1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Renacco

    Renacco Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Buongiorno,
    sono proprietario di un appartamento e avrei trovato un accordo con una persona per farle un contratto di locazione con opzione di futuro acquisto, da esercitare alla scadenza di 5 anni, con prezzo di vendita prefissato ad oggi (100.000 Euro).
    Premesso che per scelta non vogliamo optare per il nuovo tipo di contratto rent to buy (introdotto con lo Sblocca Italia).
    Vogliamo proprio fare quanto indicato sopra, ossia:
    - un contratto di locazione agevolato (in cui avrei i vantaggio di pagare meno di cedolare secca e di IMU)
    - e abbinato, a parte, un accordo per un'opzione di futuro acquisto (a scelta del locatario se esercitarla o meno a scadenza)
    Abbiamo concordato una quota mensile che mi verrà versata, suddivisa tra:
    - canone per utilizzo/godimento del bene indicato nel contratto locazione (su questo pago la cedolare secca)
    - quota mensile (costo dell'opzione) che a scadenza, se il locatario decide di acquistare, andrà a scalare sul prezzo di acquisto stabilito all'inizio.
    Non chiedo di esprimere pareri se è meglio questo tipo di contratto o altri (abbiamo già deciso per questo, a prescindere; il tutto scritto da un avvocato).
    La domanda riguarda la fiscalità, ossia, nel caso probabile che, a scadenza, l'inquilino opti per comprare (prima casa), come funzionerà la tassa di registro in sede di rogito? Si applicherà la tassazione sul prezzo complessivo prestabilito, quindi 2% su 100.0000, tutto al rogito?
    Il dubbio è che, la quota mensile che mi viene versata a titolo di costo dell'opzione, visto che andrà a scalare dal prezzo (se l'inquilino opterà per l'acquisto), non si deve versare oggi la tassa di registro applicata sugli acconti sul prezzo di vendita? (es. 200euro/mese per 5 anni=12.000 euro con tassa 2% = 240euro). Oppure, non potendo sapere oggi se l'inquilino sceglierà o meno di acquistare, non si deve pagare la tassa anticipata sulle quote mensili?.
    E' un po' complicato, non so se sono stato chiaro.
    Grazie per chi vorrà darmi un suo parere
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina