1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Pisurci

    Pisurci Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Buon giorno , un amico nell'iniziare le pratiche per il piano casa ha scoperto che la casa in cui vive da 19 anni , costruita 20 anni fa , presenta alcune difformità rispetto al progetto approvato a suo tempo dal Comune. Le differenze riguardano la diversa collocazione di due finestre ed un aumento complessivo di volume di 50 mc ( su un totale di 450 mc ) conseguente alla realizzazione di pareti da 30cm invece che da 20 come da progetto ed a alcune piccole differenze di misura. L'impresa costruttrice a suo tempo ha trascurato di chiedere al Comune una variante in corso d'opera . Da notare che sia nel contratto di acquisto che nei dati catastali la costruzione risulta esattamente come nella realtà e quindi tutte le tasse relative sono state sempre pagate sulle misure reali.
    Tale situazione è sanabile in qualche modo ? Se non lo è a che sanzioni si può andare incontro ? Il proprietario si può in qualche modo rivalere sul costruttore ? Grazie per la risposta.
     
  2. roberto.spalti

    roberto.spalti Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Trascorsi 20 anni la vedo dura rivalersi su qualcuno.
    Le pareti da 30 anziché da 20 potrebbero non costituire aumento di volume se all'epoca veniva considerato il netto e non il volume lordo del fabbricato (dipende dai regolamenti comunali), ad esempio da noi si calcola la S.u.L. (superficie utile lorda) e quindi lo spessore dei muri perimetrali è ininfluente ai fini dei calcoli.
    Il tecnico a cui è stato chiesto lo studio per l'ampliamento ti può rispondere in maniera corretta; se il progetto in Comune coincide con il catasto e le difformità non sono gravissime forse conviene inserirle nel progetto di ampliamento senza fare prima la sanatoria.
     
  3. Marco Giovannelli

    Marco Giovannelli Membro Attivo

    Altro Professionista
    bisogna controllare se l'aumento volumetrico sia sanabile o meno in relazione alla volumetria residua insistente sul lotto. devi rivogerti ad un tecnico che controlli tutto lo stato di fatto e proceda ad una sanatoria ove possibile.

    saluti
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina