1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. umbo

    umbo Membro Junior

    Privato Cittadino
    Ciao ragazzi, vi pongo dei quesiti dopo che un agente immobiliare mi ha fatto sorgere alcuni dubbi :triste:
    come ho detto in altro post posseggo due case ma nessuna delle due è stata acquistata con le agevolazioni prima casa in quanto per la prima è stato comprato il terreno e poi si è edificata la villetta, per la seconda (dove vivo stabilmente con mia moglie) non le ho richieste avendo già oramai l'altra casa.
    Mia moglie invece non ha niente intestato e quindi per lei un acquisto risulterebbe come prima.
    La nostra intenzione era quella di cointestare il futuro immobile (50-50) con la convinzione che (essendo anche in separazione dei beni) mia moglie avrebbe pagato le tasse agevolate sulla sua quota mentre io quelle più alte sulla mia.
    A questo punto l'agente immobiliare ci ha detto che anche se cointestata si pagherebbero le tasse come se fosse per tutti e due seconda casa, poi mi ha ulteriormente spiazzato affermando che, non avendo mai usufruito delle agevolazioni per prima casa potrei farlo adesso.....:shock:
    Come se non bastasse mi ha detto che le tasse dovrebbero essere pagate sul valore corrisposto per l'immobile e non, come sapevo, sul valore catastale (o rendita catastale?) adducendo come motivazione che i notai fanno un po' come vogliono, ma la legge non dovrebbe essere applicata in maniera univoca?
    Grazie e ciao
     
  2. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    - Se non ne hai mai usufruito puoi usufruirne adesso delle agevolazioni. Non puoi acquistare però nel comune dove risiedi.
    - I notai non fanno come vogliono: nelle compravendite fra privati viene tassata la rendita catastale (rivalutata), se acquisti da impresa paghi IVA sul valore dichiarato in atto.
    :stretta_di_mano:
     
  3. umbo

    umbo Membro Junior

    Privato Cittadino
    Grazie,
    preciso e veloce come al solito........per quanto riguarda la cointestazione della casa e il pagamento delle imposte sul rispettivo 50% come prima casa per mia moglie e seconda per me?:)
    :stretta_di_mano:
     
  4. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Se acquisti nello stesso comune dove risiedi non puoi usufruire dell'agevolazione. se acquisti in altro comune puoi usufruire delle agevolazioni, ma devi poi portare la residenza entro 18 mesi.

    L'acquirente, o gli acquirenti, devono dichiarare nell'atto di compravendita:

    - di non essere titolare esclusivo (proprietario al 100%) o in comunione con il coniuge (la comproprietà con un soggetto diverso dal coniuge non è ostativa) di diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione di un'altra casa di abitazione nel territorio del Comune dove sorge l'immobile oggetto dell'acquisto agevolato;
    - di non essere titolare, neppure per quote o in comunione legale con il coniuge, su tutto il territorio nazionale, di diritti di proprietà o nuda proprietà, usufrutto, uso e abitazione su altra casa di abitazione acquistata, anche dal coniuge, usufruendo delle agevolazioni fiscali prima casa.
    - di impegnarsi a stabilire la residenza, entro 18 mesi dall'acquisto, nel territorio del Comune dove è situato l'immobile da acquistare, qualora già non vi risieda.
     
  5. umbo

    umbo Membro Junior

    Privato Cittadino
    Scusami se ti stresso :confuso: penso di non essermi spiegato bene.....
    premettendo che mia moglie rientrerebbe nei benefici per prima casa in quanto siamo in separazione dei beni e lei non ha nulla intestato.....se compriamo un immobile, cointestato, la cui (ipotetica) rendita catastale rivalutata è di 100 è possibile per noi acquistare pagando di imposte rispettivamente lei il 3% (più le quote fisse) su 50 e io il 10% sul restante?
    Ancora tante grazie
    Ciao

    P.S. insisto su questo punto perchè l'agente immobiliare ha detto che dovremmo pagare le tasse come se fosse per tutti e due seconda casa
     
  6. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Esatto
     
    A umbo piace questo elemento.
  7. Antonio Troise

    Antonio Troise Membro Storico

    Agente Immobiliare
    perchè, umbo non
    vuoi usufruire delle agevolazioni?
     
  8. andrea boschini

    andrea boschini Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    premesso che puoi comprare 10 case come seconda casa...e poi comprare la prima..l'importante e' che ci porti la residenza nei 12 mesi sucessivi...e se siete in separazione dei beni puoi comprarne una seconda ( di prima casa ) sempre che ci porti la residenza dell'intestatario.;)
     
  9. umbo

    umbo Membro Junior

    Privato Cittadino
    Non è che non voglio usufruire delle agevolazioni, solo che mi hanno sempre detto che avendo già due case nel comune dove risiedo (anche se probabilmente successivamente al futuro acquisto ne venderò una e per nessuna delle due ho fruito delle agevolazioni) non posso richiedere le agevolazioni anche se la casa che andremo ad acquistare sarà quella dove risiederemo stabilmente. A questo punto (pagandola entrambi) volevamo intestare il futuro acquisto intestandolo 50-50 pagando mia moglie le tasse agevolate sulla sua quota e io al 10% sulla mia.
    A me piacerebbe usufruire delle agevolazioni (mica sarebbe male risparmiare il 7% :p) ma non so se sia possibile visto che:
    L'acquirente, o gli acquirenti, devono dichiarare nell'atto di compravendita:

    - di non essere titolare esclusivo (proprietario al 100%) o in comunione con il coniuge (la comproprietà con un soggetto diverso dal coniuge non è ostativa) di diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione di un'altra casa di abitazione nel territorio del Comune dove sorge l'immobile oggetto dell'acquisto agevolato;

    voi che dite????? :shock:
    :stretta_di_mano:

    Aggiunto dopo 12 minuti :

    A proposito.......visto che dovremmo acquistare con il mutuo dell'80% del valore ho letto da qualche parte che le tasse si pagherebbero non sulla rendita catastale rivalutata ma sull'importo del mutuo.....è vero? :occhi_al_cielo:
     
  10. andrea boschini

    andrea boschini Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    @umbo
    ...
     
    A umbo piace questo elemento.
  11. umbo

    umbo Membro Junior

    Privato Cittadino
    Io pensavo che avendo già due case nello stesso comune mi fosse precluso l'acquisto agevolato :triste:
    grazie
     
  12. andrea boschini

    andrea boschini Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Ripeto...NO se le prime le hai acquistate senza agevolazione d'imposta
     
    A umbo piace questo elemento.
  13. umbo

    umbo Membro Junior

    Privato Cittadino
    Beh!
    allora la situazione diventa più "economica"......
    grazie a tutti
     
  14. umbo

    umbo Membro Junior

    Privato Cittadino
    Poco fa mi ha chiamato l'agente immobiliare per un appartamento, entrando nel discorso in esame mi ha detto che non posso usufruire delle agevolazioni prima casa in quanto le due case in mio possesso, anche se acquisite senza agevolazioni, trovandosi nello stesso comune dell'immobilie da comprare mi impediscono di poter usufruire delle imposte agevolate e che quindi, intestandola al 50% io pagherò il 10% e mia moglie il 3%......:confuso:
    mi sto proprio confondendo! :triste:
     
  15. mosca

    mosca Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Io penso che l'AI abbia ragione ........
    I requisiti per ottenele l'agevolazione I ° Casa sono 4:
    1) Non avere altri abitazioni o quote di esse sul territorio nazionale per i quali si è gia usufruito della stessa agevolazione.
    2) L'immobile non deve essere di lusso.
    3)Non avere altre abitazioni nel comune nel quale si intende acquistare
    4) Prenderci la residenza entro 18 mesi dall'acquisto

    Ci sono poi delle eccezioni per alcune catregorie di persone, ma i requisiti principali sono questi !!
     
    A Antonio Troise e umbo piace questo messaggio.
  16. Antonio Troise

    Antonio Troise Membro Storico

    Agente Immobiliare
    :ok:

    I REQUISITI PER FRUIRE DEI BENEFICI (fonte Agenzia delle Entrate)

    Il primo requisito indispensabile per fruire delle agevolazioni e' che l'acquisto riguardi una casa di abitazione non "di lusso". Per verificare se un immobile e' considerato di lusso, occorre far riferimento ai criteri individuati dal decreto del Ministro dei lavori pubblici 2 agosto 1969 (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 218 del 27 agosto 1969).

    Accertato che si acquisti un'abitazione considerata non "di lusso", i benefici spetteranno, a prescindere dalla categoria catastale dell'immobile, solo in presenza di determinate condizioni:

    a) l'immobile deve essere ubicato nel Comune in cui l'acquirente ha la residenza o in cui intende stabilirla entro 18 mesi dalla stipula, o nel Comune dove l'acquirente svolge la propria attivita' principale.
    Per il personale delle Forze Armate e delle Forze di Polizia non e' richiesta la condizione della residenza nel Comune di ubicazione dell'immobile acquistato con le agevolazioni prima casa.
    Per i cittadini italiani residenti all'estero (iscritti all'AIRE) deve trattarsi di prima casa posseduta sul territorio italiano.

    b) l'acquirente non deve essere titolare, esclusivo o in comunione col coniuge, di diritti di proprieta', usufrutto, uso e abitazione di altra casa di abitazione nel territorio del Comune dove si trova l'immobile da acquistare;

    c) non bisogna essere titolari, neppure per quote o in comunione legale, su tutto il territorio nazionale, di diritti di proprieta', uso, usufrutto, abitazione o nuda proprieta', su altra casa di abitazione, acquistata, anche dal coniuge, usufruendo delle agevolazioni per l'acquisto della prima casa.

    In presenza dei requisiti sopra elencati l'agevolazione "prima casa" spetta anche se il bene viene acquistato da un minore non emancipato o da altre persone incapaci, quali interdetti e inabilitati.


    Le condizioni di cui alle lettere b) e c) e l'impegno a stabilire la residenza, entro 18 mesi, da parte dell'acquirente che non risiede nel Comune dove e' situato l'immobile che si acquista, devono essere attestate con apposita dichiarazione da inserire nell'atto di acquisto.

    Se, per errore, nell'atto di compravendita dette dichiarazioni sono state omesse, e' possibile rimediare mediante uno specifico atto integrativo, redatto secondo le medesime formalita' giuridiche del precedente, in cui dichiarare la sussistenza dei presupposti soggettivi ed oggettivi per usufruire delle agevolazioni fiscali.

    Per usufruire delle agevolazioni "prima casa" non e' necessario che l'immobile acquistato sia destinato ad abitazione propria e/o dei familiari.
     
    A umbo piace questo elemento.
  17. andrea boschini

    andrea boschini Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Sorry...io avevo inteso che volevate comprare casa altrove e portarvi la residenza e quindi potevate chiedere le agevolazioni...viceversa se comprate nello stesso comune no.
    Qual'ora la moglie non ha case di proprieta' ne' chiesto i benefici prima..se siete in comunione dei beni fate la separazione e la intesti a lei.
    Scusa per il fraintendimento:confuso:
     
    A umbo piace questo elemento.
  18. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    E' vero, per quello parlavo di comune dove risiedi!! :stretta_di_mano:
     
    A umbo piace questo elemento.
  19. umbo

    umbo Membro Junior

    Privato Cittadino
    Ok grazie a tutti.........penso che la cointesteremo comunque, almeno mia moglie sulla sua quota pagherà le tasse agevolate.

    P.S.
    un ultimo quesito e poi tolgo il disturbo :confuso:
    mia moglie dovrebbe chiedere il mutuo che la banca può concedere per l'80% del valore dell'immobile.......la banca potrebbe fare problemi per la cointestazione della casa? Aggiungo che il mutuo sarebbe intestato a lei ma io penso di dover prestare garanzia.
    Saluti a tutti:D
    :stretta_di_mano:
     
  20. andrea boschini

    andrea boschini Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Assolutamente no..anzi..la banca sara' contenta della cointestazione..visto che hai di proprieta' altri 2 immobili.Ricordati che potrai detrarre solo il il 50% degli interessi passivi ( sul 19% annui ), che sono quelli pertinenti alla quota di prima casa.
    Auguri
     
    A umbo piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina