1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. SceglierCasa

    SceglierCasa Ospite

    Premessa:
    la legge 431/98 dice, al primo comma dell'articolo 3 lettera a):
    Mentre al comma 6 dice:
    Il caso:
    il proprietario di un appartamento vuole vendere il proprio immobile, locato da un anno con contratto standard 4+4.

    L'acquirente che compra l'immobile e che subentra nel contratto di locazione, può inviare disdetta con preavviso di 6 mesi anche se non si è ancora raggiunta la prima scadenza contrattuale, al fine di poter utilizzare l'appartamento per abitarci?

    In altre parole, essere proprietari di un solo immobile e avere necessità di utilizzarlo come abitazione principale poichè non si dispone di altri immobili è considerabile grave motivo e quindi utilizzabile per chiedere la risoluzione anche prima della prima scadenza, sempre con preavviso di 6 mesi?

    Spero di essermi spiegato.
     
  2. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Deve attendere la prima scadenza dei 4 anni
     
  3. Manzoni Maurizio

    Manzoni Maurizio Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Ciao a tutti, il conduttore può dare disdetta in qualsiasi momento con preavviso di 6 mesi per gravi motivi; il locatore e proprietario non può in nessun caso dare disdetta prima dei 4 anni.
     
    A Limpida piace questo elemento.
  4. marcellogall

    marcellogall Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    concordo con i colleghi granducato e manzoni.
     
  5. SceglierCasa

    SceglierCasa Ospite

    Qui Maurizio secondo me sbagli, in quanto il proprietario, qualora ricorrano gravi motivi, può recedere in qualsiasi momento dal contratto, dando comunicazione al locatore con preavviso di sei mesi (L. 431/98 Art. 3 c 6)

    A questo punto vorrei capire cosa si intende per "gravi motivi".

    Se per esempio ho due appartamenti, in uno ci abito e l'altro lo affitto, a causa di un incendio mi va a fuoco l'appartamento dove abito, avrò titolo di andare a vivere nel mio secondo appartamento e dare disdetta al conduttore anche prima dei 4 anni, seppur con 6 mesi di preavviso no?
     
  6. Roby

    Roby Fondatore

    Agente Immobiliare
     
    A Limpida piace questo elemento.
  7. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Le risposte di Granducato e Manzoni mi hanno sorpreso: ho forti dubbi che siano errate.
    La legge si riferisce al proprietario, cioè al proprietario pro-tempore. Non mi pare faccia differenza se questo risulta cambiato.
    Se il nuovo acquirente può vantare da subito gravi motivi , non vedo cosa glielo impedisca (almeno non lo conosco)
    L'elenco dei "gravi motivi" è citato dalla stessa legge.
    Il quesito è generale, e di una certa rilevanza: mi piacerebbe si giungesse ad unaa visione comune.

    MI CORREGGO E CHIEDO SCUSA !!!!!!!
    La legge all'art.3 comma 1 dice espressamente:
    1. Alla prima scadenza ... il locatore può avvalersi della facoltà di diniego del rinnovo per ... i seguenti motivi.

    Quoto granducato e c, con tante scuse.
     
  8. Seroli

    Seroli Membro Senior

    Agente Immobiliare
    no. o meglio la puo' inviare ma la casa la puo' chiedere alla scadenza del primo quadriennio, non prima e solo se:

    art.3, comma 1 della legge 9/12/1998 n°431:
    a) quando il locatore intenda destinare l'immobile ad uso abitativo, commerciale, artigianale o professionale proprio, del coniuge, dei genitori, dei figli o dei parenti entro il secondo grado;
    b) quando il locatore, persona giuridica, società o ente pubblico o comunque con finalità pubbliche, sociali, mutualistiche, cooperative, assistenziali, culturali o di culto intenda destinare l'immobile all'esercizio delle attività dirette a perseguire le predette finalità ed offra al conduttore altro immobile idoneo e di cui il locatore abbia la piena disponibilità;
    c) quando il conduttore abbia la piena disponibilità di un alloggio libero ed idoneo nello stesso comune;
    d) quando l'immobile sia compreso in un edificio gravemente danneggiato che debba essere ricostruito o del quale debba essere assicurata la stabilità e la permanenza del conduttore sia di ostacolo al compimento di indispensabili lavori;
    e) quando l'immobile si trovi in uno stabile del quale è prevista l'integrale ristrutturazione, ovvero si intenda operare la demolizione o la radicale trasformazione per realizzare nuove costruzioni, ovvero, trattandosi di immobile sito all'ultimo piano, il proprietario intenda eseguire sopraelevazioni a norma di legge e per eseguirle sia indispensabile per ragioni tecniche lo sgombero dell'immobile stesso;
    f) quando, senza che si sia verificata alcuna legittima successione nel contratto, il conduttore non occupi continuativamente l'immobile senza giustificato motivo;
    g) quando il locatore intenda vendere l'immobile a terzi e non abbia la proprietà di altri immobili ad uso abitativo oltre a quello eventualmente adibito a propria abitazione. In tal caso al conduttore è riconosciuto il diritto di prelazione, da esercitare con le modalità di cui agli articoli 38 e 39 della legge 27 luglio 1978, n. 392.

    non per altri motivi.
     
  9. Roby

    Roby Fondatore

    Agente Immobiliare
    Alla prima scadenza dei contratti stipulati ai sensi del comma 1 dell'articolo 2 e alla prima scadenza dei contratti stipulati ai sensi del comma 3 del medesimo articolo, il locatore può avvalersi della facoltà di diniego del rinnovo del contratto, dandone comunicazione al conduttore con preavviso di almeno sei mesi, per i seguenti motivi:
    a) quando il locatore intenda destinare l'immobile ad uso abitativo, commerciale, artigianale o professionale proprio, del coniuge, dei genitori, dei figli o dei parenti entro il secondo grado;



    Ma si parla di diniego di rinnovo alla prima scadenza non di disdetta per gravi motivi quando vuole il locatore, io almeno ho letto cosi e mi sono andato a vedere la legge.
    Sono i motivi per i quali il LOcatore può non concedere il rinnovo del contratto per altri 4 anni al Conduttore.
     
  10. sylver71

    sylver71 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    In effetti hai ragione, ma dal momento che viene negato il rinnovo è come dire che si sta disdettando il contratto.

    Almeno così la interpreto io :occhi_al_cielo:
     
  11. SceglierCasa

    SceglierCasa Ospite

    Vero, hai ragione, mea culpa.

    Ma allora non c'è nessun modo per il proprietario locatore di uscirne prima legalmente?
     
  12. Seroli

    Seroli Membro Senior

    Agente Immobiliare
    legalmente no, peo' puoi provare a fare una transazione con l'inquilino.....comunque non si potrebbe fare, pero'......:occhi_al_cielo:
     
  13. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Cosa intendi per non si potrebbe fare? e legalmente no?

    Se vuoi dire che non si può sparare al conduttore, siamo daccordo.

    Ma se c'è mutuo consenso senza costrizione, e magari invece un incentivo che facilita la disdetta anticipata da parte dell'inquilino, dove sta l'illecito? o l'impedimento? Non mi pare siamo ancora in un regime da grande fratello.
     
  14. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Vuol dire che gli devi dare un pacco di soldi per farti firmare una disdetta anticipata. :occhi_al_cielo:
     
  15. Roby

    Roby Fondatore

    Agente Immobiliare
    chiamiamola Buona Uscita?? ...............................
     
  16. Seroli

    Seroli Membro Senior

    Agente Immobiliare
    meglio chiamarlo: aiuto al trasloco.................:D
     
  17. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    .... e tutte queste definizioni confermano la distinzione fra due concetti distinti:

    - onere da sostenere
    - liceità dell'azione

    Non è che per caso siete stati contagiati dal Nostro...? Se è lecito tutto quello che rientra nelle proprie disponibilità ed illecito solo quello che non ti puoi permettere economicamente, ..... stiamo freschi :triste::triste: !!:^^::^^:
     
  18. aquila01

    aquila01 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
  19. Alessandro Frisoli

    Alessandro Frisoli Fondatore

    Agente Immobiliare
    Il conduttore può recedere in qualunque momento dandone preavviso
    Il locatore può non rinnovare la proroga legale del contratto qualora vi siano determinate condizioni

    Se il locatore trova un conduttore comprensivo della situazione e si mettono d'accordo non c'è nulla di vietato, anche se dovesse riconoscergli una buonuscita

    se il conduttore vuole, difatti, anche se il locatore abita in albergo perchè non ha una casa, rimane dentro sino ala scadenza contrattuale
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina