1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Interessante questo sondaggio di Immobiliare.it...

    Ma allora, perchè l'offerta è così dilagante ????




    Per 3 italiani su 4 non è il momento giusto per vendere casa

    10/07/2012

    È in aumento la percentuale di Italiani che preferisce aspettare momenti migliori per vendere casa.

    Nel secondo trimestre 2012 la consueta indagine di Immobiliare.it su come cambia la percezione dell’andamento del mercato immobiliare registra, un brusco aumento della percentuale degli italiani che credono che non sia il momento più adatto per vendere casa: il 74% del campione intervistato crede sia meglio tenersi stretto ciò che già possiede, temendo il pericolo di una svendita dei propri immobili.

    “In un contesto di difficoltà del settore, che negli ultimi mesi ha nuovamente registrato una forte contrazione dei volumi delle compravendite immobiliari, – dichiara Carlo Giordano, amministratore delegato di gruppo Immobiliare.it – i piccoli proprietari italiani sono sempre più resistenti a mettere in vendita il proprio immobile, preoccupati del rischio di ricavarne meno del suo valore stimato”.

    Il dato emerge dalla pubblicazione dell’indice di fiducia dei consumatori di Immobiliare.it (http:// www.immobiliare.it/casa/informazioni/indice-fiducia-consumatori.php): uno strumento analitico creato per capire come varia la percezione degli Italiani riguardo all’andamento del mercato immobiliare.

    Quello che è il sentiment nazionale è ricavato dalle risposte di oltre 6.000 utenti, scelti perché hanno dimostrato un interesse nei confronti del tema casa, avendo nei tre mesi precedenti la rilevazione effettuato una ricerca o pubblicato un annuncio immobiliare.

    Una nota positiva, e solo apparentemente in controtendenza con la percezione della vendita nel settore, riguarda la propensione all’acquisto: dopo sei mesi di stallo al 45%, e un salto al 49% registrato ad aprile, adesso arriva al 52% la percentuale degli italiani che pensano che (nonostante la crisi, o forse proprio per questo motivo) sia un buon momento per comprare casa: gli ottimisti sono quindi la maggioranza, anche se il dato resta inferiore ai livelli di luglio 2011 in cui era al 54%.

    “Nonostante la contrazione dei consumi e la sempre maggiore difficoltà ad avere accesso al mutuo – continua Giordano – chi guarda al mercato immobiliare sa che questo è un momento in cui è possibile fare investimenti vantaggiosi.

    Non siamo ancora ai livelli di ottimismo registrati un anno fa, anche per colpa del clima negativo che si è diffuso attorno all’IMU, ma la consapevolezza degli alti livelli di invenduto contribuiscono a far pensare che, per chi può, sia un’opportunità investire in modo mirato oggi nel mercato immobiliare”.

    Scende, proseguendo il trend avviato l’ultimo trimestre, la percentuale dei pessimisti, vale a dire coloro i quali ritengono sia questo un brutto momento per investire in un immobile: se ad aprile era il 18,6% scende ancora, fino al 16%.

    Stimiamo che, da un assoluto no, gradualmente si spostino verso gli attendisti, ovvero coloro che pensano sia meglio rimandare l’acquisto al prossimo anno.

    Quest’ultimi, infatti, risalgono: dal 18,3%, sono ora il 21%.

    Il miglioramento della propensione all’acquisto immobiliare è legato a doppio filo con la mutata percezione, rispetto al trimestre precedente, dell’andamento dei prezzi nel settore.

    Se nella rilevazione di aprile la percentuale di italiani che prevedeva una diminuzione dei prezzi di vendita era al 39,3%, l’ultima indagine segna il livello più alto mai raggiunto in un anno: per il 51% degli italiani, nei prossimi dodici mesi, comprare casa costerà di meno.

    Scende, di conseguenza, la quota di chi ipotizza una stabilità dei costi: è al 31,4%, mentre superava il 35% tre mesi fa.

    Posted by Monitorimmobiliare
     
  2. Mil

    Mil Membro Senior

    Altro Professionista
    Perchè se non vendono adesso l'immobile si deprezzerà ancora, la svalutazione arriverà ad eroderne sempre di più il valore e prima di poter avere qualcosa che vale, su cui non pagare tasse inutili passeranno dai quindici ai vent'anni. Credo sia questo il motivo...in fondo quasi ovunque si continua a tenere duro sui prezzi sperando sull'onda lunga della bolla, ch arriverà dopo rimarrà fregato....
     
    A Sim piace questo elemento.
  3. Maximm

    Maximm Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Perché proprio per la stessa ragione, solo 1 Italiano su 4 ha le risorse economiche per acquistare.
    Gli altri 3 devono vendere per riacquistare. Circa l'80% degli Italiani possiede una casa di proprietà, ad oggi.
     
  4. Sim

    Sim Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Condivido pienamente: se i proprietari vogliono ottenere una cifra dignitosa dai loro immobili devono vendere il prima possibile. Questo comporta l'eccesso di offerta che scatena una diminuzione dei prezzi però. Diciamo che nessuno si salva. Quelli che aspetteranno inizieranno con le ossa già rotte. Quelli che devono vendere per comprare sanno che venderanno male ma acquisteranno bene e compenseranno.
     
  5. pensoperme

    pensoperme Membro Storico

    Privato Cittadino
    E quando sarebbe? D: Domani pensano di peendere più soldi di oggi? :D Abbiamo avuto un picco irripetibile per molto tempo e quando raggiungeremo quei vslori probabilmente saranno valori che rapportati al reddito saranno minori...

    Poi scusate : MA CHI piffero è IMMOBILIARE:IT e CARLO GIORDANO per dire queste minxiate? :D
    Su che campione?
     
    A gcaval piace questo elemento.
  6. Graf

    Graf Nominato ad Honorem Membro dello Staff

    Privato Cittadino
    Allora, il 25% degli italiani si é precipitato a venderla....

    :D
     
  7. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare


    Infatti, il mio titolo era "non sarebbe giusto" e non quello dell'articolo "non è giusto"
     
  8. gmp

    gmp Membro Storico

    Privato Cittadino
    1 - i tempi si sono allungati a dismisura da 5-6 anni per cui si è "stratificata" l'offerta, con accentuazione del fenomeno da fine 2011
    2 - essendo la forma primaria di risparmio, molti cercano di trarne "liquidi" e sperano di "incassare il biglietto della lotteria"
     
    A Sim piace questo elemento.
  9. gcaval

    gcaval Membro Attivo

    Altro Professionista
    La prossima volta Immobiliare.it potrà scrivere un bell'articolo del perché i Marziani non hanno ancora comprato casa in Italia. Credo sarà più istruttivo.

    :risata:

    Deve essere il caldo...
     
    A pensoperme piace questo elemento.
  10. Mil

    Mil Membro Senior

    Altro Professionista
    Mettici anche che la fascia di gente interessata a comprare dovrebbe essere giovane. Peccato che i giovani dall'Italia se ne vanno tutti, arrivano cinesi ed extracomunitari. Sono sempre di più questi, i nuovi compratori di case. Vedi un po'....
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina