1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. woodruff

    woodruff Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Buonasera,
    a breve penso di rivolgermi ad un notaio ma volevo prima il consiglio di qualche esperto in materia, così anche da poter fare le domande giuste.
    La situazione è questa:

    I miei genitori hanno una casa di proprietà dal valore di 400mila euro che vogliono spartire tra me e mio fratello. In famiglia ci siamo messi d'accordo che la casa verrà intestata a me, a patto che io ne paghi la metà (in sostanza rilevo la quota di mio fratello).
    All'atto di vendita mi verrà quindi ceduta per 200mila euro.

    Cosa comporta un atto di vendita così inferiore rispetto al valore di mercato? Si può far scrivere sull'atto notarile che la casa la sto pagando così poco perché in realtà metà è già mia "di diritto"?
    Quali precauzioni si possono prendere onde evitare che la Guardia di Finanza ci faccia la pulci tra qualche anno? Anche se non abbiamo nulla da nascondere vorrei evitare inutili e lunghe perdite di tempo.

    Grazie mille per il vostro aiuto prezioso :)
     
  2. od1n0

    od1n0 Membro Senior

    Privato Cittadino
    In base a quale diritto sarebbe gia' tua?
     
  3. woodruff

    woodruff Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Non saprei, per questo l'ho messo tra virgolette :)
    I miei genitori vogliono cedere questa casa ora ai due legittimi ereditiari che siamo soltanto io e mio fratello.
    Non potendo dividere fisicamente la casa a metà e dato che a mio fratello non interessa viverci ci siamo trovati verbalmente d'accordo sul fatto che metà della casa è sua e metà della casa è mia. Io vorrei comprare la restante metà e far sì che la casa diventi interamente mia.
    Da questo ragionamento saltano fuori i 200mila euro di compravendita che ho tirato fuori nel primo post.
     
  4. od1n0

    od1n0 Membro Senior

    Privato Cittadino
    Tieni presente che qualsiasi accordo prima che maturi il diritto all'eredità e' nullo.E questo matura con la dipartita..Domanda: non potete demandare la divisione che stai prospettando al futuro ovvero quando sorgeranno i diritti?
     
    A francesca7 e Rosa1968 piace questo messaggio.
  5. woodruff

    woodruff Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Questo significa che anche se scriviamo tutto in un atto notarile, una volta che diventa eredità, non vale più nulla?

    In realtà la risposta alla tua domanda è no.. perché siamo già un po' troppo in la con i tempi. Io ho 31 anni e mio fratello quasi 40. Ed entrambi vorremmo iniziare a vivere da soli in case separate. Inizialmente l'idea dei miei genitori era di vendere la casa ad estranei per poi comprarci due case separate di egual prezzo.
    Ma questa soluzione scontentava tutti perché questa è una casa di famiglia (qui ci abitava mia nonna negli anni '50 e i miei ci abitano dal '70) e dispiacerebbe un po' a tutti darla via.
    Da qui l'idea di prendermi prima la mia parte e di pagarne la metà per fare tutto il più equo possibile.

    E' così un grosso problema che i miei genitori vogliano vendermi una casa di loro proprietà ad un prezzo più basso di quello del mercato?
     
  6. od1n0

    od1n0 Membro Senior

    Privato Cittadino
    No non significa che l'atto di compravendita non vale significa che oggi non potete accordarvi per un diritto che non e' ancora maturato.
    Grosso no ma dipende quanto andcete d'accordo tu e tuo fratello al momento della successione :)
    Fiscalmente l'importante e' che paghi le imposte sul valore catastale a prescindere poi dal valore della compravendita.
    I 200.000 euro che pagherai ai tuoi sono soldi tuoi e i tuoi li doneranno a tuo fratello una volta incassati?
     
  7. Manzoni Maurizio

    Manzoni Maurizio Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Vedo 2 soluzioni:
    1- atto do compravendita dai genitori a te e il fratello che poi vende a te il 50%.
    2- donazione dai genitori a te e il fratello che vende a te il 50%.
    Sentirei 2 notai.
     
    A sarda81 piace questo elemento.
  8. marcellogall

    marcellogall Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Per evitare futuri contenziosi potreste far fare una donazione del 50% a ciascuno di voi e in seguito acquistare la parte di tuo fratello per 200.000,00 Euro.
    Questo sempre che tu possa pagare direttamente i 200.000,00 Euro.
    Trattandosi di un fratello che si fida potresti anche fare il pagamento scaglionato secondo le tue necessità
    Rimarrebbero in sostanza le problematiche relative ad una futura vendita da parte tua con concessione di mutuo.
    Comunque è un problema da affrontare con un bravo notaio.
     
    A emil76 piace questo elemento.
  9. woodruff

    woodruff Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Per quanto so che le cose quando c'è una eredità di mezzo cambiano sempre moltissimo, io e mio fratello siamo sempre andati molto d'accordo soprattutto su questi temi.
    I 200mila sì, sono soldi miei nel senso che mi aprirei un mutuo e glieli darei ai miei genitori che poi li daranno a mio fratello.

    Grazie ad entrambi per la risposta, mi sembra di capire che il problema più "grosso" sia il possibile contenzioso che mio fratello potrebbe aprire una volta che i miei non ci saranno più piuttosto che la compravendita ad un prezzo più basso del valore immobiliare.
    A breve comunque sentiremo uno o più notai, grazie mille :)
     
  10. od1n0

    od1n0 Membro Senior

    Privato Cittadino
    Uhm hai gia' verificato con la banca la possibilità di accendere un mutuo alle condizioni di vendita stabilite?
     
  11. woodruff

    woodruff Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Sì certo, giusto ieri.
    Secondo il direttore della Banca non c'erano problemi e ha inoltrato la richiesta alla sede centrale per sapere se ci sono le condizioni finanziarie necessarie per darmi il mutuo o meno.
     
  12. od1n0

    od1n0 Membro Senior

    Privato Cittadino
    Allora direi che non ci dovrebbero essere grossi problemi per fare il tutto.
    Basta che la donazione indiretta che i tuoi fanno a te (ovvero lo sconto sul prezzo di vendita congruo per l'immobile) si equivalga alla donazione che fanno a tuo fratello (importante che sia fatta secondo la forma prescritta) per evitare o limitare i problemi in caso di disaccordo futuro al momento della successione.
     
  13. woodruff

    woodruff Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Ok :)
    Chiedo un'ultima cosa, anche se in realtà non ho proprio idea a chi dovrei rivolgermi per questo (forse anche questo al notaio).

    La banca ieri mi ha detto giustamente che non può darmi il 100% del mutuo ma solo l'80%. Quindi mi farebbe un mutuo di 150mila euro. Il restante (40-50mila euro) dovrei pagarlo di tasca mia.
    Io ne ho solo una parte (20-25mila euro), il restante non ce l'ho.

    La banca dice che si potrebbe fare questa operazione: i miei genitori mi prestano 20mila euro ed io glieli ridò subito indietro pagandogli in questo quello che manca. Questa cosa però non mi convince troppo anche se a propormela è stato proprio il responsabile della Banca. Vorrei avere più conferme onde evitare che questo scambio di soldi tra genitori/figlio possa risultare sbagliato per la GdF (forse dovrei chiedere proprio a loro?).
     
  14. od1n0

    od1n0 Membro Senior

    Privato Cittadino
    Non ho capito come glieli ridai indietro subito se non ce li hai ed e' il motivo per cui te li fai prestare..... Dovrai aspettare di raccimolare 20.000 euro per restituire la somma giusto?
     
  15. woodruff

    woodruff Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Su 190.000 di compravendita, 150mila me li da la banca, 20mila ce li ho io e I restanti 20mila me li vogliono prestare i miei genitori (gli stessi dai quali sto comprando casa).
    Questa cosa è possibile? I miei genitori possono prestarmi 20mila euro in modo tale che io possa completare l'acquisto con loro?

    Poi il modo in cui io restituisco i 20mila ai miei genitori ora non è importante, nel senso che potrebbero decidere di non volerli e di avermeli semplicemente regalati (avendolo già fatto tempo fa con una cifra simile per mio fratello).
     
  16. od1n0

    od1n0 Membro Senior

    Privato Cittadino
    E' un prestito fra genitori e figlio non mi pare ci sia niente di anomalo.
    Potete anche valutare di donare a tuo fratello 220.000 euro e a te 20.000.
     
  17. woodruff

    woodruff Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Mi sembrava anomalo il fatto che mi prestassero dei soldi per comprare casa a loro stessi, ma è solo una mia paranoia. Anche il responsabile della Banca ha detto che non c'erano problemi a farlo.

    Ti ringrazio molto per le delucidazioni comunque. :)

    EDIT: ultimissima cosa: ma se dopo aver ricevuto i 40mila euro i miei decidessero di ridarcene un po'? Tipo la metà? Per aiutarci o per qualsiasi altro motivo?
     
  18. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Ma dopo tutta questa operazione, i tuoi dove andrebbero a vivere ?
     
  19. woodruff

    woodruff Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Sotto un ponte! :)
    No scherzo, i miei vivono già in un'altra casa.
     
    A Rosa1968 piace questo elemento.
  20. od1n0

    od1n0 Membro Senior

    Privato Cittadino
    Sempre di donazione si tratterebbe l'importante e' che venga fatta con le dovute forme e che sia per entrambi in egual misura in maniera da evitare o quantomenti limitare i possibili problemi alla successione.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina