1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Graf

    Graf Nominato ad Honorem Membro dello Staff

    Privato Cittadino
    Ho un quesito piuttosto inconsueto e curioso da porre alla community di Immobilio.
    Quesito al quale, sinceramente, non so rispondere.
    Mia nipote 25, figlia di una mia sorella, dottoressa in economia aziendale, con tesi in marketing, avrebbe avuto l’intenzione di intraprendere la professione di mediatrice d’azienda, lavoro che ritenevo adatto alle sue qualità culturali e caratteriali. Lei, infatti, conosce come si deve il sistema economico aziendale, la sua gestione, sa leggere correttamente un bilancio ma, soprattutto, è attratta del marketing strategico e operativo che conosce in modo approfondito ( alcune volte le ho impartito anche delle lezioni….). In più, è una persona dinamica, simpatica e ciarliera. Conosce la computergrafica e i suoi programmi più utilizzati e sa realizzare siti web.
    Ma, nel leggere art. 5 della legge 39 del 1989 e successive modificazioni, mi ha confidato che si sarebbe sentita piuttosto limitata nel suo agire, perché si sarebbe dovuta limitare a svolgere attività di intermediazione, mentre lei avrebbe desiderato svolgere anche attività di consulenza aziendale e di marketing ( piani aziendali, business plan ), a favore dell’acquirente dell’ azienda che viene mediata, magari anche intervenendo in sede pubblicitaria, con la realizzazione di loghi, di immagine coordinata e di creazione di siti web. Io le ho sempre detto che l’attività di intermediazione è, già di sè, impegnativa e assorbente e che, al mediatore scrupoloso, non resterebbe molto tempo per fare altre cose. Lei non era d’accordo e, a suo giudizio, la legge n.39 limita troppo gli agenti nel loro lavoro, imponendo loro troppe incompatibilità e vincoli.
    Adesso, mia nipote sta svolgendo il tirocinio da un commercialista e sembra decisa ad intraprende la professione di dottore commercialista e di consulente d’azienda.

    Però il quesito, a cui non so rispondere, mi è rimasto nel gargarozzo: se un mediatore d’azienda è competente nelle materie aziendali, conosce il marketing e la comunicazione pubblicitaria, perché non dovrebbe utilizzare nella sua professione di intermediazione queste sue conoscenze? Perché non potrebbe dare un ulteriore suggerimento ai suoi clienti, perché non potrebbe stilare un piano di marketing, assistere il cliente acquirente allo start up dell’azienda, fornendogli, se richiesto, anche un piano iniziale di comunicazione aziendale, un’idea visiva di immagine coordinata, un sito web ?
    Sappiamo che il mediatore può legittimamente compiere tutti quegli atti strumentali e accessori alla realizzazione di un affare, allora, se un aspirante acquirente d’azienda ( albergo, ristorante, industria dolciaria…) dice a me, ipotetico mediatore di quell’azienda, “ ok, compro l’azienda, ma solo se tu mi fai un piano di marketing che mi dimostri che gestire quell’azienda è un affare redditizio adesso e fra dieci anni” oppure mi incarica, PRIMA DELLA CONCLUSIONE DELL’AFFARE, di studiare una piano strategico per risollevare le sorti un azienda piuttosto malmessa e esaminare un piano di riconversione dell’attività, allora, dicevo, anche queste attività potrebbero essere strumentali alla conclusione dell’affare e allora perfettamente legittime e ammesse dalla legge n.39.
    Oppure sto prendendo un granchio? :confuso:
    Siamo di fronte ad un caso di lana caprina, ne convengo, solo ipotetico e eventuale, ma che potrebbe, un giorno o l’altro, presentarsi nella realtà.
    Meglio anticipare la soluzione del problema.
    :idea:
     
  2. Rober

    Rober Membro Junior

    Agente Immobiliare
    Sono perfettamente d'accordo con la tua conclusione di considerare le attività da te elencate come strumentali all'attività principale di mediazione e quindi assolutamente rientranti nel nostro "campo di azione". :stretta_di_mano: Ad averle io queste competenze!!! :basito: Il problema potrebbe forse essere più di sostanza che di forma, nel senso che normalmente (ossia a parte la congiuntura attuale di cui si parla tutti i giorni) un mediatore potrebbe non avere tutto questo tempo da dedicare alle attività strumentali da te indicate. Per questo, forse, nel caso di un mediatore che si trovasse a trattare un affare così particolare come quello descritto mi sembrerebbe più realistico coinvolgere una persona con le competenze professionali di tua nipote, che avrebbe così modo di specializzarsi in questa specifica attività. Il tutto con la doverosa considerazione della incertezza della remunerazione del proprio lavoro tipica delle attività di mediazione.;)
     
  3. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Concordo pienamente con Rober.
    Le attività da te elencate rientrano legittimamente nelle competenze dell'agente immobiliare che media quel particolare settore.
    Non ho le competenze che hai elencato, anche io dico "magari" o (alla Mazzone) "magara", però assisto il cliente sino alla voltura dell'autorizzazione amministrativa, compilandogli anche la D.U.A.P.P. (Dichiarazione Unica Autocertificativa Attività Produttive) presso il S.U.A.P. (Sportello Unico Attività Produttive).
    Graf, invita tua nipote a commentare la discussione sulle aziende, con particolar riguardo alle cessioni ed agli affitti delle stesse.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina