1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. gvn1975

    gvn1975 Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    contratto di affitto, il proprietario comunica all'altra parte che è presente un pozzo dal quale si può prelevare l'acqua per cucinare e lavare, risparmiando sulla bolletta (nella zona lo fanno tutti). una volta firmato il conduttore scopre che la casa non è allacciata all'acquedotto, per cui ha come unico approvvigionamento il pozzo. ovviamente al conduttore sono girate un po' le ......... nel contratto non è stato assolutamente mensionata la non allacciatura, e visto che l'acquedotto arriva perfettamente in zona, la decisione di non allacciarsi è dovuta esclusivamente a motivi economici. il conduttore ha diritto a chiedere l'allaccio a spese del locatore? per il tempo che intercorre fra l'inizio del periodo di locazione e l,allaccio a diritto a chiedere uno sconto sul canone? può infine rescindere il contratto per vizio e chiedere indietro caparra, mensilità pagata, spese agenzia etc?
     
  2. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    penso sia tutto ok a parte la lealtà morale.
     
  3. gvn1975

    gvn1975 Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    quindi se l'inquilino vuole usufruire dell'acquedotto si deve pagare l'allaccio? e se il proprietario non lo autorizza non può neppure allacciarsi?
     
  4. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    questo no, non penso ci voglia l'autorizzazione, anzi sarebbe un plus, senza diritto di rimborso
     
  5. Riky1979

    Riky1979 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Mi viene una domanda da niubbo e da non agente immobiliare; ma esiste un certificato o altro documento di potabilità dell'acqua del pozzo?
    (mi pare che i casi dei pozzi se ne occupi l'arpa regionale o l'asl) se non esistesse nulla che indichi la potabilità del pozzo (non una dichiarazione del proprietario o uso e consuetudine ma un documento ufficiale e di valore dimostrabile) potrebbe richiedere l'allacciamento all'acquedotto con costi a carico del proprietario dell'immobile dato che la presenza di acqua potabile è da considerarsi essenziale alla fruizione del bene.

    Mi viene anche il dubbio dello scarico fognario dove si allaccia dato che la bolletta dell'acquedotto prevede anche la parte di scarico fognario e depurazione.

    Sai mica a che profondità pesca il pozzo?
     
    A dormiente e gennaro63 piace questo messaggio.
  6. gennaro63

    gennaro63 Membro Attivo

    Mediatore Creditizio
    Tombola....
     
  7. gvn1975

    gvn1975 Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    uhm.....
    il proprietario non ha rilasciato nulla a tal proposito, ma un bar che attinge dalla stessa falda, pozzo differente, ogni 6 mesi fa analizzare l'acqua da un laboratorio, almeno così dicono.....
     
  8. adimecasa

    adimecasa Membro Senior

    Agente Immobiliare
    un immobile uso abitativo, potrà avere abitabilità anche senza l'allaccio all'acquedotto, ma un locale pubblico non potrà mai avere agibilità se non si allaccia sia all'acquedotto che all'impiando fognario, e un depuratore.:stretta_di_mano:
     
  9. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    questa volta mi trovo d'accordo adimecasa
     
  10. adimecasa

    adimecasa Membro Senior

    Agente Immobiliare
    forse ho sbagliato a postare, non volevo essere d'accordo con topcasa:applauso: :^^:
     
  11. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    succede infatti solo per errore
     
  12. architetto coppola

    architetto coppola Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    l'emungimento di acque sotterranee è disciplinato dalle norme abientali (credo siamo anche nel penale) per cui occorre aqutorizzazione specifica dell'ente preposto alla tutela delle acque sotterranee, quindi credo che se non hai l'autorizzazione allo sfruttamento (a Napoli abbiamo gli ambiti che rilasciano l'autorizzazione per l'emungimento di acque sotterranee) ti conviene tacere.
    ciao arch. coppola
     
  13. gvn1975

    gvn1975 Membro Ordinario

    Privato Cittadino
     
  14. Riky1979

    Riky1979 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Ho sentito troppi dire di avere licenze permessi ed altro senza mai vedere nulla, quindi o ti fanno vedere i documenti per la potabilità dell'acqua o non esistono, concetto molto semplice; poi bisogna vedere se il tuo pozzo peschi dalla stessa falda di quella dell'immobile con la certificazione; non conviene tacere al conduttore dato che è nel suo interesse avere tutte le informazioni per tutelare la propria salute dato che di questo alla fine stiamo parlando.
    Per la acqua reflue come fate? Allaccio fognaria o fossa biologica o altro?
    In qualsiasi caso mi pare che l'arpa abbia un elenco dei pozzi in uso se non sono addirittura menzionati nelle mappe catastali, hanno delle campagne periodiche per verificare lo stato dei pozzi e quindi delle acque quindi potresti rivolgerti a loro per avere informazioni al riguardo.
    Poi serve la profondità del pozzo; si tratta di un pozzo di 1m di diametro o solo di un tubo infisso nel terreno? Se è il primo caso pesca con ottima probabilità dalla falda superficiale e quindi potrebbe essere inquinata, nel secondo caso potrebbe (ma non è certo) che peschi dalla falda profonda e quindi in quel caso sarebbe potabile direttamente.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina