da parte mia nessun sterile battibecco, ripeto da parte mia.
Ma quando il tuo interlocutore non comprende il contesto della natura tecnica del tutto ......cosa puoi farci !
Poi detto chiaramente noto nei suoi interventi un assoluta inconsapevolezza, da un lato, mentre dall'altra lato una volontà di rendersi edotto......spera che gli si chiarisco quello che a lui noto e chiaro NON E'.
E continua a ripetere sempre le stesse cose.

Ma per questo può anche contattare in privato e chiedere semplicemente senza queste assurde polemiche, che lo rendono solo ridicolo.

PS: Per la metafora medico e paziente > quando il medico fornisce la la cura, il paziente proprio perché lui medico non è, accetta fiducioso la cura e spera nella sua guarigione!!!!
 
Ultima modifica:

PyerSilvio

Membro Storico
Agente Immobiliare
Il problema è che, come immagino saprai, secondo le assurde pretese del legislatore
il tecnico è un pubblico ufficiale che deve sorvegliare l'interesse dello Stato, quando si tratta di controllare i clienti,
ma è un libero professionista che deve lavorare in regime di libero mercato quando si tratta di essere pagato

Siccome da che mondo l'asino si attacca dove vuole il padrone
Non ci vuole tanto a trovare un tecnico incosciente o che non arriva alla fine del mese disposto a certificare situazioni non regolari in cambio di vile danaro
Lupus in fabula.

Immaginavo che la replica si limitasse a quanto sopra esposto.

Ad onor del vero, ci speravo, con tutto il cuore, di non dover leggere (ancora) una tale oscenita’.

Che il marcanto, aveva gia’ sostenuto in una recente discussione, su analogo argomento.

Dove, giustamente, era stato seppellito da ampie ed aspre critiche da parte dei miei colleghi mediatori allo stesso tempo tuoi colleghi moderatori.

Per quanto in concorso sostenete, e’ come se dall’associazione medici dentisti italiani, si emanasse un comunicato di non rivolgersi e ne affidarsi, a taluni medici.
Pure se questi sono regolarmente iscritti ed abilitati ad esercitare.
Perche’ a vostro avviso cio’ che conta non e’ la loro preparazione.
Bensi’ la loro dichiarazione dei redditi.

Oscenita’ di Proporzioni gigantesche.

Il certificato di abitabilita’ esiste dagli anni trenta e, udite udite, NON e’MAI diventato un fantasma!

Negli anni, le prassi, le norme e gli iter burocratici sono cambiati.
Fondendo agibilità ’ ed abitabilita’ fino ad arrivare agli iter attuali, che molto malamente ci venite qui ad illustrare.

Prassi che non esulano al certificato, di materializzarsi quando e’ richiesto, in tutta la sua concretezza, nelle mani del consumatore richiedente finale.

Uno dei quali era qui intervenuto per chiederne conferma.
Molto probabilmente non ci avra’ capito un ficosecco.

Eppure la presenza del certificato resta fondamentale.
Per i privati che si scambiano i beni.
Per le banche che li devono finanziare.
Per la norma e per i notai che la devono osservare.

Tutti soggetti, che stando a quanto sostenete, dovrebbero rivolgersi a tecnici e poi a tecnici e poi ancora a tecnici, verso l’infinito ed Oltre.
Perche’ “non ci vuole tanto a trovare tecnici incoscienti”

Una spiegazione tecnica Altamente professionale.

Del resto stiamo ancora aspettando.

Che il marcanto, senza sterili battibecchi o inutili polemiche personali, che ci venga a spiegare, pubblicamente sarebbe meglio, che cosa concretamente significa:


ad andare oltre, serve a vagliare la legittimità in termini oggettivi dell'immobile.
 
Ultima modifica:

marcanto

Membro Assiduo
Professionista
Come proverbio dici: "a lavar la testa all'asino ci si perde acqua e sapone" .

Cosa si dovrebbe spiegare > quando con l'espressione "legittimità in termini oggettivi " ci si riferisce ad altri contesti......che l'agibilità NON E' documento che certifica legittimità di un bel nulla.
Ed è stato detto, ripetuto e ribadito sopra, e più volte.......
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Ciao a tutti. Io ho un problema legato alla provvigione dell'agenzia immobiliare, spero di potermi spiegare con chiarezza.
La provvigione dell'agenzia dichiarata il giorno del rogito sul contratto notarile, é stata di euro 2000 ma, da scrittura privata tra acquirente e agente era di euro 4000. Adesso l'agente immobiliare vuole gli altri soldi tramite avvocato. É giusto tutto ciò?
Merypic ha scritto sul profilo di PyerSilvio.
Salve, piacere. Io mi muovo porta a porta ma la maggior parte delle volte mi imbatto su immobili già presenti sul mercato o fuori prezzo o entrambe le cose. C'è secondo lei un sistema per trovare case non ancora presenti sul mercato? Grazie in anticipo. Se poi si potesse parlare in privato mi farebbe piacere, mi sembra una persona che potrebbe darmi molti suggerimenti interessanti.
Alto