1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. primosol

    primosol Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Come farsi il sito della propria agenzia immobiliare.
    Mini corso in pochi passi per costruirsi da soli un sito per l'agenzia, efficace, indicizzato dai motori di ricerca, facile da aggiornare, e bello da vedere.

    Io non sono un agente immobiliare, e quindi l'unico modo in cui posso contribuire alla community oltre al lavoro enorme di sviluppo che stiamo portando avanti da due mesi, è darvi una mano sotto il profilo informatico.
    Non è un segreto che ogni anno raddoppia la clientela proveniente da internet per le agenzie, e quindi prendere confidenza con internet e il suo modo di comunicare come organizzare una presenza qualificata sta diventando una esigenza che accresce di mese in mese.

    L'altra sera scorrevo i vostri profili, notando che pochissimi hanno inserito il proprio sito web, e di quelli inseriti, la maggior parte sono male organizzati, difficilmente consultabili, poco e niente indicizzati nei motori di ricerca e - lasciatemelo dire - bruttini.
    Alcuni invece sono ben fatti non c'è che dire.

    La prima domanda che ognuno si fa riguardo a internet è "Sono in grado di farmelo da me?". La risposta è quasi sempre no. In fondo non ci insegnano a scuola cos'è l'HTML, i CSS, il PHP, gli XML e altre decine di sigle astruse.

    Invece non è poi così difficile. E per dimostrarlo, ho deciso di mettere su un tutorial (cioè un "corso") per consentirvi di farvelo da soli. Non ci metterò un giorno, per cui restate sintonizzati su questo thread. Nei prossimi giorni, vedremo insieme come costruirsi un sito web di successo per l'agenzia immobiliare.

    Via via che inserisco i capitoli, chiedete pure le cose che non vi sono chiare.

    Nota Bene.: Io non sono come giorgio il custode... nel senso che ho pochissimo tempo, e cerco di non sprecarlo. Quindi se vedo che la cosa non interessa a nessuno, pianto li ;)
    Così potete tranquillamente farvi scannare da qualche software house in vena di far soldi
     
    A Bule, patrizia581958 e domuslc piace questo elemento.
  2. m.dolores.cometto

    m.dolores.cometto Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    che bella idea. facile da realizzare lo dubito fortemente, ovviamente non dubito della tua preparazione, bensì della mia.
    io ho tentato di costruirmelo attraverso fiaip, è ancora in aggiornamento, dopo averci messo mano, già qualche giorno. ti seguirò.
    spero che altri ti seguano, altrimenti non so se basterò. ciao
     
  3. medibroker

    medibroker Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Vorrei associarmi all' idea e ringrazio già da adesso per la bella iniziativa. Ho fatto come autodidatta un sito che pur essendo corposo era statico. Dico "era" perchè non ho capito cosa sia successo ma all' improvviso il server su cui ero è andato a farsi ... (anche altri siti che erano con il mio non sono più visibili ). Vorrei quindi elaborare un sito come tanti ben fatti, con una struttura che permetta la ricerca degli immobili e se possibile la sincronizzazione di altri database (di cui posso avere l' autorizzazione). Nel frattempo ho effettuato il pagamento ad Aruba per il cambio di MNT e per l' hosting ma sono bloccato perchè il NIC dice di aver sbagliato, forse, il modello.
    Grazie per l' attenazione e spero di ricevere un aiuto in merito, visto la tua disponibilità. Medibroker
     
  4. Sandro 7942

    Sandro 7942 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Ci sto anch'io, anche se non sono un grande smanettone.... posso definirmi un quasi discreto pacioccone... :sorrisone:
     
    A luigi aruta piace questo elemento.
  5. mariella

    mariella Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    ci sono anch'io
    ostuni domus immobiliare
     
  6. primosol

    primosol Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Bene, si può inziare allora.
    Vi prego di chiedermi tutto quanto non vi è chiaro per errori di esposizione da parte mia, uso di terminologia complessa o semplici incomprensioni. La materia è vastissima e cercherò di essere breve, chiaro e usare termini semplici. Ma posso pur sempre commettere l'errore di essere troppo "tecnico".

    Lo scopo del tutorial è capire le basi della propria presenza su internet, farsi se ci si riesce il proprio sito o almeno capire cosa si vuole per incaricare qualcuno in modo corretto ed economico.
    Alla fine del tutorial i più capaci si saranno costruiti il proprio sito del valore di 2.500 euro, e i più timidi sapranno come orientarsi per farne fare uno di successo.

    Prima di tutto un po' di basi, giusto per capirne un po' di più.

    Il Web.
    Cominciamo col dire che ogni anno raddoppiano le persone che cercano casa sul web, a discapito delle riviste/giornali cartacei. Ad oggi circa il 40% delle richieste immobiliari sono eseguite via Web. Per questo è così importante avere una presenza su internet con la propria agenzia immobiliare.
    Il rovescio della medaglia è che pochi sanno comunicare su internet e questo porta a compiere svariati errori che allontaneranno i nostri clienti dal nostro sito internet appena fatto e magari pagato fior di quattrini.

    Il sito.
    Come dev'essere un buon sito internet?

    La prima parola che mi viene in mente è "semplice da usare". Infatti un sito è comunque "un'applicazione" per il visitatore, e la cosa più pericolosa è "la frequenza di rimbalzo", cioè il fatto che il visitatore arrivi sulla vostra home page, non ci capisca nulla ed esca dalla finestra: Contatto perso, missione fallita.

    La seconda parola è "bello". Più che bello "dinamico". Deve attirare l'attenzione senza creare confusione. La tendenza degli anni '90 di fare siti "scopiettanti" poi rivelatasi troppo soggetti a "rimbalzo", è finita con "l'era Google", dove una scritta e un campo di ricerca hanno fatto la storia dei siti internet moderni.
    La pulizia, e la facilità di utilizzo è molto più importante dei fuochi artificiali.
    L'home page deve essere una "lavagna" densa di contenuti ben ordinati, fotografie e un elemento dinamico ma non di più. Per elemento dinamico intendo una roba che si muove. Può essere un banner, un'immagine animata, un video o altro del genere. Giusto per testimoniare la "vivacità". Ma non di certo quei siti dove animazioni flash e musiche fanno scappare i visitatori. Non siete una rock-band ;)

    La terza parola è appunto "contenuto". Tenete presente che sia ai fini dell'indicizzazione che della facilità di utilizzo sono vincenti i siti che permettono dalla home page di andare ovunque nel sito, in modo facile. Il vistatore non si deve mai chiedere come farà a trovare ciò che gli serve sapere, ovvero il motivo per cui sta visitando il vostro sito.

    La quarta parola è "indicizzato". Un buon sito internet, oltre a essere conforme ai più moderni standard di qualità per quel che riguarda il codice di programmazione deve fornire ai motori di ricerca le informazioni giuste per apparire di "ranking" più alto possibile e perchè ciò avvenga bisogna conoscere come i motori di ricerca indicizzano i siti. Ma di questo ne parleremo approfonditamente più avanti.

    La quinta parola è "comunicazione". Sarebbe forse la prima parola per un sito internet.
    Un sito non è un televisore o un giornale dove il vistatore "subisce" il contenuto, ma dovrebbe dare modo a chi lo consulta di "esprimersi". Ci vengono incontro un sacco di strumenti per organizzare questa interazione, ma noterete su internet una quantità di siti concepiti per essere messi li inerti, detti "siti-brochure: Il peggior modo di essere su internet.

    Non per ultimo vorrei porre l'accento su un concetto che sfugge ai più: Molto meglio NON essere su internet che esserci con un sito mal fatto o con la solita paginetta da quattro soldi. Ricodatevi che "paginetta-da-4-soldi" equivale ad "agenzia-da-4-soldi".

    Avete domande?
     
  7. caviapp

    caviapp Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    seguo con attenzione.
    per l'ultimo concetto quì da noi, agli albori, esisteva un'agenzia che si chiamava "4 soldi": ebbene, sarà la legge del contrappasso, ma il tipo ha fatto un sacco di soldi e ora, dopo aver chiuso, se li gode. Quindi dissento, perchè il cliente non compra l'agenzia ma l'immobile pubblicizzato. Molti hanno siti pagati fior di soldi, magari legati a gestionali ultimo grido con immobili invendibili, della serie l'abito non fà il monaco (nel ns. settore vedi i "pinguini")
    Attendo invece con impazienza le dritte per l'indicizzazione.
    Ciao e buon lavoro
     
  8. primosol

    primosol Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Perdonami ma non sono d'accordo.
    Qui non si tratta di "fregare" il cliente facendogli credere ciò che non siamo. Si tratta invece di fare una pubblicità che funzioni.
    Sarebbe come inventare uno spot "brutto" o scadente. Meglio non farlo.

    Sotto il profilo del marketing vero e proprio fare un'agenzia che si chiama "4 soldi" non suggerisce di certo che l'agenzia valga 4 soldi, ma semmai che con 4 soldi ti compri una casa. Bella idea.
    Inoltre i bei tempi sono finiti per voi. Quindi è una buona occasione per tirarsi su le maniche e tirare fuori Qualità e Comunicazione.

    Il cliente prima di comprare la casa compra l'agenzia, non c'è dubbio. Non lo dico io, lo dice la Nielsen che conoscerai senz'altro. E aggiungo "per fortuna" compra l'agenzia, altrimenti non ci sarebbe motivo di crescita professionale.
    Non parliamo poi della vendita e del veicolo pubblicitario di fare un cliente ben servito dal sito e soddisfatto, la comunicazione del marchio ecc. ecc.

    Rivedrei le tue affermazioni, a meno che io non abbia capito il senso del tuo intervento.
     
  9. Maurizio Zucchetti

    Maurizio Zucchetti Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Il proverbio è di origine tedesca e recita: "L'abito FA il monaco". :fico:
    Le tecniche di vendita insegnano che tutto ciò che indossiamo deve essere in armonia con ciò che diciamo: se cerco di convincere un possibile collaboratore a lavorare con me promettendogli alti guadagni, non posso presentarmi con una macchina di 20 anni e con lo Swatch al polso!
    Non vorrei essere frainteso: non sto dicendo che è giusto (personalmente porto da molti anni uno Swatch! :D ), ma che l'essere umano funziona così! Il sito dovrebbe trasmettere al cliente ciò che il cliente cerca dall'intermediario e cioè chiarezza, competenza e rassicurazione.

    Con l'occasione vorrei complimentarmi e ringraziare di cuore primosol per l'opera meritoria che sta svolgendo ... finora non ho mai preso in considerazione l'idea di un sito proprio per non immergermi nella "giungla informatica" (già basta quella immobiliare, grazie :rabbia: ) ma ora ho deciso che ci proverò! :occhi_al_cielo:

    Taita ;)
     
  10. Sandro 7942

    Sandro 7942 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Grazie Primosol per l'introduzione teorica...
    .. Fin qui tutto chiaro e semplice....
    ... Attendo con ansia le dritte più tecniche e, quindi, il difficile :D !
     
  11. primosol

    primosol Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Calma calma! :risata: altrimenti perdiamo "pezzi" per strada.
    Mi dispiace ragazzi di metterci tanto, ma ho poco tempo da dedicare, visto lo sviluppo di ioCollaboro che mi spezza le reni :rabbia:

    Dunque.
    Capito più meno cosa deve fare un sito ben concepito, e cosa NON fare, giunge finalmente il momento di metterci davanti alla tastiera.

    E' ovvio che uno con una discreta confidenza con il computer e i linguaggi di programmazione, ma anche con la web graphics, ci si mette li e in un mesetto di sviluppo si tira fuori un sito del valore di 25.000 euro + IVA tutti soddisfatti del proprio lavoro.

    Peccato che il punto di partenza è non conoscere una "h" di computer e linguaggio, pessimo gusto in fatto di cromie digitali, mancanza di senso delle proporzioni, zero background di "testing" e "troubleshooting" e digiuno di strumenti di comunicazione su internet. Quindi la prima cosa che viene da fare è andare a prendersi un caffè e rimandare la questione a portafogli più grasso :risata:

    E invece no! :) Scegliendo gli strumenti giusti, senza scrivere una singola riga di codice possiamo arrivare a costruire un sito internet semplice ed efficace, tanto da far sfigurare il 98% dei siti immobiliari attualmente in circolazione.

    La domanda è: "Si può fare un sito internet senza conoscere niente di come si fa?" No, ovviamente. Ma ci sono dei "workaround" che ci permettono di usufruire del lavoro altrui, in gran parte "open-source" (cioè liberamente utilizzabile con licenza "creative common") in modo da ottenere un risultato efficace.

    Chiedo scusa ai più smaliziati ma parto proprio da zero.
    Prima di passare però alle istruzioni, voglio chiudere il cerchio di queste righe.

    La soluzione al problema è utilizzare un CMS (Content Management System) cioè un "ambiente di sviluppo" con caratteristiche "user friendly for beginners", che sostituisce la struttura del database e della scrittura del codice con più comodi colpi di mouse.
    Per chiarire, un CMS non è una di quelle procedure che vi propongono su internet per costruire un sito pietoso in 10 passi, ma un vero e proprio "sistema" residente sul VOSTRO server (o per meglio dire su quello dell'hoster che sceglierete) che si occupa di fornire gli strumenti per interagire con le informazioni e con gli utenti.

    E quindi avremo gestione degli utenti, newsletter (non come quella di immobilio che non funziona da due settimane ;) 10 notti che ci lavoro :triste: ), RSS, un'interfaccia simile a Word© per inserire le nuove case e cancellare le vendute, ecc ecc.
    Quanto costa farsi fare un sito del genere da uno sviluppatore ONESTO? Minimo minimo 2500 euro se vi vuol fare un regalo.

    Rispondo all'ovvia domanda che vi starete facendo: "Ma allora perchè costruirsi un sito scrivendo codice anzichè usare questi CMS?".
    La risposta è semplice: Qualsiasi ambiente di sviluppo standard è ... "standard". Quindi fa quelle cose, le fa benissimo, ma non ne fa altre. E se la nostra esigenza è particolarmente raffinata, non potremo usare un CMS open-source (come nel caso di ioCollaboro che sarà interamente scritto a manina) e come nel caso dei più importanti siti nazionali.
    State tranquilli comunque. Il CMS che useremo fa tante di quelle cose che nemmeno ve lo immaginate ;)

    Domande?
     
  12. Sandro 7942

    Sandro 7942 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Tutto chiaro!

    Tu mi dici che devo fare.... e io lo faccio!
     
  13. primosol

    primosol Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Ci arriviamo :D

    Nota: Molti mi stanno scrivendo messaggi privati nei quali mi chiedono un parere sul proprio sito già esistente, cosa migliorare, come farlo "salire" nei motori di ricerca e addirittura qualcuno mi sta chiedendo di farglielo proprio da capo.
    Ringraziandovi della fiducia, e rispondendo a tutti in pubblico, purtroppo non mi è possibile al momento studiare i vostri siti caso per caso, almeno fino a quando non avrò finito il tutorial. Dopo magari uno per uno ne discutiamo. Vi invito però a parlarne in questo topic "scoprendo" le vostre ansie in merito al vostro sito e rendere questa discussione pubblica e quindi utile per tutti voi.
    Non c'è niente di male ad avere un sito mediocre... se l'intenzione è quella di rifarlo o migliorarlo, suvvia.

    Per coloro che invece mi stanno chiedendo - pagando - di farglielo, al momento sono impegnato con questo tutorial. Se alla fine, dopo aver chiesto ad amici, parenti, cugini e passanti se leggendo il tutorial riescano loro a farvelo, non sarete in nessun modo in grado di costruirvi il vostro sito, esporrò "un'offerta" nell'area "consigli per gli acquisti" sperando che nessuno di voi aderisca. ok? :)
    Anche perchè sennò vorrebbe dire che tutta questa fatica sarebbe andata sprecata ;)


    Bene.
    Vi ricordo ancora che se c'è qualcosa che vi sfugge o qualche termine inglese che non vi torna, chiedete pure senza vergogna. In fondo questa è una discussione off topic per immobiliaristi;)

    Scendiamo nello specifico e analizziamo gli strumenti che occorrono per farsi un sito internet.
    Sandro mi dispiace ma dovrai aspettare ancora qualche puntata per "l'hardcore" del tutorial :D
    Principalmente:
    Un dominio di secondo livello, un servizio di hosting, un computer aggiornato e mediamente prestante, un client FTP, un'applicazione di grafica tipo photoshop ma vanno bene anche open source, conoscenza scolastica dell'inglese (o potete chiedere a me), un editor HTML/PHP/CSS, una connessione a internet possibilmente in banda larga, una trentina di nottate +o-

    Siccome sarete a bocca aperta, vediamo uno per uno questi elementi e cerchiamo di capire cosa sono e cosa ci serviranno.

    Hosting.
    Il sito come abbiamo detto è sostanzialmente un'applicazione che "gira" su un computer connesso a internet. In realtà la "banda" che abbiamo a disposizione (specialmente in "upload") dalla nostra postazione è ridicola rispetto ai grandi "nodi" che permettono a centinaia di visitatori di usare lo stesso sito contemporaneamente senza rallentamenti evidenti.
    Quindi per semplicità diciamo che computer e connessione a internet ci sarà fornita da un'azienda che di mestiere mette a disposizione questa attrezzatura a migliaia di utenti e ospiterà sui proprio computer altrettanti migliaia di siti fornendo pagine a milioni di visitatori.
    L'argomento è delicato e assai confuso. Infatti pochi di noi sanno "distinguere" un buon hoster da un cattivo hoster e nella marea di offerte in questo senso ci si perde letteralmente.
    Esistono addirittura servizi gratuiti la cui "bontà" è davvero scarsa.
    Il consiglio che vi do è di scegliere un OTTIMO hoster, senza farvi abbindolare da offerte stracciate per servizi di scarsa qualità. Da scartare assolutamente quelli gratuiti.

    nota: Spero che immobilio si convenzioni prima o poi col suo hoster per fornire ai membri un'offerta vantaggiosa di cui approfittare visto che si tratta di un servizio di altissima qualità. Basta vedere la velocità fulminea con cui gira il forum, che vi assicuro, è mastodontico.

    Di quali caratteristiche avete bisogno?
    Server Apache, backup giornaliero, almeno due database mySql, PHP 5.*
    Il costo si aggira dai 50 ai 100 euro all'anno. Quindi direi sopportabile. In più qualsiasi hoster vi offrirà un server mail per avere le vostre caselle di posta elettronica vostro.nome@vostrodominio.it
    Magari questi termini vi spaventano, ma non dovete preoccuparvene più di tanto. Il funzionamento è garantito dall'hoster, e vi resta solo l'onere di segnalare eventuali malfunzionamenti.

    [continua...]
     
  14. Domus

    Domus Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Ciao a tutti da Domus, mi sono appena iscritto al blog, vorrei sapere in pratica come posso crearmi un sito
    internet. grazie :D
     
  15. caviapp

    caviapp Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Ma se la macchina è un maggiolino cabrio o un bel porsche d'antan?

    grazie cmq a primosol per le dritte che ci dirà.
    Io, se posso, vorrei consigliare per un sito "leggero", leggibile e capibile da tutti.

    Ricordo cmq per la ns attività che vale sempre la regola: "se il cliente è giusto e la casa è giusta l'affare è fatto"
     
  16. primosol

    primosol Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    eheheh caviapp tu mi provochi :D
    E' ovvio che nessuno può migliorare quello che facciamo, tantomeno la pubblicità.
    La pubblicità infatti può solo esaltare (ma attenzione, anche ridurre) quello che di buono siamo o facciamo. In parole povere se non c'è la sostanza la pubblicità non serve a un cavolo e siamo d'accordo.
    Avere un sito internet con le caratteristiche che ho elencato però, non è solo pubblicità, ma un utile strumento per noi, ma anche per il cliente che può aumentare il nostro core business sia in termini di comunicazione di marchio, di contatti e di comprensione del mercato.

    Procediamo.
    Puntata ridotta questa sera, perchè ho poco tempo. Quindi un argomento rapido da affrontare è quello del dominio.
    Breve antefatto per capire cos'è un dominio:
    Come tutti sapete internet è nata come rete di comunicazione militare durante la guerra fredda per comunicare in sicurezza con gli avamposti filo americani. Naturalmente non era l'internet come la conosciamo oggi, ma solo un sistema simile al "telex".
    Poi, quando lo strumento fu superato con i sistemi satellitari, il Pentagono regalò l'infrastruttura alla NASA che a sua volta la regalò ai collage americani per scopi scentifici.
    Poi un bel giorno arrivò un signore che inventò il "www" cioè il metodo grafico e l'uso del protocollo HTTP per trasmettere immagini attraverso un browser.
    Era il 1990 e quel giorno il WorlWideWeb (letteralmente "una ragnatela grande quanto il mondo") entrò di diritti nel mondo mediatico mondiale.
    Questo è il motivo per cui gli indirizzi web iniziano con http://www. ...
    http indentifica il "protocollo di comunicazione" e il "www" identifica il formato della trasmissione.

    Ma perchè "una ragnatela grande quanto il mondo"? Perchè internet è sostanzialmente una rete da pesca che avvolge la terra di cavi fisici (!) tutti intersecati tra loro. Ogni intersezione di cavi è gestita da un server, cioè da un computer molto sofisticato ed è numerato con un numero di IP si questo formato xxx.xxx.xxx
    Quindi ogni numero di IP identifica fisicamente quel dato nodo della rete, quella "postazione" da cui si sta comunicando. Senza spingermi in dettagli tecnici approfonditi, possiamo dire che per ogni computer connesso a internet, c'è un numero di IP univoco.
    Va da se che per contattare un altro computer connesso a internet abbiamo bisogno del suo numero di IP come se fosse un numero di telefono.
    Per evitare un approccio troppo criptico alla Rete, lo stesso signore che ha inventato il WWW si è anche inventanto gli indirizzi logici e gli IP.
    Quindi http://www.immobilio.it in realtà è un numero di IP tipo 198.255.255. Quando il browser "chiama" l'indirizzo http://www.immobilio.it, il primo server che incontra per la sua strada, effettua la conversione e indirizza la "chiamata".
    Tutto chiaro? E' semplice no? :)

    Perchè tutta 'sta pappardella? :D Per capire bene la questione dei "domini". Solitamente per "dominio" si intende l'indirizzo internet. Sbagliato. Il dominio è la parte finale dell'indirizzo internet ovvero .it, .com, .net ecc. Vediamo perchè analizzando l'indirizzo http://www.immobilio.it:
    • www abbiamo detto che è il protocollo di comunicazione[/*:m:2577x0ez]
    • immobilio è il dominio di secondo livello[/*:m:2577x0ez]
    • .it è il dominio vero e proprio[/*:m:2577x0ez]

    Siccome gli americani leggono tutto al contrario, se il www fosse stato inventato in italia, i nostri indirizzi sarebbero it.immobilio.www ovvero seleziono il paese (cioè il dominio di primo livello), poi identifico chi dentro il paese (ovvero il dominio di secondo livello) e infine come voglio comunicare.

    Idem per le e-mail. Pensate a info@immobilio.it : E' la stessa cosa solo che il protocollo non è www ma @ cioè l'e-mail.
    Perchè tutti sti simboli? Perchè il software che fa funzionare la rete internet è vecchio di 50 anni! ovvero risale alla prima versione di UNIX il primo sistema operativo multiutente geografico mai esistito. E per ora l'unico esistente.

    Quindi sappiate che la cosa più innovativa del mondo che fa fare soldi a palate a Google, è la cosa più vecchia che esiste nel mondo della tecnologia :D

    Tornando al dominio.
    Quando leggete "dominio di secondo livello" vuol dire che è quello "buono". Cioè http://www.vostrosito.it o .com
    Quando leggere "dominio di terzo livello" non è quello "buono" cioè http://www.vostrosito.dominiodelprovider.it o .com

    Naturalmente vi consiglio spassionatamente di acquistare un dominio di secondo livello per la vostra azienda per diversi motivi, tra i quali i più importanti sono:
    • L'indicizzazione nei motori di ricerca [/*:m:2577x0ez]
    • Il fatto che il primo che se lo compra, se lo tiene a vita (a meno che non paghi la piccola concessione annuale)[/*:m:2577x0ez]

    Altri suggerimenti:
    • Prendete un .it Un .it vi permetterà di essere identificati meglio sia dai motori di ricerca che dai visitatori. [/*:m:2577x0ez]
    • Se è libero prendete anche il .com Si farà poi un "redirect" in modo che se uno scrive il vostro dominio di secondo livello sia col .it o col .com perchè non si ricorda, arriva comunque sul vostro sito e non sul sito di un altro[/*:m:2577x0ez]
    • Evitate di prendere domini troppo lunghi e difficili da ricordare e che contengano parole troppo comuni del tipo http://www.lamiacasasullaghettoincimaallamontagnola.it[/*:m:2577x0ez]
    • Evitate di dover gestire le doppie, sono una condanna. Esempio. http://www.casaancona.it o http://www.casancona.it
      Se proprio non ne potete fare a meno scegliete la prima per via dei motori di ricerca.[/*:m:2577x0ez]

    Domande?
     
  17. Sandro 7942

    Sandro 7942 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
  18. casabella

    casabella Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Ti stavo aspettando da tempo........PRIMOSOL!
    In questa giungla d'informatici vampiri.... :rabbia:
    Si, ho deciso che sarai il mio maestro!!!
    ...L'unione fa la forza ma chi fa da sè fa x tre....e allora riuniamoci a tre x volta! ;)
     
  19. Maurizio Zucchetti

    Maurizio Zucchetti Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Primosol, propongo ufficialmente al custode del forum di insignirti del G.R.A.N.D.E ! (Generoso Riconoscimento per un Aiutante Necessario a Districarsi su InternEt)
    ... continua così e grazie :D

    Taita ;)
     
  20. roberto.spalti

    roberto.spalti Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Per ora tutto chiaro e lampante, vediamo se riesco a fare meglio del mio informatico.
    sarà possibile agganciare un sito così ai dati del gestionale?
    In questo modo avrei l'aggiornamento automatico cliccando su un pulsante ;) come faccio ora.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina