1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. LauraNederland

    LauraNederland Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Buongiorno,

    il 1 Luglio 2015 ho firmato l'incarico a vendere all'agenzia già da me incaricata per la vendita del mio immobile. Il tutto è stato regolarizzato nella data sopra citata in quanto è pervenuta una proposta di acquisto per il mio immobile. Quindi andava formalizzato anche l'incarico a vendere per l'agenzia e per il riconoscimento delle loro provvigioni. Questo incarico aveva prima scadenza il 24 Ottobre 2015 con tacito rinnovo (questo è stato il mio primo errore).
    Le date su proposta erano entro 15 Settembre compromesso ed entro 24 Ottobre rogito. Ma tali date non sono state rispettate poichè la banca ha richiesto tempi più lunghi per rispondere alla richiesta di mutuo per l'acquisto dell'immobile, avanzata dal facente proposta di acquisto.
    Faccio una premessa: io vivo stabilmente in Olanda e l'immobile in questione è nel comune di Roma. Mi sono affidata a questa agenzia perchè consigliatami di un mio amico. Questa agenzia ha prima provato a mettere in affitto l'immobile nell'estate del 2014, ma dopo un enorme bidone a miei danni (che avrebbe dovuto essere il mio campanello di allarme sui criteri con cui questi agenti scelgono i propri clienti), decidiamo di metterla in vendita, nell'Ottobre 2014, ma non firmo alcun incarico. Si sono succedute visite su visite, ho abbassato il prezzo di vendita CONSIGLIATO dalle agenti secondo una ricerca sul sito dell'agenzia delle entrate (avevo manifestato i miei dubbi sulla fattibilità di tale prezzo), ma nulla di fatto fino al mese di Luglio 2015, quando arriva questa proposta, ancora più bassa della richiesta, ma che io ho considerato accettabile soprattutto per i tempi brevi di risoluzione scritti in proposta e perchè gli agenti, avendo, a detta loro, ANALIZZATO i documenti reddituali dei facenti proposta, avevano assicurato che non ci sarebbero stati intoppi per la buona riuscita della pratica di mutuo.
    Dal mese di Settembre ad Ottobre 2015, ho tampinato l'agenzia di telefonate, ma le risposte erano sempre vaghe. Così, il 19 Ottobre 2015 prendo un aereo dall'Olanda diretto a Roma per parlare con l'agenzia e per avere un confronto con il consulente finanziario che ha presentato la pratica di mutuo in banca. Bene, mi viene detto che la banca si è preso altro tempo per analizzare i documenti , ma che non ci sarebbero stati problemi in quanto era stata inserita la figura del garante all'interno della pratica di mutuo. Avremmo solo dovuto fare una proroga della proposta, che ho fatto ma cambiando i termini, visto il prolungarsi dei tempi (e le bugie), ovvero chiedendo alla controparte di accettare che l'immobile ritornasse sul mercato nell'attesa di avere una risposta dalla Banca, ed io sarei stata libera di accettare un'altra proposta, qualora fosse arrivata prima dell'esito della Banca. Inoltre chiedevo che l'assegno a deposito (1000 euro) potesse essere da me incassato indipendentemente dall'esito della Banca. Queste erano le condizioni di proroga della proposta. Qualora non fossero state accettate la proposta decadeva. La controparte avrebbe dovuto firmare dopo due giorni, ma solo dopo 15 gg vengo a sapere dall'agenzia che ciò non è avvenuto. E nonostante le miei mail e telefonate con richieste di info, questo mi era stato deliberatamente omesso.
    Avrei dovuto inviare la AR per evitare che l'incarico si rinnovasse tacitamente per altri 116 giorni (prima durata incarico), ma non l'ho fatto in quanto era presente una proposta ed ho dato per scontato l'incarico si sarebbe risolto automaticamente con la risoluzione (positiva o negativa) della pratica di proposta di acquisto. Secondo errore.
    Il 2 Novembre l'agenzia mi invia una mail in cui comunica che la banca ha dato esito negativo, vengo a scoprire dopo un'ora di telefonata in agenzia che, non solo le condizioni di proroga non erano mai state presentate alla controparte, ma che la figura del garante non è mai stata inserita nella pratica di mutuo, e loro ne erano a conoscenza ma ancora una volta mi è stata omessa una importante informazione.
    Ovviamente la mia pazienza era ormai esaurita. Si comprende bene che da 1700 km , da un'altra nazione , la gestione diventa davvero complicata. L'agenzia aveva le chiavi del mio appartamento, io non sarei potuta scendere prima del 19 Dicembre 2015, quindi concedo all'agenzia di cercare un altro acquirente "anche fuori incarico a vendere" (questo l'ho specificato ma loro non mi hanno per nulla accennato al tacito rinnovo nonostante la proposta di acquisto) ed io avrei preso questo tempo per decidere come muovermi e cosa fare di questo appartamento. Decido così di affidare la procura legale a vendere a mio suocero (che è a 60km di distanza, motivo per cui non gli è stata affidata prima) ed avviso l'agenzia che il 14 Dicembre sarebbe passato in agenzia per il ritiro delle chiavi. Bene, davanti a mio suocero le agenti dicono che sarebbe opportuno non ritirarle perchè c'è una persona interessata la quale ritornerà sabato con i parenti (il solito ritornello). Davanti la fermezza di mio suocero di ritirare le chiavi, si giocano l'altra carta. Ovvero il tacito rinnovo. Ovviamente mio suocero non ha ritenuto il caso di prendere le chiavi per evitare di incorrere il altri danni, ma mi ha vivamente consigliato di inviare immediatamente una raccomandata con la rinuncia al rinnovo dell'incarico oltre la SECONDA naturale scadenza, ovvero il 26 Febbraio 2016.
    Mi scuso se sono stata eccessivamente prolissa, ma ho ritenuto necessario scendere nei dettagli di questa incresciosa situazione, che probabilmente sarà comune a molti in Italia.
    Ma la mia domanda è: è possibile che l'incarico si possa essere rinnovato comunque anche se di mezzo c'era una proposta di acquisto in attesa di risoluzione (positiva o negativa)? Alla luce dei fatti, mi conviene attendere, come sto già facendo, la risoluzione naturale del contratto cautelandomi con la raccomandata, oppure ci sono i presupposti perchè io possa ritirare le chiavi per giusta causa senza incorrere in una causa legale?

    Probabilmente sono già a conoscenza della risposta, ma è la prima volta che mi trovo in una simile situazione, per cui preferisco avere più pareri di esperti in materia.

    Grazie anticipatamente.

    Laura
     
  2. Silvio Luise

    Silvio Luise Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    ...giusto per capire il tuo " incarico a vendere " era e' in esclusiva?
     
    A ab.qualcosa piace questo elemento.
  3. ab.qualcosa

    ab.qualcosa Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Soprattutto direi che l'errore può essere stato sottovalutare quanto si è scritto sull'incarico.
    Ha ragione @Silvio Luise a chiedere se si tratti di un incarico in esclusiva o meno.

    La presenza di una proposta non va ad incidere sulla vita dell'incarico, quindi direi proprio di sì.

    Ma questa proposta l'hai accettata ufficialmente?
    C'erano clausole sospensive?

    Il consiglio, stante la mancanza di fiducia, direi che ci sta tutto.
     
    A Sim piace questo elemento.
  4. LauraNederland

    LauraNederland Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Sì, l'incarico era/è in esclusiva.
    La proposta di acquisto è stata da me accettata ed i termini sottoscritti erano 15 settembre 2015 data ultima per il compromesso, e 24 ottobre 2015 per il rogito.
     
  5. LauraNederland

    LauraNederland Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Inoltre il termine di irrevocabilità della proposta era il 4 ottobre 2015.
     
  6. Silvio Luise

    Silvio Luise Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Dal mio punto di vista la data dell'irrevocabilità della proposta non incide sul fatto che hai sottoscritto un incarico in esclusiva il quale ti vincola ( salvo recedere con penale ) a mantenere quanto pattuito nei tempi e modi fissati dal contratto di esclusiva.
    Ma e' difficile darti un consiglio senza conoscere i termini dello stesso.
     
    A ab.qualcosa piace questo elemento.
  7. LauraNederland

    LauraNederland Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Da quello che leggo, confrontandolo con i documenti in mio possesso, capisco che, a meno di incorrere in penali, io debba "portare pazienza" fino al 26 febbraio tutelandomi, come ho fatto, con la raccomandata che impedisce all'agenzia di rinnovare l'incarico per un tempo pari al pattuito in prima istanza, al momento della sottoscrizione dello stesso. Immagino che la cattiva condotta e poco trasparenza, unita all'assoluta mancanza di tutela nei miei confronti che ho firmato un incarico in esclusiva, non sia impugnabile ai fini di uno scioglimento immediato dei miei doveri nei confronti dell'agenzia.
    Avevo bisogno di una conferma di ciò. Perso un anno e mezzo, due mesi sono poco male specie con Natale di mezzo.
    Grazie a tutti e vi auguro di trascorrere delle serene festività.

    Laura
     
    A Seya e Silvio Luise piace questo messaggio.
  8. ab.qualcosa

    ab.qualcosa Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Allora attenzione perché, a seconda della presenza o meno di una clausola sospensiva sulla stessa, l'agenzia potrebbe aver maturato il diritto alla provvigione.
     
    A Sim piace questo elemento.
  9. dormiente

    dormiente Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    hai tutto il diritto di non lasciare le chiavi all'agenzia, se hanno un cliente si faranno aprire la porta da un tuo delegato.
     
    A DIEGO BIR, PyerSilvio e Sim piace questo elemento.
  10. LauraNederland

    LauraNederland Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Riguardo le Provvigioni è scritto chiaramente che saranno riconosciute al momento del compromesso in caso di affare andato a buon fine.

    So bene, ma il mio delegato (con tanto di procura legale firmata da un notaio) è a 60 km di distanza, diventa un'arma a doppio taglio nel momento in cui l'agenzia chiama all'improvviso avanzando la richiesta di appuntamenti. Qualora mio suocero non potesse per ragioni facilmente immaginabili presentarsi o aprire casa, non vorrei che questo possa essere usato contro di me come impedimento allo svolgimento del lavoro dell'agente. Uno dei punti del contratto di incarico a vendere dice che "dovrò corrispondere la cifra di cui il punto 5 del suddetto contratto (provvigioni) nella misura del 90% anche se...Impedirò le visite all'immobile". Preferisco, a questo punto, procedere cautamente, rispettando i vari punti, senza dare nulla per scontato, come ho fatto sinora ahimè, e nel rispetto di tutta la normativa, a costo di spendere soldi in raccomandate o telegrammi per comunicazioni di cui è il caso resti traccia legale.
     
    A DIEGO BIR, Sim, Silvio Luise e 1 altro utente piace questo messaggio.
  11. ab.qualcosa

    ab.qualcosa Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Si, direi che è la soluzione più indolore.
     
    A Sim e Silvio Luise piace questo messaggio.
  12. Sim

    Sim Membro Senior

    Agente Immobiliare
    E' sempre triste leggere queste storie.
    Porta pazienza.
     
    A PyerSilvio e ab.qualcosa piace questo messaggio.
  13. CheCasa!

    CheCasa! Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Viste anche le festività di mezzo, inutile mettersi di traverso per risparmiare sì e no un mesetto. Certamente eventuali comportamenti dell'agenzia che la rendessero inadempiente rispetto alle clausole contenute nel contratto di incarico potrebbero determinarne la risoluzione e l'eventuale addebito del danno. Tuttavia ciò dovrebbe essere dimostrato e provato. Più facile a dirsi che a farsi...
     
    A Sim, ab.qualcosa e Rosa1968 piace questo elemento.
  14. LauraNederland

    LauraNederland Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Purtroppo sì, è triste. Pensi che anche io ho avuto il piacere di lavorare in una agenzia immobiliare. Ma solo per 10 mesi. Mi occupavo soprattutto di proposte di ristrutturazione sugli immobili in portfolio. Motivo per cui tanti dettagli dei contratti e degli incarichi non li conoscevo, ma soprattutto perchè la mia fortuna è stata quella di avere un insegnante che mi ha sempre detto di giocare a carte scoperte in ogni caso, che l'opinione del cliente è "lo spazio pubblicitario" che ti fa lavora a lungo termine e che ti da la possibilità di non doverti ammazzare per cercarti i clienti. Ma la leggerezza è stata soprattutto mia, visto che è mio l'appartamento avrei dovuto prestare molta più attenzione e riporre meno fiducia.
    Pace, è andata così. Basta sapere come porre rimedio. Perfettamente d'accordo che un mese non mi rovinerà, visto che ormai son due anni quasi che sono in ballo. Il mercato sarà quel che è, ma decisamente non è impossibile vendere casa, soprattutto la mia che non ha certo un prezzo di mercato inaccessibile, anzi.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina