1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. vcatania

    vcatania Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Buongiorno, alla morte dei miei genitori abbiamo ereditato io e mia sorella l'immobile di famiglia. Vorrei vendere la mia quota a mia sorella, purtroppo negli atti precedenti non si trova la planimetria della cantina e del sottotetto. Al catasto si trova una planimetria, ma la posizione della cantina è interpretabile e la posizione del sottotetto è errata. Per 40 anni abbiamo usato una cantina ed un sottotetto, adesso il notaio non vuole eseguire il rogito e ci propone di scorporare l'immobile dalle pertinenze con vendita a rischio e pericolo per mia sorella, in modo che la banca possa accendere il piccolo muto chiesto da mia sorella, all'immobile tralasciando le pertinenze. Molte persone però mi hanno sconsigliato di seguire questo percorso dello scorporo, in quanto l'immobile perde valore, accatastamento cantina come magazzino (non so per il sottotetto) e pagamenti ICI.
    E' possibile che non ci siano altre soluzioni? Sono altre 40 anni che usiamo sia cantina che sottotetto, potremmo far avlere l'usucapione, o che altro. Qualcuno può aiutarmi? Grazie
     
  2. silviaK

    silviaK Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Alcuni miei parenti hanno una casa con le tue stesse caratteristiche, anche se più "giovane" della tua visto che ha circa 20 anni. Sottotetto e taverna erano "inesistenti" al catasto: ma al contrario di ciò che ti hanno consigliato, questi hanno provveduto a far accatastare il tutto da un tecnico...la soffitta, che non ha altezze sufficienti per avere l'abitabilità, presumo sia stata considerata una categoria C e penso lo stesso per la taverna: in virtù di ciò hanno dovuto pagare la differenza ICI maturata negli anni precedenti (poichè la rendita catastale aumenta, visto che si aggiungono unità), nonchè pagare ovviamente il perito che ha eseguito la pratica. Ma il tutto è stato fatto proprio per far acquistare valore all'immobile e per poter approfittare in futuro di un eventuale condono e regolarizzare dei locali che altrimenti sarebbero stati inesistenti e quindi incommerciabili. Lo stesso hanno fatto i vicini che erano nelle stesse condizioni, tutti consigliati da tecnici. A questo punto non so chi ha ragione ma mi sembra più logico il consiglio seguito dai miei parenti...
     
  3. geometra pietro palermo 3

    geometra pietro palermo 3 Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    sostanzialmente dovresti, per prima cosa verificare la regolarità urbanistica andando all'utc del tuo comune e vedere se per l'immobile fu rilsciata una licenza o concessione edilizia e verificare se nel progetto allegato vi sono si la cantina che il sottotetto, quindi rivolgiti ad un tecnico che procederà alla correzione dei dati catastali presentando una variazione all'agenzia

    Aggiunto dopo 2 minuti...

    sostanzialmente dovresti, per prima cosa verificare la regolarità urbanistica andando all'utc del tuo comune e vedere se per l'immobile fu rilsciata una licenza o concessione edilizia e verificare se nel progetto allegato vi sono sia la cantina che il sottotetto, quindi rivolgiti ad un tecnico che procederà alla correzione dei dati catastali presentando una variazione all'agenzia del territoro.
     
  4. vcatania

    vcatania Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Per me la cosa è un po' differente, penso, in quanto la cantina e il sottotetto sono regolarmente citati in atto, quindi accatastati, purtroppo non esiste una planimetria allegata all'atto notarile attuale e neanche all'atto precedente. Esiste però una planimetria al catasto che riporta cantina e sottotetto errati come posizione.
     
  5. SALVES

    SALVES Membro Senior

    Altro Professionista
    Incarica un tecnico che verifichi gli atti all'Agenzia del Territorio per poi provvedere a quanto occorre per la verifica degli stessi.
    E' prassi quasi normale incorrere in queste incongruenze leggendo l'epoca remota dell'edificio.
     
  6. vcatania

    vcatania Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Grazie, ma quello che mi preme sapere:
    è necessario scorporare l'immobile dalle pertinenze (cantina e sottotetto) per procedere con il rogito e quindi fare una vendita a rischio e pericolo per l'acquirente, oppure esistono altre possibilità per arrivare alla soluzione delproblema ?
     
  7. SALVES

    SALVES Membro Senior

    Altro Professionista
    Se il tecnico rintraccia riesce a far correggere il tutto al catasto e tutto ok. se invece occorre presentare docfa per smarrimenti del cartaceo perche scorporare le pertinenze se sono tali?
    Al massimo si potrà verificare un aumento di rendita e consistenza che saranno in ogni caso giustificate dalla descrizione dell'immobile comprensivo di pertinenze nell'atto che tu hai.
     
  8. geometra pietro palermo 3

    geometra pietro palermo 3 Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    cocordo con salves basta aggironare gli atti catastale con una variazione docfa ed tutto va al posto giusto
     
  9. vcatania

    vcatania Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Grazie. Ma perchè il notaio mi ha detto che non trovando allegata la planimetria della cantina e del sottotetto nell'atto precedente che è probatorio, devo scorporare l'immobile dalle pertinenze (con tutte le conseguenze negative) e non mi ha prospettato la possibilità di aggiornare gli atti al catasto con un docfa.
    Saluti
     
  10. geometra pietro palermo 3

    geometra pietro palermo 3 Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    scusa ma 40 anni fa non poteva esserci allegata la piantina all'atto.

    Aggiunto dopo 1...

    e poi il catasto non è probatorio ai fini della proprietà e quindi puoi benissimo presentare il docfa per l'aggiornamento.
     
  11. geometra pietro palermo 3

    geometra pietro palermo 3 Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    e poi il catasto non è probatorio ai fini della proprietà e quindi puoi benissimo presentare il docfa per l'aggiornamento.
     
  12. vcatania

    vcatania Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Perchè non poteva esserci allegata la planimetria della cantina e del sottotetto se quella dell'immobile è presente?
     
  13. SALVES

    SALVES Membro Senior

    Altro Professionista
    vccatania, scusami fammi capire ma la planimetria a cui ti riferisci è allegata all'atto o alla visura catastale?
    anche se la planimetria è allegata all'atto ma lo stesso cita l'esistenza di un sottotetto e cantina pertinenze dell'abitazione anche se graficamente non allegate, il notaio non può dirti che non esistono o di censirli a parte per il semplice motivo dell'assenza delle planimetrie, in quanto è esplicitamente trascritto in un titolo di proprietà che sono pertinenze il quale titolo è probatorio a differenza del catasto che è non probatorio, ti dico inoltre che all'epoca si è potuto verificare per errore, dimenticanza, smarrimento o qualsiasi altro motivo che le plaimetrie del sottotetto e cantina non sono state allegate all'atto.
    Da questo ti invito a consultare un tecnico che non appena ha verificato il tutto si rechi dal notaio a spiegare tecnicamente cosa è successo e come può essere corretto che si riassume come ti o gia detto nel post precedente.
     
  14. vcatania

    vcatania Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Grazie SALVES per la soluzione. Vorrei ancora spiegarti una cosa.

    nell'atto di vendita (quello con il quale i miei genitori avevano acquistato nel 1983 l'immobile) viene riportato quanto segue:
    - al piano sotterraneo la cantina distinta con il numero 3 nella relativa pianta del relativo piano compresa
    nella succitata planimetria, fra i confini: corridoio comune, cantina 2, cortile comune e cantina 4.

    - nel sottotetto una piccola porzione adibita a ripostiglio.

    Il notaio cerca nell'atto precedente come descritto sopra e non trova assolutamente le planimetrie della cantina e del sottotetto, mentre quello dell'immobile esiste.

    Al catasto esiste una planimetria, ma questa riporta la cantina ed il sottotetto in zone errate.

    Quindi con questo scenario, tu pensi che un professionista possa fare tutte le verifiche in merito, stabilire quali sono le mie reali pertinenze e sistemare la situazione al catasto e quindi procedere con l'atto, senza necessariamente scorporare le pertinenze dall'immobile?

    Altra cosa importante, la cantina e il sottotetto che attualmente utilizziamo, li utilizziamo da circa 30 anni, e da una verifica che ho eseguito dai condomini, non risultano di altri proprietari.

    Ringrazio tutti per la consulenza, che mi crea la speranza (spero certezza) di non dover scorporare le pertinenze dall'immobile che i miei genitori prima della loro morte hanno acquistato con tanti sacrifici.

    Saluti
     
  15. SALVES

    SALVES Membro Senior

    Altro Professionista
    vcatania da come hai descritto sembra un edificio edificato negli anni sessanta/settanta dimmi se sbaglio?
    Il notaio dove andarono i tuoi genitori è ancora esercente? se è si recati da lui e fatti dare una copia integrale dell'atto dei tuoi genitori e vedi se c'e questa planimetria;
    se è no recati all'archivio notarile dove sono depositati gli atti del notaio di cui sopra, visiona l'atto e se c'e la planimetria fai richiesta di rilascio copia;
    Se non trovi nulla in quello che ti ho detto prima, leggi nell'atto dei tuoi genitori il titolo con il quale il venditore dichiarava di essere titolare e fai la stesa cosa di prima.

    Come vedi tutto questo non è altro che la ricerca preliminare che un tecnico deve fare prima di redigere docfa di correzione quindi se tutta questa ricerca la fai tu ti costa solo il tempo che tu perdi e le giornate di permesso dal lavoro, se non la fai tu ti comporta un costo che varia da tecnico a tecnico e dal luogo dove risiedi, ora vedi tu come fare, procedere alla ricerca tu ed andare da un tecnico solo per la correzione della docfa o incaricare totalmente un tecnico.

    Comunque non esitare a chiedere altre delucidazioni sarò ben lieto di dartele.:ok:
     
  16. vcatania

    vcatania Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    SALVES è esatto, l'edifico risale agli anni sessanta.
    Nel 1964 il Sig Bianchi acquista l'immobile con atto X.
    Nel 1967 la mia famiglia si trasferisce nell'immobile suddetto in affitto.
    Nel 1983 i miei genitori acquistano l'immobile con atto Y dal Sig. Bianchi.
    Oggi vorrei vendere a mia sorella la mia parte ereditata, dopo la morte dei miei genitori.

    Il notaio che mi segue, ha fatto visura su atto X, non trovando le planimetrie della cantina e del sottotetto, ma solo quella dell'alloggio.
    Io mi sono recato all'archivio notarile per visurare atto con il quale è stato depositato regolamento di condominio, anche in questa occasione,per altro verificata anche dal notaio, esistono solo le planimetrie dell'alloggio.

    Al catasto esiste una planimetria comprendente alloggio, cantina e sottotetto, purtroppo, cantina e sottotetto non corrispondono con i locali attualmente e da circa 30 anni occupati da noi.

    La mia questione è, in questa situazione sono obbligato a SCORPORARE CANTINA E SOTTOTETTO dall'alloggio???

    Grazie
     
  17. SALVES

    SALVES Membro Senior

    Altro Professionista
    Ok, ma come fai a dire che:

    hai provveduto a far verificare ad un tecnico la planimetria catastale con la realtà sui luoghi?
    Unì'altra domanda l'edificio per caso era di proprietà dello IACP o qualche ente che ha assegnato l'appartamento al sig. Bianchi?,
    se è si prova a recarti presso lo IACP o l'ente se ancora esiste, (se non esiste avrebbe dovuto acquisire tutto lo IACP), per vedere se hanno negli archivi ancora il progetto dell'epoca e verificare quanto descritto in atto, nella planimetria catastale e in quella di progetto. Se trovi il progetto ovviamente fai richiesta di copia conforme.
     
  18. vcatania

    vcatania Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Ho verificato la planimetria al catasto è la cantina e sottotetto non corrispondono con quelli che occupiamo
    dal 1983. Un tecnico sta provvedendo alla verifica.
    L'edificio non è di proprietà dello IACP.
    Domani ho un incontro con il tecnico dopo tutte le ricerche e verifiche, ti farò sapere.
     
  19. geometra pietro palermo 3

    geometra pietro palermo 3 Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
  20. Much More

    Much More Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Cambia notaio, e/o, se la cifra è piccola, consiglia a tua sorella di prendere un prestito anzichè un mutuo, se consideri che un prestito non ha spese di accensione spesso i costi si equivalgono, e hai meno problemi.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina