• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

massimoz

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Buongiorno, mi sono iscritto oggi al vostro sito per avere il vostro parere su quanto mi è successo in questi giorni.
Da qualche tempo mia moglie ed io abbiamo deciso di acquistare una casa/appartamento in una località di montagna. Dopo averne viste qualcuna abbiamo deciso effettuare una proposta di acquisto per una che soddisfava le nostre esigenze.
Ho quindi contattato l’agenzia che a suo tempo ci aveva accompagnato a vedere l’appartamento e, per accelerare i tempi della stesura dell’atto, ho inviato tramite mail tutti i dati necessari compresi documenti d’identità e codice fiscale e comunico anche l’importo della proposta (160.000€, prezzo di vendita 170.000€). Ci accordiamo per vederci il sabato mattina in quanto di passaggio perché direti in altra località di montagna per un periodo di ferie.
Arriviamo in agenzia, ci accoglie l’impiegata che ci aveva fatto vedere l’appartamento e con lei leggiamo la proposta che aveva già predisposto, apportato dei piccoli aggiustamenti e basta, la proposta era pronta, stampata e firmata. Giorni di validità della proposta: 5. Compilati gli assegni della caparra per il venditore e della provvigione per l’agente. Il 3%, non un centesimo di sconto perché, parole sue, “Noi non facciamo sconti, offriamo un servizio migliore”.
Ovviamente avevamo già firmato ache il “Conferimento di incarico di mediazione”. A questo punto arriva l’agente che dà un’occhiata abbastanza superficiale alla proposta di acquisto e firma il documento che più gli interessa: l’incarico di mediazione.
E quindi ci racconta che in questi giorni era stato contattato da una persona che era il proprietario dell’appartamento a fianco di quello che stiamo acquistando noi, che aveva venduto circa quattro anni fa, ma adesso avrebbe piacere di ritornare in questa località montana e avendo sentito che c’era in vendita l’appartamento dell’ex vicino/amico sarebbe interessato all’acquisto.
Allora cosa ci suggerisce di fare, di stampare e firmare una nuova proposta di acquisto di 165.000€, che, nel caso in cui, il nuovo fantomatico acquirente, avesse proposto un importo superiore ai nostri 160.000, lui, agente, avrebbe avuto in mano subito la controproposta da presentare al venditore.
Noi, lì per lì, presi di sorpresa, un po’ titubanti, anche perché se al venditore non bastavano i 160.000, avrebbe potuto rilanciare (infatti a posteriori abbiamo scoperto che non avrebbe mai accettato meno di 165.000, venditore e agente si davano del tu), abbiamo accettato questa cosa è abbiamo firmato.
Nel frattempo avevamo già superato l’orario di apertura dell’agenzia e quindi siamo usciti e l’agenzia chiude per riaprire nel pomeriggio, ma noi abbiamo proseguito per la nostra metà.
Tempo 10 minuti mi rendo conto che l’agente ci ha raccontato un incredibile frottola e che sostanzialmente ci ha raggirato alla grande.
La mattina successiva, appena apre l’agenzia, mi presento e mi faccio restituire tutte le copie della seconda proposta dall’impiegata, l’agente non era in ufficio. Mi faccio inoltre girare le mail che avevano inviato al venditore con allegate le scansione dei vari documenti prodotti.
E cosa scopro? Che alle ore 15:05 hanno inviato la proposta a 160000 e alle 18 quella a 165000.
Successivamente l’agente mi ha chiamato al telefono in quanto non capiva il mio gesto, per quale motivo ero andato a sottrarre un documento che era stato firmato da tutti gli interessati, ... Diciamo che ci siamo scambiati i nostri punti vista in modo alquanto agitato e finita lì.
Adesso praticamente è tutto bloccato in quanto il venditore non ha accettato i 160.000 ed io non voglio più vedere in faccia l’agente.
Io però l’appartamento lo vorrei acquistare, a questo punto escludendo l’agente. Il mio timore è che a distanza di tempo io non sia costretto a pagare ugualmente la provvigione in base all’art. 1755 del cc.
Il mandato di agenzia dovrebbe scadere intorno a settembre
Scusate se sono stato un po’ prolisso, ma dovevo essere il più preciso possibile.
Cosa ne pensate di questa storia e come posso uscirne?
Grazie.
Massimo
 

Slartibartfast

Membro Attivo
Agente Immobiliare
1) non ho capito quale frottola ti ha raccontato l'agente
2) prima ha mandato la proposta a 160 e tre ore dopo ha mandato quella a 165. Ha fatto quello che ti aveva detto
3) anche se l'agente conosce il suo cliente ti ha lasciato lo stesso il gusto di provarci a 160
Secondo me se gli chiedi scusa per il tuo comportamento da idiota ti fa comprare la casa ugualmente.
 

sgaravagli

Membro Attivo
Agente Immobiliare
fai una cosa sensata, torna in agenzia e concludi a 165, paga le provvigioni (tanto gliele devi comunque) vai a rogito e ti sei comprato la casa che desideri...... tutto semplice e facile
 

-csltp-

Membro Attivo
Agente Immobiliare
Certo che se per voi questi sono comportamenti scorretti forse dovreste imparare a stare al mondo.
 

massimoz

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Onestamente a me non sembra molto etica la cosa nel senso che lui mi ha fatto credere che ci potesse essere una proposta di acquisto fatta da un altro possibile compratore che in realtà sapeva benissimo che non ci sarebbe mai stata.
 

D3rivato

Membro Attivo
Mediatore Creditizio
Onestamente a me non sembra molto etica la cosa nel senso che lui mi ha fatto credere che ci potesse essere una proposta di acquisto fatta da un altro possibile compratore che in realtà sapeva benissimo che non ci sarebbe mai stata.
Dove ci sono i soldi non c'è mai stata etica. Se ti piace l'immobile concludi l'affare e paga la mediazione, altrimenti cerca altro
 

francesca63

Membro Senior
Privato Cittadino
Onestamente credere alla balla dell’altro cliente interessato, è come credere agli asini che volano.
Ma quando ci si appresta a comprare casa, spesso l’entusiasmo rende imprudenti.
Non condivido in pieno come si è mosso l’agente, perché ha approfittato della vostra ingenuità momentanea.

Puoi comprare privatamente, pagando ovviamente le provvigioni, se il venditore è interessato.
Altrimenti, “ti tocca” passare dall’agente di nuovo.
 

Giuseppe Di Massa

Membro Assiduo
Agente Immobiliare
Buongiorno, mi sono iscritto oggi al vostro sito per avere il vostro parere su quanto mi è successo in questi giorni.
Da qualche tempo mia moglie ed io abbiamo deciso di acquistare una casa/appartamento in una località di montagna. Dopo averne viste qualcuna abbiamo deciso effettuare una proposta di acquisto per una che soddisfava le nostre esigenze.
Ho quindi contattato l’agenzia che a suo tempo ci aveva accompagnato a vedere l’appartamento e, per accelerare i tempi della stesura dell’atto, ho inviato tramite mail tutti i dati necessari compresi documenti d’identità e codice fiscale e comunico anche l’importo della proposta (160.000€, prezzo di vendita 170.000€). Ci accordiamo per vederci il sabato mattina in quanto di passaggio perché direti in altra località di montagna per un periodo di ferie.
Arriviamo in agenzia, ci accoglie l’impiegata che ci aveva fatto vedere l’appartamento e con lei leggiamo la proposta che aveva già predisposto, apportato dei piccoli aggiustamenti e basta, la proposta era pronta, stampata e firmata. Giorni di validità della proposta: 5. Compilati gli assegni della caparra per il venditore e della provvigione per l’agente. Il 3%, non un centesimo di sconto perché, parole sue, “Noi non facciamo sconti, offriamo un servizio migliore”.
Ovviamente avevamo già firmato ache il “Conferimento di incarico di mediazione”. A questo punto arriva l’agente che dà un’occhiata abbastanza superficiale alla proposta di acquisto e firma il documento che più gli interessa: l’incarico di mediazione.
E quindi ci racconta che in questi giorni era stato contattato da una persona che era il proprietario dell’appartamento a fianco di quello che stiamo acquistando noi, che aveva venduto circa quattro anni fa, ma adesso avrebbe piacere di ritornare in questa località montana e avendo sentito che c’era in vendita l’appartamento dell’ex vicino/amico sarebbe interessato all’acquisto.
Allora cosa ci suggerisce di fare, di stampare e firmare una nuova proposta di acquisto di 165.000€, che, nel caso in cui, il nuovo fantomatico acquirente, avesse proposto un importo superiore ai nostri 160.000, lui, agente, avrebbe avuto in mano subito la controproposta da presentare al venditore.
Noi, lì per lì, presi di sorpresa, un po’ titubanti, anche perché se al venditore non bastavano i 160.000, avrebbe potuto rilanciare (infatti a posteriori abbiamo scoperto che non avrebbe mai accettato meno di 165.000, venditore e agente si davano del tu), abbiamo accettato questa cosa è abbiamo firmato.
Nel frattempo avevamo già superato l’orario di apertura dell’agenzia e quindi siamo usciti e l’agenzia chiude per riaprire nel pomeriggio, ma noi abbiamo proseguito per la nostra metà.
Tempo 10 minuti mi rendo conto che l’agente ci ha raccontato un incredibile frottola e che sostanzialmente ci ha raggirato alla grande.
La mattina successiva, appena apre l’agenzia, mi presento e mi faccio restituire tutte le copie della seconda proposta dall’impiegata, l’agente non era in ufficio. Mi faccio inoltre girare le mail che avevano inviato al venditore con allegate le scansione dei vari documenti prodotti.
E cosa scopro? Che alle ore 15:05 hanno inviato la proposta a 160000 e alle 18 quella a 165000.
Successivamente l’agente mi ha chiamato al telefono in quanto non capiva il mio gesto, per quale motivo ero andato a sottrarre un documento che era stato firmato da tutti gli interessati, ... Diciamo che ci siamo scambiati i nostri punti vista in modo alquanto agitato e finita lì.
Adesso praticamente è tutto bloccato in quanto il venditore non ha accettato i 160.000 ed io non voglio più vedere in faccia l’agente.
Io però l’appartamento lo vorrei acquistare, a questo punto escludendo l’agente. Il mio timore è che a distanza di tempo io non sia costretto a pagare ugualmente la provvigione in base all’art. 1755 del cc.
Il mandato di agenzia dovrebbe scadere intorno a settembre
Scusate se sono stato un po’ prolisso, ma dovevo essere il più preciso possibile.
Cosa ne pensate di questa storia e come posso uscirne?
Grazie.
Massimo
Intanto quando scadrà l'incarico è irrilevante, se acquisterai quell'immobile entro il prossimo anno dovrai pagare questa agenzia. L'iter è stato un po' particolare in effetti, ma hai firmato, senza subire minacce o ipnosi, pertanto tu e l'agente immobiliare, assieme, avete adottato una tattica per l'acquisto un pochino inusuale. Anche l'indicazione degli orari delle mail mi sembra normale, prima la proposta più bassa e tre ore dopo, forse dopo un "no" ricevuto per la prima, ha mandato quella più alta. E se il vicino interessato esistesse davvero e con quell'escamotage l'agente ti ha dato più possibilità di acquistare? Immagina se ti avesse detto, il giorno dopo, che la proposta a 160 era stata rifiutata e che il vicino aveva comprato a 165 tre ore dopo, avresti fatto un post chiedendo come mai l'agente non aveva trovato un modo per favorirti essendo arrivato prima, pensaci.
Suggerisco di portare avanti quella a 165, che ti importa della simpatia reciproca con l'agente, compra la casa che ti piace!
 

il_dalfo

Membro Assiduo
Professionista
5000 € sono importanti per tutti ma è anche vero che la casa è un bene più importante: concludi l'operazione e raccogli un sacco di ricordi felici con la tua famiglia in quel posto che saprà custodirli e che, più in la nel tempo, te li restituirà ogni volta che toccherai una maniglia o guarderai dalla finestra il paesaggio che vi circonda.

L'AI ha commesso un errore, questo non si riferisce però alla mediazione, quella l'ha fatta egregiamente. Solo che poi si è dimenticato dell'acquirente nella fase di post vendita. Forse troppo concentrato nel cercare di assicurarsi la vendita, non si è assicurato che ogni elemento dell'esperienza d'acquisto del cliente fosse piacevole.
Premesso che pentimento e/o rimorso post vendita/acquisto sono reazioni naturali, eliminarle in anticipo permette di migliorare non solo l’esperienza del cliente, ma aiuta ad assicurarsi la sua fiducia per il futuro.

Qualcuno dirà "non ci credo"

Lecito non crederci ma secondo voi questo signore, quando deciderà di vendere, acquistare, locare, l'immobile, si rivolgerà in primis all'AI in questione? O deciderà di consigliare l'AI ai suoi amici/parenti/conoscenti? ... fine.
 

massimoz

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Ho chiuso oggi a 160.000, l’agente ha rinunciato a buona parte delle provvigione lato venditore. Evidentemente ha riconosciuto di non aver avuto un comportamento esemplare.
Grazie a tutti per i vostri interventi.

P.S.: Vorrei dire a Slartibartfast che si può parlare e confrontarsi in modo civile, non penso che offendere apporti un surplus alle varie discussioni. Un cordiale saluto.
 

Slartibartfast

Membro Attivo
Agente Immobiliare
Ho chiuso oggi a 160.000, l’agente ha rinunciato a buona parte delle provvigione lato venditore. Evidentemente ha riconosciuto di non aver avuto un comportamento esemplare.
Grazie a tutti per i vostri interventi.

P.S.: Vorrei dire a Slartibartfast che si può parlare e confrontarsi in modo civile, non penso che offendere apporti un surplus alle varie discussioni. Un cordiale saluto.
Sono contento che abbiate definito.
quanto alle offese, sei tu che hai iniziato dicendo che l'agente ti ha raccontato frottole e ti ha raggirato.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

manukka ha scritto sul profilo di John S..
john S. ho bisogno di parlarti sto in una situazione simile alla tua mio padre finge volere aiutare e vuole vendere casa . lui non si é mai interessato scrivimi su facebook ok? https://www.facebook.com/manuela.amari.92
StefyC88 ha scritto sul profilo di Fran77.
Certamente! Senza problemi mi puoi contattare in privato, non ti nego che conosco il Salento, anche perché sono Pugliese, più specificatamente di Foggia, ma vivo a Roma, quindi sarebbe magnifico se potessimo collaborare insieme. Aspetto tue notizie! A presto
Alto