1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. raffa85

    raffa85 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Vi propongo un quesito spinoso in cui mi sono imbattuto in questi giorni:

    un cliente tempo addietro acquisto' un immobile con un abuso edilizio ad oggi trovandosi a rivenderlo viste le nuove normative è costretto a regolarizzare, il comune gli ha detto che la sanatoria non si puo' fare e gli ha proposto la fiscalizzazione.

    Da quello che ricordo la fiscalizzazione non regolarizza l' abuso cioè il comune prende atto che ci sono queste opere e ti fa pagare una sanzione senza oblligardi a demolire.

    Questa formula è accettata dai notai per un' eventuale rogito?
    Ci sono problemi per il rilascio dell' abitabilità?
    Un eventuale acquirente un domani dovesse rivendere potrebbe avere problemi?
     
  2. Architetto

    Architetto Membro dello Staff

    Altro Professionista
    A tutti i tuoi quesiti la risposta e... SI...l'unica riserva sono i notai, non penso che concordino di redigere un atto senza un documento che determini che l'immobile è libero da vincoli ed in regola con le norme urbanistico edilizie e sanitarie...;)
     
  3. raffa85

    raffa85 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    quindi lei non acquisterebbe un immobile regolarizzato con questa formula?
    il suo parere è importante non voglio dare fregature agli acquirenti!
     
  4. Architetto

    Architetto Membro dello Staff

    Altro Professionista
    Non ho detto che acquisterei o meno un immobile con questa formula...ho solo espresso un mio dubbio inmerito alle procedure dei notai...
    Per fugare ogni dubbio in merito, consulterei un notaio di fiducia e porrei il quesito sull'atto rogitale e se la risposta sarà negativa allora avrà avvalorato la mia ipotesi, in caso contrario il mio dubbio risulterà vano...(ed allora meglio così)...ma in ogni caso quoto la sua preoccupazione di non dare fregature al cliente...perchè un mio principio importante (e credo anche il suo come in molti) è la serietà professionale...perchè trattare male un cliente significa aver perso un patrimonio...;)
     
  5. raffa85

    raffa85 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    ho chiamato 2 notai ed ambedue non lo rogiterebbero, grazie per il consiglio
     
  6. Architetto

    Architetto Membro dello Staff

    Altro Professionista
    :idea::idea::idea:...questo era il mio dubbio...fugato dai tuoi notai...grazie a te...:)
     
  7. irma

    irma Membro Attivo

    Privato Cittadino
    A me risulta diversamente:
    Ai sensi del’articolo 46 comma 1, d.P.R. n. 380 gli atti non possono essere stipulati ove da essi non risultino, per dichiarazione dell'alienante, gli estremi del permesso di costruire o del permesso in sanatoria.
    Ai sensi dell’articolo 38, allegare la prova dell'integrale corresponsione della sanzione pecuniaria irrogata produce i medesimi effetti del permesso di costruire in sanatoria di cui all'articolo 36.
    Ai sensi dell’art 47 il notaio è responsabile solo di mettere in atto questa dichiarazione con gli estremi della sanzione pagata ed accertarsi che l’acquirente ne sia consapevole. In sostanza, ai sensi dell’art 46 comma 1 Dpr 380/2001 e del tutt’ora valido art. della L.47/85 art 41, dopo aver regolarizzato le cose con il Comune ed il Catasto, il bene è compravendibile. Varrebbe la pena sentire l’Ufficio Tecnico.
     
  8. Architetto

    Architetto Membro dello Staff

    Altro Professionista
    Ho qualche dubbio sul fattoi che tu stai confondendo quanto previsto dal D.Lgs. 380/01 modificato dal 301/02 e l'ex L. 47/85 perchè si parla di sanatoria e non di condono...;)
     
  9. raffa85

    raffa85 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    infatti parlando con un geometra ed il notaio abbiamo convenuto di far richiedere alla parte una concessione in sanatoria in deroga con parere preventivo dell' asl competente (specificando che nel vano abusivo passano gli impianti e serebbe grave per la casa demolire) se non ci fanno opposizione il comune la passa, il proporietario paga gli oneri e poi accatstamento ed abitabilità. Incrocio le dita!
     
  10. Guglielmo Toscano

    Guglielmo Toscano Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    La mia è una curiosità.
    Per quale motivo il Comune nega la sanatoria ?
     
  11. raffa85

    raffa85 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    la cucina non è 9 mq
     
  12. Architetto

    Architetto Membro dello Staff

    Altro Professionista
    Una sanatoria è una regolarizzazione di una richiesta di autorizzazione ad eseguire opere, che non è mai stata presentata...per questo motivo si applicano delle sanzioni amministrative...altra cosa, invece è il condono, che attraverso un pagamento di una determinata quota, si appianano tutte le difformità...pertanto la sanatoria non è sempre autorizzabile, in quanto riveste carattere di una normale richiesta di autorizzazione all'esecuzione di lavori, con la sola particolarità che si paga uan sanzione amministrativa...
    spero averti chiarito le idee...:)

    Scusa, ma la cucina dei 9.00 mq, da dove saltano fuori???
     
  13. irma

    irma Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Le norme regionali e comunali stabiliscono quali siano le variazioni essenziali al progetto approvato, Il D.P.R. 380/01 è la norma di riferimento anche per regolamentare le difformità gravi, che non sarebbero sanabili (vedi art. 32 e 33)

    Alcuni Regolamenti di Igiene richiedono la presenza di uno spazio cucina/cottura di almeno 9 mq soprattutto ai fini dei certificati di idoneità alloggio per gli stranieri anche se la norma di base è quella indicata nel D.M. del 05/07/1975, Art. 2
     
  14. Architetto

    Architetto Membro dello Staff

    Altro Professionista
    Una cosa è la cucina altra lo spazio cottura...se guardi il Regolamento d'Igiene Tipo regionale, vedrai che la cucina non ha la stessa metratura richiesta per la cucina... (3.4.72. RI)...:)
     
  15. irma

    irma Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Il post riguarda Livorno, ove il Regolamento Edilizio richiede che i locali abitabili non possono avere superficie utile minima inferiore a mq 9. Sono ammesse cucine (cucinini) aventi dimensioni inferiori a mq. 9 purchè costituenti accessorio di altro
    locale.......
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina