gio42

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Salve,
Sto vendendo casa e la coppia che comprerà l'immobile deve fare un mutuo. Dopo che la banca aveva appurato che avessero i requisiti per richiedere il mutuo sono passati a valutare la casa, è passato il perito della banca a fare i rilievi e tutto era ok. La coppia ha versato 10000 euro che potevano essere riscosse solo se la banca dava l'approvazione per il mutuo, termine fissato al 30 aprile. La banca da l'ok è fissiamo la data del rogito. A 10 giorni dal rogito, la banca "si ricorda" dell'abitabilità che la mia casa ancora non ha ma per la quale stiamo già lavorando nel senso che il geometra ha preso le misure e stanno finendo di prendere i vari dati per poi passare la pratica al comune....
Ora, il problema è che nonostante la dichiarazione del geometra e quella dell'amministratore, la banca ha deciso di non erogare più il mutuo perché manca ancora la deposizione in comune di questo atto... Ma se era così importante perché non lo ha chiesto prima di dare l'ok?
Perché nel frattempo anche io ho dato caparra per un altro immobile visto che la vendita del mio appartamento sembrava cosa fatta.
Mi chiedo cosa devo fare affinché la situazione si sblocchi e se non sia il caso di chiamare un avvocato perché mi pare che il lavoro del nostro agente è quello della banca non sia stato ottimale.
Ci tengo a precisare che la coppia che vuole acquistare è sempre stata informata di questa questione dell'agibilità e che sul contratto di rogito faremo scrivere che una volta ottenuta saremo noi a pagarla.
Vorrei capire se c'è modo di risolvere, grazie
 

specialist

Membro Storico
Privato Cittadino
Mi chiedo cosa devo fare affinché la situazione si sblocchi e se non sia il caso di chiamare un avvocato perché mi pare che il lavoro del nostro agente è quello della banca non sia stato ottimale.
Ci tengo a precisare che la coppia che vuole acquistare è sempre stata informata di questa questione dell'agibilità e che sul contratto di rogito faremo scrivere che una volta ottenuta saremo noi a pagarla.
Avresti dovuto prima sanare e solo dopo mettere in vendita. Inoltre è stata una grave imprudenza procedere con un acquisto prima di aver intascato i soldi al rogito. La banca fa quello che vuole dei propri soldi e può negare il finanziamento fino all'ultimo, se ne fa un baffo del tuo avvocato. Avreste dovuto riportare anche sul preliminare/pda l'impegno a farvi carico della sanatoria. Inoltre ti ricordo che anche assumendo tale impegno il notaio si rifiuta di rogitare qualora l'immobile sia anche momentaneamente incommerciabile.
 

gio42

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Avresti dovuto prima sanare e solo dopo mettere in vendita. Inoltre è stata una grave imprudenza procedere con un acquisto prima di aver intascato i soldi al rogito. La banca fa quello che vuole dei propri soldi e può negare il finanziamento fino all'ultimo, se ne fa un baffo del tuo avvocato. Avreste dovuto riportare anche sul preliminare/pda l'impegno a farvi carico della sanatoria. Inoltre ti ricordo che anche assumendo tale impegno il notaio si rifiuta di rogitare qualora l'immobile sia anche momentaneamente incommerciabile.
Il notaio aveva già dato l'ok anche perché sono stati già venduti immobili in questo palazzo che presentavano la stessa problematica. Perché la banca non lo ha chiesto subito se era una condizione necessaria per l'erogazione del mutuo?
 

specialist

Membro Storico
Privato Cittadino
Perché la banca non lo ha chiesto subito se era una condizione necessaria per l'erogazione del mutuo?
Più che su quello che avrebbe potuto fare la banca, fossi in te mi concentrerei su ciò che non hai fatto tu e su quello che potresti fare adesso per cercare di non essere inadempiente nei confronti degli acquirenti, cominciando a chiedere di posticipare la data del rogito.
 

gio42

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Più che su quello che avrebbe potuto fare la banca, fossi in te mi concentrerei su ciò che non hai fatto tu e su quello che potresti fare adesso per cercare di non essere inadempiente nei confronti degli acquirenti, cominciando a chiedere di posticipare la data del rogito.
Quello sicuramente. Ma visto che mi sono rivolta a un agente immobiliare che dovrebbe per sua natura essere un esperto in materia, mi chiedo come sia stato possibile arrivare a questo punto. Perché se avessi agito da sola sarebbe stata colpa mia, ma se pago un professionista affinché si occupi della vendita e poi mi fa un casotto così francamente mi chiedo quale sia la mia colpa.. Probabilmente quella di essermi fidata...
 

MauroScherlin

Membro Attivo
Professionista
La casa senza agibilità, ma agibile di fatto, è perfettamente commerciabile (a meno di interventi realizzati posteriormente all'entrata in vigore del DPR 380) a patto di dichiarare espressamente che l'immobile ne é privo. Ora: o l'immobile è stato costruito/ristrutturato recentemente, oppure il venditore non ha nessuna colpa.
 

Gratis per sempre!

  • > Crea Discussioni e poni quesiti
  • > Trova Consigli e Suggerimenti
  • > Elimina la Pubblicità!
  • > Informarti sulle ultime Novità

Le Ultime Discussioni

Alto