1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Caterina83

    Caterina83 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Cari colleghi,

    ho appena stipulato un contratto d'affitto con 4 studenti per un appartamento in affitto (contratto 4 + 4) e devo registrarlo; il proprietario non vuole avvalersi della cedolare secca, quindi lo registreremo "normalmente" (pagando il 2% di imposta di registro più i bolli).
    Nel contratto faranno da garanti due genitori, dato che gli studenti non hanno reddito. Il punto inserito nel contratto dice:
    "La signora "x" e la signora "y" sono garanti di tutti gli obblighi assunti nel presente contratto".
    Io sapevo che quando nel contratto si inseriscono dei garanti (in caso di contratto a registro) si deve pagare lo 0,5% sul canone annuo per ogni garante inserito, ogni anno.
    Un collega mi ha detto che le cose sono cambiate e che l'introduzione del o dei garanti comporta la spesa dello 0,5% fissa (che i garanti siano 1 o 10) sui 4 anni!
    Nel mio caso il contratto ha un canone annuale di 24000€ x 4 = 96.000€ x 0,5% = 480€?
    Questa cosa mi pare molto strana!
    Nel dubbio ho chiamato l'agenzia delle entrate (a parte che non sapevano rispondermi e hanno dovuto richiamarmi per fare delle verifiche...no comment -se non lo sanno loro chi dovrebbe saperlo??-) e mi hanno detto che bisogna pagare lo 0,50% per ogni garante ma sul deposito cauzionale e non sul canone d'affitto e solo per un anno, non su tutti e 4.
    Capite bene che la differenza è abbastanza grande dato che in questo caso dovrei versare 50€ (la cauzione è di 5000€ x 0,50% x 2 garanti).
    Voi potete aiutarmi? Perchè gli studenti e il proprietario mi hanno chiesto quanto dovranno pagare di spese di registrazione e io non so cosa rispondergli!

    Grazie!
     
  2. Irene1

    Irene1 Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Bella domanda, ma come avrai capito, se nemmeno l'AdE ha le idee chiare, io, parlo per me, le ho ancora più confuse.
    Ti posso dire cmq che lo 0,5% di imposta ha un minimo di 200,00 euro....... quindi fai i tuoi conti, adesso ne sai una nuova, ti conviene recarti con contratto e F23 in bianco presso l'agenzia delle entrate di tua competenza e far fare a loro il conteggio, vedrai che non possono dirti un cosa per un'altra, e se in futuro ci saranno dei problemi, puoi sempre dimostrare di esserti avvalso della loro consulenza ( anche se dubito che ti firmeranno qualcosa):pollice_verso:
     
  3. Luca1978

    Luca1978 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Io pagherei lo 0,50 % dell'importo della garanzia, ivi incluse a esempio le spese di amministrazione per l'intera durata del contratto ad esempio nel tuo caso 2 1 anno, quindi 24.000,00x0.50% = € 120,00 imposta minima € 200,00 questo indipendentemente dal numero di garanti, anche se consiglierei 2 escamotage per evitare di pagare, il primo è fare cointestare ai genitori il contratto, il secondo e far fare una scrittura privata a latere dove specifichi la garanzia. Cmq in ogni caso per le locazioni non si usa più 'F23 ma dal 1 gennaio solo l'F24 ELIDE quindi occhio con i nuovi codici!!!!!!
     
    A ab.qualcosa piace questo elemento.
  4. jerrySM

    jerrySM Membro Attivo

    Altro Professionista
    Quanto ti hanno detto è vero nel caso il garante si limiti a versare solamente il deposito cauzionale. Altrimenti la cifra si calcola applicando l'aliquota proporzionale del 0,50% sul canone annuale (non sul deposito cauzionale) da versare anticipatamente per l'intera durata del contratto.
    In riferimento al minimo di € 200, avevo letto però che è riferito alla somma dei due subtotali (tassa prima registrazione + tassa garante).
    Fonte: Risoluzione n. 272/E/2008

    riporto:
    "1) l’imposta proporzionale dovuta per ciascuna disposizione (rectius, per ciascun negozio giuridico) è inferiore all’importo minimo fissato dalla legge, mentre l’importo complessivamente dovuto (commisurato a tutte le disposizioni) è superiore a quello minimo (ad esempio: l’imposta proporzionale dovuta per ciascuna disposizione è di 100 euro). In questo caso l’imposta di registro da corrispondere è pari alla somma degli importi dovuti per ciascun negozio (nell’esempio: 200 euro);
    2) l’imposta proporzionale dovuta per ciascuna disposizione è inferiore all’importo minimo di legge ed è inferiore a detto valore anche la somma degli importi dovuti per ciascuna disposizione (ad esempio: 50 euro). In questo caso
    l’imposta di registro deve essere corrisposta in misura fissa una sola volta, in quanto la formalità della registrazione, alla quale va sottoposto il contratto contenente più disposizioni e per l’esecuzione della quale il legislatore ha previsto un importo minimo, è unica (nell’esempio: 168 euro)
    "

    PS: un tempo il limite era 168 euro, dal 2013 sono 200
     
  5. ab.qualcosa

    ab.qualcosa Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Già, si fa una scrittura privata per garanzie accessorie exceptio doli e ti eviti anche qualche intoppo in caso di sfratto.

    So forte eh?
    Ma non è tutto merito mio, è che frequento forum ca**uti! :^^:
     
  6. Pennylove

    Pennylove Membro Assiduo

    Privato Cittadino

    La garanzia, inserita all’interno del contratto di locazione, si registra con l’aliquota dello 0,50%. La stessa aliquota è utilizzabile solo se l’ammontare del deposito cauzionale (che è esso stesso una forma di garanzia) è prestato/versato da terzi a favore di una delle parti del contratto (Agenzia delle Entrate, risoluzione n°151/2002).

    Se non è stabilito l’ammontare dell’importo garantito, ai fini fiscali, si fa riferimento al canone per l’intera durata contrattuale. L’imposta di registro sulle garanzie (da ripetere in sede di proroga) non può essere inferiore a € 200,00. La risoluzione del 2008 citata da Jerry purtroppo non viene recepita da tutti gli uffici territoriali. In ogni caso, il software RLI non è in grado di gestire l’applicazione del minimo di € 200,00 previsto complessivamente sia sull’imposta di registro dovuta sulla garanzia che sull’imposta di registro dovuta sul contratto.

    Nel caso di specie, la garanzia prestata da due soggetti estranei al rapporto sconta l’imposta di registro di € 480,00 (2000 x 12 x 4 x 0,50%). Le garanzie personali prestate in solido da una pluralità di garanti in un contratto di locazione danno luogo all’applicazione di una sola imposta (Nota all’art. 6, Tariffa, Parte prima, DPR n°131/1986).
     
    A Bastimento e Irene1 piace questo messaggio.
  7. jerrySM

    jerrySM Membro Attivo

    Altro Professionista
    Singolare il fatto che l'Agenzia delle Entrate non ammette l'ignoranza delle leggi da parte dei contribuenti, e poi non è in grado di far conoscere/rispettare ai propri impiegati neanche le circolari che lei stessa emette, oppure di dare le giuste istruzioni a chi sviluppa software (sicuramente amico di qualche amico) per produrre programmi che dovrebbero servire agli utenti per assolvere i propri obblighi rispettando le normative correnti.
     
    A Bastimento e ab.qualcosa piace questo messaggio.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina