1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Mimi

    Mimi Membro Attivo

    Privato Cittadino
    La problematica è questa, 2 immobili adiacenti (immobile A ed immobile B), costruiti negli anni 50, distanti tra loro circa 10/12mt. avevano in comune l’impianto di riscaldamento, il locale tecnico era situato sotto l’immobile A.
    Di comune accordo tra i due proprietari, anni fà si passò da impianto “centralizzato” ad impianto “singolo autonomo” e venne eliminato completamente l’impianto di riscaldamento centralizzato, la caldaia, i tubi che andavano all'immobile B, in pratica rimase solo il locale tecnico situato nell’immobile A, il proprietario dell’immobile B, a distanza di anni, asserisce che anche lui è proprietario di quel locale e ne vuole usufruire.
    Io credo che questo locale di servizio comune collocato nell’immobile “A” poteva essere utilizzato anche dal proprietario dell’immobile “B”, come se fosse una servitù senza che però ne diventi mai proprietario.
    Dopo quanti anni viene a decadere questa “servitù” se non viene più esercitata da che ne ha diritto?
    Visto che sono trascorsi quasi 20 anni senza mai essere stato utilizzato, richiesto l’uso e/o la proprietà non è decaduto il diritto?
    In pratica come si acquisisce un diritto per usucapione dopo x anni credo che in alcune situazioni, di fatto se ne perde il diritto se per x anni non ne fa uso.
     
  2. studiopci

    studiopci Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Salve la prima cosa da capire è il locale tecnico a suo tempo come è stato accatastato, su chi ne ricade la proprietà, oppure se esiste qualche documento scritto che ne attesti l'uso o la destinazione, è importante che si abbia una base di partenza per valutare cosa,chi e quali diritti può vantare... questo perchè l'usucapione è un diritto originario del quale non esiste una prescrizione intesa come perdita del diritto dopo tot numero di anni, ma esiste una prescrizione entro la quale A perde il diritto di proprietà se non usa il bene e B acquisisce il diritto di usucapire il bene se si è occupato di questo. ... mi spiego meglio con un esempio non avendo parametri certi... nel tuo caso c'è un locale adibito a suo tempo come locale tecnico.. questo locale o è di tua proprietà ed è stato usato da B quindi B dopo 20 anni di uso ininterrotto ha diritto con apposita procedura ad usucapire il bene oppure no. Fabrizio
     
  3. Mimi

    Mimi Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Il locale tecnico è di proprietà dell'immobile A (immobile "A" ha 3 proprietari con 3 impianti autonomi) mentre immobile "B" 1 solo proprietario con il suo impianto autonomo. Esiste un documento nel quale si specifica/concorda che "B" ha il diritto di allaccio all'impianto. Visto che l'impianto centralizzato non esiste più di conseguenza non esiste più questo diritto di "B".
    Certamente se "A" dovesse ripristinare l'impianto centralizzato è obbligato a far allacciare "B" se questo lo richiedesse. Oltre a questo vincolo penso che "B" non può vantare nessun diritto perchè il suo unico diritto (come risulta dal documento) è quello dell'allaccio al riscaldamento centralizzato.
     
  4. studiopci

    studiopci Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Stando così le cose... il locale tecnico è proprietà comune indivisa o condominiale e su di essa non esiste nessun diritto che B possa accampare ... quindi in parole povere B non può chiedere niente...
     
  5. Mimi

    Mimi Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Ok grazie, bisogna solo trovare il modo di farlo capire a "B" ma come fare senza litigare visto che è un "Prepotente litigioso"?
     
  6. studiopci

    studiopci Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Cerchi di farglielo comprendere con le buone .
     
  7. SALVES

    SALVES Membro Senior

    Altro Professionista
    Tecnicamente negli ani 50 epoca della realizzazione dell'immobile ed anche adesso, i vani tecnici locale caldaia vengono censiti come beni comuni non censibili e come tali assegnati a tutti i subalterni allacciati alla caldaia posta all'interno di questo, quindi se negli atti catastali e rogiti notarili riportano tale dicitura, B ha la quota di proprietà su questo vano.

    Di che documento si tratta?

    Quanti anni fà?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina