1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. brina82

    brina82 Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Salve. Un mio amico ha la seguente situazione. In famiglia sono 3 figli, e il padre ha realizzato una palazzina con 3 appartamenti. In uno vive il padre e la madre, gli altri 2 appartamenti sono stati “dati” gratuitamente ai 2 figli maggiori e gli stessi ci vivono con le rispettive famiglie (compagna e figli); lui è appunto l’ultimo figlio e si ritrova a dover pagare l’affitto in un altro quartiere… Affitto a parte, il terzo figlio ha paura di ritrovarsi senza eredità in futuro… E’ possibile diseredare un figlio? La sua paura è che il padre prima o poi intesti i 2 appartamenti ai 2 figli e che lui non venga chiamato in causa… Come potrebbe fare al fine di tutelarsi? Grazie a chi vorrà rispondere.
     
  2. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    ci sono motivi per cui lui abbia avuto un comportamento ingrato nei confronti dei genitori tale da divenire persona non gradita?

    Beh se i genitori fanno testamento potrebbero assegnare le proprietà agli altri due figli escludendone uno da quei beni specifici, ma in questo modo comunque non esclude il figlio dalla eredità per la sua quota legittima. Infatti il figlio escluso può con l'azione di riduzione, pretendere di ottenere la quota che gli spetta di diritto.
     
    A Luna_ piace questo elemento.
  3. brina82

    brina82 Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Purtroppo è semplicemente il terzo... Il padre ne aveva solamente due di appartamenti a disposizione... Ma francamente trovo ingiusto che il terzo figlio debba andare in affitto, a spese proprie. Per ora è così. Questo mio amico però teme seriamente che un giorno i fratelli si tengano tutto per loro...

    Qualora il terzo figlio fosse escluso, quali sono le tempestiche (rispetto ad esempio alla data che corrisponde con la morte dei genitori) ed in che modo può agire?

    Faccio una supposizione (il mio amico teme che questa azione possa essere già stata fatta, per questo gli ho consigliato di fare una visura catastale...): se facessero una compravendita "falsa" tra il padre e i 2 figli in maniera tale che il padre rimanga lui nullatenente in vita, il 3° figlio sarebbe escluso, oppure no? Entro quali tempi? Grazie.
     
  4. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Oddio sono una terza ......
     
    A sarda81, Bagudi e brina82 piace questo elemento.
  5. PyerSilvio

    PyerSilvio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    l'abbiamo detto tante volte...
    Gli atti di compravendita inter vivos non sono impugnabili.
    Se hanno fatto una compravendita tra loro, al tuo amico conviene cercarsi un'altra famiglia.
     
    A Patatina piace questo elemento.
  6. brina82

    brina82 Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Azz... Credevo lo fossero!

    Quindi se mio padre vende oggi a mia sorella un immobile a 10000e, del valore di 100000e, io in futuro non potrò più impugnare un bel niente? Mi piacerebbe capire bene queste situazioni anche a prescindere dalla vicenda del mio amico... Non si sa mai... :occhi_al_cielo::occhi_al_cielo::occhi_al_cielo:
     
    A Patatina piace questo elemento.
  7. Tobia

    Tobia Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Potrai impugnare i due atti di vendita solo successivamente al suo decesso, qualora lui possa dimostrare che i pagamenti effettuati dai fratelli per l'acquisto dell'immobile sono stati fatti con soldi stessi del padre, con una somma risibile oppure senza versamento di corrispettivo.

    Il concetto risiede nella sua quota di legittima: o gli daranno ciò che gli spetta in mattoni o gli daranno ciò che gli spetta in soldi che sono usciti dalle tasche dei fratelli per l'acquisto di quei mattoni, cifra che dev'essere congrua agli immobili compravenduti (a seguito di una perizia da farsi nell'ambito della sua richiesta legale di ottenimento della sua giusta quota di legittima)

    Sempre ammesso che il padre non abbia speso quei soldi nel periodo che intercorre tra le vendite e la successione.
     
    Ultima modifica: 12 Settembre 2014
    A Rosa1968 piace questo elemento.
  8. PyerSilvio

    PyerSilvio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    esatto.
    Va da sè che un soggetto che pone in essere questo quadro fattuale ipotizzato saprà bene utilizzare (e volatilizzare) il denaro.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina