1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Tress

    Tress Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    Per cortesia vorrei sapere qualcosa riguardo al pignoramento della casa con procedura esecutiva già iniziata.
    La prima domanda è seguente: nel caso in cui il debito è molto più basso del valore della casa e la prima asta è stata deserta, è possibile fare lo stralcio affidando la pratica ad un professionista investitore immobiliare, oppure il debito per forza deve superare il valore della casa per poter fare a saldo e stralcio?
    Seconda domanda: nel caso in cui alla seconda asta l'appartamento verrà venduto, togliendo il debito e tutti i costi processuali ecc... il resto dei soldi della vendità va comunque all'esecutato ?
    Grazie mille
    Tress
     
  2. miciogatto

    miciogatto Membro Supporter

    Privato Cittadino
    Anche nel tuo caso lo stralcio si può sempre tentare anzi è consigliabile provarci.
    Il problema è che potresti avere minore forza contrattuale con la banca rispetto ad altre situazioni.

    Esempio.
    - Il tuo immobile è commerciabile e richiesto in quella zona.
    - Il tuo immobile è stato stimato dal CTU 400.000 euro
    - Il reale valore di mercato odierno è di 300.000 euro
    - Il tuo debito è 50.000 Euro.

    La banca sa benissimo che, in questa situazione, semplicemente aspettando, il tuo immobile sarà venduto. Anche se viene svenduto a soli 130.000 Euro (e bastano 3 ribassi) la banca rientra completamente di tutto il debito, spese e interessi.

    Questo non vuol dire che non si possa provare a offrire una cifra inferiore ma pronta cassa.

    Si.

    Come è anche vero il suo opposto. Se il ricavato non basta a coprire debito interessi e spese l'esecutato resta debitore pur avendo perso l'immobile.
     
    A Bagudi e brina82 piace questo messaggio.
  3. Tress

    Tress Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    Grazie, mi sei stata di grande aiuto.
    :applauso:
    Tress
     
  4. miciogatto

    miciogatto Membro Supporter

    Privato Cittadino
    Ti ringrazio ma sono maschietto!
     
  5. Tress

    Tress Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    Scusa ma il tuo nick name e il musetto del gattino mi faceva pensare ad una femmina.
    Ok ecco la correzione:
    Grazie mi sei stato di grande aiuto.
    :applauso:
    Tress
    Ps
    per evitare i disguidi cambia qualcosa per farci capire che sei un maschio :^^:
     
    A miciogatto piace questo elemento.
  6. brina82

    brina82 Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Ho capito bene ma si intende comunque pagare una parte del debito? Credo che nell'esempio di @miciogatto la banca non si accontenti di ciò...
    In quello che sto seguendo io di saldo e stralcio, in cui però il debito risulta molto superiore al valore dell'appartamento, la banca ha detto chiaramente che è disponibile per un saldo e stralcio solo se i debitori non hanno altri immobili, e contestualmente uno stipendio basso...

    Ma nell'esempio sopra, per quale motivo la banca dovrebbe accettare una somma inferiore al proprio credito?
     
  7. Tress

    Tress Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    Grazie dell'intervento Brina82, nel caso di cui sto parlando il debito è molto più basso del valore dell'immobile, ma il proprietario non può pagarlo. Allora chiedevo se c'era una legge che impediva fare l'operazione simile allo stralcio, che insiste nel pagare tutto il debito richiesto dalla banca e ovviamente quello del tribunale liberando l'esecutato dalla successiva asta, in seguito rivendendo la sua casa.
     
  8. brina82

    brina82 Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Penso che tu lo possa fare tranquillamente... Trovi un acquirente e chiami la banca dicendo che l'acquirente intende saldare tutto, subito!
     
    A Roby piace questo elemento.
  9. Tress

    Tress Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
  10. Andrea Russo

    Andrea Russo Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Se la banca non dovesse accettare il saldo e stralcio puoi minacciare di ricorrere (o effettivamente ricorrere) alla legge 3/2012 sul sovraindebitamento.
     
  11. Tress

    Tress Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    Grazie Andrea, credo sia molto importante e sinceramente non ero a conoscenza di questa legge. Ovviamente vado a scaricarla, ma se sai i benefici che porta e ti va di farmi un riassunto ti sarei molto grata...:D
     
  12. Tress

    Tress Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    Trovata subito , grazie :risata::fiore:
     
  13. miciogatto

    miciogatto Membro Supporter

    Privato Cittadino
    Come dicevo sopra, siamo in una situazione di debolezza in cui la banca è tutt'altro che probabile che accetti.

