• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Styleman82

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
#1
Buonasera, spiego il mio problema:

Ho 6 prestiti e due carte di credito con 3 diversi istituti:

Carta Agos debito 600 euro + prestito personale 800 euro.

Carta Compass debito 1.500 + prestito 4.000 euro

Due prestiti Unicredit da 12.000 e 29.000 (cointestato con la mia compagna - dipendente a t. Indeterminato).

Attualmente non percepisco nessun tipo di reddito e sono indietro di circa 4 o 5 rate di tutti i prestiti.

Sono proprietario solo di una smart del 2006 e di 1/3 del 50% di un immobile (1 casa) ereditato alla morte di mio padre nel 2010.

Parlando con un associazione dei consumatori mi è stato detto che potrebbero ipotecare e vendere l'intera casa (dove vive mia madre - proprietaria e usufruttuaria e i miei due fratelli proprietari dei restanti 2/3 del 50%).

Ma è possibile ciò? A me sembra inverosimile e mi tremano le gambe solo a pensarci.

Vi prego aiutatemi...sono a Cagliari. A chi posso rivolgermi? Nel mentre potete dirmi qualcosa di più?
 

brina82

Membro Assiduo
Professionista
#2
Buonasera, spiego il mio problema:

Ho 6 prestiti e due carte di credito con 3 diversi istituti:

Carta Agos debito 600 euro + prestito personale 800 euro.

Carta Compass debito 1.500 + prestito 4.000 euro

Due prestiti Unicredit da 12.000 e 29.000 (cointestato con la mia compagna - dipendente a t. Indeterminato).

Attualmente non percepisco nessun tipo di reddito e sono indietro di circa 4 o 5 rate di tutti i prestiti.

Sono proprietario solo di una smart del 2006 e di 1/3 del 50% di un immobile (1 casa) ereditato alla morte di mio padre nel 2010.

Parlando con un associazione dei consumatori mi è stato detto che potrebbero ipotecare e vendere l'intera casa (dove vive mia madre - proprietaria e usufruttuaria e i miei due fratelli proprietari dei restanti 2/3 del 50%).

Ma è possibile ciò? A me sembra inverosimile e mi tremano le gambe solo a pensarci.

Vi prego aiutatemi...sono a Cagliari. A chi posso rivolgermi? Nel mentre potete dirmi qualcosa di più?
Buongiorno intanto, e in bocca al lupo per la tua situazione.

Ciò che ti hanno suggerito corrisponde al vero: tu hai una parte di immobile intestato, e qualora continuassi a non pagare, qualcuno inizierà una procedura esecutiva nei tuoi confronti, o meglio nei confronti dei tuoi beni.

Avendo solamente una quota di immobile, generalmente oggi mandano all'asta l'intero immobile (al fine di venderlo, altrimenti non parteciperebbe nessuno all'asta, qualora mandassero in asta 1/6 di immobile, corrispondente alla tua parte); dal ricavato, tolte le spese giudiziarie, CTU ecc., ciò che rimane verrebbe suddiviso in questo modo:

La parte che spetterebbe a te, 1/6 se ho capito bene, andrebbe ai tuoi creditori, mentre la restante parte, agli altri proprietari.

Se a conti fatti tu rimanessi ancora debitore, questo sarebbe un problema, perchè potresti non uscirne più.

Un modo per evitare la "catastrofe" esiste e si chiama saldo e stralcio. Taggo @miciogatto che forse può suggerirti qualcuno della tua zona che se ne occupa.

In bocca al lupo!

PS per la Smart, qualora fosse la tua unica auto, se dimostri che ti occorre assolutamente per lavorare, non penso che te la tolgano.
 

Styleman82

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
#3
Ciao, grazie per la risposta. Posso ancora fare rinuncia all'eredita in modo da non risultare proprietario della quota dell'immobile?
 

davideboschi

Membro Attivo
Privato Cittadino
#9
Puoi vendere la tua quota agli altri proprietari, se la comprano, e coi soldi ricavato estinguere il debito.
Ma se non riesci ad estinguerlo, credo che anche la vendita possa essere impugnata dai creditori, proprio perché finalizzata a sottrargli il bene. Quindi non credo che gli altri proprietari saranno d'accordo, vuoi perché non hanno i soldi, o perché chi li ha teme che il bene rimanga aggredibile.
@brina82 potrà essere più precisa.
 

Styleman82

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
#11
Puoi vendere la tua quota agli altri proprietari, se la comprano, e coi soldi ricavato estinguere il debito.
Ma se non riesci ad estinguerlo, credo che anche la vendita possa essere impugnata dai creditori, proprio perché finalizzata a sottrargli il bene. Quindi non credo che gli altri proprietari saranno d'accordo, vuoi perché non hanno i soldi, o perché chi li ha teme che il bene rimanga aggredibile.
@brina82 potrà essere più precisa.
Nessuno acquisterà il mio bene. L unica cosa era la rinuncia all'eredita in modo da non risultare proprietario della casa
 

ludovica83

Membro Vintage
Privato Cittadino
#14
Parlando con un associazione dei consumatori mi è stato detto che potrebbero ipotecare e vendere l'intera casa (dove vive mia madre - proprietaria e usufruttuaria e i miei due fratelli proprietari dei restanti 2/3 del 50%).
Domande:
a) l'immobile è divisibile?
b) qual'è il valore dell'immobile?
c) il diritto di abitazione...
Tua madre porta con se anche il Diritto di Abitazione ex art. 540 del codice civile.
Tale diritto non viene meno nemmeno in caso di rinuncia dell'eredità, prevale sugli acquisti successivi quindi può essere opposto anche all’aggiudicatario in sede di asta fallimentare.
Si rende opportuna la trascrizione del diritto anche se trattandosi di un diritto che nasce per il solo fatto dell’esistenza di un coniuge superstite e di una dimora familiare, ed è escluso dalla elencazione tassativa contenuta nell’art. 2643 c.c.. tale diritto si configura come un legato “ex lege” che viene acquisito immediatamente dal coniuge superstite, secondo la regola dei legati di specie (art. 649 c.c.) al momento dell’apertura della successione”.
E il diritto di abitazione grava sul 100% delle quote dell'abitazione.
Quindi il tuo 16% su cui grava anche un diritto di abitazione (come minimo lo dimezzi)... a meno che si tratta di un immobile di un certo valore... non credo possa soddisfare i crediti di te esposti... E' tutta una questione di numeri... (giustamente anche rispetto a quanto ti sta dicendo @davideboschi )

Più facile che chiedano di aggredire altre cose che hai ereditato da tuo padre se ci sono oltre la casa di famiglia o di tua proprietà o la tua compagna per quello che gli compete... o qualcuno che si è impegnato a garanzia...
 

eldic

Membro Storico
Privato Cittadino
#17
i miei due cents.
i "prestitini" manco li considererei; facile che ti romperanno parecchio le scatole, ma nessuno va a pignorare un immobile per qualche biglietto da 100.
i prestiti di unicredit sono di maggior entità; ma prima senz'altro cercheranno di rifarsi sull'intestatario titolare di stipendio fisso.

certo che... congratulazioni a chi, a fronte di impegni precedenti, ha rilasciato un secondo finanziamento. e un terzo. e un quarto. e un quinto. e un sesto.
 

eldic

Membro Storico
Privato Cittadino
#20
Che domanda...
se diventa donna... non si troverebbe + la corrispondenza tra l'incarto (quello che da alcune parti si chiama "bustone") e il resto...
Che se ne fai poi del quadretto?
Lo mette all'asta :riflessione:

Mi sa che ho leggermente sforato nei doppi sensi... :non_voglio_vedere:

umh....
una busta, oltre un certo peso diventa un pacc.....
ohhhhh!!!!!
ma sarai birichina, neh?
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

truffato12 ha scritto sul profilo di il Custode.
Scusa custode ti devo parlare in privato posso?
A quali conseguenze legali va in contro l'agenzia immobiliare che modifica il prezzo di vendita di in immobile senza consultare entrambi I proprietari
Alto