1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. catia

    catia Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Sto pubblicizzando un immobile ad un valore bassissimo rispetto al valore di mercato, diciamo la metà del valore reale, (i proprietari molto anziani se ne vogliono liberare) Ho fatto il calcolo con la rendita catastale per stabilirne il valore qualora fosse venduto come prima casa e siamo sotto questo valore figuriamoci fosse venduto come seconda casa. Mi chiedo se riuscissi a venderlo "sottocosto" , i venditori potrebbero avere un accertamento fiscale?
     
  2. catia

    catia Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Vi ho preso tutti in contropiede?:confuso::occhi_al_cielo::shock: C'è nessuno in casa ???:disappunto::disappunto:
     
  3. pensoperme

    pensoperme Membro Storico

    Privato Cittadino
    Non vedo cosa avrebbe da chiedere il fisco ai venditori... a meno di un riscontro di pagamenti in nero, che sarebbe evasione, il venditore non ha tassazione sulla vendita di un immobile, mi risulta, salvo alcune casistiche dove viene tassata la plusvalenza... quindi l'evasione se ci fosse sarebbe a vantaggio dell'acquirente semmai, o per nascondere delle somme a eventuali parenti... mi perplimo.
     
  4. gio10372

    gio10372 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Io nel 1996 ho venduto una casa sotto il valore catastale per motivi familiari...bene dopo 2 anni ci è arrivata la sanzione da pagare, perchè non avevano creduto alla cifra dichiarata. Non c'è stato nulla da fare...anche se premetto ch all'epoca non svolgevo questo lavoro, quindi ero un pò ignorantello in questione. Comunque il minimo da dichiarare è il valore catastale dell'immobile che lo calcoli come ha detto CATIA con la rendita catastale.
     
  5. pensoperme

    pensoperme Membro Storico

    Privato Cittadino
    Sì il minimo è quello, certo. Ma credo la sanzione si fermi lì. ;)
     
  6. gio10372

    gio10372 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Comunque sempre sanzione è!!!:risata:
     
  7. pensoperme

    pensoperme Membro Storico

    Privato Cittadino
    Sì, certo. Ma evidentemente avete denunciato meno del valore catastale rivalutato. ;) Nessun notaio lo fa fare.
     
  8. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    se il compratore nn paga la sanzione?
     
  9. gio10372

    gio10372 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Sinceramente non mi ricordo...dovrei rivedere le carte!!
     
  10. catia

    catia Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Allora è bene che calcoli il max del valore il 126% come seconda casa e pubblicizzi l'immobile minimo minimo con quella cifra.Per curiosità la sanzione che ti hanno mandato era basata su un calcolo di rivalutazione dell'immobile? su quali basi?
     
  11. gio10372

    gio10372 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Sicuramente si!!! però adesso a distanza di tempo non mi ricordo bene:occhi_al_cielo: dovrei rivedere le carte!! Dovresti prendere la rendita catastale rivalutrla del 5% e moltiplicarla per 110 (questo per prima casa).. il valore che ottieni è il minimo dichiarabile.
     
  12. catia

    catia Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    se si acquista come 1^ casa, ma se si acquista come seconda è 126% .... almeno ci sto dentro meglio
     
  13. gio10372

    gio10372 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    :ok:
     
  14. gmp

    gmp Membro Storico

    Privato Cittadino
    alcuni testimoni del crollo dei prezzi negli anni '90 raccontano che i notai facevano dichiarare in atto valori superiori a quello catastale per evitare accertamenti; meglio pagare piu tasse oggi che avere casini domani...
     
  15. Tobia

    Tobia Membro Senior

    Agente Immobiliare

    Dal 2006 puoi dichiarare quello che vuoi, basta che ti offri di pagare le tasse sul valore catastale, anziché su quello nominale.

    Stessa casa
    Valore nominale 100.000
    Valore catastale. 80.000
    Valore "regalato" 50.000

    In entrambi i casi si pagherebbero le tasse su 80.000
     
  16. pensoperme

    pensoperme Membro Storico

    Privato Cittadino
    Si parlava del 96 infatti ;)
     
  17. Tobia

    Tobia Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Sorry,
    Il post di catia iniziava con il tempo presente indicativo e ciò mi ha ingannato..
    Nel 96 effettivamente era così.
     
  18. pensoperme

    pensoperme Membro Storico

    Privato Cittadino
    Sorry de che, hai detto comunque qualcosa di corretto e utile
     
    A Tobia piace questo elemento.
  19. antonio immobiliare

    antonio immobiliare Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Se l'immobile viene acquistato al disotto del prezzo dato dal valore catastale, l'acquirentesi può chiedere al Notaio di pagare le imposte sul valore catastale.
     
  20. Antonio Troise

    Antonio Troise Membro Storico

    Agente Immobiliare
    che confusione per non dire che casino, il post è riferito al tempo presente 2012 :ok:
    il problema se ci sarà, non è quello della tassazione che come sappiamo l'imponibile è il valore catastale, ma l'eventuale evasione fiscale con pagamento in nero!
    Se ci fossero controlli del prezzo per comparazione con altri immobili simili della zona, e risulterebbe una forte differenza di prezzo commerciale, allora ADE potrebbe procedere per una verifica :triste:
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina