1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Karl1

    Karl1 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Buongiorno a tutti.

    Ho letto che il catasto non è probatorio, ma può divenire tale se viene citato in atto notarile.

    A questo punto mi chiedo: per citazione si intende il mero richiamo dei mappali a cui si fa riferimento o è necessaria anche una descrizione degli stessi?

    Ad esempio per l'accertamento di un abuso edilizio si possono utilizzare piante catastali citate in atto come valore probatorio anche se non vengono, diciamo, descritte nell'atto stesso(ad esempio se ad oggi ci fosse un bagno che nelle piantine usate x l'atto non c'era ma non è stato specificatamente descritto..).

    Grazie

    Aggiunto dopo 1 :

    Scusate ho sbagliato sezione...se gentilmente qualcuno del board potesse spostare il topic nella sezione giusta gliene sarei grato!
     
  2. jacopoge

    jacopoge Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Il catasto non è probatorio per la proprietà e neppure per la regolarità edilizia dell'immobile. La planimetria allegata in atto può servire per definire che lo stato dei luoghi al momento del rogito era quello descritto.
    Se tu adesso sei proprietario di un immobile che nello stato di fatto è differente da quanto risulta agli uffici comunali, dovrai provvedere a richiedere le necessarie autorizzazioni per regolarizzarlo, o se non possibile dovrai riportare lo stato dei luoghi a quello consentito.
    Un eventuale vecchio rogito che segnali uno stato difforme può servire per eventualmente rivalersi su chi ha compiuto l'abuso.
     
  3. Karl1

    Karl1 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Il problema è che tale catasto è stato usato per 3 passaggi di proprietà....e quindi citato in atto...E nessuno ha mai provveduto a sanare la situazione catastale. E so per certo(da fotografia) che questi atti sono stati fatti con catasto non aggiornato. In pratica è stata usata una planimetria "vecchia". In comune non c'è nulla. A me l'immobile è pervenuto così: catastalmente non aggionato(da 30 anni presumibilmente) e con assente documentazione comunale.

    Che faccio? Se lo vendo e c'è un abuso sono correo anche io? O mi basta riaccatastarlo?
     
  4. jacopoge

    jacopoge Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    il catasto non è un problema, lo si aggiorna allo stato di fatto. Il più è il Comune dove dovrebbe esserci traccia delle autorizzazioni, se erano necessarie, per i diversi lavori eseguiti.
    ti consiglio di rivolgerti ad un tecnico, geometra od architetto, esperto in queste cose. Come prima cosa chiederei in Comune l'ultimo stato assentito, che ti dice come risulta essere il tuo appartamento per il Comune( a Milano però occorrono dei mesi per averlo). Potrebbe essere già in regola. Se non lo fossi c'è la possibilità di una Dia o di altro provvedimento in sanatoria o parziale sanatoria. Senti il tecnico.
    Una volta si era molto vaghi sulle planimetrie e la corrispondenza dei luoghi a quanto in atto, adesso deve esserci assolutamente corrispondenza.
     
  5. Karl1

    Karl1 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    In comune non c'è nulla, da quanto ho capito e trattasi di "ante 1967".
    La piantina catastale è del 1979. Ma sulla veridicità effettiva di tale pianta ho molti dubbi anche se citata in atti, come detto..
     
  6. jacopoge

    jacopoge Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    in Comune non risultano mai fatte opere dopo il 67
    la catastale è del 79 e l'unica differenza è che manca un bagno che invece esiste nella realtà.
    mi vengono in mente due possibilità: sanarlo o togliere il bagno
     
  7. Karl1

    Karl1 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    No non è l'unica differenza, ce ne sono altre. Ma a parte le differenze in se, in questo caso che si fa? Se davvero abuso è, cosa dovrei fare a rigore di legge? " Rivalermi sui vecchi proprietari con un "salto" plausibile di 3 rogiti+1 successione e pretendere la nullità dell'atto? è roba di oltre 30 anni fa, magari i responsabili, o presunti tali(xkè è questo il bello..), sono pure morti....E con che prove? O accatastare e "fregarsene"? La sanatoria può essere una via...ma se non sono io il responsabile??
     
  8. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Purtroppo, sei l'ultimo proprietario e a te toccano gli oneri...

    Se ti può consolare (ma non credo), in virtù di questa legge fatta con i piedi, mezza italia è nelle tue condizioni...

    Silvana
     
  9. Karl1

    Karl1 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    A quale legge in specifico ti riferisci?
     
  10. jacopoge

    jacopoge Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    La responsabilità e l'onere di sanare la situazione è comunque tua. Avresti dovuto rilevare le differenze al momento dell'acquisto (cosa che nessuno faceva mai, tanto a cosa serviva?)
     
  11. valentina geometra

    valentina geometra Membro Attivo

    Altro Professionista
    a me è capitata una situazione simile con una cliente, proprietaria dal 2003 di un immobile fatto prima del '60, con l'unica piantina presente quella del catasto fatta sempre nel 2003 per fare l'atto. Al comune non c'è traccia di nulla.

    bene. nel mio comune m'hanno detto di dimostrare l'esatto o il più probabile periodo in cui è stato realizzato l'immobile con una ricca perizia con allegata documentazione fotografica con particolari costruttivi ed eventuali atti precedenti dove veniva descritto l'immobile.

    in ogni caso oggi sei tu il proprietario e devi esser tu a "sbrogliare la matassa" e se riesci a dimostrare che il tuo è ante '67, non dovresti avere particolari problemi, salvo poi la prassi che sicuramente ti consiglieranno di seguire.
    in ogni caso, rivolgiti ad un tecnico del tuo comune!
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina