1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. phoenix24

    phoenix24 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Buongiorno, vorrei capire esattamente come funziona e se è rischioso o conveniente.
    IO vorrei acquistare un terreno e poi costruire, l'architetto mi ha parlato di questo mutuo edilizio per stadi di avanzamento lavori ma vorrei capire meglio come funziona.. se è vero che i tassi sono più elevati, se è vero che c'è un limite di 25 anni per pagare.. insomma avere informazioni prima di buttarmi in questa avventura..

    Grazie..
     
  2. I cosiddetti mutui S.A.L. (stato avanzamento lavori), vengono erogati da quasi tutte le banche (alcune preferiscono non farli). Per quanto riguarda tassi e durate variano da banca a banca, anche se la durata massima 25 anni è la più frequente. Ciò che veramente fa la differenza è se gli stati di avanzamento hanno date certe in cui devono essere completati oppure no ed i costi per ogni perizia sull'avanzamento lavori.
    Tieni presente che di norma la banca per erogare il mutuo chiederà che il terreno sia già di proprietà ed almeno il 20% della somma necessaria per costruire.
     
  3. phoenix24

    phoenix24 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Ma ad esempio.. il terreno è di proprietà dell'architetto che vorrebbe progettarmi la casa, come mi comporto? Lui può costruire a nome suo e posso pagare io con il mutuo edilizio o no devo comunque fare un atto di acquisto del terreno? C'è una clausula che fa in modo di avere il mutuo sottoscrivendo un accordo simile?
     
  4. L'immobile anche se in costruzione dovrà essere ipotecato e se l'architetto costruisce con licenza intestata a lui anche l'immobile così come il terreno risulteranno intestati a lui e così sarà anche per il mutuo. Se l'architetto costruisce a nome suo lei può contrarre il mutuo per acquisto una volta ultimati i lavori. Altrimenti l'architetto dovrebbe entrare nell'atto come terzo datore di ipoteca in quanto proprietario e non sò se c'è una banca che accetta un terzo datore di ipoteca senza legami di parentela tra proprietario e mutuario.
     
    A Livingston69 piace questo elemento.
  5. phoenix24

    phoenix24 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Ringrazio molto per le risposte fin qui date.. vorrei capire.. quindi è prassi fare in modo che l'archietetto costruisca il tutto e a lavori ultimati noi possiamo acquistare? Bisogna firmare dei vincoli di acquisto immagino.. questo renderebbe tutto più facile.. ma una volta che subentro io, siccome sarebbero tre unità, è possibile frazionare il mutuo e trasformarlo da edilizo a semplice mutuo che dovrebbe avere dei tassi inferiori? Credo di rivolgermi alla BNL per queste cose.. ma volevo arrivare la preparata per non farmi prendere in giro..
     
  6. Non c'è una prassi per questi casi. Se l'architetto costruisce una trifamiliare, una volta ultimate lei acquisterà da lui con mutuo ipotecario. Il mutuo edilizio eventualmente lo sottoscriverà l'archietto se ne ha necessità, in quel caso potrebbero proporle l'accollo della parte di mutuo relativa alla sua unità. Ciò ridurrebbe le spese di istruttoria e perizia a poche centinaia di euro, fermo restando la convenienza in termini di condizioni. Per quanto riguarda BNL le dò un consiglio spassionato, se non vuole farsi massacrare da premi assicurativi cambi banca, che comunque le "consiglierà" la sottoscrizione di polizze ma almeno ad un costo più umano.
     
    A Livingston69 piace questo elemento.
  7. Livingston69

    Livingston69 Membro Ordinario

    Mediatore Creditizio
    Chissa perchè la pensiamo tutti in egual maniera..e poi quando lo spieghi ai clienti che son convinti che BNl siano benefattori .non ci credono ;)
     
  8. phoenix24

    phoenix24 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    è la banca di famiglia da anni.. ma sicuramente ci sono tanti soldi in ballo.. non mi butto sulla prima! :) Vi ringrazio però dei preziosi consigli.. stasera ho intanto l'incontro con l'architetto per capire le sue intenzioni e come vuole muoversi, poi vi aggiorno per altre dritte.. la mia paura è che lui non voglia anticipare nulla e costruire con i suoi soldi visto che è una trifamiliare su nostra commissione e non era nelle sue intenzioni costruire.. speriamo bene..
    Comunque voi che banca mi consigliate? Abito in Friuli.. ho anche agevolazioni acquisto prima casa vero? E se costruisco un edificio in classe A+ ho altri incentivi?!
     
  9. Livingston69

    Livingston69 Membro Ordinario

    Mediatore Creditizio
    Per il consiglio di quale banca scegliere, dipende molto dal tipo di mutuo che vuoi richiedere, se mutuo edilizio, o mutuo ipotecario, e in base a quello gli scenari poi cambiano... comunque anche BHW, puo essere interessante per il mutuo edilizio, l'unica cosa un po contorta è il piano di ammortamento..... :)
     
  10. Se devi costruire ti servirà comunque una banca tradizionale con filiali, sono poche quelle specializzate che erogano a SAL. Credo che come in Trentino anche da voi il credito cooperativo e le sparkasse facciano la parte del leone, ma non conosco molto bene la realtà.
     
  11. Livingston69

    Livingston69 Membro Ordinario

    Mediatore Creditizio
    Anche per quello ho citato la BHW essendo una Bausparkasse, e avendo direzione a Bolzano....
     
  12. phoenix24

    phoenix24 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Vi aggiorno sulle ultime.. l'architetto ci propone un progetto ma lui ci fa il progetto noi dobbiamo occuparci di tutto il resto.. forse è meglio continuare a cercare qualcosa di pronto!!!
    Per il mutuo.. ad ogni modo.. ora come ora.. mi consigliereste fisso o variabile a rata costante o con tetto?!
     
  13. La scelta del mutuo dipende dalla tua situazione reddituale, dalla composizione del nucleo familiare e dalla tua propensione al rischio.
    Il mutuo a tasso fisso ti da la certezza della rata da pagare ma pagherai piàù interessi rispetto ad tasso variabile.
    Con il rata costante avrai la certezza della rata (se i tassi non salgono troppo) ma non avrai certezze sulla scadenza del mutuo.
    Il variabile con tetto non ti proteggerà più di tanto se i tassi salissero rapidamente, pagheresti più interessi di un tasso variabile ed oramai quasi tutti stanno alzando il cap oltre il 6%.
     
    A Livingston69 piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina