• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

matteoraggi

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Perdonatemi la paranoia, sono residente assieme a un amico a casa mia, io gestisco un B&B e vorrebbe aiutarmi a gestire l'attivita' e persino gestirla lui a quel punto io sarei pure libero di cambiare la mai residenza per altri luoghi e lui magari mi va a pagare un affitto.
Ad oggi tutte le utenze sono intestate a me.
QUESITO:
Se io tolgo al residenza da casa mai e il mio amico fa modifiche alla casa tipo dipingerla o aggiungere una parete divisoria in soggiorno o cucina, senza pagare l'affitto. Negli anni potrei rischiare di perdere diritti sulla mia casa?
 

ingelman

Membro Supporter
Agente Immobiliare
Se io tolgo al residenza da casa mai e il mio amico fa modifiche alla casa tipo dipingerla o aggiungere una parete divisoria in soggiorno o cucina, senza pagare l'affitto. Negli anni potrei rischiare di perdere diritti sulla mia casa?
Di sicuro perdi i soldi dell'affitto che non ti ha pagato
Ma che tipo di accordo hai preso con il tuo amico?

Soprattutto devi sapere che il problema non sussiste nel perdere i diritti sulla tua casa che. se è tua non te la toglie (giurdicamente parlando nessuno) ma se il B&B lo gestivi in maniera familiare .... se lo cedi a terzi è inquadrato come una vera e propria attivita imprenditoriale

Allora si apre uno scenario completamente divero dove dovreste (prima cosa) regolare i vostri rapporti economici obbligazioni reciproche comprese

(seconda cosa ma della stessa rilevanza della prima) regolarizzare l'aspetto con il Fisco perchè cambia la natura originaria di attività a carattere famigliare e diventà un impresa vera e propria
e pertanto si deve (dovrebbe per fare le cose in regola) richiedere la partita IVA presso la CCIAA o dall’Ufficio Unico delle Entrate e di effettuare i relativi adempimenti previsti.

Se cedi a terzi cambia la natura originaria del B&B a carattere famigliare (il tuo conduttore diventa un impresa o piccolo imprenditore)
 
Ultima modifica:

ingelman

Membro Supporter
Agente Immobiliare
E se poi vogliamo dirla tutta dovreste stipulare un contratto di locazione dove inquadra te come Locatore e il tuo amico Conduttore .... per attività ricettiva che è assimilabile a quelle Alberghiere di durata di 9 anni ....

Poi ci sono sempre le soluzioni border-line all'italiana che non amo e che, se pur conoscendole, non voglio entrare in merito.
Sarebbe un consiglio sbagliato e rischioso.

Ognuno è libero di sceglire la propria via ..... la più conveniente attira ma bisogna sempre considerare che a volte la strada che sembra più semplice e conveniente potebbe diventare 10 volte più onerosa in caso di accertamento fiscale ......
 
Ultima modifica:

matteoraggi

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Si B&B a conduzione familiare, quindi i vostri consigli portano a questa soluzione migliore se non erro:
Chiudo il mio B&B il mio amico ne riapre un altro con lo stesso nome, in modo da riciclare i vecchi sforzi. Io gli affitto casa e mantengo la residenza e se mi torna comodo, poi tolgo anche la mia residenza nella prima casa spostandola all'estero.
La mia paura reale e' che lui mi rimanga in casa a vita compromettendomi anche in futuro la vendita della casa, e qui non so se mi conviene farlo stare gratis, residente come ora o se sono piu' tutelato e piu' ovviamente monetizzato a fargli pagare un affitto, anche canone concordato andrebbe benissimo.
 

angelica1967

Membro Junior
Privato Cittadino
mi permetto da privato cittadino che legge questo quesito come si possa pensare di fare una trattativa di questo tipo "entre nous"... se l' amico prende in affitto la casa come civile abitazione è una cosa.
Se l' amico prende l' immobile per aprire un B&B è un altra cosa. Entrambi necessitano di regolari contratti che ne regolino le condizioni.
Fatta tra di voi senza ufficializzare nulla comporta dei rischi enormi.... se l' amico apre il B&B mica tra due o cinque anni puo dirgli rendimi casa che mi occorre: Lui avra fatto investimenti e monetizzato i lavori mica chiude in quattro e quattro otto.... come abitazione uguale.... se lei affitta non potra dire semplicemente mi occorre la casa esci.... inoltre se si parla di B&B : se accade qualcosa al B&B in termini di danni, riparazioni straordinarie ecc.... chi ne sarà il responsabile? penso che fare una cosa piu lineare e trasparente tuteli entrambi da problematiche future.
ma sono riflessioni importanti da fare in entrambi i casi. Poi è possibile e semplice tutto...
 

Bagudi

Fondatore
Membro dello Staff
Agente Immobiliare
Io sono molto contraria agli accordi "aummaumm" tra amici o parenti.

Meglio scrivere tutto ed essere in regola, perchè basta una banale discussione in cui entrano i soldi, che gli accordi vanno per aria...

P.S. il comodato gratuito, nel caso e in teoria, ti rende possibile rientrare in possesso della tua casa, ma se lui fa degli investimenti e non esce, sono cavoli tuoi...
 

il_dalfo

Membro Assiduo
Professionista
Forse conviene fare un'associazione in partecipazione:
Il tuo amico fa impresa.
Tu, da privato, partecipi apportando all'impresa l'immobile.
In sto caso non è necessario fare un contratto di locazione.
Spartirete gli utili a scadenza dell'accordo di partecipazione.
 

Balian

Membro Attivo
Professionista
immagino che fatturato abbia il B&B ...

basta cuginate usate mezzi reali , contratti reali , impegni reali.

Se io tolgo al residenza da casa mai e il mio amico fa modifiche alla casa tipo dipingerla o aggiungere una parete divisoria in soggiorno o cucina, senza pagare l'affitto. Negli anni potrei rischiare di perdere diritti sulla mia casa?

Sicuramente se dipinge le pareti diventa suo , un po' come l'urina dei cani sui pali della luce.
 

PyerSilvio

Membro Storico
Agente Immobiliare
Fare le cose normalmente, no ?
Se lui ti aiuta con il lavoro, tu lo paghi.
Se vive in casa tua, lui paga un affitto a te.
Se il b&b lo gestisce un altro, cambia il tipo di attività.
Tutto il resto è lavoro in nero e affitto in nero…

Se lavora in cambio dell’ospitalità, non è “gratuito”, ma un modo per mascherare i rapporti economici reali…

Baah..

Non è vietato.
Non è illecito.
Se si va' d'accordo, ciascuno ha il diritto, universale, di trovare un'intesa reciproca.
Pagare poco. Pagare tanto. Non pagare affatto. Pagare in manodopera.
Non è vietato, non è un reato e non è un pagamento in nero.

Perfino l'amministrazione pubblica, per effetto del decreto sblocca Italia del 2014, introduce nel nostro ordinamento lo stesso concetto di scambio, fino ad allora e fin dalla notte dei tempi, possibile solamente tra persone fisiche.

"Baratto amministrativo" è stato battezzato.
Lo scambio tra il privato cittadino e la pubblica amministrazione.

A meno che non lo vuoi definire lavoro o pagamento in nero, i morosi e tutti quelli che non riescono a pagare arretrati, tasse eo imposte, possono sanare le loro posizioni prestando le braccia e il proprio tempo in favore della comunità.
Il cittadino taglia l'erba, imbianca aule o aiuta i netturbini e in cambio riceve uno sconto o una parte di esenzione sulla tassa dei rifiuti, sull’IMU, sulle rette scolastiche di bus e mensa o sull’affitto nelle case popolari.

Ma Pure:
" ..Che si apre uno scenario completamente diverso e che si dovrebbe fare le cose in regola richiedere la partita IVA presso la CCIAA o dall’Ufficio Unico delle Entrate e di effettuare i relativi adempimenti previsti."
Baah...

Se già c'era un un'attività di B&B basta cambiare il soggetto giuridico.
Con una srl semplificata basta un euro di capitale.
Oltre i 250 euro canonici che occorrono per registrare una ditta individuale.

Resta inteso che nella maggior parte delle nostre regioni questo tipo di esercizio non è considerato d'impresa e quindi non è necessario aprire partita IVA e iscriversi al Registro delle Imprese.

Bar, ristoranti, caffetterie e chi ne ha più ne metta, quando vengono compravendute, una consuetudine consolidata, è quella dell'avvicendamento tra i due soggetti che gestiscono assieme l'attività per qualche anno.
Con il venditore che si trattiene una parte del "cassetto" a fronte del credito vantato e per la propria attività svolta.
Nero su bianco.

Posto che un regolare contratto di affitto è indispensabile.

Se durante il periodo di locazione l'amico dipinge i locali.

Se rifa' l'impianto elettrico e i due vogliono accordarsi in "natura", l'uno prestando braccia e tempo e l'altro detraendo o scontando la spesa con i canoni d'affitto, hanno tutto il diritto e il modo di farlo.

Con delle semplici dichiarazioni di dare/avere firmate tra le parti.
Il ripristino delle pareti per mille euro quello dell'impianto elettrico duemila.
L'acconto per la cessione del bar cinquemila/mese quella per il lavoro svolto milleduecento e così via.

In un contratto valido e regolarmente registrato, dove e come può manifestarsi il mascheramento, il lavoro o l'affitto in nero?
 
Ultima modifica:

IL TRUCE

Membro Assiduo
Agente Immobiliare
Suvvia suvvia ...il 23 novembre ore 18.30 si avvicina..
Si potrebbe chiedere gia una sorta di viatico per il post di addio del Truce ?
Sapete lo starei preparando..
Alla prima bozza supervisionata personalmente da Trucida ho gia apportato delle modifiche sostanziali.
.."
Insomma apprezzate la buona volontà'.
Detto cio' vi saluto che dobbiamo pensare a cosa portare a Parigi.
Capanna carina devo dire, proprio ben posizionata, ma piccolina.
Trucida non vuole rinunciare al suo scheletro completo ed a pentolone dei suoi avi.
Vi terrò aggiornati.
Devoti saluti.
 
Ultima modifica:

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Buona sera....vorrei fare qualche domanda... Noi abbiamo chiesto mutuo ma la delibera dopo la perizia non è ancora arrivata nonostante che è un passato più di un mese... È normale?
giovane coppia 33 anni acquista casa, prima casa x lei seconda xlui quale la tassazione?se richiedono mutuo lei puo'accedere alle garanzie dello stato per i lavoratori precari e ridurre la tassazione x la sua parte?
Alto