    Diciamo che in quella situazione è molto improbabile ma ...

    - a vote potrebbero aver bisogno di chiudere certi numeri, magari obiettivi di forecast, con il totale sofferenze con quei 100K in meno per fare cifra tonda

    - a volte ci sono altri motivi per noi oscuri

    L'importante è iniziare una trattativa, magari una quadra la si trova.
     
    A brina82 piace questo elemento.
  14. brina82

    brina82 Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Ho scaricato anche io quella legge e ho provato a decifrarla (legge 3/2012 sul sovraindebitamento). Per te che ti occupi di stralci, in soldoni, in cosa consiste e in cosa ti aiuta? Grazie.
     
  15. Andrea Russo

    Andrea Russo Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Con l'introduzione della legge n. 3 del 27 Gennaio 2012 L'italia si è finalmente allineata con la maggior parte dei paesi evoluti prevedendo anch'essa una "procedura di composizione della crisi da sovraindebitamento", una rivoluzionaria normativa che consente ai consumatori ed ai debitori non fallibili, quali ad esempio piccole imprese o professionisti, di ottenere, tramite una procedura concorsuale omologata dal Tribunale,
    la cancellazione dei propri debiti, riprendendo così a vivere serenamente e definitivamente affrancati dal peso di un indebitamento non sostenibile.

    La normativa prevede 3 diversi tipi di procedure concorsuali:

    • l'accordo di ristrutturazione
    • il piano del consumatore
    • la liquidazione del patrimonio.
    Con le prime due procedure i consumatori ed i piccoli imprenditori possono pagare, tramite un piano di ristrutturazione del debito, una percentuale contenuta dei loro debiti anziché la totalità della propria posizione debitoria.

    Con la terza procedura invece, il soggetto sovraindebitato può ottenere la completa ed immediata esdebitazione tramite la liquidazione del proprio patrimonio.
     
    A brina82 piace questo elemento.
  16. miciogatto

    miciogatto Membro Supporter

    Privato Cittadino
    Ti dirò, non ho approfondito e non ne sono nulla in concreto (a parte le linee generali come da post precedente di Andrea).

    In prima battuta non penso sia utile per chi fa stralci ma posso sbagliarmi e provvederò ad approfondire.

    Ho sentito dire che è di assai difficile applicazione nei casi reali ma parlo per sentito dire: prendi con il beneficio di inventario questa affermazione.
     
    A brina82 piace questo elemento.
  17. Andrea Russo

    Andrea Russo Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    In linea generale conviene utilizzare lo stralcio se la banca è l'unico creditore e la legge 3/2012 in presenza di una pluralità di creditori o in presenza di una banca poco disponibile a trattare.
    La procedura di esdebitamento non è di difficilissima attuazione, ma deve essere utilizzata avvalendosi di professionisti preparati ed esperti, che al momento scarseggiano. Inoltre la procedura deve essere convalidata dal tribunale, che valuta attentamente la meritevolezza del richiedente, altrimenti sarebbe troppo comodo utilizzarla.
     
    A Bagudi e brina82 piace questo messaggio.
  18. Tress

    Tress Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    Da quello che ho letto e da quello che scrivete anche io credo che sia dificile usare la 3/2012. Comunque, sia per la 3/2012 che per gli stralci serve un legale esperto in diritto immobiliare..
    Per quanto rigurda lo stralcio possono essere anche più creditori, ma bisogna valutare bene la situazione debitoria prima di trattare ed essere attenti alla presenza di Equitalia con quella non si puo trattare!
     
  19. miciogatto

    miciogatto Membro Supporter

    Privato Cittadino
    Tutto giusto.
    Aggiungo che quello che dici sono ALCUNE delle cose a cui stare attenti.
    La materia è piena di insidie.

    L'importante è sapere quello che si fa e averlo fatto altre volte con successo.

    Per la 3/2012 ok, serve sicuramente un legale.

    Per fare lo stralcio NO. Non è indispensabile.
    E' "più indispensabile" che la persona sappia il fatto suo.

    Anche perché, a volte, bisogna mettere dei soldi in anticipo sul piatto dei creditori (e non lo fa certo il tuo legale)
     
  20. Tress

    Tress Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    Miciogatto, è ovvio che i soldi ci metti tu, ma per quanto riguarda la parte legale basta un piccolo errore oppure ommissione di qualche "stupidaggine" e salta l'operazione, avrei paura di farlo da sola.:shock:
    Sempre per quanto riguarda lo stralcio vorrei chiedervi un consiglio. E' possibile stralciare anche "le procedure fallimentari o no"?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina