1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. marioventuri

    marioventuri Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    buongiorno,
    ho 48 anni e 10 anni fa ho ereditato dai miei genitori degli immobili commerciali,
    praticamente sono 5 fra negozi e magazzini ed un ufficio.
    ne abbiamo in questo momento di crisi affittati solo due.
    si tratta di un'eredita' indivisava ed io oggi vorrei dividerla con l'altro coerede che
    purtroppo fa finta di niente.
    quindi stavo pensando alla divisione giudiziale.
    i mq sono 120 per l'ufficio affittato, 75 mq per un locale sfitto, 75 mq sfitto, un altro, 67 mq sfitto e 86 mq. affittato...+ il cortile che li circonda che saranno circa 300 mq. con due macchine per locale.
    mi sapete dire, per favore i tempi del tribunale ed i costi piu' o meno.... ??
    pur di dividerli sarei disposto ad accettare di lasciare che l'altro coerede si prenda i due affittati
    e di accettare io quelli non affittati di cui uno completamente da ristrutturare.
    grazie.
     
  2. ludovica83

    ludovica83 Membro Vintage

    Privato Cittadino
    Prima devi fare la mediazione: :soldi::soldi: costo avvocato e organo in base all'entità del patrimonio da dividere.
    Tempistica 3/4 mesi... Però non è una certezza... io sono arrivata ad 1 anno.

    Poi se non trovi un accordo davanti ad un giudice. :soldi::soldi::soldi::soldi:
    Tempistica: dipende dal tribunale ma minimo è a partire dai 4 anni... ci sono anche cause durate 20 anni..
    Causa, con avvocato/i, CTU perizie etc etc... e tempo...
    con tutte le varianti del caso...(a seconda di quanto è creativo il soggetto)

    Per esperienza...sicuro che non sia meglio accordarsi a tavolino?
     
    A Rosa1968 piace questo elemento.
  3. marioventuri

    marioventuri Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    grazie, quindi c'e' una mediazione prima...va bene...
    dividere in accordo credo che sara' difficile ma si puo' provare se l'altro coerede si spaventa per i soldi da dover spendere....
    20 anni mi sembrano eccessivi, non e' un castello...
    grazie.
     
  4. ludovica83

    ludovica83 Membro Vintage

    Privato Cittadino
    Sono i tempi della giustizia... non li decidi tu...

    La soluzione con il buonsenso è:
    a) ti accordi con il coerede per una perizia giurata asseverata di tutti gli immobili: metti in conto almeno 500€ per ogni immobile. (non pensare che il CTU costi di meno... solo la nomina... sono 400€ che richiede per aprire le carte presentate...)
    b) fai una Permuta dove diventate proprietari ognuno del suo immobile e nel caso se manca qualche cosa, l'uno paga l'altro sulla differenza. Il costo di questo atto è pari a quello per 1 vendita di un immobile con mutuo. Quindi un bel risparmio.

    A questo punto ognuno è libero di fare quello che vuole delle sue proprietà.
     
    A miciogatto piace questo elemento.
  5. ludovica83

    ludovica83 Membro Vintage

    Privato Cittadino
    La mediazione può anche concludersi con il nulla di fatto... quindi trovarti sempre dopo 1 anno al punto di partenza....
    E quando sarai davanti il giudice a sua volta tenterà di mediare....
    Ma se la persona non vuole cedere al Buonsenso, farà di tutti per allungare le tempistiche.

    Non solo altro fattore... questa persona lavora? Perché altrimenti non in mediazione ma in giudizio può richiedere il gratuito patrocinio = tu paghi il tuo avvocato e lui va aggratis... quindi il suo interessa diventa allungare, allungare così aumentano i costi x te.
     
    A Bagudi e marioventuri piace questo messaggio.
  6. marioventuri

    marioventuri Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    anno + anno meno ...non e' quello e nemmeno le spese....si tratta solo di fare le cose per bene e purtroppo l'altro coerede non e' disponibile molto a trattare e se dovesse accettare di trattare sicuramente vorrebbe dividere in modo a lui + conveniente.
    no, economicamente sta bene.
    sarei anche disposto ad agevolarlo, non sono esoso...basta dividere legalmente le cose.
     
  7. ludovica83

    ludovica83 Membro Vintage

    Privato Cittadino
    Beh se staccare assegni di 8.000/10.000€ all'anno non è un problema e non ti fa arrabbiare perché una soluzione a tavolino di buonsenso te li farebbe risparmiare... non hai da che temere.
    Quella cifra non è la somma di entrambi... e ricordati quando vai in giudizio di farlo trascrivere come prioritario sugli immobili... prima che chi non vuole vendere... faccia qualche debito apposito per allungare di qualche altro anno...
     
  8. marioventuri

    marioventuri Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    sto cercando di capire...ok facciamo valutare gli immobili....mi spiegi da chi??
    poi la permuta... cioe' ci scambiamo il 50% degli immobili??
    il costo...quanto e'?? Non riesco a capire...pago il notaio come se pagassi
    una vendita normale ma con mutuo??
    grazie.
     
  9. marioventuri

    marioventuri Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    l'altro coerede sta economicamente molto bene...molto + di me e non credo che faccia debiti.... solo che lui e' indisponente, non vuole fare niente.
     
  10. ludovica83

    ludovica83 Membro Vintage

    Privato Cittadino
    Gli immobili li fai valutare da un perito che ti faccia una perizia giurata.

    Con la permuta ti scambi % di proprietà tra immobili TUTTO in un unico atto e conguagli in denaro la parte restante nel caso di differenze.

    Il costo di un atto del genere (sto parlando dell'atto non di imposte o di altro) è solitamente pari a quello di un semplice atto di un immobile con un mutuo. Quindi in soldi (ripeto dipende sempre dal notaio, fatevi fare preventivi etc etc ) siamo sui 1200€.
     
    Ultima modifica di un moderatore: 11 Agosto 2015
    A marioventuri piace questo elemento.
  11. ludovica83

    ludovica83 Membro Vintage

    Privato Cittadino
    Guarda che uno per fare un debito non deve essere povero.
    E chi non è povero si fa consigliare bene per ottenere quello che vuole.
    Chi si rivolge al giudice per chiedere la divisione... oggigiorno non è povero.
    Perché un povero non ci arriva dal giudice per aspettare anni e spendere soldi e tenere gli immobili li fermi.
     
    Ultima modifica: 11 Agosto 2015
  12. marioventuri

    marioventuri Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    grazie, mi sembra ragionevole, il mio coerede sta bene ma e' un tirchio spaventoso.
    non puo' negarmi la divisione e quindi forse se gli prospetto questa permuta, chissa' potrebbe anche pensarci.
    altrimenti sono costretto ad andare davanti ad un giudice....
     
  13. ludovica83

    ludovica83 Membro Vintage

    Privato Cittadino
    Eh... auguri... chissà perché lo so bene...
     
  14. marioventuri

    marioventuri Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    grazie ancora.
     
    A ludovica83 piace questo elemento.
  15. ludovica83

    ludovica83 Membro Vintage

    Privato Cittadino
    Ho una brutta notizia da darti... a volte la ******aggine... prevale sulla tirchiaggine...
    E spero per te che tu risolva senza aspettare i tempi della giustizia.... e non dimenticare una cosa di dirgli... il giudice... può anche stabilire di mandare tutto all'asta... e tu e lui non potete comprare in quanto parti in causa...
     
    Ultima modifica di un moderatore: 11 Agosto 2015
  16. marioventuri

    marioventuri Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    mio fratello lo conosco... se voglio dividere si scoccera' ma sa bene che non puo' opporsi...io conto sul fatto che non vuole spendere e si fara' un compromesso, gli lascio la parte migliore, magari gia' affittata da anni e si rilassa.
    perche' a lui interesssano gli affitti mentre a me no.
     
    A ludovica83 piace questo elemento.
  17. ludovica83

    ludovica83 Membro Vintage

    Privato Cittadino
    Assolutamente non può opporsi. L'unica cosa che può fare è allungare i tempi per i vari gradi di giudizio...
     
  18. marioventuri

    marioventuri Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    figurati che 10 anni fa e' diventato matto per chiudere il piu' in fretta possibile il c/c cointestato con i nostri genitori...
    non voleva pagare + le spese...:occhi_al_cielo:
    da quel che so, io potrei tentare di vendere il mio 50% dei negozi
    dopo aver fatto a lui la prelazione...certo sarebbe difficile ma 3 negozi sono completamente sfitti per oltre 200 mq...se vendessi la mia parte ad un buon prezzo qualcuno potrebbe pensarci a comprarlo pur avendo un coerede tra i piedi.
    che ne dici??
     
  19. ludovica83

    ludovica83 Membro Vintage

    Privato Cittadino
    Chi è che oggigiorno... con la quantità di beni che ci sono sul mercato... compra il 50% di una qualsiasi cosa?
    Se lui non vuole vendere ha il diritto di farlo, magari vuole aspettare...

    Ma dato che l'immobile non è uno solo... Fate una valorizzazione, vi scambiate le parti e così poi tu fai quello che vuoi... e lui fa quello che vuole.
    Se è takkagno... pensi che si accontenta dei prezzi che ci sono in giro adesso?
    (ti va bene se non inizia a contestarti le perizie...per quello dico scegliete il perito di come accordo e fate la giurata asseverata > il perito ha le sue responsabilità e risponde a tutti i quesiti che ponete.)
    Ma se permutate il prezzo è basso per te ed è basso per lui... perché il mercato è lo stesso...
    Se poi dopo lui vuole vendere + in la e tu adesso... ve li gestite come preferite... in modo indipendente.
     
    A marioventuri piace questo elemento.
  20. ludovica83

    ludovica83 Membro Vintage

    Privato Cittadino
    :D Queste si che sono belle notizie, pensa a chi se lo trova Svuotato, non lo vuole chiudere +... e intanto va in rosso con gli interessi che aumentano... e solo dopo anni, ed intervento del legale con la banca, riesce a chiudere il conto ma pagando naturalmente lui tutto il dovuto... perché l'altro non lo fa...
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina